NON TUTTI I GIORNALISTI SONO STRABICI!

Non tutti sono faziosi. Non tutti sono schierati contro la verità.

barbara

    • La sostanza è che la guerra è stata voluta da hamas, che hamas ha violato tutte le quattro (fino a quel momento) tregue concordate, che hamas e non Israele ha colpito l’ospedale facendo 20 vittime (scena dell’ufficiale Onu che scoppia a piangere incolpando Israele), hamas obbliga i cittadini a ignorare i volantini israeliani che preannunciano l’attacco su quel determinato obiettivo, sostenendo che i cittadini sono felici di sacrificarsi per la causa facendo da scudi umani.
      Programmi televisivi per i più piccoli che invitano a uccidere tutti gli ebrei.
      Segue – come nel testo di Wafa Sultan – richiesta di spiegazioni per il silenzio su tutti gli altri massacri in cui sono vittime dei musulmani e in particolare dei bambini.
      Segue visione dei pogrom antiebraici messi in atto soprattutto dagli immigrati musulmani in varie parti del mondo.
      Conclusione: se quelli dovessero vincere e Israele perdere, pensate davvero che la guerra si fermerebbe lì?

      • Che dramma totale. Credo che i bambini palestinesi incolpevoli ed innocenti crescano x forza con l’odio israeliano per propaganda perché crescono senza genitori uccisi da israeliani e quindi un circolo vizioso. Ci vorrebbe una forte personalità palestinese che possa influenzare che possa destabilizzare Hamas credo che parlo di utopia.

        • I bambini palestinesi fin da piccolissimi si sorbiscono programmi televisivi come quelli di cui hai visto quel paio di sequenze; all’asilo le feste consistono nel vestirsi da terroristi, marciare, calpestare bandiere israeliane, portare bombe e fucili di cartone, levare le mani sporche di rosso come nella famosa foto del linciaggio di Ramallah del 2000 (foto e video anche in questo blog); a scuola, fin dalla prima elementare in storia e geografia imparano che “l’entità sionista” è provvisoria e presto la distruggeremo, e nelle carte geografiche il nome di “Palestina” campeggia su tutta l’area; in religione imparano che uccidere gli ebrei è il primo dovere di ogni musulmano; in matematica devono risolvere problemi tipo se ci sono cinque soldati sionisti e ne uccido tre quanti me ne restano da uccidere (tutto documentato, se hai la pazienza di cercare lo puoi trovare anche qui nel blog); a partire dai sette anni passano l’estate in campi estivi in cui per mezza giornata imparano a strisciare sotto il filo spinato, saltare nel cerchio di fuoco, montare e smontare armi, sparare, sgozzare manichini vestiti da israeliani, e l’altra metà fanno teoria, ossia lezioni di odio antiebraico (foto e video anche in questo blog): una volta cresciuti possono fare qualcosa di diverso dall’odiare tutti gli ebrei del pianeta e ripromettersi di sterminarli dal primo all’ultimo? Aggiungi l’indottrinamento al martirio, aggiungi l’indottrinamento all’idea che la vita non ha alcun valore e serve solo per usarla ammazzando ebrei, aggiungi gli attacchi contro Israele a cui prima o poi Israele risponde, con tutto quello che ciò si porta dietro in fatto di distruzioni e morti, e hai il quadro completo.

        • condivido tutto ma non riesco a dire sto con Israele o sto con la palestina o quant’altro, ma ripeto condivido e hai pienamente ragione ma nono so perché non riesco ad avere una posizione ben definita, forse mi devo informare di più e ti ringrazio perché mi dai tante nozioni

        • Ti dirò, con tanta gente che ne sa molto meno di te ma sa tutto lo stesso e spara a zero le proprie verità, uno che dice di non schierarsi perché forse non ne sa abbastanza, è un conforto immenso, credimi.

  1. Australiano…! Mi rallegra constatare che ci sono persone,professionisti seri,onesti che non
    improntano il loro lavoro nella menzogna. Sà di dignità.Da stimare. Io…perderei il senso di fiducia in
    me stesso tradendo il mio pensiero positivo, pulito che fà parte di me in come ho impostato la mia vita. Non potrei il pensiero di avere fatto una cosa sporca sarebbe sempre presente,ossessivo.

  2. Si possono attivare i sottotitoli in Inglese, che si possono fermare per leggere e capire tutto, altrimenti anch’io non coglierei l’intero discorso.
    Questa volta lo metto su fb!
    Che poi, se hanno bisogno di un digestivo, non dicano che è a causa delle foto dei miei piatti..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...