UN PO’ DI COSE SU QASSEM SOLEIMANI E DINTORNI

Uno, due, tre quattro: les jeux sont faitsrien ne va plus.
1 2 3 4
E dopo le figure, che così si capisce meglio, passiamo alla scrittura.

Un primo pezzo dedicato ai catastrofisti.

Teheran potrebbe pagare a caro prezzo la sua vendetta: dopo Soleimani, nessuno è più intoccabile

A leggere le prime pagine dei giornali italiani il giorno dopo l’uccisione di Qassem Soleimani, la sentenza quasi unanime che ne esce è praticamente uno sola: “Trump è un pazzo che ha portato il mondo sull’orlo della terza guerra mondiale”. Conclusione che fa alquanto sorridere, perché per quanto Trump sia un presidente sui generis, si dimentica che a morire è stato un terrorista, responsabile della morte non solo di centinaia di americani, ma anche di centinaia di occidentali e musulmani, fatti saltare in aria finanziando il peggior terrorismo internazionale (compresi gruppi di estrema destra, gruppi paramilitari latinoamericani dediti al narcotraffico e la stessa al Qaeda).

Detto questo, in attesa di capire quale sarà la vendetta iraniana, la sola conclusione che possiamo trarne è che buona parte dell’Occidente si è bevuta la efficace propaganda iraniana, che è riuscita a dipingere in questi anni Qassem Soleimani come un Che Guevara del XXI secolo, dedito unicamente alla lotta all’Isis e alla liberazione dei popoli oppressi… Una propaganda bevuta non soltanto grazie all’ottimo lavoro dei PR iraniani, ma anche con la complicità di tanti media occidentali, che hanno chiuso gli occhi davanti alla realtà del regime iraniano e alla sua natura terrorista e fondamentalista.

Una propaganda che ha potuto far breccia anche grazie alla folle strategia della precedente amministrazione Usa, quella di Barack Obama. Come noto, Obama puntava a ritirarsi dal Medio Oriente lasciando dietro di sé una specie di “equilibrio del terrore”, nel quale era riservata una parte centrale non solo alla Fratellanza Musulmana, ma soprattutto all’Iran. Per questo, davanti ad un Iran al collasso economico, nel 2011 Obama decise di ritirarsi dall’Iraq – nonostante il “surge” del generale Petraeus stava funzionando ottimamente, recuperando il sostegno degli stessi sunniti – di legittimare il programma nucleare di Teheran e di abbandonare al loro destino gli alleati tradizionali degli Stati Uniti nella regione. Avuta la benedizione americana, l’intero Occidente si adattò, trattando l’Iran come se fosse un El Dorado, coprendo le statue romane per non offendere la sensibilità dei clerici khomeinisti, salvo poi rendersi conto che fare affari con Teheran significava mettersi in casa i Pasdaran…

La stessa morte di Qassem Soleimani ci dice molto di quella che era la percezione dello stesso generale: ucciso davanti all’aeroporto di Baghdad, con un convoglio di scorta praticamente al limite del ridicolo. Segno evidente che – a dispetto delle sanzioni Onu – in Iraq (e non solo) Soleimani si sentiva a casa, pensava di poter entrare ed uscire come voleva, passando per gli aeroporti internazionali, dove persino un pivello dell’intelligence avrebbe potuto individuarlo. Pensava di essere ormai intoccabile. Quella stessa intoccabilità che gli permise di farla franca a Damasco quando venne ucciso Mughniyeh e di alzare il telefono per parlare con Petraeus, dicendogli di essere lui a comandare in Iraq…

Trump ha sovvertito tutto questo, mettendo fine ad uno status quo che durava da decenni. Potrebbe esserci un prezzo da pagare per questo? Ovvio. L’Iran potrebbe infliggere sofferenza ai suoi nemici occidentali? Ovvio, ma sono anche quaranta anni che lo fa, promuovendo terrorismo in ogni dove e passandola sostanzialmente quasi da impunito. Il punto centrale di tutta questa storia però è che ormai l’equazione è cambiata e oltre ai rischi di una “vendetta” iraniana, c’è anche un presidente americano che ha fatto dopo anni qualcosa che nessuno avrebbe mai immaginato, arrivando dove nessuno avrebbe pensato sarebbe potuto arrivare. Dunque, il problema del “giorno dopo” non si pone solamente per la Casa Bianca, ma anche e soprattutto per Teheran.

Colpendo un drone americano in acque internazionali, lanciando un missile contro una raffineria saudita dal suo territorio e attaccando l’ambasciata Usa a Baghdad, l’Iran ha superato la “linea rossa” e Soleimani – il mastermind di questa strategia offensiva – è stato fatto saltare in aria. Se tanto ci dà tanto, qualcuno a Teheran dovrà iniziare a pensare anche cosa potrebbe comportare per l’Iran affrontare le conseguenze di una vendetta che vada oltre le “linee rosse” delineate da Donald Trump. Perché da questo momento in poi, nessuno è più intoccabile…

Dorian Gray, 6 Gen 2020 (qui)

E uno a quelli che sanno sempre tutto, dalla politica internazionale a come fare gol in rovesciata da 800 metri di distanza.

Trump aveva bisogno dell’ok del Congresso per colpire Soleimani? Falso.

Non essere d’accordo con l’attacco ordinato dal Presidente Trump è legittimo, farlo opponendo a questa scelta ragioni che sono false è scorretto oltre che ridicolo.

Uno dei grandi mantra di queste ore è “Trump ha violato la Costituzione ordinando l’attacco senza autorizzazione del Congresso“. Ma è davvero così? Assolutamente no, vediamo perché.

Qual è la prerogativa del Congresso degli Stati Uniti rispetto ai “War Powers”? Il Congresso deve approvare interventi militari che prevedano l’impegno di forze militari per più di 60 giorni (War Powers Act del 1973). Anche in tal caso, il Presidente e il Governo potrebbero comunque rilasciare una “Dichiarazione di Guerra” che secondo il WPA andrebbe anch’essa approvata dal Congresso, ma de facto più Corti di Giustizia negli Stati Uniti hanno sentenziato che se il testo della dichiarazione del Presidente fornisce adeguate motivazioni è costituzionalmente valida la sua dichiarazione senza passare da un voto formale del Congresso sulla Dichiarazione di guerra stessa.

Una situazione di questo tipo avvenne con la guerra in Iraq voluta nel 2003 da George W. Bush. Il Congresso approvò la “October Resolution“, autorizzando un generico utilizzo delle forze armate in Iraq, ma non votò una vera e propria dichiarazione di guerra all’Iraq. Su questa base, un gruppo di civili ed ex-militari provò a fermare Bush portandolo in Tribunale. Con la sentenza Doe vs Bush, la giurisprudenza chiarì la non necessarietà costituzionale di una vera e propria dichiarazione di guerra votata dal Congresso.

È più volte successa la stessa cosa anche con Presidenti democratici: Bill Clinton utilizzò le truppe in Kosovo per 78 giorni senza alcuna autorizzazione del Congresso, Barack Obama fece lo stesso in Libano, limitandosi ad una lettera formale al Congresso dove indicava la necessità dell’azione militare per prevenire un disastro umanitario.

In ogni caso, in questi giorni non c’è stata nessuna azione o dichiarazione di guerra. Ma una risposta militare ad un attacco all’Ambasciata USA di Baghdad. I due colpi effettuati tramite droni negli scorsi giorni a Baghdad, non rientrano quindi in nessuna prerogativa del Congresso. Questo tipo di attacchi, di cui si parla giornalisticamente come “strikes” sono giuridicamente definiti “Military Operations” (War Powers Resolution and the Joint Resolution del 2001) e sono nell’esclusiva disposizione personale del Commander in Chief, ossia del Presidente. Come fu per Barack Obama con la cattura di Osama Bin Laden o di George W. Bush per quella di Saddam Hussein, solo per citare due casi altrettanto famosi. Una delle prerogative costituzionali del Commander in Chief è la difesa della nazione e delle sue forze armate, che può essere esercitata non solo senza l’approvazione del Congresso, ma addirittura senza la notifica. Nel solo 2015, Barack Obama ordinò circa 2800 strikes sganciando 26.171 bombe contro ISIS tra Iraq e Siria, senza una sola autorizzazione del Congresso.

L’anti-Trumpismo di molti media si caratterizza, ancora una volta, per la grande ignoranza rispetto alle tematiche di cui si occupa.

LSEPPILLI, 6 GENNAIO 2020 (qui)

Per passare a due chiacchiere in casa nostra.

Se i politici italiani si rifugiano nell’ipocrisia del pacifismo ecumenico o nell’antiamericanismo

Il contegno dei due principali referenti della crisi innescata dall’attacco americano allo stratega del terrore iraniano Soleimani, Conte e Di Maio, è stato imbarazzante. Quest’ultimo, mentre il mondo si interrogava sulle conseguenze, stava in aeroporto come un turista annoiato qualsiasi; poi ha elargito alcune perle delle sue, sul tenore “vi insegno io come si fa la diplomazia, noi andiamo d’accordo con tutti ma l’America ci fa schifo”. Non di meglio il premier per caso, il Giuseppi che non si pavoneggia più con le strette di mano con Trump, adesso anche lui ostenta un felpato disprezzo per l’America che non si lascia impunemente attaccare nelle sue ambasciate, che ha voltato pagina dopo i languori di Obama (copyright Riccardo Ruggieri) e mantiene quel che promette. Conte, anche lui, palesa una incomprensibile spocchia, pontifica sul valore della pace ossia, tra le righe, accusa gli Usa di irresponsabilità, e infine… si appella all’Europa! Proprio così, ne approfitta per l’ennesima lisciatina alla burocrazia bruxellese, unica, secondo questo ambizioso apprendista, a poter risolvere una crisi globale.

Davvero? Come in Libia, dove di fatto la Ue si è completamente arresa, si è disciolta? Come per il problema della sicurezza interna, per cui, ironicamente, proprio i suoi due maggiori centri di potere, Bruxelles e Strasburgo, sono stati nella notte dell’ultimo dell’anno teatro delle solite escandescenze di migranti, con fuochi, aggressioni, devastazioni, molestie, stupri? Come per il controllo della tratta umana che i cinici e i complici chiamano umanitarismo? “Vi insegniamo noi come si fa la politica internazionale”: l’arroganza naif di Giuseppi & Gigino ha del commovente o dell’irritante, a scelta. Basta non stupirsi se Mike Pompeo non scomoda neanche il tempo di una telefonata rituale: chi chiama, due scappati dal presepe?

Siamo seri: l’Italia conta niente sulla scena globale et pour cause; solo qui i leccaculo di regime possono perdere tempo con i giri di giostra a cavalli, con le convulsioni di uno che lascia la setta a 5 Stelle però vuole restarci però tuona e fulmina però si guarda intorno per vedere se gli danno retta. È il solito cabaret al pesto, mortificante, desolante. Il nostro ministro degli esteri, che nessuno si fila, dovrebbe essere in prima linea per garantire una presenza e invece si incontra col parigrado intellettuale Zingaretti per trescare sulla gestione di un potere tarlato e grottesco. Tra una dichiarazione demenziale e l’altra, quell’altro, il latitante della politica, il Di Battista che subito annuncia un viaggio di sostegno in Iran: sostegno a chi, al popolo decimato dal regime o al regime teocratico?

Questo generale Soleimani viene oggi pianto e rimpianto dalle ali estreme o dai loro eredi, da Fratojanni a Giorgia Meloni e questo deprime ma non sconcerta: come ha scritto precisamente Niram Ferretti sul suo profilo Facebook, da destra e da sinistra finisce sempre per affiorare il pregiudizio antiamericano, la simpatia per chiunque avversi l’America, fosse anche un tiranno, uno stratega del terrore, un generale sanguinario, con motivazioni pelose, strumentali. Fra i tifosi del defunto, ironicamente, anche molte sardine per Liliana, incuranti della voglia di sterminio degli ebrei di Soleimani. Ma pur di riscoprirsi antimperialisti! Non se ne esce, la politica italiana ha la testa girata all’indietro e fatica, anche nei leader giovani, a liberarsi dell’ideologia, dei luoghi comuni e spesso assurdi che l’ideologia contiene. E allora si rifugia nell’ipocrisia del pacifismo ecumenico. È l’eterna Italia che in guerra sta con tutti per non mettersi contro nessuno, che, come ricordava Montanelli, “non ha mai finito una guerra dalla stessa parte in cui l’aveva cominciata”, non può e non sa e non vuole liberarsi da se stessa, dei propri sofismi sciocchi, del proprio opportunismo da furbi, della sua astuzia da coglioni.

In gioco, questioni mastodontiche, non ultimo il mai sopito obiettivo di egemonizzare larga parte del Medio Oriente partendo dal fondamentalismo degli ayatollah, progetto noto come “mezzaluna sciita”. Ma la capetta del metoo, la disagiata Rose McGowan, chiede scusa agli ayatollah a nome del suo movimento e la Repubblica la celebra, sorda al grottesco. Come stupirsi se il dopo Soleimani non contempla quei due salami di Giuseppi & Gigino, se un segretario di Stato americano non si copre di ridicolo telefonando a un ministro degli esteri italiano che non conosce il mappamondo né la fatica di lavorare e prende ordini da un comico in disarmo?

 Max Del Papa7 Gen 2020 (qui)

Adoro quest’uomo, ogni giorno di più. Aggiungo un paio di cose trovate in rete.

Di Claudia Piperno:

Bilancio Trump, politica estera.
1) Ha trovato la “linea rossa” in Siria che Obama ha cercato per 8 anni, piccolo bombardamento e “Assad, statte buono”.
2) Ha smorzato il ciccione coreano, solo con una guerra a chi ha i coglioni più grossi, e senza colpo ferire.
3) Ha impedito al nazismo iraniano di avere l’atomica troppo velocemente, ritirandosi dal catastrofico accordo europico-obamico.
4) Ha favorito il riavvicinamento Emirates-Arabia-Egitto con Israele.
5) Ha soppresso il foraggio Usa e ONU ai mafiosi palestinesi di Hamas
6) Ha ristabilito una verità storica mistificata, e cioè che Gerusalemme è ebrea e capitale di Israele.
7) Ha polverizzato Al Baghdadi e la sua orrida barba bicolore.
8) Dopo l’attacco a una ambasciata USA, invece di far sparare sugli assalitori, ha preferito polverizzare l’ideatore, il Goebbels iraniano.
9) Ha dato un bel ceffone a Macron, che lo prende per il culo come e quando può, ritirandosi dal Kurdistan siriano e lasciandolo solo a gestirsi i ricattucci di Merdogan e tre milioni di migranti alle porte.
10) Ha limitato gli accessi in USA di gente che viene da paesi pericolosi e sta facendo passare una legge che VIETA i finanziamenti esteri (leggi muzz) alle Università americane, che generano solo antisemitismo primario.

C’è ancora chi crede che sia pazzo?

No, mica tutti credono che sia pazzo: molti credono anche che sia terrorista.

Gerardo Verolino

Dopo le parole durissime rilasciate dall’assessore alla pace, Francesca Menna, verso il governo di Washington, si acuiscono i rapporti tra Palazzo San Giacomo e la Casa Bianca. Il sindaco di Napoli e capo della rivoluzione napoletana, temendo un raid da parte dell’amministrazione Trump, e per prepararsi ad un possibile conflitto con gli Stati Uniti, ha predisposto un gabinetto di guerra nella sede comunale. A lui, già capo della flotta marina, va anche il coordinamento delle forze di terra: allertati tutti gli uomini sul campo, dai vigili urbani ai conducenti degli autobus fino ai riservisti, cioè gli spazzini e i dipendenti della Napoli servizi. Ad affiancarlo sarà la signora Eleonora De Majo, nominata aiutante di campo e ministro della guerra. A lei il compito di preparare la strategia contro l’orribile nemico, il Grande Satana imperialista-sionista e predisporre l’utilizzo dei mezzi militari: autobus e camion spazzatrici dell’azienda dei rifiuti, in primis. Possibile anche l’ausilio, ai fini di guerriglia, di bande di baby-gang volontarie, specializzate nella vandalizzazione di autobus e pensiline. Nel caso di invasione di truppe americane verranno approntate trappole lungo il passaggio del nemico : dalla caduta di alberi a quella dei cornicioni. “Se vogliono entrare a Napoli sappiano che qui troveranno il loro Vietnam” ammonisce il capo della rivoluzione. In serata è prevista una riunione straordinaria al Consiglio di Sicurezza dell’Onu per discutere della crisi in corso tra Napoli e Washingotn, a cui parteciperanno anche l’assessore alla Pace del Comune di Napoli e il Segretario di Stato americano, Pompeo.

E standing ovation anche per Verolino.
E concludo con due parole mie. In Trump ho sempre avuto fiducia. Quando non sapevo niente di lui ho puntato su di lui come unica speranza di salvezza dalla catastrofe rappresentata dalla gang clinton-obamiama, esattamente come – e per lo stesso motivo – pur non conoscendolo abbiamo tutti fatto il tifo per Boris Johnson; ma da quando ho cominciato a vederlo all’opera, la mia fiducia in lui non ha fatto che crescere. Quando, appena eletto, ha manifestato l’intenzione di spostare l’ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme, ho detto come tutti “aspettiamo i fatti”. I fatti sono arrivati. Ha ufficialmente riconosciuto Gerusalemme come capitale, altro fatto. Ha proclamato, con una inversione di rotta a 180° rispetto al suo predecessore, la sua indefettibile vicinanza a Israele. Ho continuando a fidarmi di lui (il voto si dà quando il compito, terminato, viene consegnato, non in corso d’opera) quando qualcuno ha avuto l’impressione che fosse passato a sostenere i palestinesi: io sono sempre stata sicura che sapesse quello che faceva e avesse ben chiaro l’obiettivo e il modo migliore per raggiungerlo: non mi ha deluso. Non ho pensato neanche per un momento che fosse impazzito o che si fosse reso responsabile di un criminale voltafaccia quando ha annunciato il riposizionamento in Iraq. Adesso sento parecchi dire ah, finalmente Trump ha fatto una cosa boltoniana, finalmente è tornato quello di prima, finalmente è tornato a mostrare le palle… Balle: Trump ha fatto una cosa trumpiana al 100%, come ha sempre continuato a farle in tutto questo tempo, anche se non tutte le cose che ha fatto sono quelle che avrebbero fatto i cinquanta milioni di commissari tecnici di casa nostra. Imprevedibile, dicono: e da quando in qua l’imprevedibilità, in guerra come a tennis come a scacchi come a poker, è un difetto? È esattamente con quella che ha sempre spiazzato gli avversari e vinto tutte le partite, e non ha mai sbagliato un colpo. Adesso ha ricordato al mondo che, a differenza che con Obama, con lui le linee rosse esistono, e il mondo sicuramente ne terrà conto.

Nel frattempo, mentre da noi le prefiche si strappano i capelli e si graffiano la faccia e fanno salire al cielo i loro alti lai, in Iraq (ma anche in Siria, ho letto), al cielo salgono le grida di incontenibile gioia per la liberazione dall’assassino, con festeggiamenti che dilagano sulle strade.

E a chi rimarca l’incredibile numero di partecipanti al funerale, rivolgo un caldo invito a riflettere su questo:
funerali
E per concludere, un consiglio: se per caso pensate che Soleimani fosse un terrorista, evitate con molta ma molta cura di andarlo a dire in Canada.

barbara

  1. Il tifo per l’Iran dei giornali mainstream è spudorato. Per ore nel Corriere online ha campeggiato un titolo con il bilancio dell’attacco missilistico iraniano a 80 morti. Solo verso le 9 la cifra è stata messa fra virgolette. Naturalmente si tratta del comunicato di Teheran, preso come oro colato.

    Piace a 2 people

  2. “le associazioni femministe e quelle LGBTQIXYZABCαβγℵℶ denunciano con forza che per colpa del vigliacco attacco di Trump al pacifico popolo iraniano quest’anno non potrà essere svolto il tradizionale gay pride a Teheran”.

    "Mi piace"

  3. Leggo nell’articolo che hai linkato: When Fox News reporter Chris Wallace asked Secretary of State Mike Pompeo if the impeachment of President Trump has “emboldened enemies like Iran and North Korea — is this president more vulnerable because of the impeachment effort?” Pompeo replied, “You should ask Mr. Soleimani.”

    "Mi piace"

  4. Non ho la tua assoluta fiducia sull’operato di Trump ma mi pare che neppure la politica del tipo ‘mi metto a novanta gradi e tiro giù i calzoni’ dei paesi europei sia il massimo.
    Si può discutere sull’opportunità della cosa ma certe leccate di tafanario verso uno stato governato da fanatici religiosi estremisti , dove si può essere condannati a morte se non si professa la religione di stato, dove le donne sono costrette a celarsi dietro un velo pena carcere e frustate sono assolutamente ripugnanti. ..
    P.s: non sono convinto che il video postato da Gerard Luchetti riguardi la morte di suleimani : si parla di un drone e questo solitamente porta qualche missile mentre qui abbiamo un attacco continuato con raffiche di quello che sembra un cannoncino di piccolo calibro. Fa pensare a un Ac 130 spectre

    "Mi piace"

    • Soprattutto dopo avere visto le centinaia di migliaia di morti causati dalla politica di appeasement di Obama, che ha scatenato un processo difficilmente reversibile, e sicuramente non a breve e probabilmente neanche a medio termine.
      In effetti sembra un’altra cosa, anche se il titolo dice quello. Però quello che si vede è comunque un bello spettacolo.

      "Mi piace"

  5. Ricordo di aver letto, poco dopo Capodanno, di una telefonata fra Trump e Putin che su questa vicenda, a quanto mi risulta, non ha detto letteralmente “pio”.
    Poi, Khomeni che raccomanda solo reazioni di Stato (e quindi niente attentati) e i razzi iraniani che non provocano nemmeno un ferito. Tutto questo per dire:
    ovviamente è giusto e condivisibile il plauso per l’operazione ma sembra tutto così scenografico, concordato. Il mio è un semplice sospetto basato sulla semplice lettura dei lanci di agenzia, ma vuoi vedere che Soleimani se lo sono venduti gli iraniani stessi?

    "Mi piace"

      • Lo scopo è eliminare una figura di cui non si condivide la leadership. Del resto, all’ interno degli apparati militari pullulano gli oppositori interni.

        Quando si parla di Medioriente la Russia c’entra, eccome. Putin è uno dei personaggi chiave dell’area e la sua comparsa non prevista, l’altroieri a Damasco, ha un chiaro significato simbolico.

        "Mi piace"

        • Non si condivide la leadership? Ha sempre eseguito tutti i loro ordini! Quanto a Putin, sul fatto che c’entri anche dove non te lo immagineresti non ci piove, che Khamenei gli chieda di dire a Trump dove si troverà Soleimani perché Trump lo faccia eliminare, e che per combinare la faccenda Putin si sposti personalmente, mah… Decisamente troppo macchinoso per i miei gusti.

          "Mi piace"

  6. Mi dispiace per alcuni, ma il filmato è reale.
    Il sito che lo ha messo sul web è a prova di bufala e non si tratta di altro filmato … è proprio quanto accaduto a Bagdad.

    https://www.jforum.fr/trump-a-surpris-tout-le-monde-israel-nest-plus-seul.html

    Si chiamano missili a spade.
    Gli Stati Uniti hanno già usato questi missili, noti come Hellfire Ninja , contro altri obiettivi di alto livello e le foto mostrano che le auto raggiunte sono state frammentate e le vittime sono morte a causa del forte impatto e degli effetti dei coltelli. Questa classe di missili è stata sviluppata per ridurre il danno collaterale dei missili convenzionali, le cui esplosioni hanno causato decine di vittime tra la popolazione civile.

    # BREAKING : Un drone MQ-9 Reaper di # USAF ha usato il suo Hellfire R9X per tagliare un comandante jihadista in pezzi ad al-Bassuta, # Afrin , # Siria . Primo filmato delle conseguenze dell’attacco aereo che ha lasciato un comandante di # AlQaeda affiliato # HTS (Hayat Tahrir al-Sham) e altri due morti👇

    Questa operazione è stata eseguita congiuntamente da # CIA e # USAF . Hellfire R9X .

    "Mi piace"

  7. Mi dispiace per taluni ma il filmato è reale e il sito, francese di questioni israeliane è a prova di bufala.
    Sarà pure spettacolare nella sua crudezza ma è quel che è accaduto al fu Soleimani e sodali che erano nel suv con lui e alla scorta che non si immaginava una tale potenza di fuoco, anche se limitata.

    Raid Soleimani: qualche dettaglio e prime conseguenze
    Gli USA proseguono spostamento assetti verso il Medio Oriente contro possibile risposta iraniana
    data: 03-01-2020
    a cura di: Andrea Mottola

    Emergono i primi dettagli sul raid americano che ha causato l’uccisione del Comandante dei Pasdaran Qasem Soleimani – rimpiazzato dal suo vice Ismail Ghaani – e quello delle milizie irachene filo iraniane Hashd al-Shaabi, Abu Mahdi al-Muhandis. In primis, nell’attacco sarebbero stati eliminati anche alcuni alti ufficiali Hezbollah, tra cui forse il numero 2 del Partito di Dio libanese, Naim Qassem (non confermato). Inoltre, gli obiettivi sono stati colpiti mentre erano a bordo di 2 SUV nei pressi dell’Aeroporto Internazionale di Baghdad, dove pare fossero da poco atterrati con volo di linea proveniente da Damasco. L’attacco è stato eseguito tramite un’azione congiunta che ha visto il coinvolgimento di un UCAV MQ-9 REAPER dell’USAF, nonché di un UCAV MQ-1C GREY EAGLE e di un elicottero d’attacco AH-64E GUARDIAN dello US Army. In seguito al raid, le installazioni militari statunitensi, e non solo, sono in stato di allerta massima. Fin dalle prime ore dell’alba caccia F/A-18C/D HORNET del VMFA-251 dei Marines di stanza ad al-Jaber (Kuwait), F-15E STRIKE EAGLE dell’USAF rischierati ad al-Salti (Giordania), F-15C EAGLE ed F-22A RAPTOR di stanza a Prince Sultan (Arabia Saudita), ed F-35A LIGHTNING II presenti ad al-Dhafra (EAU) si alternano in missioni di pattugliamento armato (CAP) a protezione delle installazioni militari ed infrastrutture critiche dell’area contro possibili risposte da parte dell’Iran. Inoltre, prosegue con ritmo elevato la mobilitazione e lo spostamento di velivoli, sistemi ed equipaggiamenti pesanti verso le basi mediorientali. Nelle 48 ore precedenti al raid ci sono stati vari movimenti di velivoli USAF per operazioni speciali verso la base spagnola di Rota e da quest’ultima verso Giordania e Kuwait. In particolare 4 MC-130H COMBAT TALON II del 1° Special Operations Squadron, 4 CV-22B OSPREY e almeno 1 cannoniera volante AC-130W STINGER II del 16° Special Operations Squadron. Ad essi va aggiunta una coppia di velivoli da trasporto strategico C-5M GALAXY giunti a Rota stamattina e probabilmente diretti in Giordania con batterie di sistemi missilistici PATRIOT PAC-3 inviati in teatro per rafforzare la difesa delle installazioni militari contro il possibile lancio di missili cruise e/o balistici da parte iraniana, senza dimenticare la presenza, già da mesi di sistemi C-UAS, inclusi 4 radar di scoperta SENTINEL, inviati in Arabia Saudita in seguito all’attacco contro le infrastrutture petrolifere Aramco dello scorso settembre. Al momento, tuttavia, la risposta iraniana appare unicamente politica. Non si segnalano grandi movimenti di truppe o di mezzi, se non qualche pattugliamento armato di una squadriglia di caccia intercettori F-14A TOMCAT dell’Aeronautica iraniana lungo il confine con l’Iraq. Le voci di massima allerta presso le basi di missili balistici delle Forze Aerospaziali dei Corpi dei Guardiani della Rivoluzione non trovano conferma, al momento.

    "Mi piace"

  8. Non voglio fare polemiche ma faccio presente alcune cose:
    – A quanto ne so gli obiettivi viaggiavano su due SUV. Nel filmato si vedono sei veicoli, di cui il primo sembra un APC o un autoblindo a otto ruote, i quattro seguenti camion a sei e solo l’ultimo una specie di jeep.
    – Gli ‘Hellfire Ninja’ a quanto ne so sono missili senza carica esplosiva, studiati per limitare i danni collaterali, che utilizzano delle lame rotanti per distruggere il bersaglio. Qui si notano varie esplosioni
    – Si sentono distintamente vari colpi di cannone e raffiche di mitragliatrice
    – Nel video in basso a sinistra si vedono delle scritte. Dal basso in alto ‘M102 105 mm’, ‘L60 40 mm.’ ‘M61 20 mm.’ Si può notare che la seconda riga si illumina di rosso quando si sentono i colpi di cannone e la terza (quella in alto) quando si sentono raffiche di mitragliatrice.
    – Questa lista di armamenti non è quella nè dei droni da Lei citati nè quella di un AH-64 Apache. I droni montano solo missili o bombe, gli Apache hanno, oltre missili e razzi, un cannoncino da 30 mm-.
    – Le armi riportate nel video corrispondono invece a quelle normalmente trasportate dagli AC-130 (l’ obice M102 è ormai usato solo da questi velivoli e da reparti di seconda linea)

    Come detto non intendo fare polemiche ma basta guardare il video con attenzione per accorgersi che non corrisponde alla descrizione fatta dell’azione,

    "Mi piace"

  9. @Gérard Luchetti + @Paolo Ghezzi
    Jforum, alla cui newsletter sono abbonata e che seguo quindi quotidianamente, è un sito assolutamente serio. L’articolo in cui è pubblicato il video è questo
    https://www.jforum.fr/trump-a-surpris-tout-le-monde-israel-nest-plus-seul.html (stupenda la frase Trump a surpris tout le monde, en particulier Qassem Soleimani, sicuramente comprensibile anche a chi non conosce il francese), ripreso e tradotto da qui
    https://www.ynetnews.com/article/rJQ7ySyxL, dove però il video non è presente. E’ un dato di fatto che ciò che si vede nel video è diverso da quello che sappiamo sull’attacco che ha ucciso Soleimani e che sembra confermato da tutte le fonti. Ci sarà sicuramente una spiegazione, ma per il momento noi – noi tre che ne stiamo discutendo – non la conosciamo. Approfitto dell’occasione per inserire una bellissima vignetta presente nell’articolo:

    "Mi piace"

      • Vero, non avevo fatto caso alla data e e alla pubblicazione originaria (sempre detto che hai una marcia in più. Vorrà dire che per il pranzo preparerò un piatto extra solo per te – se poi vorrai concederne un assaggio anche agli altri, ne hai la facoltà). Forse più che come oculata la politica di Obama è indicata come fantasiosa (“la fantasia al potere”, do you remember?) e quindi più gravida di soluzioni, mentre quella rappresentata da Trump mi viene da renderla con l’aggettivo tedesco stur, che significa cocciuto, testardo, anche nell’accezione di ottuso, tardo di mente, persona a cui non c’è modo di fare intendere ragione.

        "Mi piace"

    • ottima la vignetta.

      riguardo al filmato penso che non sia quello originale ma che sia un altro tanto per confondere le acque. Dopo una operazione di successo “sputtanare” troppo i trucchetti usati significa poi non poterli riciclare in seguito.
      La realtà non è un film di spie dove spiegano e fanno vedere tutto quello che il buono fa per “fottere” il cattivo, anzi con i servizi segreti, spesso, meno si conosce e più funzionano bene.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...