DOPO LA GUERRA

Nir Oz è un kibbutz al confine con Gaza: quella che vedete subito dopo il campo è Khan Yunis
Nir Oz 1
e in mezzo al campo c’era lo sbocco di uno dei tunnel costruiti – al costo di milioni di dollari ciascuno e di tanti bambini morti nel corso dei lavori e di operai assassinati a lavoro concluso perché non potessero parlare – per andare a portare terrore in Israele.
Prima era tutto così
Nir Oz 2
(l’orizzonte è più storto del solito perché l’ho fatta dall’autobus, al volo e in equilibrio precario). L’acqua disponibile è pochissima, quindi per gestirla è stata installata questa centralina computerizzata
Nir Oz 3
che controlla ogni singola goccia emessa.
Prima, dicevo. Perché poi c’è stata la guerra, ed è di qui che sono passati i carri armati per le operazioni di terra. Questo, all’inizio dell’estate, era un campo di grano, oggi è così
Nir Oz 4
e la polvere sollevata dai carri è finita sui melograni lì accanto
Nir Oz 5
Nir Oz 6
Di verde, oggi, ci sono solo le fronde cresciute dopo la fine delle operazioni,
Nir Oz 7
per il resto bisognerà aspettare la pioggia. Sotto la polvere, comunque, quelle melagrane sono come questa
Nir Oz 8
lavata e offerta dal contadino che ha guidato la nostra visita. Se della visita poi volete un resoconto dettagliato, oltre che appassionato, vi invito a leggere questo, bellissimo, scritto da una compagna di viaggio.

barbara

  1. Grazie, Barbara, per questo risveglio della coscienza oltre che del corpo, che ci regali stamattina con le parole di Ariel Shimona, con quei frutti maturi e rossi, il cui colore e succosità non possono inaridire nemmeno sotto la polvere del deserto.
    Nelle melagrane di Nir Oz c’è il simbolo di chi non si arrende e ama e conserva la vita con tutte le sue forze, e la difende fino allo stremo dall’aridità di chi continua a portare avanti la guerra dell’odio cieco: grazie ad entrambe per averci portato là con voi, a vedere coi vostri occhi e a sentire col vostro cuore.

  2. Barbara,ho guardato le foto, ho letto il resoconto della Signora Besozzi .
    Il tutto ha reso ben chiaro gli effetti distruttivi delle bombe e l’ intenso esperto amorevole
    lavoro del cittadino israeliano che lavora con grande fatica e mostra e dona i frutti di quello che è rimasto in vita. Inoltre emerge la sua grande dignità ‘ e degli altri componenti
    di quella comunità…’ facendo trapelare i momenti cruciali di quei…fatidici 15 secondi..
    e se troppo lontani una preghiera, un pensiero su’ in alto nella speranza che tutto vada bene. Non ha mostrato acredine o sentimenti di forte risentimento, che forse per lui sarebbero autodistruttivi per la sua interiorità e sorridendo …spera di poter ricavare un
    raccolto diverso dal grano , cercando di dare vita ad un’ altro frutto di grande duro lavoro.
    Credo che quello che ha trasmesso sia un grande messaggio ed insegnamento.
    Intense le foto…il resoconto scritto. Altamente descrittivo al pari degli articoli di Molinari su’
    IC.

  3. Bentornata Barbara, mi sei mancata, in questo manicomio che mi sembra diventato il mondo. Posso domandarti? Ho letto i commenti: davvero anche tu una volta eri dalla parte dei palestinesi?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...