INTERMEZZO

E mi perdonerà il buon Mascagni per il titolo.

E in più ha anche dei piedi molto belli (qualcuno qui mi ringrazierà), cosa estremamente rara anche nelle persone belle (ma faranno poco schifo quei vecchi bavosi?!). Che se poi per caso fosse anche intelligente – cosa che così a naso direi tutt’altro che da escludere – sai che poderoso ceffone in faccia a tutti quelli (e quelleclic, nei commenti) che ritengono le donne belle nient’altro che “apparenza fatua e inconsistente” e “nullità” (e mi viene in mente quella che in un commento in un blog si lamentava degli uomini che corrono dietro alle altre “e a me nessuno mi guarda, con tutta la bellezza interiore che ho!”).

Vabbè, visto che siamo in ricreazione, vi racconto un po’ di fatti miei. Finalmente, con un anno di ritardo causa scellerata gestione del covid, vado a fare la prima cataratta, e stavolta, una volta avviata la cosa, è andato tutto molto veloce: lunedì mi hanno telefonato, mercoledì ho fatto il prericovero, stamattina faccio il tampone (dato che l’orario dell’appuntamento precede l’ora in cui normalmente vado a letto, ovviamente non andrò a letto) e se il tampone è negativo lunedì mi operano, e finalmente non dovrò più aspettare che piova o ci sia almeno il cielo coperto per poter prendere la macchina.
Sempre con quasi un anno di ritardo – sempre per la stessa causa – sono finalmente riuscita a fare anche la risonanza per vedere come si sta comportando il mio tumorino al cervello. Ieri ho scaricato il referto, che dice che si sta comportando bene, quindi vi toccherà tenermi ancora un po’, e tanto peggio per voi.
In compenso sto facendo una serie di infiltrazioni di acido ialuronico alle ginocchia. Nell’ultima qualcosa deve essere andato storto, e sono undici giorni che cammino col bastone (e per non più di qualche centinaio di metri).
Scena in oculistica: infermiera si affaccia alla sala d’attesa, vede una nuova arrivata e chiede: “Lei che cosa deve fare?” “Non so…” Infermiera leva gli occhi al cielo: “Quanto mi piace la gente che arriva qui e non sa perché!” Ogni tanto mi viene da pensare che se raccogliessimo testimonianze da impiegati di posta e di banca, medici, infermieri, commessi ecc., verrebbe fuori un barzellettiere delle dimensioni dell’enciclopedia Britannica.

barbara

  1. Grazie.
    L’acido JA-LU-RO-NI-CO! (Cit.) me lo sono fatto anch’io iniettare nel ginocchio, per qualche giorno ha fatto miracoli ma dura poco. In compenso l’intervento di “pulizia” dell’articolazione in artroscopia sembra aver peggiorato le cose.
    Spero di farci ancora un po’ di strada prima di doverci mettere la protesi…

    "Mi piace"

    • Si, i cicli vanno ripetuti ogni sei mesi. Le prime due mi hanno portato un notevole miglioramento, ma con la terza è stato un disastro. Secondo l’altro anestesista – quello strafigo che mi fa le infiltrazioni di cortisone a spalle anche schiena ecc. – potrebbe avere toccato una cartilagine con la punta dell’ago. E meno male che almeno l’anestesista è riuscito a farmi inserire in un programma gratuito fornito dall’ospedale, altrimenti il ciclo mi sarebbe costato mezzo mese di pensione.

      "Mi piace"

  2. Beh, gli “stupidari” relativi ai vari ambienti e mestieri andavano di moda una ventina (almeno) di anni fa, ma è da parecchio che non ne sento parlare, ne avranno fatto talmente tanti da aver provocato una crisi di rigetto nel mercato, suppongo.

    "Mi piace"

  3. Pingback: IL DESTINO CHE CI ASPETTA | ilblogdibarbara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...