ED ECCO QUA IL RESTO

Il padrone di casa arriva, intenzionalmente, con una buona decina di minuti d’anticipo sugli altri due (che a loro volta arrivano invece in ritardo), perché mi vuole parlare. Tira fuori il foglietto su cui si è annotato le cose da dirmi e comincia: Se io la cerco e lei non è raggiungibile, a chi mi posso rivolgere? [prego?] Ora, io ho un cellulare, che lui ovviamente conosce, e un fisso, altrettanto conosciuto. Quando non ho voglia di farmi rompere le scatole spengo il cellulare e stacco la spina del fisso; voglio dire, se non mi trova è perché non voglio farmi trovare, quindi come non riesce a trovarmi lui, non mi trova nessun altro, a chiunque si rivolga. E lì parte un’approfondita indagine sulle mie frequentazioni contatti relazioni eccetera eccetera, prediche per come mi relaziono agli altri che lui invece ha sempre fatto tutto il contrario [poi vieni a dirmi che è coi giovani che ci vuole tanta pazienza]. Poi improvvisamente si accorge che ho una maglietta con le maniche corte. E si lamenta della bronchite?! Lei deve coprirsi! Scusi, dico, ci sono ventisette gradi. Sì, ma sono ventisette gradi di ottobre, mica ventisette gradi di luglio. Abbia pazienza, ma la mia pelle non sa leggere il calendario: lei si accorge che ci sono ventisette gradi e sente caldo, e con una maglietta di cotone a mezze maniche sta benissimo. Ma per martedì è prevista la bora! Mancano sei giorni. Sì, ma il tempo comincia a cambiare già lunedì. Mancano cinque giorni. No, lei deve mettersi un gilè, come fanno gli americani, li ha visti gli americani? Tutti col gilè sulle spalle per non ammalarsi [effettivamente, chi ha mai visto un americano ammalato?] e io ho imparato da loro, da anni porto sempre il gilè e non ho mai più preso un’influenza: tutti gli anni faccio il vaccino, evito i luoghi affollati, mi tengo lontano dalle persone ammalate, e grazie al gilè non prendo l’influenza [se c’è una cosa che mi piace di quest’uomo è la logica]. Vede, dico con grande pazienza (trentasei anni di allenamento in cattedra servono anche nella vita reale – anche se più che reale mi sembra un tantino surreale, ma vabbè), se io, avendo già caldo così, mi metto qualcos’altro sopra, poi sudo, e poi il sudore mi si asciuga addosso, e poi diventa freddo, e così mi becco la polmonite. Ma no, ma quale sudore, ma quale si asciuga, ma quale polmonite! Se si mette una bella maglia spessa vedrà che non suda. Sudo, si fidi. Lei è di quelle persone così testarde che quando si mettono in testa una cosa non cedono neanche morte. Lo sa che cosa dico ogni volta che mi trovo di fronte a un medico? Dico: lei è da dieci anni, venti anni, trent’anni che fa il medico; io è da sessantasei che faccio la paziente: il suo mestiere lo conosce lei, ma il mio corpo lo conosco io. Mi hanno sempre dato ragione, tutti. E non mi faccio dire che cosa devo fare con una cosa che conosco da chi non la conosce affatto. [No, non ho detto il corpo è mio e me lo gestisco io perché fa tanto femminista sessantottina e se non l’ho mai detto in sessantasei anni sicuramente non ho intenzione di cominciare adesso, però, dite la verità, non ci sarebbe stato troppo male]. Sì ma poi apri di qua e apri di là e ci sono gli spifferi e… No, non apro di qua e poi anche di là, quindi non ci sono spifferi. Perché anche mia moglie… Io non sono sua moglie [se lo fossi sarei vedova e in galera dal terzo giorno di matrimonio] – naturalmente ignora la mia obiezione e prosegue imperterrito raccontandomi tutta una lunga storia di lui e sua moglie e finestre aperte e finestre chiuse e… E poi lo dico sempre anche a mia moglie, bisogna sempre guardare in alto, non in basso. Oddio, se avessi guardato in basso invece che in altro quando mi sono avvicinata a quel gradino adesso starei decisamente meglio. Beh, sì, anch’io – e mi racconta per la quarta volta, l’ultima non più di cinque minuti prima, la storia della zappetta in garage che lo ha fatto cadere e allora mentre cadeva si diceva attento! Non cadere sul gomito! E poi: attento! Non cadere sulla spalla! Eccetera. Poi finalmente si ricorda del famoso foglietto e lo guarda e dice ah sì: io ho un omino che fa dei lavoretti, è un operaio in pensione ma ancora giovane, sessantadue sessantatre anni, e fa di tutto, se per caso ha bisogno basta che me lo dica… Ah sì, grazie, dico, questo mi fa davvero comodo, io mi arrangio a fare tante cose, ma per alcune ho bisogno di qualcuno più pratico di me, mi dia pure nome e numero – e prendo una busta vuota che sta sul tavolo e una penna… No no, quando ha bisogno lei mi chiama e io lo prendo e glielo porto qui di persona [no, cioè, fammi capire…]. E infine arriva il clou: lei deve volersi bene. Ah no, eh! Questo davvero no. Va bene tutto, ma le lezioni di vita no, per favore, quelle risparmiatemele. Che ogni volta che qualcuno ci prova mi si vedono le unghie, come dice Brick. Cioè, tu non mi conosci, non sai un cazzo di me, non sai un cazzo della mia vita, non sai un cazzo del mio rapporto con me stessa, non sai un cazzo di niente, e ti permetti di venirmi a dire come io mi devo comportare verso me stessa?! Ma vaffanculo! Perché vedi, caro il mio ineffabile maestro, io nella mia vita ho visto e vissuto e sofferto e affrontato e superato cose che tu neanche in dieci delle tue vite di merda vissute nella bambagia guardandoti allo specchio per dirti quanto sei bello e buono e bravo e intelligente e simpatico e spiritoso, e di lezioni di vita non ne prendo da nessuno. Meno che mai da un pallone gonfiato. Che le lezioni della vita le ho imparate tutte, compreso il modo di resisterci sopra il più a lungo possibile, non importa quanto possa scottare. [NOTA per te che leggerai: mi hai detto la stessa cosa e mi sono incazzata come una iena, e di lezioni di vita non ne accetto neanche da te. Però le altre cose che ho detto del pallone gonfiato per te non valgono, naturalmente. E tu sai perché]

Vabbè, consoliamoci delle brutture della vita con questa specie di aldilà (è questo il significato del titolo).

barbara

        • No, non dovresti saperlo perché non frequenti il blog che ne celebra le gesta. E purtroppo non posso descriverti e narrarti il personaggio perché martedì mattina ho un impegno, e sicuramente per allora non avrei terminato.

          "Mi piace"

        • Ma siccome ti voglio bene voglio darti un microscopico accenno. Insegna, si descrive come una strafiga di fronte alla quale gli alunni (scuola media) vengono presi da incontenibili tempeste ormonali e capita che uno le dica “ma lei è bella, perché insegna?” Ogni volta che parla di storia ti rendi conto che non sa un cazzo, e scrive libri di storia (“Socrate per esempio”,”Didone per esempio”, ribattezzati dagli amici “Sorcate per esempio” e “Dildone per esempio”), in italiano fa degli svarioni terrificanti, scrive le regole di grammatica e spara certe puttanate che se stai mangiando ti va di traverso, e il suo ultimo libro è “L’italiano è bello”. Nel blog, fra le altre cose, scrive “scenette di vita” che anche un cieco ubriaco ritardato si accorgerebbe che sono false (ma i suoi cicisbei ci si incantano; chi invece no viene bannato), tipo la tizia seduta accanto a lei sull’autobus che racconta al cellulare della vacanza in Grecia dove per fortuna non ci sono migranti perché alle navi di albanesi sparano col cannone al largo e poi fai il bagno e ogni tanto mentre nuoti ti arriva addosso un braccio, una gamba, roba così (e tutti a commentare diommio che cinismo, che insensibilità). Vabbè, eccotela in tutto il suo splendore.

          "Mi piace"

        • Non avevo visto quest’intervista. Proprio nel finale la spara grossissima: alla domanda su quale riscontro desse il suo pubblico al libro, dice che ha avuto 3 milioni di contatti, che però si riferiscono a 10 anni di blog, non ai pochi giorni dall’uscita del libro.
          Tremenda.

          "Mi piace"

        • Sicuramente si classificherebbe al primo posto nella gara di stupidità, in quella di contaballismo, in quella di ignoranza. Ma siccome si sceglie accuratamente gli interlocutori, tutti deficienti e tutti crassamente ignoranti, riesce a sfangarla.
          Carina anche quella della differenza fra la rete e i libri veri, che è che il libri pesano e poi ci vogliono le librerie per metterli.

          "Mi piace"

  1. Odiosamente saccente.
    Con 27°…gli americani stanno sicuramente in maglietta. E probabilmente non solo in casa..
    in inverno ..febbraio di turisti ne ho visti vestiti in giro anche in maniera estiva, salvo certe
    calzature che indossano sempre” tipo scarponi..stivali bassi ”.
    Anche il pediatra suggerisce di non coprire troppo il bambino.
    Incontro simile ad una purga.
    Basta..che il lavoro ” questa..seconda volta..” venga fatto in maniera adeguata e risolutiva.
    …Adesso.a casa mia.con impalcatura e tempi..molto diluiti la ditta stà facendo i lavori sul tetto e piccola facciata.
    Cosa sacrosanta…conosciamo bene noi stessi..e certi operatori non solo medici dovrebbero ascoltarci specialmente quando spieghiamo sintomi o dinamiche, che sopportiamo ma quando passano certe misure e tempi …anche lunghi ci rivolgiamo a loro..
    Fino ad adesso..purtroppo ho avuto sempre ragione. Che piacere..quando ci fanno subito
    delle domante centrate, intelligenti e professionali.
    P.S
    La collaboratrice modestica..è arrivata..valida?

    "Mi piace"

    • Validissima: una quarantenne sarda che è un caterpillar della pulizia.
      Quanto al lavoro, per non farmi svegliare gli ho dato la chiave della terrazza direttamente l’altro ieri. Stamattina ha cominciato il lavoro e nel primo pomeriggio, quando sono tornata dalla fisioterapia, l’ho trovata nella cassetta della posta. Temo che non servano commenti.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...