THIS IS A CHAMBER IN WHICH

“Judge Brett Kavanaugh is among the very best our country has to offer,” said Senator Mitch McConnell, Speaker of the Senate. “He unquestionably deserves confirmation… This is a chamber in which the politics of intimidation and personal destruction do not win the day.” (qui)

“Il giudice Brett Kavanaugh è tra i migliori che il nostro paese ha da offrire”, ha detto il senatore Mitch McConnell, leader della maggioranza del Senato. “Egli merita senza dubbio la conferma… Questa è una camera in cui la politica di intimidazione e distruzione personale non la spuntano”.

E dunque ha vinto – di strettissima misura, ma ha vinto – la giustizia. Ha vinto il buon senso. Ha vinto la democrazia, spazzando via, come è giusto, la spazzatura. Quanto al clamore sollevato dai pretesi peccati adolescenziali – pretesi da una signora rimasta talmente traumatizzata dalle molestie in questione da non riuscire a ricordare nessun dettaglio e nessuna circostanza – che ha indotto a setacciare tutta la sua vita come per nessuno era mai stato fatto prima, sarebbe il caso di ricordare che
peccati di gioventù
e per il signor Clinton ci sarebbe anche qualcosina d’altro a carico, volendo, con l’aggiunta della circostanza che in merito al qualcosina in questione ha anche mentito sotto giuramento (“spergiuro per aver mentito sotto giuramento sulla sua relazione con Monica Lewinsky nella deposizione davanti Gran Jury il 17 agosto; spergiuro nella testimonianza su Paula Jones; ostruzione alla giustizia per aver cercato di influenzare alcuni testimoni nell’ambito dell’indagine condotta da Kenneth Starr; falsa testimonianza su alcune delle 81 domande rivolte dalla commissione Giustizia il mese scorso”, qui). Se poi Brett Kavenaugh fosse davvero colpevole di ciò che la signora pretende…

Credo che una che lascia libero di circolare un predatore sessuale per 36 anni dovrebbe farsi qualche anno di galera… (Roberto Scavini)

Concludendo, anche l’ennesimo attacco sporco per interposta persona a Donald Trump, è miseramente fallito, e noi possiamo ancora una volta brindare: stiamo vivendo tempi decisamente felici.

barbara

  1. La cosa buffa è che alla fine l’arma “è un porco perché ventordici anni fa me l’ha fatta vedere e da allora son rimasta traumatizzata” (semicit. Elio e le storie tese), alla fine sta facendo fuori più gente dalla parte dei democratici; Weinstein era un loro forte finanziatore, non son ignote le pubbliche preferenze della maggior parte di hollywood.

    Se mi viene permessa una battuta misoginpatriarcale: si stanno martellando le palle per far dispetto alla moglie.

    "Mi piace"

  2. Cercare di colpire un uomo per come usa l’inguine è molto pericoloso: anche se l’accusa è vera, metà della gente griderà maiale ma l’altra metà lo applaudirà perchè vorrebbero essere ugualmente al posto suo o semplicemente come lui.

    "Mi piace"

    • Ricordo quando il presidente israeliano Moshe Katzav è stato processato per abusi sessuali nei confronti di alcune sue sottoposte – e in un caso pare si trattasse proprio di stupro – e Putin ha commentato “lui sì che è un vero uomo”. A quanto pare il buon zio Sigmund ha un tantino sbagliato bersaglio quando si è messo in testa che fossero le donne ad avere l’invidia del pene.
      A parte questo, “è mia e me la gestisco io”, ossia con questa faccio quello che mi pare e nessuno ha il diritto di giudicarmi, vale solo al femminile;salvo ripensarci dopo vent’anni. O trentasei.

      "Mi piace"

  3. Su Clinton: ha ammesso che si faceva le canne, sì, però ha anche detto che non inalava! (Probabilmente non lo faceva neppure Monica, perdonatimi il solito sessismo).
    Della cocaina di Obama non sapevo, dei Kennedy – mica solo Ted – ovviamnete sì; a questo proposito ti segnalo un bel film, “Chappaquidik”, veramente ben fatto, e strano che il copione sia passato ad Hollywood (ci sono tutti i maneggi politici dei Dem dell’epoca). Non sono sicuro che sia uscito in Italia: se è uscito certamente non se n’è parlato molto. Io l’ho trovato in rete.

    "Mi piace"

    • Adesso che mi ci fai pensare sì, in effetti l’avevo letta sta cosa che non inalava. Monica sicuramente no, visto che le prove stavano sul suo vestitino blu, accuratamente conservato nel freezer dalla prudente mammina (ma te la immagini una che arriva a casa e strilla mamma mamma guarda che cos’ho sul mio vestitino!).
      Dei Kennedy credo che l’unico pulito – almeno fino a prova contraria – sia Bob, per il resto una cloaca, con John, per restare in tema, che si faceva portare le ragazzine minorenni a carrettate.
      Del film in effetti non avevo mai sentito parlare.

      "Mi piace"

      • Film veramente valido, e ce n’è anche per il babbo, il vecchio Joe, quello che è diventato ricco col contrabbando di whisky durante il proibizionismo – come Al Capone, d’altra parte.
        Ovviamente in rete lo trovi facilmente, ma in inglese, ed essendo molto ricco di garbugli legali sparati a raffica che si faticherebbe a capire anche in italiano, serve scaricare almeno i sottotitoli, che aiutano anche se sono in inglese pure quelli.
        https://www.imdb.com/title/tt5270948/?ref_=nv_sr_1

        "Mi piace"

        • A carico del babbino caro, volendo, ci sarebbe anche la marachella di avere comprato la presidenza di John dalla mafia. Per non parlare di Rosemary Kennedy.
          Il film ho idea che sia proprio off limits per me. Non sai se per caso sia basato su qualche libro?

          "Mi piace"

        • IMDB non dice (se vi fosse il libro lo direbbe); d’altra parte credo che parlare male della Famiglia Reale del Massacchussett nelle case editrici americane sia ancora più difficle che farlo ad Hollywood, ed è tutto dire.
          Forse prima o poi arriva anche da noi, dopotutto in America è uscito solo sei mesi fa.

          "Mi piace"

  4. sui Kennedy e sull’universo che gli girava intorno sono bellissimi (e non so quanto romanzati) i tre libri di James Ellroy American Tabloid, Sei pezzi da mille e Il sangue è randagio…… davvero un bel quadretto edificante di una famiglia di mafiosi con la faccina pulita

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...