L’EFFETTO BARNUM DELLE CIARLATANERIE

In seguito alle recenti polemiche scatenate dal fatto che ho preso per il sedere una buffonata messa in atto in occasione del mio ultimo viaggio in Israele (polemiche che hanno procurato centinaia di nuove visite a un post che ormai non guardava più nessuno, perché chi doveva vederlo lo aveva già visto – e grazie dunque per la pubblicità gratuita che mi è stata regalata; se qualcuno avesse voglia di regalarmene un altro po’ scatenandomi qualche altra polemichetta, gliene sarò sinceramente grata), con grave risentimento di chi, nella sua veste di “counselor olistico esperto in tensio-planto riflessologia psicosomatica”, come recita il santino-biglietto da visita proditoriamente infilato in una tasca al momento dei saluti, si è sentito ferito nell’onore peggio di Mimì metallurgico, e con intervento – non so se spontaneo o su richiesta – dell’avvocato con grande esibizione di minacce di querela e tentativi di intimidirmi con la lista dei miei mostruosi crimini, spacciati poi come un favore a me (si sa che la gente dà buoni consigli…), in seguito a tutto questo, dicevo, ritengo utile riprendere questo illuminante pezzo del dottor Salvo Di Grazia, che allo smascheramento di bufale e fuffe e ciarlatanerie e truffe di ogni sorta in ambito terapeutico sta meritoriamente dedicando gran parte del suo tempo e delle sue energie.

Pochi giorni fa ho visitato un mercato del biologico. Chissà per quale misterioso motivo (che c’entra il biologico con la magia?), più che bancarelle o esposizioni di alimenti biologici era quasi esclusivamente un mercato di pratiche “olistiche“, alternative quando non vere e proprie truffe.
Mai vista una tale concentrazione di sciocchezze.
Io sono per la libertà di scelta, ognuno faccia ciò che vuole della sua salute e dei suoi soldi ma vedere tanta gente credere a vere e proprie cialtronerie mi ha scoraggiato parecchio e mi ha fatto riflettere.
C’è la bancarella di quello che vende i libri “alternativi” (di tutto e di più, dal Reiki alla riflessologia), delle palestre che pubblicizzavano i loro corsi di discipline orientali (e qui saremmo pure nella normalità), io passeggiavo e guardavo ma più mi mescolavo al pubblico, più scendevo in un tunnel che ha cominciato a mettermi angoscia. Il mio stupore è stato tanto presente da farmi chiedere se fossi io la “persona strana”, non ero a mio agio, non stavo bene.
C’era gente, adulti e bambini, sdraiata a terra mentre una persona agitava le mani sopra il loro corpo, come in una sorta di massaggio “esterno” che poi ho capito che era un “massaggio di energia” (energia? Quale energia?), buttati a terra, in pubblico, in mezzo alla strada, mentre qualcuno li “ripuliva dalle negatività”. Altri che scoprivano le (presunte) intolleranze alimentari con test ridicoli (tenere due alimenti, uno in ogni mano ed un macchinario faceva diagnosi!), chi proponeva “lavaggio dell’aura”, chi curava i dolori con le suole riflessoterapiche, persone che compravano delle calamite che avrebbero schermato le onde elettromagnetiche del cellulare (ovviamente mortali)… cartelli con i termini più assurdi e tipici della ciarlataneria: “biorisonanza”, “onde energetiche“, “luce informazionale”… un delirio e ad un certo punto, non scherzo, ho avuto la nausea. Vedere una persona adulta, apparentemente normale e sana, abbracciarsi con un “maestro di luce” (eh?) per riceverne gli influssi positivi mi ha sconvolto abbastanza. C’era chi vendeva aggeggi per curare le “geopatie” (presunte patologie dovute ad “interferenze” di vario tipo presenti sul nostro pianeta, vera pseudoscienza).
Vedere una ragazza elegante e normalissima sottoporsi ad una seduta di “lavaggio dell’aura” (una donna spostava, con le mani, l’energia negativa dal suo corpo, 20 euro) mi ha lasciato confuso e vedere tanta gente credere a certe cose mi ha fatto male. (continua)

PIESSE: a chi mi obietta che “ci sono centinaia di milioni di persone che”, l’unica risposta adeguata mi sembra questa:
milioni di mosche
PIPIESSE: da più parti mi è stato consigliato di lasciar perdere questa stupida polemica. E non è che non sia un consiglio ragionevole, ma vedere incazzarsi persone tanto piene di sé, tanto occupate a prendersi sul serio da trattare ogni parola riferita a loro come un crimine di lesa maestà, è uno di quei piaceri che rendono la vita degna di essere vissuta, e ai quali per niente al mondo sono disposta a rinunciare (senza contare, comunque, che io non cerco polemiche con nessuno, ma se qualcuno arriva qui in cerca di guerra, si faccia pure sotto, che qua ce n’è per tutti)

barbara

    • Come diceva il mitico Cesare Polacco nelle vesti dell’ispettore Rock, anch’io ho commesso un errore: per risparmiare ho comprato il sapone al Lidl, e l’aura mi è rimasta piena di aloni, come quando lavi una tovaglia macchiata di pesca con un detersivo scadente.
      I fiori di Bach li avevo finiti e pensavo di poterne fare a meno per una volta: mal me n’incolse!

  1. 😀
    (ooppss, scusa, dimenticavo l’allergia!)

    Beh, i fuffari doc fanno i soldi con la fuffa, e per soldi sono disposti anche a minacciare querele (un po’ meno a querelare davvero). Poi ci sono i credenti, quelli che se gli levi l’illusione, gli crolla il mondo addosso – sono tra i credenti , quelli pericoloso davvero, perché alcuni sono talmente sciroccati da sembrare autentici impasticcati – e se il santone di turno dice che tu sei il male, è meglio se tieni un giubbotto antiproiettile sotto la blusa…

    Lasciare perdere?? E tutto il divertimento nel vederli diventare paonazzi come esclami “fuffa”…?! Che poi, ce n’è per tutti i gusti: quantico-ayurvedico-spiritual-chimico-omeopatico.-magico-alienante-fuffreddista-mineral-bildelberghiano…la casistica è pressoché infinita (almeno tanto quanto la fantasia umana) e dove pizzichi, pizzichi.

    • ops scusa un accidente, te ne stai approfittando del mio essere praticamente fuori combattimento con una pressione che pare la percentuale di guadagno di una ditta omeopatica. Ma tornerò, vedrai, tornerò più forte e pimpante che prìa.
      I credenti fuffo-dipendenti sì, penso che possano essere davvero pericolosi, perché quando a uno togli il terreno da sotto i piedi non sai come possa reagire, un po’ come giurare e stragiurare che non è Francesca e poi torni a casa e la trovi a letto col tuo migliore amico, magari impegnata in un numero che a te ha sempre rifiutato.
      E l’entusiasmo quando ne trovano uno che si esibisce in una specialità nuova di zecca, tipo riflessologia avambracciale con applicazione di olio omeopatico ottenuto mediante fusione fredda di fiori di Bach, eh, ne vogliamo parlare?

    • Ma lo sai che in occasione della mia ultima operazione, un anno e mezzo fa, ho scoperto che i clisteri non si fanno più? Avrei fatto salti di gioia, guarda, se non fosse che, reduce ancora fresca dall’incidente, era già tanto se riuscivo a camminare. Li faranno sicuramente, immagino, per interventi intestinali o roba del genere, ma una volta li facevano per tutto, li ho dovuti subire quando sono stata operata agli occhi, alla gamba, al seno, alle tonsille (me ne sono state tolte 4, tanto perché si sappia con chi avete a che fare).
      Avanti ci vado, comunque, ci puoi giurare che ci vado!

        • Operate male la prima volta, lasciando frammenti sui quali si sono riformate (operazione drammatica, la seconda, in cui tra un’emorragia che non riuscivano a fermare e l’incapacità di risvegliarmi alla fine dell’intervento ho seriamente rischiato di lasciarci le penne – se non fosse per il fatto che noi vecchie streghe siamo notoriamente immortali).

  2. Ho suggerito ad una persona che teme il suo passato con problemi psichiatrici….guardati
    attorno, osserva e ascolta la gente. Non sò se potrà esserti di conforto, ma noterai che
    c’ è molta gente al limite del borderline…e oltre. E forse ti convincerai …io ora stò bene.

  3. Le pratiche che tra l’altro, facevano anche i nazisti (noti complottisti e sostenitori delle ‘verità’ alternative), per purificarsi (visto in un documentario).
    Le pietre portafortuna sono forse la cosa più normale che c’era li. Quand’ero piccola si compravano tantissimo, pur senza crederci. Giusto perchè erano belle.

    • Sì, coi riti esoterici il nazismo ci marciava alla grande: faceva parte del lavoro di lavaggio del cervello mediante il rimbambimento, l’ottundimento della coscienza, lo scioglimento della volontà personale nel grande calderone del rito collettivo. Sicuramente quelli che mettono in atto queste buffonate a scopo di lucro non hanno obiettivi del genere, però il risultato finale di rincoglionimento degli adepti e della perdita di ogni capacità di discernimento e, di conseguenza, della loro malleabilità nei confronti di chiunque li voglia manipolare, rimane lo stesso.
      Le pietre portafortuna non so. I portafortuna di una volta erano i coralli per il materiale, il corno e il ferro di cavallo per la forma, o il numero 13 per la simbologia, ed erano validi per tutti. Adesso c’è la “cristalloterapia”, la pietra che ti protegge dai reumatismi e quell’altra dai disturbi digestivi e quell’altra ancora che messa sotto il cuscino ti risolve ogni problema di insonnia ecc., e poi la pietra che protegge quelli della bilancia e quella per i leone e quella per i sagittario… Tutto scientificamente studiato, beninteso. Qualcuno sicuramente li definirebbe “studi attendibili”…

      • Il punto è che lo facevano anche i gerarchi nazisti e lo stesso hitler.
        Praticavano anche il lavaggio del cervello con cognizione di causa (soprattutto nelle scuole, o nei manifesti con hitler con i bambini in braccio e la scritta ‘il fuhrer ama i bambini’, ma a tante follie ci credeva pure il capo.
        Penso sia come tanti complottisti. Iniziano col seminare bufale a scopo di lucro, e poi, quando la loro bufala ritorna indietro modificata (a mo di telefono senza fili) si mettono in testa che magari avevano indovinato, che qualcuno ha indagato sul fatto, e cominciano a scrivere blog, a raccogliere collette, a soffrire di manie di persecuzione…

  4. Io sono giunto alla conclusione che tanta gente VUOLE ESSERE PRESA PER IL CULO!
    Non è semplice ignoranza, ma malafede insita anche nel comportamento delle vittime, ignoranza colpevole, diversa dall’ignoranza dei poveri analfabeti del secolo scorso che non avevano i mezzi culturali per emanciparsi dalla superstizione. Queste sono persone che i mezzi ce l’hanno eccome, magari hanno anche una formazione culturale superiore alla media, ma adorano abbandonarsi alle illusioni.
    Se provi a distruggergli il loro “giocattolo” con la ragione, si incazzano pure e ricambiano con odio.
    Perciò ho smesso da un pezzo di contrastarli, quando incontro creduloni, superstiziosi, fanatici e complottisti di vario tipo, li assecondo, faccio finta di essere più o meno d’accordo con loro, o quantomeno evito di contraddirli in maniera esplicita e diretta, e semmai cerco di farli “sbottonare”, e mi godo lo spettacolo!

    Alla fine sembrano fatti con lo stampino, tutti convinti che la “cultura occidentale” sia l’origine di tutti i mali del mondo, quasi tutti anti-americani, anti-israeliani, anti-unione europea, adoratori di Putin(chissà perché certi italiani amano Putin più dei russi…sarà nostalgia del fascismo?), convinti che l’immigrazione sia un complotto ebraico, vegetariani, fanatici del “naturale” e del km 0(che poi magari fanno la dieta delle banane, ma vaglielo a spiegare che la coltivazione di banane inquina più dell’olio di palma!), anarchici a parole ma poi favorevoli alla chiusura delle frontiere, scettici che mettono sempre in dubbio la “versione ufficiale” qualsiasi cosa succeda e poi credono a qualsiasi stronzata(anzi solo alle stronzate che gli piacciono) pubblicata senza fonti su siti anonimi, ecc..

    • “faccio finta di essere più o meno d’accordo con loro”

      …però non vale vendergli sottobanco santini e acque magice della salute: è circonvenzione di autolesionisti!😉

      • La persona proprietaria della tasca in cui è finito il santino non fa parte della categoria degli autolesionisti. Abbiamo avuto intensi scambi in privato, sul tema, anche se in pubblico, per ragioni ampiamente comprensibili, preferisce evitare di intervenire.

      • Attento ragazzo, stai giocando col fuoco: non lo sai che il monossido di diidrogeno è una delle sostanze più pericolose esistenti in natura? Non illuderti che la tua natura di gatto sia sufficiente a proteggerti.

        • Starò in campana.
          Quanto all’amico, credevo fosse evidente che stavo celiando per iperbole. Però se non era chiaro (colpa mia che oggi è tutto il giorno che sono un po’ criptico), lo dico: stavo celiando per iperbole.😀

          Upppsss…scusa!

        • Te l’ho mai detto che ho degli iperbolici bastoni di bambù lunghi due metri e grossi come un grosso pollice di un grosso pugile? Li avevo comprati come sostegni per le piante e me ne sono avanzati alcuni. Poi ho un bastone corto e maneggevolissimo di durissimo ebano comprato in Somalia. Poi ho un’intera collezione di sassi raccattati su per mezzo mondo, fra cui una bellissima pietra rosa cipria del peso di sei etti raccolta in Sardegna. Poi ho una pesante menorah di ferro alta circa un metro che mi sa che afferrata con le due mani e usata tipo mazza da baseball dovrebbe venire niente male. Poi… Devo continuare?

    • C’è quell’operetta – non ricordo quale; se qualcuno se lo ricorda e me lo scrive mi fa un grande favore – in cui alla fine la fattucchiera spiritista ecc. rivela che sono tutti trucchi, che non è vero niente, che lei non ha nessun potere, che nelle sue sedute non è mai successo niente, e che siccome si è stufata di prendere per il culo la gente, adesso chiude baracca e burattini, e i clienti a supplicare no, ti prego, ancora una magia, ancora una! Ecco, mi sembra la rappresentazione più realistica dell’atteggiamento delle “vittime” delle ciarlatanerie. Che spesso, come dici, sono persone con un alto livello di istruzione, e probabilmente proprio per questo sono convinti di essere quelli furbi, quelli che sanno che la medicina ufficiale serve solo a far ammalare perché è al servizio della kattivissima multinazionale del farmaco (e che la cura per il cancro esiste da quel dì ma la suddetta kattivissima eccetera non vuole che si sappia per non perdere i suoi grandissimi guadagni – e se qualcuno riesce a trovare un picogrammo di logica in questo ragionamento, mi spari pure in un occhio), quelli che hanno capito tutto sulle verità ufficiali, quelli che sanno perfettamente “che cosa c’è dietro”, quelli che Moana Pozzi è viva e lotta insieme a noi. Eccetera. Contrastarli no, certo, sarebbe il famoso voler “raddrizzare le zampe ai cani” di manzoniana memoria, però se cercano di venirmi a dimostrare che l’allocca sarei io li prendo a randellate sulle gengive. Poi un conto è ignorare, per quanto idiota lo si consideri, il raccattare da terra l’energia e palleggiarsela tra le mani (cioè, ignorare fino a quando non pretendi di coinvolgermi in questa stronzata, perché in questo caso un bello sputtanamento pubblico non te lo toglie nessuno), altro è trovarti di fronte ciarlatani che ti propongono “terapie” e “trattamenti” come quello del santino riportato nel testo del post, ossia gente che induce la gente a trascurare i propri disturbi, che magari possono anche essere sintomi di malattie serie, affidandosi alle loro mani, e impedendo così loro di curarsi: qui siamo di fronte a veri e propri attentati alla salute delle persone, nei confronti dei quali intervenire è un dovere di ognuno. Stampino sì, non proprio al 100% (nel caso in questione i protagonisti sono tutti filoisraeliani) ma per le altre cose spesso sì, a partire dalla dieta vegetariana, spesso spinta fino a quel delirio psicopatico che è il veganesimo.
      Quanto a Putin, è vizio antico: gli italiani, fascisti compresi, sono stati innamorati di Stalin (“addavenì baffone” come deus ex machina risolutore di tutti i problemi lo dicevano tutti), sono stati innamorati del ruspante e sanguigno Krusciov col suo sbattere la scarpa sul tavolo all’Onu – che con quell’altra buona lana di Kennedi dal malandrino ciuffo biondo ci ha portati più vicini alla terza guerra mondiale di quanto mai siamo stati in questi settant’anni, sono stati innamorati di Gorbaciov, odiato in Russia quanto pochi altri al mondo (ci sono stata in quel periodo, e ho potuto toccarlo con mano). Adesso è il turno di Putin: niente di nuovo sotto il sole.

      • Non sapevo che in Italia l’ammirazione acritica per i leader russi fosse una tradizione(una tradizione diffusa tra soggetti politicamente un po’ fanatici, sia di destra, che di sinistra). Per come la vedo io nel mondo ci sono leader politici ben peggiori di Putin, lui si può annoverare tra i meno peggio, sicuramente pratica una realpolitik più intelligente di Bush e Obama messi insieme.

        Però quelli convinti di essere molto più furbi degli altri perché non credono a quello che scrivono i giornalisti americani ed europei sulla guerra in Ucraina e in Siria, e poi si bevono in pieno tutta la propaganda della tv di stato russa. Quelli che credono che Giulietto Chiesa sia un giornalista indipendente( ahahahah…ma quale giornalista, al massimo è un buon traduttore!), e non si accorgono che si limita a tradurre e riportare parola per parola tutto quello che viene detto dalle emittenti di stato russe( Russia Today e altre, che sono sotto il totale controllo del governo), sono ridicoli!

        • Beh, qui la distinzione è facile: tutti i giornalisti che scrivono cose rispondenti alla cosiddetta verità ufficiale (le torri gemelle le hanno buttate giù gli aerei, le camere a gas sono esistite, sulla luna ci siamo stati, per il cancro ci sono terapie sempre più efficaci ma la cura miracolosa per tutti i tipi di cancro non c’è, antibiotici e cortisone curano e i fiori di Bach no…) sono servi di regime, tutti quelli che dicono il contrario sono onesti e indipendenti.

      • Mi sono dimenticato di aggiungere che a quanto pare sul web, sui social network più popolari, il governo russo ha organizzato una macchina di propaganda agguerritissima.
        Se cerchi su youtube video sulla guerra in Ucraina, ti saltano fuori un 99% di video che ripetono in tutte le lingue e in tutte le salse i soliti argomenti della propaganda russa, senza distaccarsi di una virgola dalla dialettica e dagli argomenti del governo russo.
        Il che fa pensare molto male, fa sospettare che possa esserci una squadra molto numerosa di propagandisti stipendiati dal Cremlino per difendere l’immagine e la politica di Putin sul web a livello internazionale , visto che per nessun altro argomento politico c’è un’opinione così tanto omogenea in tutte le lingue!

        Ma gli “scettici” a intermittenza, quelli che vedono complotti ovunque, di queste stranezze sembra che non se ne accorgono minimamente!

        • Io l’ho seguito un po’ solo perché ho degli amici e conoscenti che condividono spesso video che “dipingono” Putin come un vecchio saggio, amante della pace nel mondo, e nemico del terrorismo. Non sapevo molto su Putin, ma questa immagine così idillica mi puzzava, e mi è venuta la curiosità di approfondire!
          Il numero di giornalisti uccisi è impressionante!

        • “una squadra molto numerosa di propagandisti stipendiati dal Cremlino”

          O di seguaci e tifosi non necessariamente stipendiati. C’è sempre quello che lo fa perché ci crede, quello che “a prescindere, gli avversari sono peggio”, quello che “la propaganda la fanno gli altri”, quello che stima un amico che gli ha detto così. Mica è necessario che un capo paghi per avere dei Fanboy, a volte basta non viverci insieme o credere che “i cattivi” siano “gli altri”, quelli che non ne parlano bene.

          Poi, numerosi: via internet ne bastano pochi (anche solo un paio, di eventuali stipendiati o spaventati) molto attivi e con un minimo di padronanza delle lingue . Al resto pensano i tifosi…

          I tuoi amici che ne dicono bene il Cremlino non li paga, no?

        • Putin? Il nuovo idolo delle italiche masse? Effettivamente, perché affidarsi ad alleanze con paesi democratici (pur imperfetti) quando puoi adorare un dittatore mafioso i cui nemici, politici e giornalisti, hanno la strana abitudine di crepare come zanzare? Aaah, il fascino della Personalità!

  5. “I tuoi amici che ne dicono bene il Cremlino non li paga, no?”

    No, son semplici creduloni!
    Però quelli come Giulietto Chiesa credo che qualche soldo lo ricavano da quello che fanno…magari non dal Cremlino, ma qualche tornaconto economico ce lo devono avere, altrimenti non si spiega tutto questo dispendio di tempo ed energie per la causa.
    Giulietto Chiesa pare un vecchio volpone, non credo che faccia niente per niente!

    • Appunto, non è probabile che glielo dia il Cremlino, per quanto è facile che un tornaconto comunque ci sia, anche solo nei termini di una nomea rivendibile di esperto di qualcosa…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...