TROFEO DI GUERRA

trofeo
Quello che Khaled Sharrouf e suo figlio brandiscono fieramente – il bambino con entrambe le mani, perché evidentemente troppo piccolo per riuscirci con una sola – è un trofeo di guerra: una testa mozzata. Qui qualche altro dettaglio (se qualcuno conta sulle prossime generazioni perché le cose vadano meglio, se lo scordi).

barbara

  1. Nei commenti è pieno di deficienti che li difendono pure questi pezzi di merda, dicendo che dopotutto Israele è peggio! A questi coglioni gli auguro di finire decapitati. Nel loro caso decapitazione coincide con evirazione.

  2. Essere..i schifosi. Nausea..Il ragazzino probabilmente ha già una certa povertà e predisposizione marcata nel seguire il padre…non si mostra per niente colpito emotivamente …nel pensare a quello che afferra fra le mani, non è un giocattolo, è quello che rappresenta di piu l’ essere umano..la testa.E poi…tutto quello che rappresenta nella sua orrenda fine.

    Io a quell’ età mi sarei sentito molto colpito emotivamente per quell’ orrendo trofeo ed
    avrei associato la sofferenza,la vita di quella persona.rifiutandomi di afferrarla fra le mani. Trauma che sarebbe stato sempre presente.

    E’ cosi…credo che già nell’ infanzia si possa intravedere le future caratteristiche un pò…di quello che sarà da adulto.Comportamenti perversi che darebbero molto da pensare ad un’ adulto, una certa poverta’ interiore,sentimenti..violenza…etc…Non sò
    se avete visto il film Il cigno nero…..B/N l’ interprete è una bambina bionda…dall’ aspetto angelico….tutta compita……in realtà è un vero mostro,di una cattiveria inaudita
    …fredda….calcolata. Al pari di una cinica persona adulta con le stesse caratteristiche.

    C’ è un livello standard…qualcuno con piu’ qualità.Altri con le caratteristiche di quell’ età
    miscelate con sentire carico di sentimenti….che come dico io ‘ il DNA..si vede…2 adolescenti che conosco…eppure la vita gli ha privati del padre da bambini.Era un’ essere speciale sia professionalmente che come uomo. Dopo c’ è stato da lavorare
    ma il terreno era fertile.

  3. Sa di assurdo. Sembra capovolta la verità. Sembra capovolto come deve andare il mondo. Sembra che la morte sia l’unica via percorribile. Ma cosa cazzo sta succedendo??? Tutto così drammatico ai nostri occhi tutto così da essere orgogliosi ai loro occhi.

    • Già. A noi hanno insegnato che è brutto – o che è peccato, a seconda del tipo di famiglia in cui siamo cresciuti – dire bugie, rubare, fare del male alle persone o agli animali… E da qualche altra parte si insegna che è bellissimo tagliare gole, mozzare teste, strappare occhi – meglio se a un soggetto ancora in vita.
      E chi potrà mai convincere un giorno quel bambino che uccidere le persone non è una cosa tanto bella? Probabilmente ti chiederebbero perché guardandoti con l’aria sconcertata con cui ti guarderebbero i nostri bambini se gli dicessi che vanno all’inferno se tirano i capelli alla bambola.

  4. L’Olanda fa sempre più schifo. Hanno dimenticato l’invasione nazista ed ora tollerano distrattamente i nuovi nazisti islamici. Vigliacchi e sazi di tutto, hanno anche l’eutanasia che gli consente di liberarsi del nonno malato giusto prima delle vacanze estive.

    • Ricordo ancora – l’ho già fatto diverse volte perché è una di quelle cose talmente difficili da digerire che ogni tanto deve tornare fuori per forza – che quando hanno ammazzato Theo van Gogh un artista ha dipinto sul muro esterno del suo studio un angelo stilizzato accompagnato dalla scritta “non uccidere”. L’imam della vicina moschea ha chiesto all’autorità di cancellarlo perché il tutto era offensivo per loro e il sindaco ha ordinato di cancellare tutto. L’artista che si era messo davanti al dipinto per impedirlo è stato portato via dalla polizia, un fotografo (o fotografa, non ricordo bene) che stava immortalando tutto è stato parimenti allontanato e anche le riprese fatte con una videocamera sono solo parziali. E spariscono continuamente da youtube. Poi Ayaan Hirsi Ali è stata costretta a trasferirsi in America perché il fatto che fosse minacciata dagli islamici disturbava le autorità. cioè nel senso che era lei, in quanto minacciata, a disturbare.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...