1. eliminato Saddam, si e’ dato spazio agli integralisti
    idem con Gheddafi
    idem con Mubarak
    idem in Afghanistan
    idem (forse) con Assad
    ma dove ci vogliono portare? Ad una nuova crociata? Cosa c’e’ dietro tutto questo?

    "Mi piace"

    • E aggiungi il fattivo sostegno a Erdogan e quello forse più passivo ma non meno consistente ad Ahmadinejad. Quando un paio d’anni fa ho detto che quell’uomo è il peggior pericolo per la pace che il mondo abbia mai avuto da Hitler in poi mi sono presa da nazista.

      "Mi piace"

      • Se provi a criticare i mediorientali ti dicono ‘ma è colpa degli americani, o di istaele, o degli europei (o delle crociate, delle colonie, o di tante altre cose).
        Poi fai notare a questi che gli islamisti ammazzano anche le loro genti, ed allora tirano in ballo che è colpa del re dell’arabia saudita che non li ha mai ascoltati quando avevano qualcosa da dire, ecc ecc…

        "Mi piace"

        • Non se ne starebbero buoni neppure se il mondo fosse tutto islamico, perchè ‘ci sono gli shiiti, ci sono i sunniti, ci sono i sufi, oppure c’è l’imam che sostiene i diritti dei gay, o l’altro imam che pensa che anche le donne possono svolgere il ruolo di imam. E allora litigherebbero (si continuerebbero ad ammazzare) a vicenda.

          "Mi piace"

    • Mah, io direi che gli americani, per quanto riguarda il caso specifico, lo capiscono benissimo: è un solo americano, o presunto tale, o sedicente tale, che ha tutto l’interesse a fingere di non capirlo. E il suo interesse NON coincide con quello dell’umanità civile.

      "Mi piace"

  2. Dopo aver letto l’articolo di SM mi viene da commentare anche qui : poverino!
    Tu Barbara, piuttosto, ti sei guardata meglio il suo blog? Non per altro, ma sai quel titolo… suona un po’ a KKK e Breivik.
    Per quanto riguarda Obama, forse le minacce concrete serviranno almeno a mettere fine agli stermini a gas. Perché se i ribelli sono Hitler, allora Assad è Stalin ( se si vuol seguire questo paragone che regge poco , perché i ribelli non si possono paragonare all’organizzatissima dittatura nazista).
    Situazione paradossale e schizofrenica, quella in cui si trovano gli USA. Hanno tutto da perdere, qualunque cosa facciano.

    "Mi piace"

    • Non conoscevo il blog, sono andata a vederlo. Un paio delle persone che ci scrivono le conosco, e godono di tutta la mia stima (una, per inciso, è nipote di uno dei più grandi e famosi giornalisti italiani di tutti i tempi, ma per cominciare si è fatta il culo in una serie di giornalucoli di quarta categoria. Ovviamente non mi permetterei mai di sospettare che se non è finita dritta a Rai 3 sia perché non è di sinistra.
      Il titolo rightnation di sa di KKK e Breivik? Come si suol dire, la malizia è nell’occhio di chi guarda.
      Quanto al merito, vedo che anche tu sei di quelli che inorridiscono di fronte a mille morti – ma forse erano cinquecento, o forse anche un po’ meno – con il gas, ma se ne fanno centomila con altre armi non c’è motivo di preoccuparsi e darsi da fare. In ogni caso Obama ha ampiamente dimostrato che le sue minacce NON sono concrete, e infatti l’intero mondo arabo-musulmano lo sta sonoramente prendendo per il culo. Con piena ragione.
      Non mi pare – non ho nessuna voglia di andarmi a rileggere l’articolo – che lui dica che i ribelli sono Hitler: sta facendo un paragone volutamente paradossale tra situazioni, quindi il paragone che non regge è il tuo.
      E per concludere: gli USA non si trovano in una situazione paradossale e schizofrenica: SONO STATI CACCIATI DA OBAMA in una situazione paradossale e schizofrenica e drammatica. Non basteranno due generazioni e dieci presidenti a rimediare alla devastazione che ha provocato.

      "Mi piace"

      • Pensando male purtroppo molte volte non si sbaglia…Ma dai, a te sinceramente la prima volta che hai letto THE RIGHT NATION ti è venuta in mente un’associazione di boyscout? Comunque sia, non ho tempo di andarmi a leggere anche il loro blog, mi pare che l’abbia già fatto tu e saprai chi stai postando.
        Certo, Obama si è cacciato in un bel guaio parlando di linea rossa (forse in un momento in cui non era ancora chiaro chi erano gli avversari di Assad?), ma a me sembra che qualcosa dovesse succedere, almeno delle minacce un po’ concrete, perché il gas è vietato non perché ammazzi la gente, cosa che fanno certamente anche le armi convenzionali, ma per la sua efficienza (e che qualcuno ha industrializzato lo sterminio passando dal proiettile alla camera a gas non ho certo bisogno di dirtelo) e crudeltà.
        Comunque non era per via di Obama che scrivevo, ma perché la visione degli USA che entrano in guerra solo per motivi umanitari mi sembra molto ingenua, anche se questo è un fattore che nel passato e nel presente ha giocato un certo ruolo.
        Precisazione: paragone ribelli-Hitler non l’avevo letta nel blog TRN, ma in un commento in questo blog.

        "Mi piace"

        • Sicuramente in Europa nella seconda guerra mondiale e nel Kossovo non hanno combattuto per il famigerato petrolio; che poi uno non vada a morire solo per aiutare gli altri, del tutto disinteressatamente, mi sembra abbastanza logico. Quanto a Obama mi sembra che ti sfugga – e ce la stai proprio mettendo tutta per fartelo sfuggire – la sua indefessa attività fin dal giorno che è stato eletto per favorire e rafforzare l’estremismo islamico. Ma sono sicura che qualunque cosa faccia, tu riuscirai a continuare a fartelo sfuggire.

          "Mi piace"

      • Dice chiaramente che non lo conosceva nessun “human”. È chiaro, perché allora stava ancora con i suoi simili con le scaglie. Anche se alla fine dell’articolo, in cui si menziona allusivamente il suo secondo nome mi è apparso tutto chiaro: nessuno RI-conosce Obama, perché nel frattempo si è tagliato la barba e ha seppellito la scimitarra nel prato della casa bianca. Il nuovo look con frangetta di Michelle è semplicemente una parrucca che nasconde meglio il velo che porta sotto. Altro che puntura di botox finita male, come pensavo io ingenuamente!

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...