HU YIVARECH – BENEDICA

Questa sera è iniziato Yom haZicharon, il giorno del ricordo dei soldati israeliani caduti in guerra o per mano dei terroristi.

Chi legge l’ebraico può recitare questa preghiera per i soldati.
xsoldati
Credo che questa sia anche l’occasione giusta per ricordare la gloriosa Brigata Ebraica che contribuì, con non piccolo sacrificio di sangue, a liberare l’Italia dal nazifascismo. Ecco questa, vedete, è la brigata ebraica
brigata ebraica
e quella è la sua bandiera (per quelli che pretendono che la bandiera israeliana non c’entri con la festa della liberazione). E poi andate a leggere questo articolo.

barbara

Annunci

  1. E, anche grazie all’EROICA BRIGATA EBRAICA, sono qua e posso scrivere… alla faccia di smuraglia e quant’altri sulla stessa lunghezza d’onda! NO PASARàN, né oggi né domani né MAI!!!!!!…

    Mi piace

  2. Gli ebrei sono sempre presentati nel modo sbagliato. O come aguzzini (da parte degli antisemiti) meritevoli di tutto il male, o come dei poveretti che accettano a testa bassa il loro destino (questi sono simili a quelli che vedono i neri come dei subumani con meno intelletto, che hanno bisogno del bianco che parla per loro). Fai bene a fare informazione e a mostrare al mondo che gli ebrei hanno combattuto contro i nazisti come il resto degli oppositori del nazismo. D’altro canto, se gli ebrei erano gli agnellini che i poverinisti sognano, Israele oggi non esisteva.

    Mi piace

    • E non dimentichiamo la rivolta del ghetto di Varsavia, in cui una banda di straccioni affamati con poche armi ha tenuto testa per quasi un mese all’esercito più potente del mondo.
      In ogni caso, come diceva la grande Golda, “preferisco le vostre critiche alle vostre condoglianze”.

      Mi piace

      • Ehhhhh???… Che dici, Barbara???… SQUALLIDI personaggi???… Squallido sono io… QUESTI SONO DEI VERMI DA MANDARE COME PACCO DONO ALL’IRGUN (O ANCHE ALLA BANDA STERN)!!!… Ma siccome non ci sono più – e forse è meglio così – va bene infilarli anche nella Fossa delle Marianne.
        Troppo comodo cavarsela così…. a buon mercato! La triplice, le bandiere israeliane bruciate, il Ghetto di Varsavia, le cronache antisemite a margine di una partita di pallacanestro (qualcuno ricorda “il Giorno”, Gian Maria Gazzaniga, fine anni ’70? Da “La Prealpina” di Varese: “Eppure, mercoledì 7 marzo 1979 lei – Enzo Rosa, ex ultrà dell’Emerson, ndr – era al palazzetto tra gli ultrà mentre si giocava la partita di Coppa dei Campioni di pallacanestro tra la Emerson Varese e il Maccabi Tel Aviv, incontro diventato purtroppo tristemente noto perché la curva nord mandò in scena una vergognosa gazzarra antisemita: apparvero croci e striscioni inneggianti al genocidio ebraico, vennero urlati slogan irripetibili”: “Senta, lo striscione «Adolf Hitler ce l’ha insegnato, uccidere gli ebrei non è reato» non può mai essere considerato gogliardico”… e via elencando… Questa era, ed E’, l’italietta!) gridano ancora vendetta e l’eco si sentirà fino alla fine dell’Universo!
        Come scriveva Primo Levi “(…) se io fossi Dio, sputerei a terra la preghiera di Kuhn”!

        Mi piace

  3. Bellissimo filmato e bellissima canzone, stupendi figli e figlie di Israele…
    Un giorno andrò in Israele e ne abbraccerò uno come abbracciarli tutti.
    Grazie a D-o Israele esiste!

    E tutti i suoi nemici si fottano…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...