POCO PIÙ DI UNA BANALE INFLUENZA

Coronavirus, l’operatrice socio sanitaria: «Le cure, i dolori, la paura. Vi racconto i miei 10 giorni in terapia intensiva»

«Sono ricoverata da dieci giorni. Le mie condizioni sono peggiorate: sono svenuta in due occasioni, sono a letto sotto ossigeno e assumo la terapia mattina e sera, oltre a quella endovenosa fissa. La febbre da due giorni non c’è più, ma i polmoni hanno bisogno di aiuto…». Ospedale di Cremona, reparto Malattie infettive. Alessandra ha 56 anni, lavora come operatrice socio sanitaria nella Rsa di Maleo. Viene da Codogno, ha due figli e una nipotina. Alessandra è attaccata notte e giorno all’ossigeno, non può parlare. Racconta la sua esperienza scrivendo dal cellulare: «L’unico collegamento che mi è rimasto con il mondo».

Quando ha scoperto di essere positiva al coronavirus?
«Mi è venuta la febbre dopo una notte al lavoro: mal di ossa, tosse leggera, curata come influenza, tachipirina e mucolitico».

Ma non è guarita…
«Ogni giorno peggioravo. Ho chiamato il 112, ma non avevo avuto contatti con persone infette. Dopo 9 giorni di febbre alta i miei figli hanno richiamato un po’ arrabbiati. È arrivata l’ambulanza, erano tutti con la tuta…».

Quel giorno Codogno era già zona rossa.
«Ho avuto un primo ricovero a Cremona in un poliambulatorio adibito ad ospedale da campo con brandine della Protezione civile. Ho fatto li i primi esami. Quando ho avuto il risultato mi hanno spedita negli infettivi».

Cosa ha pensato quando le hanno detto la diagnosi?
«Sembrava di stare in un girone dell’inferno. Te lo dicono ma non capisci cosa ti aspetta ed è meglio così. La cura ti ammazza. Piega il tuo corpo, il mal di stomaco con nausea e vomito è lancinante, la febbre ti fa bruciare».

E adesso come sta?
«Lunedì è stata la mia giornata peggiore. Impotente davanti al ricovero di mio marito, in terapia subintensiva a Lodi. Non vedevo via d’uscita. Mi sentivo soffocare. Avrei voluto urlare, perché a Lodi è già ricoverato anche mio papà…»

Per coronavirus?
«Polmonite, non ha ancora l’esito del tampone».

Si è chiesta come ha contratto il Covid-19?
«La bidella della scuola di mia nipote è risultata positiva. Le parlavo mattina e pomeriggio. Anche l’impiegata della Rsa dove lavoro è stata contagiata e ricoverata sempre qui a Cremona. Ma l’ho saputo dopo. Oppure l’ho preso altrove senza saperlo…».

In ospedale avete informazioni di quel che succede intorno?
«Non è ammessa alcuna visita. La stanza ha due letti, ma la tv è girata verso l’altro letto, solo lì c’è l’auricolare. Il tempo non passa mai».

E i medici?
«Entrano al mattino per la visita e sono gentili e disponibili. Il personale anche, ma ha disposizione di entrare il meno possibile. A volte bussano dal vetro…».

Chi c’è in stanza con lei?
«Una signora molto più giovane, è ricoverata da 12 giorni. Si è aggravata, non riusciamo a parlare. Anche il mangiare… tu vorresti finirlo, invece dopo due cucchiai hai già nausea».

A cosa si pensa per superare questo momento?
«Ai miei due figli, a mio marito. Ha 58 anni, con i suoi splendidi occhi azzurri ha rallegrato le nostre vite da quando ci siamo sposati. A maggio saranno 33 anni… A mia nipotina di 8 anni che mi ha mandato via telefono un disegno. Ha riprodotto la stanza e le terapie, tutto con l’immaginazione. Ora capisce?».

Cosa?
«Spero di essere stata chiara: questa non è una banale influenza».
Cesare Giuzzi, qui.

E questi sono i numeri aggiornati a ieri.
tabella
Naturalmente sono più che legittimi i dubbi sui numeri della Cina, ritengo che siamo tutti autorizzati a sghignazzare su quelli dell’Iran, forse qualche perplessità su quelli di Francia e Germania è giustificata, ma purtroppo i nostri sono drammaticamente veri, e si noti che i morti in più, che il giorno prima erano 28, ieri sono diventati 41, con un incremento del 68% abbondante in un giorno. Dai, su, ammaliamoci tutti, così poi siamo tutti immunizzati e non dobbiamo pensarci più.

barbara

  1. I morti dell’Iran potrebbero anche essere sottostimati, ma quelli della Corea del Sud? come si spiega che il fatto che in Italia con meno infetti( o a limite a parità, visto che la Corea del Sud ha testato molte piú persone dell’Italia)ci sono stati molti piú morti?
    Vero che in Italia gli over 65 sono all’incirca il doppio rispetto alla Corea, ma i morti finora sono piú del triplo!
    Sistema sanitario inadeguato a gestire un’epidemia?

    "Mi piace"

    • ci potrebbero essere spiegazioni più semplici: in italia si sta andando a ritroso verificando anche decessi capitati nei giorni scorsi, come il caso del 75 enne foggiano poi scoperto positivo al virus. E questo spiegherebbe l’improvviso “picco” di segnalazioni.
      Per scoprirlo bisognerebbe conoscere la procedura adottata per attribuire un morto al “coronavirus”.

      "Mi piace"

      • Visto che il virus è mediamente più letale per gli anziani, il numero più elevato potrebbe essere causato anche dall’ età media della popolazione italiana. Ma ancora i casi mi sembrano numericamente poco significativi per permettere a noi profani di trarre conclusioni.

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...