DOPO NOVE GIORNI

E dopo infiniti impacchi di ghiaccio. E dopo infiniti massaggi con la crema. E dopo un’intera ora di trattamento drenante dal fisioterapista, adesso la mia anca appare così
livido
In effetti la macchia si è un po’ schiarita e rimpicciolita. Si è invece moltissimo ridotto il bozzo lì sotto, ossia sulla testa del femore, che prima era delle dimensioni di un pompelmo – rigorosamente israeliano, ça va sans dire. Poi ci sarebbero la spalla il ginocchio il gomito il polso la mano la caviglia e il polpaccio dell’altra gamba. Per non parlare della schiena. Ma passerà, perché siamo giovani e forti, come ho detto ieri alla direttrice del centro medico, e lei ha obiettato che quelli però non sono mica finiti tanto bene, e io ho replicato che quello vale per loro che erano trecento mentre noi siamo solo due e quindi il discorso non vale e una vecchietta striminzita carina carina che stava aspettando il suo turno e non stava smanettando sullo smartphone (perché le rarità vanno segnalate) ha trillato argentina: “La spigolatrice di Sapri!”. Vabbè. Poi oggi ripassandoci, in bicicletta perché non pioveva, ho capito come era andata esattamente la faccenda: io il piede l’avevo proprio posato sul marciapiede, solo che avevo beccato il punto in cui c’è la linea obliqua per andarsi ad appiattire, in modo da formare il passaggio per le sedie a rotelle. Se l’avessi messo nel tratto basso è abbastanza probabile che l’equilibrio sarei riuscita a mantenerlo, e invece l’ho messo sulla parte obliqua dove il piede, posandosi, restava storto. Cioè mi sono handicappata sulla facilitazione costruita per aiutare gli handicappati. Ma non preoccupatevi, tornerò più bella e forte che pria.

barbara

  1. Te lo ricordi, vero, quando – antesignani del futuro bds – i soliti noti (che poi sono i futuri Mavi Marmara) tentarono di boicottare la commercializzazione dei polpelmi Giaffa tirando fuori dal cappello a cilindro quello che, ai tempi, avevo etichettato come “antisemitismo al pompelmo”???… Quando arrivarono al punto di iniettare nei citati pompelmi venduti nei supermercati il blu di metilene, ‘sti figli di puttana e madre sconsolata… Quanco ce vo’… ce vo’… In bocca al lupo per “uscire dalla botta” al più presto!!!

    "Mi piace"

        • Beh, quello che è successo a Patrizia è stato un pelino più pesante della mia caduta.
          Il fisioterapista, da cui ero andata mercoledì per il consueto trattamento, mi ha sgridata per non essere andata subito. Comunque mi ha fatto un’ora di tecar subito e mezz’ora due giorni dopo, cioè ieri e devo tornare ancora lunedì. Per la verità ci credevo poco perché in tre precedenti occasioni in cui mi era stato fatto fare (anca, schiena e sciatica) non avevo visto il minimo risultato, e invece qui sembra effettivamente funzionare: la macchia, che prima del primo trattamento era molto più scura di quella che si vede nella foto, dopo il secondo si è ulteriormente schiarita, e il bozzo è un po’ meno duro e dolente. Poi dovremo provvedere anche alla schiena, ma lui ritiene più urgente evitare il rischio che il bozzo resti duro e dolente per sempre.
          Gli altri problemi per Patrizia si sono risolti? E siete riusciti ad avere un risarcimento da quel delinquente?

          "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...