IL VOLTO DEI NOVAX

Per una volta – credo sia la prima – condivido in pieno un articolo di Anna Foa.

Mi ha colpito, questa settimana, la foto degli antivax che aggrediscono tre deputati del PD davanti a Montecitorio. Si perché ormai, come all’inizio del fascismo, i deputati si aggrediscono. Ma non è stato tanto l’episodio in sé, risoltosi per fortuna senza feriti o danni, a colpirmi, quanto la foto di queste persone mentre gridano e attaccano i tre parlamentari. I loro volti, sono uomini e donne, sono deformati dall’odio. Non hanno più niente di umano. Si può parlare di una mutazione antropologica. Dietro ci immagini molte cose: innanzitutto, un’ignoranza crassa. Poi, un rancore sociale violento verso chiunque credano più ricco o più potente di loro. E una violenza sconfinata,
L’odio colpisce anche chi lo prova. Certo, prima di tutto colpisce gli oggetti dell’odio, in questo caso noi, persone civili, che crediamo nel patto sociale, che fondamentalmente ci fidiamo della scienza, che pensiamo che la violenza non va usata in nessuna circostanza. Ma poi l’odio colpisce anche chi lo alimenta, deforma il suo volto fino a farlo apparire mostruoso, riporta indietro il mondo a passati assai remoti, anche più remoti di quello squadrismo fascista che evocano a prima vista. Guardate i vostri volti, umani non più umani, e riflettete se ancora avete mente. (Pagine Ebraiche, 31/07/2017)
novax 1
novax 2
novax 3
NOTA: immagino che la signora col top nero rifiuti i vaccini perché ti infilano i metalli sotto la pelle…

barbara

AGGIORNAMENTO: poi vai a leggere questa sacrosanta presa di posizione.

Annunci

  1. Mi indigno tantissimo quando sento parlare di vaccini in termini di “favorevole o contrario”, come se la loro affidabilità dipendesse dall’opinione popolare e si potesse decidere a maggioranza. La democrazia è il miglior sistema di governo possibile, ma ha creato l’illusione che siamo tutti uguali anche al di fuori della politica, anche in ambiti (come la scienza) dove invece chi non ha studiato non ha voce in capitolo.
    E la cosa più insopportabile è proprio questa: i novax trovano un link (UN LINK!) che supporta la loro tesi, e in virtù di quel link pretendono di saperne di più rispetto a persone che studiano medicina da decenni. Non c’è soltanto irresponsabilità, ma anche arroganza.
    Ovviamente sono degli irresponsabili anche i politici che li corteggiano e coloro che scrivono gli articoli contro i vaccini. E la cosa peggiore di questi articoli è che spesso risultano perfettamente convincenti per chi non ha una cultura scientifica. Soltanto un esperto può smentirli, e soltanto a seguito di lunghe spiegazioni. Davanti alle quali ovviamente i novax reagiscono facendo orecchie da mercante, oppure dando all’esperto del venduto.
    Ecco, anche questo è insopportabile nell’atteggiamento dei novax: esattamente come i membri di una setta, rifiutano qualsiasi dialogo con chi non ha aderito al loro culto, e anzi adottano la mentalità (tipicamente settaria) per cui “Se non sei con noi, sei contro di noi.”
    Proprio per questo è molto difficile smontare il movimento novax. Non so quanto lunga dovrà diventare la scia di morti innocenti da loro causata, prima che avvenga finalmente una presa di coscienza da parte loro. Posso soltanto pregare che quel giorno arrivi presto.

    Mi piace

    • Il problema è che non si tratta di ignoranza in senso stretto. Il bambino in spiaggia ignorava che c’è un sacco di gente che muore per mancanza di acqua, che ci sono popoli che si fanno guerre sanguinose per il possesso di un rigagnolo e ci giocava allegramente tenendo costentemente aperto il rubinetto della doccia. Sono andata a spiegarglielo, lui ha capito, ha fatto la faccia contrita e a tenere il rubinetto aperto per mezz’ora non l’ho più visto. Qui si tratta di gente che ha come minimo un diploma di scuola superiore, non di rado una laurea, e per una qualche perversione della loro mente si sono convinti che gli aerei scaricano scie chimiche per avvelenarci, che dei globulini di zucchero spruzzati di acqua funzionano meglio di antibiotici e antiinfiammatori, che una dieta vegana ti cura il cancro meglio di qualunque intervento chirurgico e chemioterapico. E non ci sono spiegazioni razionali che li possano convincere che si sbagliano, perché loro sono gli unici furbi che hanno capito che cosa c’è dietro e quindi non si fanno fregare. L’unica, come ha detto l’amico Barney che ha commentato là sopra, è aspettare che la selezione naturale faccia il suo corso.

      Mi piace

    • Non confondere scienza e politica.
      In questo caso l’essere FAVOREVOLE O CONTRARIO non riguarda le vaccinazioni in quanto tali, ma L’OBBLIGO VACCINALE(secondo la legge appena approvata).
      Cioè si può anche essere favorevoli ad alcune(o a tutte) delle vaccinazioni consigliate, e disponibili a somministristrarle ai propri figli, ma contrari all’obbligo vaccinale posto nei termini della legge!

      Bisogna fare una distinzione tra scienza e legge. La scienza può dirci quali sono i vantaggi(solitamente molti, tranne che per alcune vaccinazioni, come quelle anti-influenzali, per le quali esistono dei dubbi anche in ambito scientifico), e i rischi(pochissimi e assai improbabili) delle vaccinazioni, ma non esiste una legge scientificamente perfetta e dunque indiscutibile!
      E in democrazia non dovrebbero aver voce in capitolo solo gli scienziati(tra l’altro vorrei ricordare che uno dei regimi politici in cui la “scienza medica” ha avuto maggior potere è stato proprio il nazismo…con questi non voglio fare parallelismi tra l’Italia di oggi e la Germania nazista, ci mancherebbe, ma voglio soltanto dire che gli scienziati al potere possono anche far danni, non sono necessariamente una condizione auspicabile come qualcuno tende a pensare!)

      Mi piace

      • Purtroppo ricordo nettamente di aver sentito parlare di favorevole o contrario ai vaccini, e non all’obbligo vaccinale… peraltro, tu vuoi tenere separate la posizione sui vaccini e quella sull’obbligo vaccinale, ma non ti rendi conto che le due questioni sono troppo strettamente legate tra loro per poterle scindere: l’obbligo vaccinale è una contromisura che si è resa necessaria proprio perché c’erano troppe persone contrarie ai vaccini, e quindi non sussisteva più l’immunità di gregge.
        Mi ha colpito soprattutto la tua frase per cui “in democrazia non dovrebbero aver voce in capitolo solo gli scienziati.” Hai involontariamente confermato ciò che avevo scritto nel mio primo commento: “La democrazia è il miglior sistema di governo possibile, ma ha creato l’illusione che siamo tutti uguali anche al di fuori della politica, anche in ambiti (come la scienza) dove invece chi non ha studiato non ha voce in capitolo.”

        Mi piace

        • “in democrazia non dovrebbero aver voce in capitolo solo gli scienziati.” vuol dire IN POLITICA, poi ovvio che all’ospedale hanno voce in capitolo soprattutto i medici, ai convegni scientifici si discute tra accademici, l’Istituto Superiore di Sanità è diretto da scienziati, e così via…quelli che sono scesi in piazza, non pretendevano di riscrivere le linee guida sulle vaccinazioni(compito che spetta alle istituzioni scientifiche), ma protestavano contro una legge.

          Molti di essi sono anche contrari ai vaccini tout court per ideologia e non cambierebbero idea nemmeno se crollasse il mondo, molti altri sono semplicemente genitori troppo apprensivi che magari con un’opera di informazione e comunicazione adeguata potrebbero essere riportati su posizioni più ragionevoli, ma qualcuno ha contestato l’obbligo anche senza mettere minimamente in dubbio l’efficacia e la sicurezza dei vaccini (ad esempio il giornalista Guglielmo Pepe, l’epidemiologo Antonio Clavenna, e altri…)

          Mi piace

        • Andrea, ne abbiamo già discusso fino allo sfinimento in occasione di altri miei post sull’argomento. E’ vero che oggi ci sono due interlocutori nuovi, ma non è mica una buona ragione per tornare a ripetere di nuovo tutte le stesse cose! Quanto ai genitori apprensivi, cosa mi dici della donna incinta, di cui ho postato la documentazione tempo fa, che ha detto alla radio “piuttosto che far vaccinare mio figlio abortisco”? Madre apprensiva? Una pronta ad assassinare il proprio figlio sarebbe semplicemente una madre apprensiva e preoccupata per la salute dei propri figli?! Quanto all’obbligatorietà, come ha recentemente ricordato in un altro blog l’amico myollnir (medico), se ti becchi una malattia venerea tu sei obbligato per legge a curarti: la ritieni una vessazione? Un’ingiustizia? Una prevaricazione? Un sopruso? Dici la salute è mia e decido io se e quando e come curarmi, così come diresti il fucile è mio e decido io se e come e contro chi sparare? (Spero si sarà notata la finezza, da parte mia, di scegliere come arma il fucile e non la pistola).

          Mi piace

        • Ci sono fanatici, come quella che dice “piuttosto abortisco”, però a leggere i commenti sui social mi sembra anche che c’è una certa quota di genitori fobici- super apprensivi, che leggono o sentono storie su effetti avversi, bambini morti dopo il vaccino, bambini diagnosticati di autismo in coincidenza con le vaccinazioni, e tendono a ingigantire enormemente i rischi, e farsi mille paranoie su quello che potrebbe succedere agli adorati figlioli.

          “Quanto all’obbligatorietà, come ha recentemente ricordato in un altro blog l’amico myollnir (medico), se ti becchi una malattia venerea tu sei obbligato per legge a curarti: la ritieni una vessazione? Un’ingiustizia? Una prevaricazione? Un sopruso?”

          No, non la ritengo una prevaricazione( c’è una differenza rispetto al vaccino. La vaccinazione è una misura puramente preventiva , mentre la malattia venerea contagiosa e non curata, senza precauzioni, è una minaccia concreta attuale. Se facessi sesso non protetto avendo un HIV non “tenuto a bada” dalla terapia antiretrovirale, sarei una minaccia per la salute delle mie eventuali partner), ma purtroppo è una legge che esiste solo sulla carta(come rischia di diventarlo anche la legge sulle vaccinazioni).
          Nel concreto, per ovvi motivi pratici(e anche di leggi sulla privacy) nessun medico può davvero controllare che un paziente si curi davvero per bene le proprie eventuali malattie sessualmente trasmissibili, e che si astenga dal sesso(o prenda efficaci precauzioni) fin quando può essere contagioso.(a meno che non sia il paziente stesso a dire esplicitamente al medico, NON MI CURO, E CONTINUO A SCOPARE SENZA PROFILATTICO. E anche in questo caso, sempre per via delle leggi sulla privacy e sul segreto professionale, non so se il medico può intervenire legalmente)
          Di fatto il rischio di conseguenze penali e multe/risarcimenti c’è solo a posteriori, solo a danni fatti!

          P.S. Ti ringrazio per la finezza, ma non sono affetto da manie di grandezza genitali, né da particolari complessi di inferiorità dell’uccello…non ho misure da pornoattore africano, ma me ne sono fatto una ragione!

          Mi piace

        • La pistola l’ho evitata a causa del doppio senso della parola, non per via delle sue modeste dimensioni rispetto al fucile. Tanto più che, personalmente, le dimensioni sono l’ultima cosa al mondo a potermi interessare.

          Mi piace

        • Ok, mi pareva strano. Beh, per voler evitare il doppio senso, alla fine l’hai messo ancora più in evidenza(se non avessi letto la tua puntualizzazione sul fucile, forse non ci avrei nemmeno fatto caso)! 😉

          Mi piace

  2. L’articolo del link è una provocazione, ma c’è gente che davvero è contraria all’istruzione. Gente che sparla della scuola dicendo che i libri servono solo per il fuoco e che leggere e scrivere non serve a niente. Scrivendo su internet. Ipocriti.

    Mi piace

    • Dici sul serio? La mia era una provocazione, una iperbole al massimo, ma non immaginavo ci fosse veramente gente che la pensa così.
      Altro che medioevo, tra un po’ ritoerniamo direttamente all’età della pietra 😮😮

      Mi piace

        • In effetti non è raro che qualcuno prenda per buoni gli articoli di Lercio; la cosa tragicomica è che mi è anche capitato di trovare qualche articolo di Lercio in siti antibufala, denunciati come bufale! D’altra parte già il buon Montanelli diceva: “Mi raccomando, quando fate una battuta ricordatevi sempre di dire ‘adesso faccio una battuta, due punti aperte virgolette’. E ricordatevi poi di chiuderle, che con certa gente è proprio indispensabile”.

          Mi piace

        • O yessss!
          Nota, visto che sei nuovo da queste parti: questo blog è leggermente allergico agli emoticon. Per i primi tre non scattano sanzioni (tipo randellate sulle gengive e altre varie amenità su cui il gattaccio, se dovesse passare da queste parti, potrà darti ampi ragguagli) quindi per quelli scodellati fin qui sei ancora in franchigia. Da qui in avanti vedi tu…

          Mi piace

  3. Molti son talmente presi del gridare “al fascista” da non accorgersi che certi comportamenti son molto simili a quelli che hanno portato allo sviluppo del fascismo:
    – una minaccia verso i bambini o i deboli
    – una classe sociale od un popolo che sta meglio da usare come capro espiatorio: i professoroni, meriti che vengono percepiti come ingiusti visto che un laureato all’università della vita è, per loro, equivalente a chi per laurearsi ha dovuto sudare all’università.
    – gente abbastanza cinica da fare da sponda politica e usarli come truppe d’assalto.

    io vedo molti ingredienti del cocktail italia 1920…

    Mi piace

      • Il fatto è che questi fenomeni: novax, nazivegani, animalardi e compagnia sono in realtà una maschera che i residuati delle vecchie ideologie utilizzano per continuare a sopravvivere e a cercarsi la rivincita.
        Se nel XX secolo l’identità politica era data dall’appartenenza a un pensiero politico, oggi è data dall’appartenenza ad uno stile di vita. Ma dietro questo “stile” c’è sempre e comunque una certa visione del mondo.

        Mi piace

        • Tempo fa ho proposto alcuni post – con documentazione linkata da un blog che purtroppo ad un certo punto è stato chiuso, eliminando tutti i preziosi documenti pubblicati – in cui si vedono all’opera tutti questi sedicenti animalisti, e le terrificanti sofferenze che provocano agli animali da loro salvati. Ricordo uno in una conferenza stampa di due ore sotto il sole in piena estate, con in braccio il cagnetto “salvato”, visibilmente sofferente, disidratato, affamato… E il cane sottratto violentemente al barbone che insieme a lui chiedeva l’elemosina. E gli animali da pelliccia, nati ovviamente in cattività, ossia senza alcuna conoscenza del mondo fuori, nessuna possibilità di procurarsi cibo, “liberati”, mandati fuori, finiti quasi tutti sotto qualche macchina (con rischio anche per gli occupanti dell’auto), destinati a morire fra atroci sofferenze anziché nel modo totalmente indolore con cui – se non per compassione almeno per non rovinare le pellicce – vengono uccisi negli allevamenti. E potrei continuare a lungo. Quello che se ne evince è che degli animali non gliene frega assolutamente niente, l’unica cosa che conta è l’ideologia e il “combattere contro”. Stesso discorso per i novax, che in nome della loro ideologia e della loro “lotta contro”, espongono al rischio di malattia e di morte i propri figli e quelli degli altri. Stesso discorso per i vegani – e qui la lista delle lobby che ci si arricchiscono sarebbe mooooolto lunga – che condannano i propri figli alla denutrizione e malnutrizione. Stesso discorso per i BDS antiisraeliani e sedicenti filopalestinesi, che costringono Israele a chiudere una fabbrica nei territori, costringendo Israele a spostare la produzione da un’altra parte (poco male), e molte centinaia di lavoratori palestinesi a restare senza lavoro, e di conseguenza molte migliaia di palestinesi a restare senza di che mangiare.

          Mi piace

        • Beh, fra quelli che avevano scelto di lavorare in una fabbrica israeliana, gomito a gomito dalla mattina alla sera con gli ebrei israeliani, penso ce ne sarà più di qualcuno che a fare il terrorista nutrito di odio e di morte non abbia una grandissima propensione

          Mi piace

    • Tra l’altro, a proposito di comportamenti fascisti, basti pensare agli “antifascisti” che il 25 aprile regolarmente aggrediscono (verbalmente; ma se non ci fosse il robusto cordone di sicurezza, a sua volta pesantemente insultato per il ruolo che svolge, non so – o forse so fin troppo bene – come finirebbe) la bandiera della Brigata Ebraica che, a prezzo di numerose vite, dal fascismo ha contribuito a liberarci.

      Mi piace

  4. Il bello è che molti novax dicono che in Finlandia e Germania sono più civili perchè in quei paesi l’obbligo vaccinale non c’è. Beh, potrebbero iniziare a emigrare lì, così i paesi suddetti saranno costretti a rimettere l’obbligo a loro volta.
    #FreedomOfMovement

    Mi piace

    • Sai cosa ti dico? E’ ora di finirla con queste vergognose vessazioni. Basta con l’obbligo della patente per poter guidare. Basta con l’obbligo della visita medica per praticare sport a livello agonistico. Basta con l’obbligo della ricetta medica per acquistare farmaci con la scusa che sono potenzialmente pericolosi. Basta con l’imposizione di una determinata età per potersi sposare. Basta con l’obbligo della laurea in medicina per poter tagliare pance e di quella in ingegneria per costruire case e ponti. E’ ora di dire basta!

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...