MAIL

mail
barbara

Annunci

DUE PAROLE SUL BOICOTTAGGIO

Come uomo politico giordano mi sento obbligato ad esprimermi contro il movimento per il boicottaggio il disinvestimento e le sanzioni anti israeliane (BDS).
Io rappresento il punto di vista e gli interessi del popolo giordano e nel farlo godo di una libertà che molti non hanno. Il mio punto di vista sul BDS è equilibrato e senza preconcetti perché io non sono un israeliano e nessuno può accusarmi di essere anti-arabo. Permettetemi di essere chiaro: il BDS è una atto avventato di odio che minaccia la sicurezza e la stabilità non solo di Israele, ma anche del mio paese, la Giordania, e dell’intero Medio Oriente. Il BDS cerca di attaccare e di isolare Israele. Ma qual è l’importanza di Israele per la Giordania e per il mondo? Perché qualcuno dovrebbe preoccuparsi se Israele viene colpito? Il presidente della opposizione giordana, Mudar Zahran, ha scritto lo scorso anno: “Se un giorno Israele dovesse cadere, la Giordania, l’Egitto e molti altri paesi cadrebbero con esso e l’occidente dovrebbe elemosinare il petrolio dall’Iran. Possiamo odiare Israele quanto vogliamo, ma dobbiamo capire che senza di esso anche noi saremmo finiti”.
Israele è capofila nella guerra contro il terrore nella nostra regione, e se Israele fosse colpito anche noi soffriremo, e la Giordania più di tutti. Per questo il BDS è una minaccia per noi tutti – una minaccia per l’America almeno quanto è una minaccia per Israele, la Giordania, e per i nostri fratelli palestinesi. Il BDS sostiene di voler colpire Israele perché opprime i palestinesi. Se è così, perché il BDS non prende mai di mira il governo giordano che opprime e distrugge le vite della maggioranza giordana di origine palestinese, e lascia nella fame molti del mio popolo, i beduini giordani? Perché il BDS non boicotta mai il Libano dove ai palestinesi è proibito persino di guidare un taxi? Perché non boicotta la Siria, dove il presidente Assad ha ucciso migliaia di palestinesi nel campo di Yarmouk?
BDS, ammettetelo: voi siete razzisti ed antisemiti. Le vostre attività sono una minaccia per la Giordania e la mia missione di ministro del commercio ombra della Giordania è di favorire, espandere, rinforzare e promuovere il commercio tra il mio paese e Israele.
Ma il BDS non è solo. Non potrebbe sopravvivere senza sostegno finanziario e politico, e noi della opposizione giordana sappiamo bene che esso riceve il sostegno di molti dittatori arabi. Da sempre i governanti arabi ci raccontano che Israele è il nemico e che dovremmo dimenticare i nostri bambini affamati e i nostri governi violenti per concentrarci esclusivamente sull’odio e l’uccisione degli ebrei. Il BDS promuove questi stessi concetti fallimentari.
Io vi dico, BDS: vergognatevi! Vergognatevi di attaccare il solo paese che offre posti di lavoro ai miei fratelli palestinesi. Vergognatevi di attaccare il paese che offre cure gratuite ai palestinesi ammalati di cancro. Vergognatevi di aver venduto le vostre anime ai regimi arabi. Come musulmano so bene che il mio Profeta Maometto fu accolto a Medina dagli arabi e dagli ebrei, commerciò con loro e firmò perfino un patto di reciproca difesa con gli ebrei. Come giordano e come membro dell’opposizione in Giordania, vi dico che è tempo di smettere di parlare di pace e di vivere invece la pace attraverso la prosperità economica; questa è la nostra promessa e la nostra missione. Il BDS è non solo odioso e vergognoso, ma rafforza i dittatori arabi che in modo ipocrita criticano Israele per presunte violazioni dei diritti umani mentre essi stessi sono i massimi violatori dei diritti umani nel mondo. Un uomo si riconosce dalla compagnia che frequenta; se il BDS riceve il massimo sostegno dai dittatori arabi e musulmani, cosa ci dice questo del BDS? Noi arabi abbiamo boicottato Israele per 70 anni. Dove c’ha portato tutto questo? Siamo anni luce dietro Israele nella tecnologia e nell’economia. Dobbiamo fermare questa cosa in Giordania e incominciare a imparare dai nostri amici israeliani. Questo sogno non è nuovo. Era il sogno del primo ministro Yitzhak Rabin, che vedeva nella prosperità economica la via per la pace. Ecco perché fui onorato di organizzare un evento in suo ricordo al Congresso degli Stati Uniti dopo la sua morte più di 20 anni fa.
Facciamo rivivere la sua memoria attraverso le azioni. Trasformiamo le speranze perdute in una bella realtà e la delusione in felicità. E buttiamo il BDS dove merita, nel secchio dell’immondizia della storia. Presto nel futuro la Giordania sarà libera e costruiremo un nuovo sistema di stretta collaborazione con Israele attraverso associazione e non competizione, attraverso una vera cooperazione piuttosto che attraverso una pace fredda.
Trasformeremo la Giordania in un modello da seguire per i paesi arabi attraverso la cooperazione con i nostri fratelli e sorelle israeliane e con la benedizione dei nostri amici americani.
Am Yisrael Chai. Am Yarden Chai.

Abdel Almaala è membro della Coalizione di Opposizione in Giordania.
Fonte: israelhayom (ignoro di chi sia la traduzione)

Sì, cari signori boicottatori: raccontate pure a voi stessi tutte le favole che volete, ma la verità è chiara come il sole: non siete altro che dei luridi, infami antisemiti. Fratelli di sangue di questi qua


naziboycott-4
naziboycott-5
naziboycott-6
barbara