E IO HO VOLATO CON SHIMON PERES E VOI NO

Tiè.
Poi ho dimenticato a casa la macchina fotografica e mi ci sono voluti tre giorni prima di trovare da comprarne un’altra.
Poi all’aeroporto mentre percorrevo il cannocchiale per salire sull’aereo sento chiamare il mio cognome e dico avrò sentito male. Poi lo gridano in due, poi in tre, sempre più forte… Beh, avevo perso il passaporto: credevo di averlo infilato in tasca dopo l’ultimo controllo e invece era caduto per terra.
Sono sempre io, come vedete.

barbara

    • Ho evitato di informarlo che aveva l’onore di condividere il volo con me: non volevo che rischiasse di montarsi troppo la testa, che a una certa età potrebbe anche fare male (e le guardie del corpo sempre degli strafighi pazzeschi)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...