IL MUSEO DELL’INNOCENZA

Angoscioso: questo l’aggettivo che ho avuto perennemente in testa lungo tutta la lettura delle quasi seicento pagine di questo libro, universalmente esaltato come capolavoro, e della narrazione di quello che nella quarta di copertina e altrove viene definito “amore impossibile”, quando in realtà è solo l’ondivago e irresoluto comportamento del protagonista a renderlo tale. E così si avanza in questo angoscioso ripetersi di giorni e di sere tutti uguali, settimana dopo settimana, mese dopo mese, anno dopo anno, devastando la vita propria e quella di lei e dei genitori di lei e del marito di lei e della propria madre e degli altri familiari e della fidanzata… in un grigiore senza fine. Ed è proprio di una noia mortale, due palle ma due palle ma tante di quelle due palle che viene voglia di dire aiutatemi a dire che due palle. Perché andare avanti a leggerlo, allora? Per via di Istanbul, dello scenario politico e sociale, di tutte quelle vicende – bombe comprese – che sui giornali difficilmente hanno trovato posto.
Poi in internet ho scoperto che il museo dell’innocenza esiste davvero, costruito dall’autore con gli oggetti presenti nella narrazione, centinaia di mozziconi di sigarette, più o meno schiacciati, più o meno macchiati di rossetto, e oggetti e oggettini di casa e personali, rubati dal protagonista nel corso della storia per avere sempre con sé dei ricordi di lei: un delirio, una paranoia – e ci starebbe un gran bene anche la definizione della corazzata Potëmkin. Vabbè, se state attraversando una brutta crisi depressiva e vi serve uno stimolo in più per decidervi a suicidarvi, leggetelo.

Orhan Pamuk, Il museo dell’innocenza, Einaudi
il museo dell'innocenza
barbara

  1. In italia la noia in un libro è considerata un pregio. Solo un intellettuale può leggere e comprendere un libro così sopraffino. a noi comuni mortali la chiave di lettura non è concessa.

    In italia più sbadigli ci sono, più la critica è positiva. E’ la nostra cultura. Ed è interessante come spesso gli italiani stessi trovano noioso il loro prodotto letterario.

  2. Sì.. ne ho uno solo: ma vale per tre!
    Però come si fa a rispondere così a distanza?
    Vabbè che tu puoi capire, ma la domanda è lassù, in alto..
    Vuol dire che per adesso ci rinuncio: ma tu non trovartene più, di nuovi guai!

  3. Dall’inizio dell’articolo fino alla fine ho provato l’irrefrenabile desiderio di non leggerlo. Il libro.
    Non lo farò, rileggerò Shogun, 800 pagine di divertimento non intellettuale

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...