CHE UNO DICE MA SÌ DAI

Spendo un po’ di più ma almeno viaggio comoda e arrivo presto. E prenota i treni veloci. Poi succede che per una serie di ragioni devo essere accompagnata alla stazione parecchio in anticipo sull’orario del mio treno. Stupidamente non mi passa neanche per la testa di guardare se per caso c’è un treno che parte prima: ho il mio posto prenotato sull’intercity, perché mai dovrei prendere un altro treno? E dunque aspetto il mio intercity. Che arriva in ritardo. Talmente in ritardo che perdo la coincidenza con la Frecciarossa. Mi va ancora bene che di lì a cinque minuti c’è un altro treno, solo che è un regionale veloce, e impiega tre ore invece che un’ora e zero due. Tre ore in un’affollata seconda al posto di un’ora in una comoda e spaziosa prima (c’era una promozione). Durante le quali mi sono anche sorbita una lunga lezione di cucina impartita da una passeggera al telefono che ha fatto sghignazzare sgangheratamente me e tutte le vicine di posto (“no, lo zucchero va messo a metà cottura, se no viene cattivo” “quattro chili, ce ne vogliono quattro chili” “mi raccomando, lo zucchero a metà cottura” “io le mele ce le metto, tre mele su quattro chili cosa vuoi che facciano?” “non dimenticarti che lo zucchero va messo a metà cottura” “una goccia lucida, se non fa la goccia lucida non va bene, vuol dire che hai sbagliato qualcosa” “ricordati che lo zucchero va messo a metà cottura”). E poi il treno ha cominciato a fermarsi in aperta campagna e ad accumulare ritardo, facendomi temere di perdere anche l’altra coincidenza, poi invece ce l’ho fatta, ma in conclusione per meno di quattrocento chilometri sono rimasta in viaggio nove ore e mezza.
Meno male che sono giovane e forte, va’.
E che ho visto una bella botta di amici.


(ach, voi poveri giovani che non avete conosciuto voci come questa!)

barbara

  1. Meno male che ne è valsa la pena.. ma te lo spieghi, tu, perché ti succede tanto spesso di incappare in questo tipo di disavventure?
    Se fai “mente locale”, nessun barlume, in proposito?
    Magari qualche scongiuro in preparazione, eh?
    Smile..

  2. Sembra un racconto da Transiberiana….. manca solo qualche mugiko con gabbia di polli come bagaglio a mano…….

    Molti anni fa sono andato a Sondrio per lavoro, ed ho commesso l’errore di prendere un “omnibus” (tutte le fermate, tutte, più soste prolungate per dare la precedenza ad altri treni).
    Partito al mattino, arrivato alle 18,30, visitato un cliente, appuntamenti saltati (all’epoca non c’erano i cellulari), tornato a casa…….
    L’esperienza è la somma dei nostri errori……

  3. E’ scocciante, sovente ritardi dei treni regionali che può corrispondere al
    saltare la corsa di quel treno. Talvolta con il treno in stazione che per motivi tecnici si arriva ai 30′ di ritardo nella partenza.La freccia argento..
    con prenotazione, vede al binario stabilito un treno con la stessa destinazione, vi sale. Vi sale ma faceva diverse fermate impiegando il
    doppio di tempo. Qui..doveva tenere conto che la Freccia Argento”in ritardo” ha una tipologia diversa dagli altri treni…e il codice del treno.

    Il viaggiare..siamo spesso costretti a dover subire delle interminabili telefonate…o conversazioni, come sabato scorso.Quattro signore che
    parlavano di FB….del concedere piu’ o meno ” l’ amicizia” con atteggiamenti degni di adolescenti.
    L’ amicizia! Per me ha un grande valore, è fatta da tanti fattori che con il
    tempo possono consolidarsi e dai quali può scaturire una bella amicizia.
    Per le grandi della vita può bastare uno sguardo o dei gesti per capirsi.

    • Sai, c’erano due problemi: uno ce nessuno ha capito di che cosa si trattasse e di che cosa si dovesse metterne quattro chili, l’altro che ridevamo tutte talmente tanto, per via della voce, del tono, dei messaggi eccetera, che era difficile seguire tutto nel dettaglio.

  4. Ma siamo sicuri che dall’ altra parte del cellulare ci fosse l’interlocutore? E se la signora fosse stata una divertita esibizionista intenta a pigliare tutte le presenti signore per i fondelli?

  5. Tipo…La voce umana.

    Tre mele…che vuoi che facciano….voleva asserire che occorrono di piu’..
    Credo se marmellata 2kg. ..o piu’.Sulle confezioni troviamo spesso scritto frutta 50%.
    In frigo ..ne ho una conf. –Confettura mele renette. g 400 F.lli Chiaverini
    ingredienti:mele renette,zucchero.Zuccheri totali 64g per 100g.Frutta utilizzata 41g per 100g.Può contenere tracce di mandorle e vanillina.

  6. Punti di vista.. Ba.. non fare la modesta: al più sarai seconda, dopo di me!
    Vorrai mica scipparmi il podio..😉
    Su, Carla e Marco: datemi manforte!
    ( Le mele, di qualunque tipo di conserva si stesse dibattendo, vengono aggiunte in quantità proporzionale perché contengono pectina e aiutano il rapprendimento o la cosiddetta gelificazione dei succhi.. delle sostanze di base – almeno, direi ).
    Ciao, sciroccati!😀

    • Amica, una cosa è certa: il rincoglionimento non è legato all’ età anagrafica. Quindi non è detto che tu meriti il primo posto. E poi adesso con la pallonata sul naso è possibile l’ acuirsi del rincoglionimento. Niente, amica, ti devi accontentare dell’ argento…

      • Urca! Ma io della pallonata l’ho appena letto.. non c’ero, tornati a casa poco fa da casa della figlia..
        Se è per questo, poi, a me basta anche il bronzo ( non la faccia, eh.. )

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...