E PENSARE CHE CI HANNO PROVATO FINO ALL’ULTIMO

a resistere, le donne iraniane. Perché lo sapevano, loro, che sarebbe finita così, e dunque fino all’ultimo hanno tentato di opporsi all’inferno che si stava preparando per loro.

È andata male, hanno perso, e tuttavia, dopo più di trent’anni, ancora non si sono arrese, ancora non hanno perso la voglia di combattere, ancora non hanno perso la speranza che le cose possano cambiare. Coraggio, sorelle, continuate a resistere: la luce, un giorno, arriverà.

barbara

  1. Se qualcuno ha tempo, vada in emeroteca, e si legga cosa scrivevano i giornali italiani sulla rivoluzione iraniana alla fine degli anni ’70. L’unica cosa che gli importava era che si modificava lo scacchiere mediorentale a danno degli Stati Uniti e a favore dell’Unione Sovietica.

    "Mi piace"

  2. Le idee sono confuse sui media italiani,il TG3 dice che in Egitto i prezzi sono aumentati il TG1 il contrario.Figuriamoci sui diritti umani,trent’anni fà un politico avvezzo alla RAI disse che l’idea dello chador non era male e poteva creare nuovi posti di lavoro!

    "Mi piace"

  3. Perché tutti i blogger in cui m’imbatto danno per scontato che l’inglese sia comprensibile per tutti? Magari sono ignorante io, ma non ho capito una fava di cosa dice il video.

    "Mi piace"

    • Io non do per scontato proprio niente, se trovo video in italiano scelgo quelli e i testi, se in italiano non li trovo, li traduco io. Se i video in italiano non li trovo, metto quello che passa il convento: sicuramente li conoscerà più gente se li posto così che se non li posto per niente.
      Modifico quanto scritto in precedenza, mi ero confusa con un altro video. In questo le donne iraniane stanno protestando contro l’imposizione dell’hijab, nelle varie interviste esprimono la loro opposizione a questo assurdo provvedimento.

      "Mi piace"

  4. Quello che mi fa un po’ male è invece che ci abituiamo a tutto. Dopo un attimo di clamore mediatico collegato ad una legge sacrosanta ed ancora in vigore è ormai normale vedere chador ed addirittura burqa. Cioè, viene considerato normale. In Europa, in occidente, la patria dei diritti dell’Uomo (come persona nelle intenzioni). Se anche un modesto viglie urbano alzassse gli occhi dal blocchetto delle multe ed imponesse A) alla signora di mostrare il viso B) all’uomo, che inevitabilmente sarà un metro avanti, di tacere forse ci sarebbe ancora qualche speranza.
    Non lo vedo accadere.

    "Mi piace"

  5. Pingback: FEMMINIIISTEEEE! | ilblogdibarbara

  6. Pingback: I LIBRI NON SI BRUCIANO | ilblogdibarbara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...