• Che poi è muro per il 5%, dove proprio non se ne può fare a meno, e per il resto rete metallica dotata di sensori elettronici per segnalare eventuali tentativi di infiltrazione – ma le solite anime belle invece che di dispositivi “elettronici” preferiscono dire “elettrici”, per rievocare sappiamo bene cosa.

      "Mi piace"

  1. Tradiremmo la nostra missione se trascurassimo di citare qui uno dei nostri fessi principali: “Uno stato che continua nella sua politica di espansine coloniale che umilia la popolazione autoctona ghettizzandola in modo irreversibile non è uno stato sereno“.
    Il passo è pregevole anche letterariamente, perché fornisce un esempio da manulae della tecnica dell’anticlimax: tutto quel po’ po’ di cattiverie prima, e poi “non è sereno” come conclusione.
    Questo, e molte altre fregnacce, qui: http://jazztrain.ilcannocchiale.it/2005/10/31/jazzpolitik_il_muro_di_israele.html

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...