SCEENDEEE LA PIOGGIA MA CHE FA

pioggia
barbara

  1. E poi più avanti la canzone diceva: amo la vita più che mai… Potrebbe accompagnare questa commovente immagine. A proposito, Gianni Morandi è stato sempre innamorato di Israele.

  2. OT: mi aiuti a rendere visibile questa perla, che mi ha segnalato G, il quale a volte si sceglie con Google ( Stasera in TV ) il programma da vedere?
    Mi ha detto: “Vieni, che voglio sentirti ululare.. ” ma c’è poco da ridere.

    • La storia è ambientata nel 70 d.C. Siamo in Israele e durante l’assedio di Masada, quattro donne dalla vita completamente differente si incontrano e da quel momento uniranno le proprie esistenze in un alternarsi di vicende non sempre positive. Particolare attenzione viene posta proprio sull’assedio di Masada, quando novecento Ebrei riuscirono a tenere sotto strettissima sorveglianza e quasi in stato di fermo un gran numero di Romani chiusi in una fortezza nel deserto della Guinea.

      Titolo Originale: The Dovekeepers

  3. Bene !!!
    Non stupisce che ci siano persone che “sentono” le loro radici spirituali, anche se in contrasto con la loro appartenenza politica e con gli “arzigogoli” della disonestà intellettuale derivata.

    Se mai, stupisce che siano così (relativamente) poche.

        • Ah, io mi sono fermata alla seconda riga. Poi tra l’altro le ultime ricerche archeologiche stanno confermando proprio tutto quello che ha scritto Giuseppe Flavio. Per esempio lui ha scritto che si vedeva l’ippodromo dal mare, mentre l’ippodromo è all’interno di Cesarea, e quindi si credeva a un’invenzione. Poi nuovi scavi di un paio d’anni fa hanno scoperto un secondo ippodromo, proprio di fronte al mare, e con le decorazioni che Flavio aveva descritto. Certo che se poi preferiamo far finta che questi scavi non ci siano stati, vabbè, allora possiamo anche raccontare che Napoleone non è mai esistito.

        • Io invece sono andato direttamente alle ultime righe: “sono stati ritrovati finora solo 28 corpi, dei quali la maggior parte in caverne alla base della montagna. Gli altri 932 cadaveri dove sono?
          Nella battaglia di Canne morirono decine di migliaia di romani, oltre, indubbiamente, a un certo numero di cartaginesi. Dove sono i cadaveri?

  4. E.. ma la storia è sempre la stessa: chi non vuol vedere riesce a fare contorsioni mentali più contorte del contorsionista più abile: tutto sta a non lasciarsi incantare.
    Perché chi subisce il “fascino” del serpente c’è, e fa anche proseliti.
    Il guaio è che i co@@ioni sono tanti e pericolosi.

    • Di Masada ricordo la struttura complessa, con architettura razionale che comprendeva un sistema di riscaldamento/raffreddamento a condotte d’acqua.
      Apparteneva in origine alla Casa di Erode e, presumibilmente, è stata riattata e riutilizzata dopo, nel qual caso sono stati rimossi i resti di molti morti.
      Il primo “deposito” che viene in mente potrebbe essere il vicino Mar Morto.
      Del resto è ridicolo pensare che i romani abbiano mosso la loro potente “macchina militare” (compresa la costruzione del ben descritto terrapieno) per sloggiare poche decine di assediati, mentre qualche centinaio di militi (escludendo quindi donne, bambini, disabili) poteva creare problemi al passaggio di truppe romane a fondo valle.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...