PICCOLA RIFLESSIONE

«Non ce l’ho con i giornalisti, ma io non dimentico niente: un giorno gli faremo un culo così…». Ed ancora, «Loro le mani non le battono, le baciano…» Sono solo alcune delle indegne espressioni usate da Beppe Grillo nei suoi comizi in quest’ultima settimana. A cui vanno aggiunti i quotidiani insulti via blog, che conosco solo in quanto riportati dall’informazione perché non leggo il blog di Grillo per la stessa ragione per cui non ascolto Radio Padania e non leggo “Il Giornale” o “Libero”: non finanzio, anche indirettamente, organi di propaganda. Mi chiedo, però, se una democrazia possa definirsi in salute, accettando simili toni da squadrismo fascista. E mi chiedo se sia giusto passare sopra a certe espressioni; a furia di passare sopra le anomalie, l’Italia è finita come è finita. Del resto, come ci ha insegnato Giobbe, al peggio non c’è mai fine.
Davide Assael, ricercatore
(5 giugno 2013)

Nel blog di Giorgio Israel recentemente qualcuno si è interrogato su che cosa pensare di Beppe Grillo “al netto della questione israeliana”. Giustamente Giorgio Israel ha risposto che la “questione israeliana” (e anche ebraica) è intrinseca al grillismo; se, ciononostante, volessimo rispondere seriamente alla domanda, ecco, qui abbiamo la risposta: al netto della questione israeliana (ed ebraica), al netto della condanna definitiva per omicidio, al netto della spiccata e dichiarata simpatia per il macellaio di Teheran, al netto delle bufale propalate nel suo blog, al netto della volgarità assurta a strumento politico, al netto del regime dittatoriale imposto ai membri-sudditi, al netto della totale mancanza di trasparenza in tante questioni, compresa quella finanziaria, al netto dell’assoluta mancanza di idee e di proposte concrete, tranne quella di dire no a tutto, al netto dell’incompetenza delle persone scelte, al netto di tante altre cose che adesso non sto a dire che se no ci faccio notte, Beppe Grillo è questo. Sogni d’oro a chi lo ha votato.
Beppe-Grillo
Beppe Grillo mette in mostra tutte le sue virtù

barbara

  1. non leggo il blog di Grillo per la stessa ragione per cui non ascolto Radio Padania e non leggo “Il Giornale” o “Libero”: non finanzio, anche indirettamente, organi di propaganda.

    Incredibbbile, la repubblica, il corriere, il nyt, il ft, il sole24ore, la stampa si astengono coscienziosamente dal trattare argomenti in conflitto con gli interessi degli azionisti di maggioranza.
    Sono santi, questi giornalisti d’oggi…
    Altro che Hearst e Quarto Potere, i giornalisti d’oggi sono l’ultimo baluardo contro il dominio delle oligarchie!

    (Scusa Barbara non ce l’ho con te, è solo riflesso condizionato nei confronti di tutte le pure verginelle della politica. E scusa l’ot. Ovvio che hai il dominio sui commenti, quindi…)

    "Mi piace"

      • Nemmeno Libero lo è in realtà. E’ l’organo di propaganda Angelucci. Come l’Unità.
        Come il Messaggero è quello di Caltagirone.
        E se chiedi nel Lazio, probabilmente hanno fatto più danni quei due che non tutti i politici da Andreotti in poi.

        Scusa, non so chi sia questo Assael, ma se questi sono i suoi punti di vista sono contento non si occupi di politica.
        La politica è SEMPRE una cosa sporca. Le anime candide, essendo prive di pragmatismo finiscono per peggiorare le cose, IMHO. COme accade, per altri motivi coi moralisti e coi moralizzatori.

        Ah, ci tengo a precisare che il discorso è puramente teorico, di Grillo, Berlusconi, Maroni, Epifani, Monti, Vendola ho smesso di interessarmi.
        Mi sono preparato una limonata e l’ho messa in frigorifero. La sdraio è sulla terrazza e la crema solare sulla scrivania. Appena le cose peggiorano a sufficienza mi metto gli occhiali da sole, mi tolgo la maglietta e vado in terrazza. Tanto per far capire a quale livello siano il mio senso civico e il mio desiderio di benessere.

        "Mi piace"

  2. Dice un mio amico, che ha votato Grillo, che il M5S non è stato votato perché Grillo ci governasse, ma per dare un messaggio chiaro ai ladroni di governo, che non li avremmo tollerati più. Io ritengo che Grillo avrebbe potuto farsi portavoce, che quello che in teoria aveva fatto fino ad allora, di questo messaggio, ne aveva avuto il mandato, e invece assistiamo a un governo di destra-sinistra, che pensala come ti pare, mi pare una cosa mostruosa, mi pare che al grido del popolo “Ve ne dovete andare” si sia risposto “Manco morti, a qualsiasi costo!”.

    Secondo me Grillo il governo con Bersani l’avrebbe dovuto fare. Secondo me avrebbe potuto dare un ritorno al popolo in termini di eliminazione di un bel po’ di sprechi, riforma elettorale, e anche qualche iniziativa più ambientalista.

    Invece, sempre IMHO, ha fatto lo strillone invasato senza nessun programma, ora tradito dai suoi, per un motivo o per l’altro, e l’elettorato, l’abbiamo visto nelle elezioni di maggio, l’ha già dimenticato.

    "Mi piace"

    • Il signor Grillo non ha, né mai ha avuto, titolo per fare alcunché, di proporre alcunché, di decidere alcunché, dal momento che non era candidato – né, secondo le norme da lui stesso stabilite, potrebbe mai esserlo, in quanto pregiudicato. Lui è semplicemente il prestanome di un sordido e oscuro personaggio, per conto del quale ha creato un movimento al grido di vaffanculo. Chiarito questo, dal punto di vista politico, il discorso si chiude, anzi, non si apre proprio. L’unico discorso fattibile è quello su lui come persona, e lui come persona è l’unico, morto Andreotti, ad essere perfino più in basso di Berlusconi.

      "Mi piace"

      • Però il movimento l’ha creato, e l’M5S ha avuto il suo successo, questo è indubbio. Volevo solo da te chiarimenti sul fatto dell’omicidio, una volta ti esprimesti in modo piuttosto duro, ma da quello che ho letto fu un incidente, per quanto possa essere stato colpevole di negligenza: mi dici qualcosa di più?

        "Mi piace"

    • 1. La strada era ghiacciata.
      2. A causa del ghiaccio era stata CHIUSA AL TRAFFICO.
      3. Quando ha espresso l’intenzione di andarci gli è stato detto sia che era ghiacciata e pericolosissima, sia che era chiusa al traffico.
      4. Quando si è mostrato comunque deciso ad andarci lo stesso si è ancora tentato di sconsigliarlo.
      5. Ci è andato e ci si è buttato a velocità folle.
      6. Quando, a velocità folle, ha affrontato la curva (sull’orlo del precipizio) e la macchina ha inevitabilmente sbandato, ha fulmineamente aperto la porta e si è buttato fuori, e un attimo dopo l’auto è precipitata, con i suoi amici, una coppia e un bambino, a bordo.
      Tu chiamalo se vuoi incidente, io lo chiamo omicidio premeditato.

      "Mi piace"

      • Per me è omicidio anche quando uno si mette alla guida ubriaco, figuriamoci in un caso del genere! Però, come il mettersi alla guida ubriachi, è incoscienza, irresponsabilità, delirio di onnipotenza, ma non è la stessa cosa che caricare un’arma e andare premeditatamente a uccidere. Una domanda mi sorge spontanea: e gli altri occupanti della macchina, non hanno avuto scelta? Io, genitore di un bambino, in una macchina su una strada ghiacciata, chiusa al traffico e con un incosciente alla guida forse non mi ci metterei..

        "Mi piace"

      • Chi si mette alla guida ubriaco è incosciente e irresponsabile, crede di poter avere il controllo del mezzo e dei propri riflessi, e non lo ha. Vero che quando cominci a bere e sai che poi devi guidare, sai benissimo che cosa stai facendo, ma nel momento in cui poi ti metti in macchina no. Non è un’attenuante, è la constatazione di un dato di fatto. Lui NON era ubriaco ed era perfettamente cosciente di quello che stava facendo, e ha deliberatamente scelto di farlo. Guidando ubriaca magari può anche essere che ti vada bene, lì quella possibilità non c’era, e infatti per questo la strada era stata chiusa. Fra questo e caricare un’arma io tutta questa differenza non ce la vedo mica. Quanto agli amici che sono andati con lui portando anche il bambino per una gita di piacere, tanto innocenti sicuramente non sono. Solo che loro hanno pagato con la vita, lui no.

        "Mi piace"

  3. Pingback: PROFESSORE DI GEOGRAFIA | ilblogdibarbara

  4. Non entro nel merito del dibattito in quanto, al di là di quanto letto qua dentro, ignoravo colpevolmente questa disgrazia prevista e prevedibile da chi è dotato di buon senso (lo dico nella veste di uno che, in un caso analogo, ha salvato la pelle per il rotto della cuffia). Mi accodo solo per esprimere una volta di più, ad abundantiam (ma mai abbastanza) la nausea e la repulsione che mi generano l’antisemita grillo e la sua accozzaglia di “bravi” e per mettere nella lista l’inguardabile Mogherini… opinione che ho iniziato a esprimere dal secondo giorno che, sciaguratamente, ho visto questi due bipedi buttarsi in politica… E purtroppo, per quel che riguarda il BASSO rappresentante bla… bla… bla… ben noto, mi tocca ringraziare Renzi… Un errore di percorso imperdonabile averla voluta in quell’immeritato ruolo!!!

    "Mi piace"

    • Al momento mi sfugge qual era l’alternativa alla Mogherini in quella posizione, però mi ricordo che sul momento ho tirato un respiro di sollievo perché l’alternativa era peggio. Che poi alla prova dei fatti la Mogherini si sia rivelata davvero meno peggio è tutto da discurere, ma è un fatto che in ballo non c’erano lei e qualcosa di meglio di lei.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...