SE INCONTRATE QUEST’UOMO

Quest’uomo che ha dedicato tutta intera la sua vita all’odio. Quest’uomo che ha dedicato tutta intera la sua vita alla menzogna. Quest’uomo che ha dedicato tutta intera la sua vita al tradimento. Se lo incontrate, sputategli in faccia.
Chomsky
(noi ci vediamo fra qualche giorno)

barbara

QUESTA VOLTA CHE COSA INVENTERANNO?

Dubbi, sull’«eroe islamico», erano emersi fin dall’inizio; adesso lo sappiamo con certezza: Lassana Bathily non ha salvato nessuno.

L’islamico salva-ebrei era falso

Nel supermercato attaccato da Coulibaly. I sopravvissuti: non ci ha aiutati il magazziniere. Governo e media l’hanno santificato.

di Mauro Zanon

PARIGI – Vi dice qualcosa il nome Lassana Bathily? Forse ora no, dato che non se ne parla più nei giornali, né francesi, né italiani. Eppure a gennaio, subito dopo l’attacco terroristico al supermercato kosher Hyper Cacher di Porte de Vincennes, il suo nome era onnipresente nei titoli pomposi della stampa progressista. Le Monde dava il la celebrando «Lassana Bathily, l’eroe della presa di ostaggi di Vincennes, presto naturalizzato francese», L’Humanité si metteva in scia con un sentimentalistico «L’ex sans-papiers divenuto un eroe». Sul versante italiano, Repubblica non aspettava altro per titolare «La Francia celebra i suoi “musulmani eroi”». E tra quegli «eroi», c’era appunto Lassana Bathily, commesso di ventiquattro anni, musulmano e originario del Mali, che al momento dell’irruzione di Amedy Coulibaly si trovava all’interno del supermercato e che secondo la versione diffusa allora dai media e certificata dal governo socialista avrebbe salvato dall’attacco del terrorista islamista un gruppo di sei persone, tra cui un neonato, rinchiudendoli in una cella frigorifera, prima di fuggire all’esterno grazie a un montacarichi e raccontare agli agenti di polizia la situazione.

• La favola
Una storia bellissima cui dedicare paginate e servizi televisivi a ripetizione, un’impresa eroica da raccontare ai posteri e da incidere nei manuali di storia. Peccato però che si trattasse soltanto di una favola ricamata in maniera certosina dal sistema politico-mediatico per essere data in pasto ai sessantasei milioni di francesi e a tutti coloro che in quei giorni così sconvolgenti dal punto di vista emotivo seguivano con ansia i fatti di Parigi. Libération ha riunito per un’intervista alcuni degli ostaggi di quel drammatico 9 gennaio, e dalle loro testimonianze è emersa prepotentemente una realtà molto meno hollywoodiana e spettacolarizzata di quella cucinata e servita dai media francesi e da Hollande ai loro concittadini e al resto del mondo (soltanto il sito Fdesouche.com ha evidenziato a dovere la clamorosa discrepanza tra le versione dei media e del governo e quella degli ostaggi dell’Hyper Cacher).
Lassana Bathily, che si trovava nel seminterrato del supermercato quando Amedy Coulibaly fece irruzione, avrebbe soltanto proposto agli ostaggi di salire con lui nel montacarichi, come racconta Jean-Luc, uno degli ostaggi interrogati da Libération. Ma «il rischio era troppo elevato», «la morte sarebbe stata certa», perché «il montacarichi avrebbe fatto troppo rumore e non c’era posto per tutti», ha spiegato Jean-Luc, Decisero dunque di rifiutare, Lassana fuggì da solo all’interno del montacarichi, e loro si rinchiusero nella cella frigorifera. Yohann, un altro sopravvissuto, ha raccontato di aver staccato lui i fili della cella frigorifera, al fine di poter entrare e nascondersi con gli altri nella speranza di salvarsi.
Ma il colpo finale alla grande montatura politico-mediatica è quello inflitto da Sandra, madre 42enne: «I media e i politici hanno voluto abbellire la storia, aggiungendo che (Lassana, ndr) ci avrebbe fatto scendere, nascosti, etc. Non è vero, ma non è colpa di Lassana. In quel momento, la Francia aveva bisogno di un eroe».

• Impostori
Un «eroe della diversité», maliano, musulmano, sans-papiers, naturalizzato francese sotto gli occhi delle telecamere nella sala ricevimenti del ministero dell’Interno, una «storia repubblicana» da rifilare alla grande massa plaudente e assopita dei «je suis Charlie» per alimentare la retorica del «pas d’amalgame» tra islamisti e musulmani moderati. Il sito di opinioni liberali Boulevard Voltaire, tra i pochissimi a denunciare l’impostura del falso eroe dell’Hyper Cacher, si è chiesto: «Un governo che mente, che strumentalizza un sans-papiers, come lo dovremmo definire?». Lasciamo a voi la risposta.

(Libero, 25 giugno 2015)

Il governo francese, dunque, il giorno stesso dell’orribile strage all’Hyper Cacher, inventa il “musulmano buono”, lo fabbrica a tavolino, per dimostrare al popolo bue che “non bisogna generalizzare”, che “non si deve fare di tutta l’erba un fascio”, che “non tutti i musulmani sono terroristi”… Che magari uno lo pensa anche da solo, se non altro per banali ragioni statistiche, che non tutti i musulmani possono essere terroristi o comunque pericolosi. Ma quando poi uno si trova di fronte all’evidenza che il governo, per poter offrire al pubblico un musulmano buono, è costretto a fabbricarne uno falso, che cosa dovrebbe pensare? Comunque.
Adesso c’è stata un’altra strage, di inequivocabile matrice islamica, perpetrata in nome dell’islam – come tutte quelle che l’hanno preceduta, in ogni parte del mondo – e a noi che siamo ignoranti, ottusi, pieni di pregiudizi, xenofobi e islamofobi, potrebbe venire la tentazione di pensare che questa tanto sbandierata religione di pace, proprio tanto tanto di pace forse non è. E quindi mi chiedo: quale altra favoletta ci ammanniranno stavolta, per convincerci che ci stiamo sbagliando?

barbara

DI PARAPSICOLOGIA DI MALATTIE PSICOSOMATICHE DI TERAPIE ALTERNATIVE E DI ALTRE STORIE

Avevo una collega che nutriva una fiducia cieca in tutto questo genere di cose, trattando con tutto il disprezzo e tutto lo scherno possibile gli “scettici per partito preso”, così gretti, così ottusi, così stupidamente arroccati nelle proprie certezze, così incapaci di vedere oltre il proprio naso da negare che al di là del proprio naso esista vita: un po’ per propensione naturale, un po’ perché aveva avuto tutta una serie di uomini, in genere di trenta-quarant’anni più vecchi di lei, che ne erano cultori. Dei cretini integrali, ma lei amava credere che fossero dei geni incompresi: evidentemente le piaceva avere il brivido del “io sono l’amante di”, oltre alla soddisfazione di essere fra i pochi eletti in grado di capire la loro genialità. Una delle sue convinzioni più profonde era che tutte le malattie che possono colpire il corpo sono di origine psicosomatica: dal raffreddore alla polmonite al cancro a qualunque altro disturbo o malattia. Con un’unica eccezione: i suoi disturbi mestruali. Perché i disturbi mestruali psicosomatici vengono alle bigotte che vivono il sesso con senso di colpa e quindi per riscattare la colpa hanno bisogno di soffrire facendosi venire tutti quei disturbi mentre lei, libera da qualunque condizionamento di tipo religioso ed esente da qualunque tabù, si sentiva libera di andare a letto con chiunque le piacesse senza sentirsene minimamente in colpa, e quindi i suoi pesanti disturbi mestruali erano l’unica malattia non psicosomatica esistente sulla terra. Poi se n’è aggiunta una seconda quando sono arrivate le caldane di pre-menopausa, che ovviamente non erano psicosomatiche neanche quelle (le mie invece sì: c’è bisogno di dirlo?). Per curare le malattie, in ogni caso, il rimedio non sono le medicine: dato che a provocare le malattie è la mente, è la mente che le deve curare. Se proprio si vuole apportare un aiuto esterno, molto meglio limitarsi a rimedi “naturali”: alimentazione sana (tipo un pastone di crusca e carote tritate – “Vero che è buonissimo anche così, senza condimento?”), e simili.
Di una comune collega che lei riteneva – secondo me a torto – nervosa, inquieta, non in pace con se stessa, amava ripetere in continuazione: “la perfetta candidata al cancro”. Perché lei, che non riconosceva alcun rapporto causale tra batteri e malattia, tra virus e malattia, tra lesione e malattia, ne stabiliva uno ferreo e inscindibile tra stati d’animo e malattia: metti la mano in acqua e ti bagni, metti la mano sul fuoco e ti scotti, sei una persona inquieta e ti verrà il cancro. Senza possibilità di scampo. Rischio che lei fortunatamente non correva visto che era l’esatto contrario, al punto da sbeffeggiare senza pietà quelle cretine che stavano lì a fare esami assurdi e inutili come pap test o mammografia.
Aveva tre anni meno di me. Ieri, per puro caso, ho appreso che è morta sei mesi fa. Di cancro al seno.

barbara

E LA SETTIMANA PROSSIMA TUTTI A GINEVRA!

Il 29 giugno teniamoci liberi, c’è da difendere Israele. A Ginevra

ANTEFATTO:

COMMISSIONE “SCHABAS”
È una commissione istituita dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, con sede a Ginevra, ed è chiamata così dal nome della persona a cui era stata affidata la conduzione della commissione: il giurista canadese William Schabas.
La Commissione aveva già tutte le premesse per diventare una nuova “Commissione Goldstone” (la commissione che “indagò” sui “crimini” commessi da Israele durante l’operazione a Gaza “Piombo Fuso” a cavallo fra 2008 e 2009).
Questa commissione, invece, è stata incaricata di “indagare” sui “crimini” commessi da Israele durante l’operazione a Gaza “Margine di Protezione” dell’estate 2014. Una commissione creata ad hoc su pressione della solita maggioranza automatica anti-israeliana al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, con delle tesi e dei verdetti già scritti e precostituiti, in cerca solo di legittimarli internazionalmente sotto la veste di “report” di una commissione d’inchiesta.
Solo che Goldstone aspettò molto tempo dopo l’uscita del rapporto da lui firmato, per “disconoscerlo” e ammettere che non era stato obiettivo e neutrale. Schabas, invece, si è dimesso ancora prima di iniziare, lo scorso febbraio, per delle accuse di parzialità (a sfavore di Israele, ovviamente) nei suoi confronti, dopo le notizie emerse su alcune sue passate consulenze (quindi a pagamento) per conto dell’OLP!
Lo Stato d’Israele ha deciso di non partecipare ai lavori della Commissione, proprio per la sua palese parzialità e per le sue conclusioni già precostituite; di contro ha condotto nei mesi scorsi indagini e inchieste interne autonome, pubblicando, alla fine, risultati e conclusioni che portano alla luce i veri crimini commessi invece da Hamas.
Ovviamente, la Commissione d’inchiesta dell’ONU è andata avanti lo stesso, anche senza Schabas, e adesso, a fine mese, sarà presentato il suo rapporto finale, a Ginevra, alla sede del Consiglio per i diritti umani dell’ONU.

INIZIATIVA:

Si sta organizzando una manifestazione di sostegno a favore di Israele, per quel giorno, il 29 giugno prossimo, davanti alla sede del Consiglio per i diritti umani dell’ONU a Ginevra.
Vari gruppi si stanno organizzando già localmente, in Svizzera, e si sta verificando la possibilità di organizzare anche dei gruppi di sostenitori provenienti dalle regioni limitrofe di Francia e Italia.
Vi saranno due punti di partenza per l’Italia: Torino e Milano. La manifestazione è prevista a Ginevra per le ore 11.00 in tarda mattinata. La partenza da Milano e Torino, in pullman, è prevista intorno alle ore 8:00 di mattina. Il rientro in Italia è previsto in giornata stessa, dopo la conclusione della manifestazione.
Le spese di viaggio con il pullman da Milano e Torino (andata e ritorno) sono coperte. Sarà fornito anche un pranzo al sacco.

PER PRENOTAZIONI GRATUITE SUI PULLMAN DA MILANO: SCRIVERE A eyal-m@amicidisraele.org LASCIANDO IL PROPRIO NUMERO DI CELLULARE.

PER PRENOTAZIONI GRATUITE SUI PULLMAN DA TORINO: SCRIVERE A segreamar@gmail.com LASCIANDO IL PROPRIO NUMERO DI CELLULARE.

Eyal Mizrahi – Presidente ADI e responsabile del movimento sionista Over The Rainbow Italy

Per quei quattro gatti che ancora non fossero stati raggiunti dall’informazione. Io, naturalmente, ci sarò.

barbara