LETTERA APERTA A LUCIANA LITIZZETTO

Ho 81 anni, ho lavorato nei campi da quando ne avevo dieci anni e sono andata in pensione quando ne avevo 60, oggi percepisco una pensione di 478,00 euro al mese.
Grazie a Dio ho un fazzoletto di terra dove ancora oggi coltivo un piccolo orto, zappando la terra come si faceva una volta, riesco a racimolarci ben poco: qualche cipolla, qualche patata, un po’ di insalata….. ho difficoltà a salire le scale perchè la vita dura dei campi mi ha massacrato la schiena, dovrei fare delle terapie, ma dovrei pagarle perchè il servizio sanitario nazionale non le passa, dovrei prendere degli integratori alimentari che costano sui trenta euro per 15 giorni di cura, ma come può immaginare non posso curarmi, perchè con 478 euro ci devo pagare la luce, il riscaldamento e il ticket per i farmaci che devo prendere per il mio cuore (circa 15 euro ogni 15 giorni).
Non esco quasi mai da casa, perchè abito in campagna a 6 km dal paese e ora c’è la neve e la mia compagnia è spesso la Televisione. Mi hanno detto che lei prende circa 5 mila euro al giorno per andare a dire qualcosa su Rai Tre.. così l’altra sera ho guardato il programma di Fazio per sentire le cose che avrebbe detto.
Pensavo che per prendere 5 mila euro al giorno dicesse cose importanti… e invece l’ho sentita dire solo parolacce e insultare politici che magari io ho votato.
Adesso dovrò pagare il canone RAI, sui cento euro….. Ora le chiedo, perchè dovrei pagare alla RAI oltre cento euro per sentire le sue parolacce? Con cento euro potrei farci 4 cicli di terapia per le mie ginocchia!
Lei se la prende con le escort, con Ruby etc…. ma lei non è diversa da loro, visto che guadagna 5 mila euro al giorno per tenere in bocca solo il ca…. e il turpiloquio! E’ comodo far finta di stare dalla parte dei poveri, far la parte delle verginelle, quando si prendono 5 mila euro al giorno facendo la escort del turpiloquio!
Io sono una contadina vera, io sono una povera vera, io sono un’ignorante vera, ma le parolacce non le ho mai dette e non accetto che lei venga pagata anche con i miei soldi per dirle in RAI. Vada a dirle in un teatro dove solo chi vuole sentirle possa venire ad ascoltarla e si faccia pagare da quelli che vogliono sentirla, non da me che devo vivere con 478 euro al mese ad 81 anni!
Grazie e scusi per il disturbo. (qui)

luciana-littizzetto
Io non guardo la televisione da oltre trent’anni, quindi della signora Litizzetto fino a non molto tempo fa conoscevo solo la sgradevolezza estetica e sapevo, per averlo letto, della sua estrema volgarità. Poi un paio d’anni fa in occasione di non ricordo più quale serie di iniziative contro la violenza sulle donne ho visto un video che girava per tutti i blog; diceva, più o meno: “L’uomo che vi picchia non è uno che vi ama, è uno stronzo. Ricordatelo sempre, quello che vi picchia è uno stronzo!” Ora, uno stronzo per me è uno che mi propone un appuntamento e poi mi dà buca. Uno che mi mena non è uno stronzo, bensì uno che commette un reato, ossia un criminale. E dunque la signora Litizzetto, oltre ad essere inguardabile, oltre a essere volgare, oltre a essere, in termini tecnici, una escort, come dice la signora ottantunenne, o una zoccola, come dico io che sono molto meno corretta di lei, è anche un’emerita cretina. E una stronza, per usare la sua terminologia. Ecco.
Piesse: non so se la lettera sia autentica, ma dato che le cose che vi sono scritte sono tutte autentiche e sacrosante, vale la pena di leggerla in ogni caso.
Pipiesse: anch’io dico le parolacce, però non mi faccio pagare. Come dire: non lo faccio per professione, ma per amore.

barbara

  1. Beh, è la classica tipa che, in virtù della sua superiorità intellettuale di origine “rossa”, si arroga il diritto di dire ogni cosa, contro tutti anche con beceri toni da donnina di malaffare. Sempre pronta a impartire lezioni di vita, dividendo buoni e cattivi, dove i cattivi sono sempre dalla stessa parte che non è la sua. Brutta è brutta, volgare anche, insomma peggio di così… Ah, dimenticavo… è una femminista incancrenita convinta che i maschi sono tutti scemi e la donna ha sempre ragione… e pensando a quanto racchia è, mi vien in mente la volpe e l’ uva!…

    • I rossi sono politicamente scorretti, quando si tratta di ciò che invece è bene sia politically correct, ovvero il linguaggio (per loro le scorregge rumorose – intendo quelle vere, nessun modo di dire – sono un atto di rivoluzione).
      Ma sono poliically correct quando si tratta di ciò che invece è bene non lo sia, ovvero i fatti.
      Mai pensato di andare a vivere a cuba? (La Litizzietto, intendo)
      O meglio in corea del Nord. Li si che il comunismo lo praticano alla grande.

  2. In particolare RAI 3 sembrava che fosse nata per rispondere ad una tipologia di spettacolo di qualita’ e di buon livello culturale.
    Credo di ricordare quando c’ era un solo canale B/N era possibile vedere anche spettacoli di vera qualità.
    Probabilmente certi spettacoli piacciono visto il numero di spettatori.
    Io li evito insieme a tanti altri che possono piacere a tanti.
    Ricordo la mamma..” ma guarda ..è inammissibile! Vengono considerati moltodi piu’ di tante
    persone che dedicano la loro vita per cose importanti.”
    Argomento molto vasto basta guardarci attorno.
    Certamente chi fatica a finire il mese con i soldi si sente offeso insieme a tanto altro.

    • Sì, Marco, quando c’erano solo le tre reti, Rai tre aveva la prerogativa di trasmettere programmi culturali, ma sempre di parte e in questi ultimi anni hanno preso il sopravvento i vari Fazio, Augias e i loro compari, santoni e profeti del politicalmente corretto. Le donne sono poche, mi pare, Sabrina Guzzanti prima e la Litizzetto dopo: sprezzanti e volgarotte entrambi.

  3. Mi pare che, purtroppo, certi spettacoli trovino corrispondenza in un certo pubblico: se non avessero riscontri di ascolto nei sondaggi, verrebbero interrotti perché gli spettacoli DEVONO AVERE SEGUITO per generare richieste di pubblicità e quindi soldi.
    Ma è positiva una pubblicità appoggiata al turpiloquio e cose simili di certi spettacoli? Se fa vendere di più i prodotti pubblicizzati in quell’ambito, evidentemente sì. Nessuno si preoccupa della educazione del consumatore e di offrire loro contenuti etici.
    Però NESSUNO è OBBLIGATO a guardare quegli spettacoli…….(e ci mancherebbe !!!….).

  4. Adesso però – bisogna proprio che lo confessi – mi sto cagando addosso dalla paura: c’è un tale, forse un pelino incattivito per il fatto che non pubblico mai i suoi brillantissimi commenti (e che, preso dalla disperazione, è andato ad un certo punto a provare a piazzarli dagli amici di topgonzo), che mi ha informata che ha segnalato il mio post a Luciana Litizzetto. Spero, se davvero mi siete amici come fate mostra di essere, che non vi dimenticherete di me e verrete almeno a portarmi qualche arancia in prigione. Suppone anche, il suddetto signore, che magari (magari: perché in realtà non si sa, è solo un’ipotesi buttata lì), la signora in questione abbia detto qualcosa a favore dei palestinesi, e che la mia scarsa simpatia nei confronti della signora sia dovuta a questo. Il che è veramente una gran furbata, dopo che ho detto che sono più di trent’anni che non guardo la televisione, per cui ne so tanto, io, di che cosa parli la signora col ca in bocca.

    • Non temere, avrai tutto il mio appoggio. Innanzi tutto una bella scorta di Imodium, poi, se vorrai farmi avere una lista dei tuoi cibi preferiti, inizierò a farne abbondante scorta per poterti supportare in caso di bisogno in aggiunta alle arance.
      Colgo l’occasione per supporre che la lettera sia un falso. E’ da molti anni che dopo il 65mo compleanno e con un reddito inferiore a 36.000(circa) Euro/anno si è esenti da ticket.

    • Vero o falso, il messaggio della signora 81 suona una corda intonata e veritiera.
      Fa pensare e mette anche tanta tristezza.
      🙂 sarò lì anch’io, Barbara, non ti dimenticherò di certo… Arance saranno se in stagione, altrimenti… ?

      Non ho e non guardo la ‘scatola’ da circa 30 anni – in Germania mi deprimeva, in Italia mi dava il voltastomaco, come a te.

      La tipa in questione l’ho vista forzatamente ché mia cognata la ama alla follia (la poveraccia è anche un’antisemita, anche se dice di no, con cervello taglia donnola) e senza TV non vive. In un’occasione, ho dovuto sorbire ‘l’aperitivo’ della tipa del c- -z2- … che persona sconcia e indegna!

      Mi passò l’appetito, rimasi senza cena, ma feci ‘tesoro’ della lezione🙂

  5. Si…credo che sia cosi. La mia colite..farmaci sintomatici e antispastici….li pago..gli antidolorifici per le ossa idem..il nuovo medico prescritto farmaco che non pago.
    E in passato altri…in ricetta bianca che sono a pagamento.
    In negozio ausili sanitari…lei ha l’ esenzione..” busto per problematiche importanti..” ..no.

  6. Ma una volta non c’era la “fascia protetta” per tutelare i diritti dei bambini? Perché la trasmissione di questa signora (ma anche altre trasmissioni come “striscia la notizia”) non la considera?

    • Bisognerebbe chiederlo a Fazio, lui che è così “corretto”… Striscia la notizia non mi sembrava così sboccata, ma non la vedo da una vita, non saprei…

  7. È palesemente un fake. Inoltre nella versione originale diceva “e invece l’ho sentita dire solo parolacce e insultare Silvio Berlusconi che io ho votato, perchè grazie a lui la mia pensione oggi è di 478,00 euro, altrimenti sarebbe stata mi pare di 387,00”. Poi ha scritto anche una lettera simile a Benigni.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...