C’ERA UNA VOLTA LO SHTETL

Che oggi non c’è più, asfissiato dai gas e bruciato nei forni di Auschwitz, Treblinka, Maidanek, Sobibor, Belzec, Chelmno. Lo stetl che, per chi ci viveva, era un mondo intero e al centro del mondo (Sarah legge un giornale: “Abraham, quanto è lontana Parigi?” “Beh, Sarah, 2000 verste da Berdyčev” “Praticamente in mezzo al deserto!!!”)

E tuttavia loro sono ancora qui.

MIR LEBN EYBIK

mir lebn eybik

Mir lebn eybik
Es brent a velt;
Mir lebn eybik,
On a groshn gelt.

Un af tsepikenish
di ale sonim,
vos viln undz farshvartsn
Undzer ponim.

Mir lebn eybik
In yeder sho!
Mir lebn eybik,
Mir zaynen do!

Mir lebn eybik
Es brent a velt;
Mir veln lebn un derlebn,
Shlekhte tsaytn iberlebn!

Mir lebn eybik,
Mir zaynen do!

Resisteremo
Anche se il mondo brucia,
resisteremo
anche senza un centesimo,
nonostante tutti i nemici
che vogliono annientarci.

Vivremo per sempre,
in ogni ora,
vivremo per sempre
noi siamo qui.

Resisteremo
Anche se il mondo brucia
Vogliamo vivere
e vedere,
sopravvivremo ai tempi brutti.
Resisteremo,
noi siamo qui.

Lejb Rosenthal, ghetto di Vilna, 1943

Sono qui. Sono qui, e a loro si aggiungono tutti quelli che non sapevano di esserlo e stanno riscoprendo le proprie radici. Sono qui, e ci resteranno. Se ne facciano una ragione tutti i nemici dell’umanità. Il nazismo è morto e Israele è nata. E nonostante tutti i nemici che vogliono annientarla, resisterà.
Shabbat shalom

barbara

  1. Molto suggestivo, il video, con richiami frequenti ( o ce li vedo io? ) alle immagini di Chagall, che nelle sue opere si rifaceva spesso allo shtetl in cui era nato ( Vitebsk? ) e a cui rimase sempre legatissimo, citandone persone, animali, case, strade.. tutto l’ambiente di una vita che non c’è più, ma che ha lasciato un’impronta profonda e indelebile nelle generazioni, trasfigurata nel ricordo..
    I disegni animati ( i colori immaginiamoli ) e la musica che li accompagna rendono assai bene l’idea di quel tempo e di quella vita, almeno per quanto ci è dato sapere
    E i tuoi suggerimenti – se posso – sono perfetti: quanto a Yentl, ricordo quanto mi avesse impressionato e colpito la prima volta, tanto che poi l’ho visto e rivisto.
    Posso aggiungere, fra gli autori che consigli, Sholem Aleichem?
    PS. ( Una volta tanto che mi sono decisa a commentare, mi è andato tutto in malora per l’ADSL assente.. penso a causa del maltempo.. un’ora fa. )

    • Si chiama rincoglionimento senile: dimenticarmi Sholem Aleichem, che l’ho anche tradotto!!!! (pubblicità in basso, proprio alla fine della pagina: un autentico gioiello). Di Chagall sì, direi che c’è parecchio.
      A me è piaciuto tantissimo anche l’altro video, che inizia con quella voce nuda, quasi timida, che sembra chiedere il permesso di sopravvivere, e poi si rinforza, diventa sempre più decisa, sempre più forte, arrivano gli strumenti, sempre più potenti, arriva sempre più gente, fino all’imposizione di quel mir zaynen – – DO, guardandoti fissa negli occhi. Fantastica.

  2. OT: domanda ai lettori. Da qualche tempo continuano ad arrivarmi notifiche di like ai commenti. Il fatto è che io qui, a differenza che in altri blog, non vedo, sotto i commenti, lo spazio per laiccare, e di conseguenza non vedo neppure i like: voi li vedete?

  3. Credo che il Like sia a disposizione per i bloggers: a me compare ( qui sopra p. es. ) “3 bloggers – in azzurro – like this”..
    Quanto a Sholem Aleichem.. volevo ben dire!
    Tu l’hai tradotto, ma io l’ho letto e riletto, e guardato e riguardato!
    Però.. rincoglionimento senile, NO! Ce ne fossero, di rinco come te..

    • I like al post sì, ma io parlo di like ai commenti. In alcuni blog vedo sotto a ogni commento la stellina da cliccare, ma da me non la vedo, e ciononostante sia nelle notifiche via mail, sia nell’iconcina in alto che mi compare quando sono loggata, mi viene segnalato che vari commenti sono stati laiccati. Boh.

  4. Ah, be’, allora in effetti quello no..

    Quanto a Yentl, ho trovato qualcosa, ma solo a pezzi, e non in Italiano..





    Qui qualcosina c’è.. sta a te e Adriano vedere se riuscite a trovare di più..

  5. Risposta per i “like”. Probabilmente l’opzione non è attivata nelle tue impostazioni. Dovresti provare a guardare dai tuoi comandi, nel menù sulla sinistra (quello che ti compare quando prepari un post), cercare queste particolari impostazioni che riguardano i “commenti”, quindi attivare quelle a te gradite.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...