IL SEGRETO DEL MIO TURBANTE

Narrato in prima persona dalla protagonista, nella prima parte è senz’altro godibile: Nadia, bambina afghana, prima rimane sfigurata per l’esplosione di una bomba che distrugge la sua casa, poi, per una serie di vicende, si ritrova a dover sostenere la propria famiglia; decide così di farsi passare per ragazzo e accettare i lavori più duri pur di riuscire a guadagnare quanto necessario. Certamente credibile che una bambina impubere possa passare per bambino. Credibile che, lavorando duro, possa irrobustirsi fino a diventare forte quanto e più di un maschio. Ma è davvero credibile che a tredici anni, a quindici, a diciotto ancora nessuno si accorga che ha pelle da donna, mani da donna, piedi da donna, voce da donna?! E tuttavia tutte le recensioni reperibili in internet la danno, senza dubbi o titubanze, come storia vera. Mah. Se capita in mano, può comunque valere la pena di leggerlo per l’ambientazione, probabilmente descritta dal vivo e dall’interno, della vita in Afghanistan dopo la fine dell’occupazione sovietica, con l’inizio della guerra di tutti contro tutti prima, e l’avvento dei talebani poi.

Nadia Ghulam e Agnès Rotger, Il segreto del mio turbante, Sperling & Kupfer
turbante
barbara

  1. Esistono ragazzi che si sviluppano molto tardi e che a 18 anni possono avere voci femminili. Un mio amico era così. A 18 anni era più basso di me (anche se solo di pochi centimetri), imberbe e con voce femminile (Anche se lui era anche gay).
    Vi sono ragazze a cui il seno cresce tardi. Una ragazza che conoscevo fino a 18 anni era piatta e senza girovita, muscolosa e anche la distribuzione del grasso era più simile a quella di un ragazzo piuttosto che a quella di una ragazza. L’ho rivista a 25 anni e le era cresciuto un pò di seno, era comunque una prima. massimo un inizio di seconda.
    Magari Nadia era una di queste.

    • Il corpo non conta: il seno era strettamente fasciato e il tutto era coperto dall’ampia palandrana. E ovviamente neanche la statura: mia cugina è un metro e novantaquattro (uno e novanta a 15 anni) e ci sono uomini che non arrivano a uno e sessanta. E’ tutto il resto che conta. E non esistono diciottenni-diciannovenni senza ombra di peluria sul viso, coi lineamenti da donna e soprattutto con mani da donna e pelle da donna. E se per caso ne incontri uno dici ma guarda quello, sembra una ragazza.

  2. Vero..non vero..Ma lo potrebbe essere benissimo. In certi paesi,tanti vi sono condizioni umane che lasciano molto a desiderare. Le donne e i bambini sono i più lesi e anche inascoltati…lontani da un certo orizzonte dove si dovrebbe vedere…intravedere un barlume
    di diritti umani.
    …Tempo fà in un reportage..una donna afgana perchè vedova e con figli è come non avesse più diritto a niente! Per vivere..avendo delle galline con le loro uova faceva dei dolci
    che vendeva.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...