IO AVREI UNA DOMANDA

Di fatto lo Jobbik è una organizzazione su posizioni non solo populiste ma ipernazionaliste, basate sulle dottrine del radicalismo di destra. Per molti osservatori la sua ideologia di riferimento è il neofascismo. Alle elezioni del 2010 ha ottenuto il 16,7% dei voti e ben 47 seggi. Tra le sue file milita l’avvocatessa Krisztina Morvai, eurodeputata, che ha inaugurato il suo mandato a Strasburgo affermando che «sarei contenta se coloro che si definiscono fieri ebrei ungheresi se ne andassero a giocherellare con i loro piccoli peni circoncisi, invece di insultare me». (qui)

Devo fare due premesse. La prima è che non sono santa Maria Goretti. Voglio dire, sull’oggetto in questione qualche idea credo di essermela fatta. La seconda è che non ho mai avuto amanti ebrei. È una colpa grave, lo so, ma invoco quale circostanza attenuante il fatto che di ebrei in giro ce ne sono davvero pochi, letteralmente quattro gatti, uno su cinquecento nella popolazione mondiale, circa uno su millesettecento in Italia. Vale a dire che per beccarne casualmente uno mi dovrei fare millesettecento uomini, e io a quella cifra, lo confesso, non sono ancora arrivata – e data la veneranda età, mi sa che ormai non ci arriverò più (e neanche a cinquecento: visto che ormai sono in vena di confessioni, confesserò anche questo).
Qualche idea me la sono fatta, dicevo. Che gli uomini non sono fatti con lo stampino, per esempio, e quindi sono tutti diversi, sotto ogni aspetto, compreso quello. Magari se mi fossi fatta settecentoquarantadue bergamaschi e li avessi trovati tutti con dotazioni tipo paracarro e fuori di Bergamo invece nisba potrei arrivare alla conclusione che i bergamaschi sono geneticamente superdotati, ma francamente non so a chi potrebbe venire l’idea di girare col metro in tasca e farsi tutti i maschi di un dato gruppo mentre un’altra volontaria si fa altrettanti maschi, sempre col metro in tasca, di un altro gruppo per poi confrontare i dati. E quindi non è che se vai con uno scandinavo, o un paio di scandinavi, puoi dire gli scandinavi sono così o cosà e sono diversi dai nicaraguensi perché una volta sei stata anche con uno di lì e quello era differente. Insomma, quello che voglio dire è che questa signora afferma perentoriamente che gli ebrei ce l’hanno piccolo, e io mi chiedo: ma quanti ebrei si è fatta questa qui per poter esibire tanta sicurezza sulle loro dimensioni? Saranno stati una trentina, e tutti sistematicamente ipodotati? O una cinquantina? Forse un centinaio? Ma non sarà un tantino masochista farsi un intero plotone di maschi insoddisfacenti, maturare la convinzione che quelli sono tutti così per natura e ciononostante perseverare all’unico scopo di poter documentare scientificamente la propria teoria? Quando oltretutto si tratta di gente che a lei fa schifo a prescindere? O non sarà invece che ci troviamo di fronte a un caso da manuale di nondum matura est? Anche se è vero che la signora avvocatessa Krisztina Morvai non è una roba come la signora baronessa Catherine Ashton, che è talmente brutta e sgraziata che sembra disegnata da Prada, ma sinceramente non mi meraviglierei se agli ebrei facesse ugualmente un po’ senso l’idea di andare con una come lei.
Qualche perplessità, poi, suscita anche l’invito a “giocherellare” coi propri gioielli di famiglia. Come già detto, non ho al mio attivo esperienze ebraiche, quindi non sono in grado di pronunciarmi in merito; oso tuttavia ipotizzare che tutti, chi più chi meno, siano in grado di farne un uso migliore di quello suggerito dall’illustre signora.
 Esempio di ebreo ultrasessantenne
barbara

    • Anche quella è una possibilità: io insinuo che ce l’hai piccolo e tu ti imbufalisci e strepiti cosa? Piccolo io? Aspetta un po’ che ti faccio vedere! Certo che una persona che per denigrare un avversario si attacca alle dimensioni fallologiche è proprio miserella miserella, qualunque sia l’intento.

      "Mi piace"

  1. Non ci sono solo i politici, ma anche scienziati antisemiti. Anche lo scienziato per antonomasia era antisionista, ovvero, a quanto ho capito, antisemita. Essendo per di più ebreo ed esule nazista, va dritto dritto nella categoria spregevole degli “odiatori di se stessi” alias “complici dei terroristi”, e perchè no, terrorista egli stesso.
    http://lamentelibera.wordpress.com/2009/10/29/albert-einstein-lettera-al-new-york-times-1948/

    "Mi piace"

  2. Io penso invece che l’ironia sia fuori luogo. Al costo di una cinquantina di milioni di morti, l’Europa si è (o credeva di essersi) liberata del nazismo. Un nazista non dovrebbe essere eleggibile al parlamento europeo. Siccome le elezioni sono gestite dal singolo paese, quel paese che manda deputati nazisti all’europarlamento non dovrebbe far parte dell’UE. So bene che il problema andava preso alla radice, non allargando l’Europa ai 27. Ma è inconcepibile che, pagata da noi, gente così stia a Strasburgo. Il bello è che sono antieuropeisti. Lo sono anch’io, finché ci saranno loro.

    "Mi piace"

    • Hai perfettamente ragione. E’ che mi colpisce questa cosa che per insultare qualcuno vengano tirate in ballo le (presunte) dimensioni. E magari è una che si offende quando un uomo calcola il valore di una donna in base alle dimensioni delle tette.

      "Mi piace"

  3. Io ho un’amica che ha avuto 2 amanti ebrei, io li ho solo conosciuti ma non in senso biblico; e l’amica mi ha raccontato che entrambi erano MOLTO ben dotati. E non e’ una che si sia mai fatta mancare nulla 🙂 quindi aveva bei termini di paragone!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...