HEDY LAMARR

Ossia Hedwig Eva Maria Kiesler, nata a Vienna il 9 novembre di 101 anni fa, conosciuta da tutti per la sua straordinaria bellezza
Hedy-Lamarr
e per essere stata la prima attrice ad offrire al cinema un nudo integrale,

oltre a scene decisamente audaci per l’epoca.

Un po’ meno noto, forse, il fatto che per intraprendere la carriera cinematografica aveva abbandonato gli studi di ingegneria, ma non la passione per le cose tecniche. Lasciata l’Austria poco dopo l’avvento del nazismo (era ebrea), ripara prima a Londra e poi a Hollywood dove, oltre a girare numerosi film, nel 1941 insieme al compositore George Antheil, mette a punto un sistema di codifica di informazioni da trasmettere su frequenze radio facendole rimbalzare da un canale all’altro in modo da non poter essere intercettate, sistema di straordinaria importanza per comandare a distanza siluri e mezzi navali. Il sistema viene brevettato come “Sistema di Comunicazione Segreta” n. 2.292.387,
brevetto Lamarr
ma non suscita interesse nella Marina Militare, che lo ritiene troppo complicato. Il sistema verrà poi adottato nel 1962 durante il blocco di Cuba.

Per concludere: belle e oche? Sembrerebbe proprio che il vecchio luogo comune sia del tutto privo di fondamento: conosciamo donne bellissime e geniali, e conosciamo (oh, se ne conosciamo!) delle cozze terrificanti che sono anche un distillato superconcentrato di cretinitudine, o yes.

barbara

  1. E’ tutto un complottone delle cozze – per quanto, alcune di quelle vicino alle quali molte signore diventano verdognole, hanno capito fin da piccole che a fare le finte oche potevano ottenere che stuoli di uomini facessero qualsiasi cosa per loro, dal cambiare la ruota bucata della spider (gentile omaggio di altro uomo) a montare le catene nella neve a zero gradi al buio e a mani nude.

    Addirittura si mormora di veneri che avrebbero convinto persone che ci vivevano (molto temporaneamente, giusto il tempo di intestare a quelle la casa) insieme di non essere in grado di cambiare una lampadina (con l’ovvio risultato che il genio di turno la cambiava per loro ogni volta che fosse necessario), di non saper caricare una lavastoviglie (inventata da un uomo, si dice, stufo di lavare i piatti per la compagna appena un po’ più bella delle sue amiche), di non saper fare la spesa con attenzione e -ma qui siamo oltre il mito – di non saper calcolare il resto delle spese fatte coi soldi del malcapitato di turno (che immancabilmente spariva – il resto, non il malcapitato, almeno finché di soldi ne aveva) .

    Non si calcolano le multe che NON hanno preso per una guida spregiudicata nei confronti del codice della strada (“Oh, non mi ero accorta che fosse una via a senso unico, c’erano delle petunie così carine…”), che se lo avesse fatto una cozza (o un uomo, se è per quello, che come donne stiamo tutti mediamente parecchio cozze) minimo minimo le avrebbero bruciato la patente, rotto i fanali e sintonizzato tutti i canali del’autoradio su un equivalente di “politica oggi a Canicattì” per maggior punizione…

    Niente faccine – lo so che stai allergica.

    • Io mi cambio le prese di corrente, ho fatto la muratora la pittora la carrozziera l’idraulica la spaccalegna la seg ho segato la legna, nella vecchissima seicento di mio padre col carburatore bolso e tisico mi pulivo lo spruzzatore di minima ogni volta che mi si intasava e un paio di volte, su di me, ho anche fatto la chirurga. clic, clic.

        • Cioè dici che io non sono (non ero) una cozza, sono intelligente, ma sono poco furba perché mi faccio da sola tutto quello che con la mia noncozzaggine potrei farmi fare da qualcun altro? E’ che farmi le cose da sola costa molto meno. E non sto parlando di soldi.
          (Mi ricordi la zia Angela, che in realtà era la prozia. Devi dunque sapere che la mia bisnonna ha avuto sedici figli, quindici normali e una, diciamo così, un po’ ritardata: la zia Angela, appunto. Tanto per dare un’idea, a sei anni è andata a scuola e ha fatto la prima, poi l’anno dopo ha fatto la prima, poi l’anno dopo ha fatto la prima. L’anno dopo si sono stufati e l’hanno mandata in seconda, l’anno dopo si sono pentiti e l’hanno rimandata in prima. Il sabato pomeriggio la bisnonna faceva una torta che poi la famiglia mangiava la domenica, e appena aveva finito di farla la zia Angela si sedeva sul gradino della porta di casa e a ognuno che passava si metteva a cantilenare “Mia mamma ha fatto la torta, mia mamma ha fatto la torta…” (me mama ga fato a fugasa, me mama ga fato a fugasa…). E la bisnonna continuava a dirle Angela smettila, non interessa a nessuno, e il sabato dopo: me mama ga fato a fugasa, me mama ga fato a fugasa… Finché la bisnonna si è proprio stufata e ha detto senti, adesso basta davvero, o la finisci o ti prendo a botte. Arriva il sabato. La bisnonna fa la torta. La zia Angela si siede sul gradino della porta di casa. Di lì a un po’ passa uno. La zia Angela lo guarda negli occhi e attacca: “No te digo miga che me mama ga fato a fugasa, no te digo miga che me mama ga fato a fugasa…”)

        • Non facciamo scherzi – ho detto che non sei furba nel senso di un’approfittatrice. E che Zia Angelica era un genio.
          Mica che mi ritrovo scarponato per una volta che ti faccio un complimento solo perché era lunghetto e dicono tutti che sono misogino…

  2. L’ articolo! Non conoscevo questo lato delle Signora Lamar…oltre per l’ attrice, la bellezza adesso un qualcosa di grande per ammirarla con maggiore profondità.

    CimPy…è uno strano felino…sembra di piu’ un topo..”..con la sua dialettica…sotto forma
    scritta..mi ha confuso….micio..o micia !”..e tu Barbara il gatto…gatta….provocata dal topo..Giocosità utile…per rendere piu’ leggeri certi momenti.

    E…si non c’ è che dire…Barbara un fisico da miss. Con modestia..troppa, rivedendo..mi
    nelle foto di quell’ età non mi rendevo conto ..che c’ era qualcosa di bello sotto i vestiti e oltre per quello che non ha corpo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...