STAVOLTA IL POST PARASPLATTER VE LO BECCATE

squarcio-rid
Ecco, questa è la mia gamba. Punti pochi perché, mi ha detto il dottore del pronto soccorso, sicuramente verrà un ematoma, e bisogna lasciargli spazio per espandersi. E infatti è venuto, ed è lui che dà l’effetto salsiccia. Pochi e larghi, perché largo è lo squarcio, e profondi, perché è profondo. Ed è (anche) per questo che la gamba resterà deturpata. Vabbè, un’altra medaglia di guerra al valore. Poi al termine indicato ero andata a farmeli togliere, ma appena tolto il primo i labbri della ferita hanno cominciato ad aprirsi, perché non si era ancora cicatrizzata, sicché ha dovuto interrompere la rimozione e mettere, nella parte già aperta, un cerottino speciale per tenere unita la ferita.
E ancora un aggiornamento sull’altro incidente. Fino a quattro mesi fa per lavarmi i capelli mi inginocchiavo accanto alla vasca da bagno. Oggi, dopo quattro mesi, ho provato a rifarlo, mettendomi sotto le ginocchia un cuscino imbottito di gommapiuma spesso una dozzina di centimetri. Il tempo di bagnarmi i capelli – pochi e corti – e ho avuto male alle ginocchia per più di un’ora.
Poi adesso anche la bronchite. Di quelle proprio proprio brutte, con un miliardo di aghi piantati in bronchi trachea e laringe e attacchi convulsi con crisi di soffocamento e tutti i muscoli della pancia che mi fanno male per la violenza della tosse.
Ma chi mi sta aspettando non si preoccupi: io sono questa qui:

barbara

AGGIORNAMENTO: oggi sono tornata a togliere i punti, a sedici giorni dall’incidente. E l’ultimo tratto è ancora aperto, da tanto che era profondo lo squarcio.

aperto det
uffa

  1. Ammappelo, Barbara, pare che qualcuno ti abbia mandato il malocchio! Mi dispiace per tutte le tue brutte avventure e ti auguro che tutto passi presto.

    • Cosa vuoi, ognuno ha i suoi hobby: chi colleziona monete antiche, chi cartoline, chi tappi della coca-cola… Io ho scelto altro. Poi tieni conto che io sono raccomandata: sono riuscita a farmi pungere da un’ape la vigilia di Natale (a Padova, non ai Caraibi) e mi sono fatta togliere quattro tonsille, giusto per chiarire chi sono a chi ancora non mi conosce.

      • Vai, vai.. che si capisce lontano un miglio che vuoi farti invidiare a tutti i costi!
        Comunque, mi spiace dirtelo, ma hai un “competitor”, come ormai è d’uopo dire: G. di tonsille se n’è fatte togliere due paia e mezzo.. garantito al limone!

  2. Barbara, ci pensavo…come starà?Ma mi riguardavo…ma probabilmente molto presto..
    dopo un mio intervento @…e avrei chiesto. In questo..e non solo, non per formalità..etc.
    Comunque…dopo un senso di arrabbiatura, qualche lacrima piu’ per senso di rabbia che
    per il dolore. Ancora! Se ne aggiunge un’ altra. A volte la prendo con tanta ironia.A letto.
    …tenere conto di tante articolazioni prima di trovare la giusta posizione. Denti..varie devitalizzazioni.Etc…tanti Euro.Altra malattia reumatica..Mi ci incazzo….
    Poi mi dico domani è un’ altro giorno si vedrà!
    Oltre ai soliti ospiti…altri di passaggio…poi ritornano.
    Tante prove! Traumi!…Devo prestare attenzione. Ma..ogni volta mi premio regalandomi
    qualcosa…
    Ci sono dei periodi non…ma da quanto ho recepito,Barbara è una vera leonessa!

      • ..è arrivato G. in questo momento e vuole ribattere personalmente: dice che, in pratica, lui non ha mai avuto altro ( se si eccettua, dico io, un febbrone con orticaria gigante tipo tifoideo, cinquantun anni fa, che stava per impedirgli di.. portarmi all’altare.. pensa a come potevo scamparla.. e invece no… ). Oyoyoy!!!

        • Ecco, vedi: io di operazioni non so neppure quante ne ho fatte, perché dopo la ventesima ho perso il conto, e con le mie malattie uno studente di medicina ci potrebbe fare un ripasso completo dell’esame di patologia… (Vabbè, non l’hai scampata, ma poteva andarti peggio, dai!)

  3. Eccome! Ma pensa che ho perfino sbagliato: in realtà il febbrone tifoideo se l’era preso strafogandosi di muscoli crudi a Livorno, quando studiava a Pisa, due o tre anni prima.
    Quel che l’ha messo a terra alla vigilia del fatale evento è stata proprio una mega tonsillite, curata con dosi massicce d’antibiotici.
    Tanto spiega lo stato.. come dire.. simil-catatonico in cui si trovava quel dì di aprile: però, dai che hai ragione! Del resto, mi riferivo più alla mia attuale condizione che a lui in particolare in quanto autore e responsabile della stessa. Mi spiego?
    Vabbè.. si sa che in fatto di s@@@e mentali non sono seconda a nessuno.. Ccciao!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...