OGGI PARLO DI MODA

E precisamente di Gaby Aghion, creatrice del marchio Chloè

(qui notizie dettagliate) che, essendo la moda l’ultima cosa al mondo a potermi interessare, non avevo mai sentito nominare. Così sono andata a cercarla e, incredibilmente, al contrario di quello che si vede normalmente in giro quando si parla di moda, ho visto parecchie cose belle: vestiti che hanno l’aspetto di vestiti e non di stracci
c1
c2
c3
c4
c5
c6
c7
c8
c9
c10
abiti da cerimonia creati per coprire con eleganza e non per scoprire con volgarità
cerim 1
cerim 2
cerim 3
cerim 4
scarpe degne di questo nome
scarpe
occhiali dall’aspetto umano
occhiali
premaman a forma di vestito e non di sacco
premaman
e se hai qualche chilo in più c’è qualcosa di carino anche per te.
os1
os2
Ah, stavo quasi per dimenticare: Gaby Aghion e suo marito erano profughi. Di quelli che non esibiscono le chiavi di casa – magari di un tipo messo in commercio quarant’anni dopo il presunto abbandono della propria casa. Di quelli che non hanno un’agenzia miliardaria ad occuparsi di loro. Di quelli per i quali il mondo non si straccia le vesti. Di quelli che non passano la vita a frignare e a farsi mantenere e a seminare morte e distruzione. Di quelli che si rimboccano le maniche e affrontano la vita con decisione e con dignità. Come altri novecentomila
profughi ebrei
(qui) che il mondo continua a ignorare.

barbara

Annunci