RICORDO DI CAPODANNO

È stato tanti tanti tanti anni fa. Ci erano arrivati dei nuovi vicini, che avevano una figlia. La mattina di capodanno hanno mandato la bambina, come segno di buon vicinato, a fare gli auguri di buon anno a tutti i vicini. Quando è arrivata a casa nostra, prima che avesse il tempo di completare l’augurio, mio padre l’ha letteralmente scaraventata giù per le scale urlando come un pazzo. Il motivo? Gli auguri fatti da una donna portano disgrazia.

Ecco, noi abbiamo lottato contro questo, loro lottano affinché ci abituiamo a dire avvocata sindaca ingegnera ministra (come segno di auto-buon-augurio, perché chi fa polemica il primo dell’anno fa polemica tutto l’anno, e siccome polemizzerò finché avrò forza, significa che di forza ne avrò da vendere).

Anyway, buon anno a tutti.

barbara

Annunci