WADI KELT (11/6)

Wadi Kelt (o Qelt) è un canyon roccioso che si trova nel deserto di Giudea, e precisamente qui
wadi-kelt-1
wadi-kelt-2
wadi-kelt-3
partendo da circa 20 chilometri da Gerusalemme e arrivando fin sopra Gerico, nei pressi del mar Morto. Lasciato l’autobus
wk-1
si dà un’occhiata intorno all’affascinante paesaggio desertico,
wk-2
notando tra l’altro le linee lasciate dalle colonne di capre in transito,
wk-3
wk-4
quindi ci si inoltra sul sentiero
wk-5
che, passando davanti alle grotte degli eremiti,
wk-6
porta alla vista del monastero di San Giorgio, incastonato nella montagna.
wk-7
wk-8
wk-9
wk-10
wk-11
wk-12
Costruito originariamente intorno a una grotta nel IV secolo, crebbe sotto il dominio greco-ortodosso nel secolo successivo. Distrutto dai persiani – e massacrati i monaci – nel 614, rimasto abbandonato per quasi mezzo millennio, ricaduto in disuso dopo un tentativo di restauro da parte dei Crociati, fu definitivamente restaurato da un monaco greco alla fine del XIX secolo ed è tuttora in funzione. Volendo, si può raggiungere a piedi dal ponte che attraversa il canyon del fiume Kelt.
wk-13
In questa foto è chiaramente visibile sulla sinistra, anche l’acquedotto.

barbara

  1. Paesaggi molto brulli. Molto diversi da quelli visti in Italia Non mi hanno dato l’ impressione di abbandono , di senso di abbandono.
    Sono tanti i luoghi che in Israele parlano di vita nei vari secoli anche quanto il suo popolo era ridotto..E..successivamente..dopo secoli dopo avere subito tante manifestazioni le piu’ negative che l’ essere umano possa mettere in atto nei confronti di un popolo che in
    tanti settori della vita è in testa fra altri popoli che hanno avuto un’ esistenza mai così bersagliata.
    I love Israel !

      • Concordo e confermo: e tu – temo – non hai neppure mai dormito “à la belle étoile”, fuori dalla tenda, sul materassino gonfiabile, infagottata in tuta e sacco a pelo, con l’escursione termica che c’è in deserto, ma.. quanto ne vale la pena! Che poi, dormito è un eufemismo.. e chi ha dormito davvero, con la bellezza del cielo sopra, molto sopra la testa, gli occhi fissi alle stelle, le orecchie tese a captare i fruscii intorno?
        Per poi svegliarsi del tutto, la mattina, e cercare di identificare, dalle tracce sulla sabbia intorno, gli autori delle stesse: tanti, e vari..
        1984: trent’anni di meno.. se po’ fa’.

  2. Ha ben poca importanza: ma era il 1983, non ‘4: quindi avevo 41 anni, ed era la mia prima volta in deserto, il che significa che ero rimasta completamente conquistata, come mai più, dopo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...