A PROPOSITO DI “AUSCHWITZLAND”

Il miglior commento in circolazione.

YOUng

Si chiamava “Aktion T4” il programma nazista “di sterilizzazione e sterminio” dei disabili, dei ritardati mentali, degli affetti da sindrome di down, dei portatori di malattie genetiche ereditarie (o considerate tali), degli schizofrenici, degli epilettici, degli affetti da sifilide o da demenza senile, di tutti coloro che rappresentavano, nel delirio nazista, una qualche forma di “devianza” dall’idea ariana di “razza superiore”.
Furono sterminate centinaia di migliaia di persone, inizialmente tramite iniezione letale, poi, per risparmiare tempo e denaro, direttamente nelle camere a gas.
I bambini “inadatti” (definizione nazista per indicare ogni genere di handicap fisico o ritardo mentale), invece, non arrivavano mai ad “Auschwitzland”, perché venivano soppressi prima.
In foto, una persona che ignora che, molto probabilmente, sotto il nazismo, non sarebbe arrivata viva all’età per indossare quella maglietta.

(Emiliano Rubbi)

– photo © Eugenio Grosso – Photographer
Auschwitzland
Qui, grazie a Fiorella per la segnalazione.

barbara

Annunci