ANCORA DUE PAROLE SUL COSIDDETTO RISCALDAMENTO GLOBALE

e cosiddetto (presunto. Supposto. Dichiarato) antropogenico. Inizio da due riflessioni, parzialmente  a margine, piene di buon senso di Giovanni Bernardini.

Giovanni Bernardini

NON SENSO

Viviamo in un’epoca nichilista. Uno dei suoi aspetti è il nichilismo linguistico. Il nichilismo linguistico si esplicita nell’uso di termini ed enunciati privi di senso. Ne è pieno il misticismo ecologico. Vediamone alcuni.
“Vogliamo un pianeta pulito”. Termini come “pulito” o “sporco” hanno senso solo se riferiti agli umani, non ne hanno nessuno se riferiti al “pianeta”. Forse che il petrolio è “sporco” mentre la neve è “pulita”? Una eruzione vulcanica è “sporca” o “pulita”?
Una volta camminando in montagna mi sono imbattuto nella carcassa di un camoscio. Era in parte divorata dagli uccelli e coperta di formiche. Era qualcosa di “sporco” o di “pulito”?>
“Il pianeta è malato”. Idem come sopra. La luna è “malata” perché non ha atmosfera? Era “malata” la terra quando sulla stessa non esistevano forme di vita? Si “ammalerà” il sistema solare quando il sole collasserà?
“Salviamo il pianeta”. Si confonde la “salvezza” del pianeta col tentativo di salvaguardare certe caratteristiche dello stesso che noi umani riteniamo utili alla nostra sopravvivenza. Parlare di “salvezza del pianeta” e come parlare di salvezza dei milioni di stelle destinate ad essere risucchiate in un buco nero. Un puro non senso.
Si potrebbe continuare. Il dibattito politico è ormai intossicato dalla ideologia nichilista che trasforma il linguaggio in un bla bla privo di senso. Gli slogan e gli anatemi stanno sostituendo il dibattito razionale. Davvero triste…

Questo pezzo è del 21 settembre, e già presagiva i bla bla bla del potente discorso di Santa Greta dei Dolori Climatici.

Giovanni Bernardini

IL SIGNOR MALTHUS

Gli esseri umani si procurano oggi ciò che è necessario alla loro esistenza usando tecniche, strumenti, modi di lavorare e produrre che hanno un impatto ambientale enormemente superiore rispetto a quelli usati in passato. Questa è una delle idiozie più largamente diffuse e propagandate dai mistici dello pseudo ambientalismo. La sostengono un po’ tutti, da papa Bergoglio a Greta Thunberg. In passato esisteva una dolce armonia fra uomo e natura, questa è stata brutalmente rotta dalla rivoluzione industriale. Da allora è iniziata la marcia dell’umanità verso la distruzione.
Ma stanno così le cose? Vediamo.
I nostri antichissimi progenitori erano cacciatori e raccoglitori. Si procuravano il cibo cacciando i più disparati animali e mangiando frutti erbe e bacche che trovavano sul loro cammino.
Proviamo a fare un esperimento mentale. Tralasciamo ogni considerazione su tutti i beni diversi dal cibo di cui oggi disponiamo. Limitiamoci alla pappa e facciamoci la seguente domanda: cosa succederebbe se noi OGGI ci procurassimo il cibo usando solo caccia e raccolta? La risposta è incredibilmente semplice: nel giro di pochissimo tempo distruggeremmo ogni traccia di vita animale e vegetale sul pianeta e morremmo a centinaia di milioni. Lo stile di vita dei cacciatori- raccoglitori era quanto di più distruttivo per l’ambiente si possa immaginare. Come mai allora qualche millennio fa l’ambiente non era a rischio? La risposta di nuovo è semplicissima: l’ambiente non era a rischio perché il modo usato dagli umani per procurarsi da vivere impediva lo sviluppo demografico. Gli uomini erano pochissimi, la mortalità altissima, la vita breve e difficile. Per questo caccia e raccolta, per quanto distruttive, avevano effetti molto limitati.
Le grandi rivoluzioni nei modi di produzione, a partire dalla invenzione dell’agricoltura e dell’allevamento nel neolitico, hanno introdotto modi di produrre più efficaci ed efficienti e a minor impatto ambientale. Questo e solo questo ha permesso il miglioramento delle condizioni di via degli esseri umani, l’allungamento della speranza di vita e lo sviluppo demografico.
I veri ambientalisti oggi dovrebbero chiedere che vengano introdotti modi di produrre energia e beni sempre più efficaci ed efficienti che, proprio per questo, hanno un minore impatto ambientale. Il nucleare è uno di questi. Produce enormi quantità di energia a costi limitati e ad impatto ambientale zero. L’eolico fa l’esatto contrario: produce poca energia a costi elevatissimi e ad altissimo impatto ambientale.
Non proseguo in un discorso che potrebbe diventare lunghissimo. Aggiungo solo una cosa: do per scontato che nessuno si proponga di ridurre di qualche miliardo di persone il genere umano. Molti mistici dello pseudo ambientalismo lo fanno: i più coerenti fra loro auspicano l’estinzione volontaria del genere umano (spero siano sinceri quando usano il termine “volontaria”). Altri, meno coerenti, a cominciare da Greta Thunberg, non arrivano a tanto ma questo è il senso delle loro farneticazioni: dobbiamo diventare tutti più poveri e ridurre drasticamente il nostro numero. Punto e basta. Resta aperto un problemino: CHI deve abbandonare questo mondo brutto e consumistico?
Ovviamente non scoprono nulla di nuovo. Il vecchio signor Malthus li ha anticipati di oltre due secoli. E dire che la sinistra del suo tempo lo considerava un terribile reazionario!

Io un’idea l’avrei: una legge che imponga l’eutanasia immediata di chiunque affermi che la specie umana rappresenta un disastro, che la specie umana è la peggiore fra le specie viventi, che la specie umana è un errore biologico, che meriteremmo l’estinzione, che bisogna ridurre la popolazione e altre analoghe affermazioni: se pensate che la specie umana debba essere eliminata, siate coerenti e autoeliminatevi, prima lo fare e meglio è per tutti, a partire da voi.
E passiamo ora a qualcosa di più prettamente scientifico con questo articolo di due anni e mezzo fa.

Riflessioni sul pubblico dibattito sulla teoria dell’AGW

Il successo e il clamore della recente testimonianza della giovane Greta ha riportato alla ribalta temi di attualità come clima e ambiente. Cosa c’è di fondato dietro la preoccupazione per la salute del pianeta, e quanto sono utili i richiami a politiche di intervento?

Luciano De Stefani – Componente del Consiglio Direttivo e della Giunta Esecutiva ALDAI-Federmanager

Le recenti manifestazioni dei giovani sulla necessità di proteggere l’ambiente hanno spinto due nostri colleghi ad intervenire sull’AGW, l’acronimo che indica il RISCALDAMENTO GLOBALE (GW) dovuto all’uomo (A = ANTHROPOGENIC). Essi sono membri di alcuni Gruppi di Lavoro della Commissione Studi ALDAI ed hanno scritto le loro idee sul riscaldamento globale del pianeta terra. 
Qui di seguito vi è il primo articolo di Giuliano Ceradelli, da 50 anni ingegnere del Politecnico di Milano e con una lunga esperienza tecnica e manageriale nel settore energetico in Italia ed all’estero. 
Egli è uno “scettico” della teoria AGW e ne spiega le ragioni. Il prossimo articolo seguirà a breve. Ambedue, come di consueto, verranno pubblicati prima sulla Rivista Dirigenti Industria Digitale.

Giuliano Ceradelli

Socio ALDAI-Federmanager

Prima di rispondere alla domanda proposta nel sottotitolo, è utile fare una premessa su cosa si intende per inquinamento. Spesso, troppo spesso si fa confusione tra clima e (inquinamento dell’) ambiente.
Un noto quotidiano italiano il 3 maggio del 2017 titolava: “Mauna Loa – Emissioni CO2, record di anidride carbonica: sfondata quota 410 ppm (0.04% in volume), l’aria nel mondo non è mai stata così inquinata”.
Mentre la CO2 e gli altri gas serra (Protocollo di Kyoto) –  non sono inquinanti o tossici, va sottolineato che Mauna Loa-Kilauea è un vulcano tra i più grandi e attivi del pianeta e quindi ci viene spontaneo domandarci con quale criterio si sia scelto di localizzare proprio lì la stazione di rilevamento delle concentrazioni di CO2 in atmosfera, quando è chiaro che un vulcano è naturalmente prono ad emettere CO2 oltre ad altre sostanze inquinanti. Se quindi la CO2 e gli altri gas serra antropici del Protocollo di Kyoto non sono inquinanti, clima e inquinamento non possono e non devono essere confusi, a meno che si voglia creare ad arte sconcerto e confusione nelle menti di chi legge o ascolta.
Vale la pena notare che nei paesi occidentali negli ultimi decenni sono stati compiuti notevoli progressi nel raggiungimento degli obiettivi di qualità dell’aria e si sono ridotti i livelli di tutti gli inquinanti atmosferici primari grazie alle innovazioni tecnologiche in vari settori, come quello dei trasporti, della produzione di energia, del riscaldamento e dell’industria, ma moltissimo evidentemente resta ancora da fare. Pertanto l’impegno dei più giovani e l’entusiasmo con cui si possono intestare grandi battaglie ideologiche, fatto encomiabile per quanto attiene in particolare all’inquinamento, dovrebbe essere incanalato dagli adulti nella giusta direzione e non dovrebbe essere confuso con la loro accoglienza acritica ed ipocrita da parte dei governi e delle organizzazioni internazionali. A loro spetta infatti educare i giovani a distinguere tra clima e inquinamento e a riconoscere le reali dimensioni del problema e cosa, negli anni, ha contribuito a ridurne l’impatto.

La teoria dell’AGW

La scienza ufficiale ritiene che ciò che era precedentemente chiamato Riscaldamento Globale (GW), ora chiamato per convenienza Climate Change, sia addebitabile all’azione dell’uomo, con le sue emissioni antropiche di CO2 connesse all’uso dei combustibili fossili. Si tratta di un postulato che, purtroppo per i sostenitori di tale tesi, trova poco riscontro nelle evidenze empiriche. Le svariate linee di evidenza empirica ci dicono semplicemente che il clima del nostro pianeta stà cambiando, come ha fatto altre volte nel passato, ma non ci dicono che ciò derivi in prevalenza dalle azioni umane.
Anzitutto la CO2 è nutrimento per la flora che ci rende l’aria respirabile ed il mondo vivibile, ma non è il principale gas serra. Il principale agente nell’effetto serra – trascurato dal Protocollo di Kyoto – è invece l’acqua sotto forma di vapore che, a volte scalda (dense nubi trappola di radiazioni), ma a volte raffredda l’atmosfera e il suolo (precipitazioni). Per inciso, durante le precipitazioni (pioggia, neve, grandine) anche la CO2 presente in atmosfera precipita al suolo.
La CO2, inoltre, non è solo di origine antropica. Grandi quantità vengono scagliate in atmosfera dalle eruzioni vulcaniche. Queste ultime sono fortemente clima alteranti, ma verso il freddo!
Per inciso, sulla base di dati ufficiali (La Quere et al., 2013; IEA, 2013; IPCC 4th Assessment Report, 2007 ) le emissioni naturali annue – ossia non antropiche – di CO2 sono superiori a 770 miliardi di tonnellate, mentre le emissioni causate dall’uomo sono stimate in circa 39 miliardi di tonnellate (media su range SRES IEA: 29-49 mld ton CO2), ossia circa 20 volte meno delle emissioni naturali che occorrono spontaneamente. 
Con la teoria dell’AGW, la scienza si è nutrita di slogan a suon di previsioni catastrofiche sul cambiamento climatico diffondendo allarmismi che gli scettici ritengono ingiustificati. Spesso lo hanno fatto mescolando meteorologia e climatologia, che sono discipline scientifiche affini, ma diverse: l’una studia il tempo nel breve, l’altra il clima nel medio-lungo periodo (almeno 30 anni). Entrambe le discipline hanno una vocazione comune: fare previsioni future. Ma prevedere è alquanto complicato perché presuppone una completa conoscenza della realtà fisica che ruota intorno al nostro Pianeta, che ancora oggi è insufficiente, nonostante le rassicurazioni di molti scienziati sostenitori dell’AGW supportati dalla politica, in contrasto con altri scienziati che invitano invece alla prudenza su un tema assai complesso e poco conosciuto come è quello della scienza climatica.
Qualche anno fa scoppiò lo scandalo del Climategate, emblematica situazione che descrive bene i guasti che possono derivare dalla politicizzazione della scienza. Si era creato un pericoloso meccanismo collusivo, che continua potenziato ancora oggi, tra alcuni interessi politici e commerciali e il gruppo di studiosi foraggiati dai finanziamenti. Ciò è preoccupante se si pensa alla rilevanza delle politiche che da anni sono state adottate, in Europa e altrove, nel nome proprio di questa visione dello “stato dell’arte” sul clima (Accordo di Parigi)
Il risultato: ingenti somme di denaro pubblico vengono sprecate in misure e progetti che non hanno solide basi scientifiche e quindi non portano beneficio alcuno per l’uomo (es. gli incentivi alle così dette fonti rinnovabili, la Carbon Tax, ecc). Infatti anche se, per assurdo, si riuscissero ad azzerare le emissioni antropiche (su quelle naturali niente si può fare), bloccando così lo sviluppo mondiale ed incamminandoci in quella che viene definita la “decrescita felice”, forse si riuscirebbe, ad essere ottimisti, ad abbassare la temperatura media del pianeta di solo qualche decimo di grado!
La scienza del clima non è ancora in grado di spiegare compiutamente il fenomeno del riscaldamento globale e ogni allarmismo riflette non certezze scientifiche, ma un’agenda politica o ideologica. In realtà numerosi sono i punti su cui la comunità scientifica è divisa o, semplicemente non è stata ancora in grado di trovare una risposta. Il motivo principale risiede nel fatto che i modelli dell’IPCC (Intergovermental Panel for Climate Change) esplorano il clima assumendo come dato di fatto che l’uomo e la sua attività sia il principale (l’unico dopo il 1970) attore della modifica del clima e la CO2
In realtà invece molti sono i meccanismi climatici che non sono noti nei dettagli: processi fisici, astrofisici, cosmologici, le maree luni-solari, le macchie solari, il vulcanesimo terrestre e sottomarino, i movimenti tellurici, l’inclinazione dell’asse terrestre, ecc e le leggi o i fattori che li regolano o li influenzano. 
Forse la chiave interpretativa del GW sta nell’effetto ionizzante dei flussi di alta energia di origine cosmica e solare. Queste energie interagiscono soprattutto con l’atmosfera come del resto, quando ci sono eruzioni, le alte colonne eruttive di vulcani esplosivi. E se l’ozonosfera viene perforata, i raggi ultravioletti solari entrano in atmosfera. D’altro canto gli effetti gravitazionali delle maree luni-solari sollecitano zone di faglia instabili del Pianeta, eccitandole (specie Indonesia e Oceano Pacifico) causando potenti e diffusi eventi tellurici (vulcani, terremoti e tsunami), che si uniscono alle periodiche fasi del Nino.
Si producono pertanto complesse interazioni tra eventi clima-alteranti ed effetti di clima alterato con oscillazioni termiche annesse (variazioni climatiche) e, talvolta, manifestazioni di eccezionale energia distruttiva (eventi estremi).
Dunque le cause prime sarebbero prevalentemente cosmiche, extraterrestri ed extrasolari e la CO2 (la quota parte antropica)? O non c’entra affatto, oppure, nella migliore delle ipotesi, può considerarsi una semplice concausa con un ruolo assolutamente marginale. 
La scienza si nutre di dubbio e scetticismo e non dovrebbe accettare dogmi, verità imposte su base maggioritaria, boicottaggi che impediscano di esprimere liberamente idee diverse e di discuterle con chi la pensa diversamente. Chi accetta tutte queste cose senza esprimere dubbi è più un “credente” che un seguace della scienza.
Negli anni ’70 gli stessi “scienziati” che ci mettevano in guardia per un’imminente nuova era glaciale, da 30 anni ormai lanciano proclami catastrofisti del tipo “abbiamo solo 20 anni per salvare il pianeta” (COP24 di Katowice – Polonia) senza che sia visibile alcun effetto “sul pianeta” che non sia stato già visto nel passato, ma con tragici effetti sulla qualità della vita nei paesi occidentali, vessati da rozzi tentativi di trasferire ricchezza verso i paesi in via di sviluppo, vita che è peggiorata notevolmente, come testimoniano le recenti manifestazioni di piazza dei “gilet jaunes” in Francia.
I modelli climatici utilizzano come variabile principale la CO2: in essi è contenuta, come unica “manopola” per cambiare il clima (tipo la manopola della sintonia di una radio), la quantità (concentrazione) di CO2. È questo che giustifica la lotta senza quartiere all’anidride carbonica in tutte le raccomandazioni dell’IPCC e il fatto che la maggioranza delle persone la consideri un veleno, quando in realtà è l’elemento fondamentale per la fotosintesi, da cui deriva, anche per l’aumentata concentrazione, un beneficio per la biosfera.
Tutti conoscono cosa sia l’effetto serra, ma la correlazione tra CO2 e GW non è affatto biunivoca, né unidirezionale. Evidenze storiche del passato per es. periodo romano e periodo medievale caldi, quando la CO2 – in questo caso di origine prettamente naturale – era ad un livello, secondo i sostenitori dell’AGW, non superiore ai 280 ppm (0, 028% in volume), dimostrano che la relazione di causa-effetto non regge. Anzi altre evidenze paleo climatiche segnalano che in taluni periodi di correlazione tra CO2 e GW, è quest’ultimo che precede l’aumento di CO2, e non viceversa. E pensare che nell’ormai lontano 2001 il Working Group 1 dell’IPCC scriveva nel suo Report annuale: “In climate research and modelling, we should recognize that we are dealing with a coupled non-linear chaotic system, and therefore the long-term prediction of future climate states is not possible”. Beh, c’è stato da allora un bel cambiamento, perché seguendo il filone delle carriere professionali, delle prebende e dei finanziamenti, l’IPCC e le istituzioni scientifiche ad esso collegate, ora dichiarano, con la sicumera che li contraddistingue, che sono in grado di definire la temperatura terrestre con l’approssimazione del decimo di grado e dichiarano – quasi del tutto inascoltati, almeno stando ai fatti – che, se noi attuassimo le misure che ci raccomandano da anni, ciò consentirebbe di contenere l’aumento di temperatura del Pianeta entro i 2°C , evitando così … la sicura catastrofe e la sparizione dell’uomo dalla faccia della Terra! Con la popolazione mondiale di oltre i 7 miliardi di persone, in costante ed inarrestabile crescita in particolare nei paesi in via di sviluppo (Asia, Africa), di energia c’è sempre più bisogno e uno degli ormai annosi quesiti che riaffiora in discussioni, dibattiti e simposi in Italia e nel mondo riguarda la nostra possibilità di generare sempre maggiore energia elettrica usando i combustibili fossili. Possiamo farlo o invece dobbiamo, o avremmo dovuto già da tempo, come sostengono gli ambientalisti, gradualmente disfarcene perché “energia non pulita”? Considerando il quesito in un contesto globale, la domanda ha una sola risposta: se vogliamo preservare l’ambiente che ci circonda e renderlo sempre più vivibile dobbiamo essere liberi di usare anche i combustibili fossili, perché solo loro sono in grado di fornirci energia abbondante, sicura e a basso costo.

A conclusione della presente nota invitiamo il lettore ad esaminare il grafico di Fig.1 ( Institute for Marine and Coastal Sciences and Department of Earth and Planetary Sciences, Rutgers University, 71 Dudley Road, New Brunswick, NJ 08901, USA. Lamont-Doherty Earth Observatory of Columbia University, Palisades, NY 10964, USA. Department of Geology and Geophysics, Woods Hole Oceanographic Institution, Woods Hole, MA 02543, USA) che ci fa notare che i cambiamenti globali della temperatura superficiale di questi ultimi anni sono semplicemente un ritorno parziale al clima “normale” generale degli ultimi due millenni e che l’unico aspetto notevole dei cambiamenti climatici negli ultimi secoli è stato il raffreddamento anomalo che si è verificato durante la Piccola Era Glaciale.
Infine, il riscaldamento su scala emisferica di qualche grado nell’arco di pochi decenni – e l’innalzamento globale del livello del mare si sono verificati in modo naturale o senza cambiamenti nella concentrazione di CO2 nell’atmosfera. E, per dirla in breve, non c’è nulla di remotamente straordinario negli ultimi decenni nel riscaldamento globale.

01 aprile 2019, qui.

In poche parole, ci stanno fottendo (e non finisce qui).

barbara

  1. Ecco, hai riportato la posizione di uno scettico dell’AGW.
    Ceradelli espone il suo pensiero e come lui lo fa quella minoranza di scienziati che sono scettici dell’AGW.
    Che ci sia una maggioranza di pubblicazioni a favore dell’AGW e una minoranza di posizioni contrarie (o più esattamente di scetticismo) è un dato di fatto.
    Significa qualcosa? No. Se non rappresentare una fotografia della situazione attuale su questo tema. Fotografia che ovviamente può cambiare nel tempo, anche in modo drastico, come già avvenuto molte volte in passato.
    In ambito scientifico la ragione può benissimo essere dalla parte della minoranza e addirittura può darsi che non abbia ragione nessuno.
    Se usassimo il linguaggio matematico diremmo che quella dell’AGW è una congettura, questo è il modo più corretto di procedere. Non ci sono dimostrazioni a favore, non ci sono dimostrazioni contro e potrebbe sempre entrare in gioco quella cosa non esattamente carina (ai fini di una verità matematica) che sono i teoremi di Gödel.
    Perché càpita questo? Perché qui non siamo nella fisica classica dove butti giù un’ipotesi teorica, costruisci un esperimento che la verifichi o confuti, ripeti lo stesso parecchie volte (e lo fai ripetere ad altri), analizzi i dati e capisci se la tua ipotesi sta in piedi o no.
    Qui non è che puoi dire… incliniamo un pochino l’asse terrestre e vediamo cosa succede, cambiamo le correnti oceaniche e vediamo cosa succede, schermiamoci un po’ più dai raggi cosmici e vediamo cosa succede, ecc.
    Qui il metodo scientifico classico non è applicabile. E così ci sono posizioni diverse.
    Quindi uno dovrebbe limitarsi a prendere atto che ci sono posizioni diverse.

    Ora, quello che ti chiedo io è quanto segue. Perché a fronte di quanto sopra tu hai deciso che la posizione a favore dell’AGW è errata e quella contraria è quella corretta?
    Perché non hai il minimo dubbio che le difficoltà scientifiche a supporto dell’ipotesi AGW sono anche le difficoltà scientifiche contro la stessa ipotesi?
    Possiamo fidarci, qualunque sia la fonte, di un grafico esteso a migliaia di anni che definisce la temperatura superficiale del pianeta? Io non mi fiderei nemmeno di una misura della temperatura superficiale del pianeta fatta nel 2021 e valida solo per quest’anno!
    Cioè, perché anziché essere sanamente scettica affermi con certezza che l’ipotesi AGW è stata fabbricata ed è tenuta in piedi in modo artificiale? A me suona come certe argomentazioni complottiste che – in altri ambiti – qui sul tuo blog combatti tutti i giorni.

    "Mi piace"

    • Perché se tua moglie, da quando la conosci, soffre di mal di testa ricorrenti, e tu sostieni che da quando io frequento il tuo blog i suoi mal di testa sono peggiorati, sei TU che devi dimostrare, primo, che sono peggiorati, secondo, che io ho qualcosa a che fare con la faccenda. Io non devo dimostrare proprio niente. E neppure darmi da fare per cercare la causa dei suoi mal di testa. E neanche, in assenza di variazioni documentate, farmi venire dei dubbi sulle spiegazioni che fino all’altro ieri erano ritenute valide, ossia che il suo è un problema congenito indipendente, o quasi, da stimoli esterni.

      "Mi piace"

    • Premessa: la teoria dell’AGW dice che c’è un riscaldamento globale, e che questo è colpa esclusivamente, o in misura preponderante, dall’immissione di CO2 nell’atmosfera da parte dell’uomo e delle sue attività industriali, zootecniche, agricole, di mobilità eccetera. Ora, se fosse vero sarebbero non una, ma due buone notizie: perché sia il riscaldamento del pianeta che la CO2 sono una buona cosa (spero siamo tutti al corrente che l’anidride carbonica è cibo per le piante, tanto che viene pompata nelle serre, mentre nelle periodiche fasi di raffreddamento non solo le attività umane, ma anche flora e fauna presenti sulla Terra hanno subìto un ridimensionamento drastico).
      Aggiungo che la CO2 è marginale dal punto di vista dell’effetto serra, perché è presente in tracce nell’atmosfera, e quand’anche raddoppiasse, sarebbero sempre tracce; mentre il più potente gas-serra è il vapore acqueo, il cui livello varia in conseguenza di innumerevoli fattori, e poi c’è l’effetto determinato dalla copertura nuvolosa, anch’essa estremamente variabile: non è un caso che nel deserto, dove non ci sono né umidità, né nubi, le temperature di notte scendono sotto lo zero, anche se di giorno fa un caldo assassino.
      E poi, naturalmente, c’è l’attività solare, che non è un dato costante, e che non viene in alcun modo tenuta in considerazione dalla teoria dell’AGW.
      Le prove, dicevamo.
      Ci sono, e sono nelle famose mail dell’Università dell’East Anglia, in cui i vari “scienziati”, mi vedo costretto a mettere le virgolette, si scambiavano pareri su come censurare le notizie scomode, “colorire i dati”, far perdere il lavoro ai colleghi scettici, e promuovere le panzane più antiscientifiche, come il famoso grafico “a mazza da hockey” di Michael Mann.
      I sacerdoti dell’AGW non credono nell’AGW, proprio come i preti cattolici, per la maggior parte ed a cominciare dal Papa, non credono in Dio.
      E’ un complotto, dunque?
      Sì, lo è; al servizio di enormi interessi economici, politici (sono maniaci del controllo) e antiumanitari (il Nuovo Ordine Mondiale, così come è chiaro dall’Agenda 21, è sfacciatamente ispirato a Malthus).
      Personalmente, ritengo che le prove generali siano state la messa al bando dei CFC, negli anni ’80; ma forse il precedente più significativo, in altro ambito, è stato nel decennio precedente il divieto di usare il DDT nei Paesi del Terzo Mondo che, allora, avevano già quasi sconfitto la malaria.

      Piace a 1 persona

        • Io, invece, un paio di cose le aggiungerei.
          Sulle prove falsificabili, pilastro del metodo scientifico: purtroppo per loro ci sono, e sono le innumerevoli previsioni degli ultimi trent’anni, tutte puntualmente disattese. Ma tanto chi si ricorda cosa ha detto questo, o quello, sul fatto che entro il 2000 non sarebbe mai più nevicato?
          Previsioni fatte su modelli matematici, applicati a sistemi caotici in gran parte ignoti e probabilmente già disegnati con in mente un risultato.
          Quanto alla CO2, comincia a scarseggiare, perché l’aumento del costo degli idrocarburi che servono a produrla ha fatto impennare i prezzi. Risultato: nel Regno Unito si stanno già svuotando gli scaffali dei Supermercati.
          https://www.bbc.com/news/explainers-58626935

          "Mi piace"

  2. “…le spiegazioni che fino all’altro ieri erano ritenute valide”

    Erano “ritenute valide” non significa per nulla “erano valide”. Quindi si può non abbracciare una nuova teoria (ritenendola errata) e ricadere tranquillamente in una precedente teoria anch’essa errata.

    Visto che nessuno di noi è un esperto della materia ciò che possiamo fare è comprendere l’estrema complessità di un fenomeno come quello del cambiamento climatico.
    Per avere un’idea della complessità si può ad esempio leggere questa pagina:
    https://skepticalscience.com/translation.php?lang=17

    "Mi piace"

  3. Tendo a vedere le cose più come le mette Nautilus: la questione è ben al di là del metodo scientifico classico e, scientificamente, è difficile accettare l’AGW così come è difficile accettare il suo contrario.

    Dal punto di vista politico, d’altro canto, ho una posizione molto chiara: nel dubbio, lasciar fare. Vale a dire: non sapendo se è valida la congettura antropica, il suo opposto o nessuna delle due, monitorare e non intervenire.

    Niente astruse politiche stataliste. Che poi è un’ottima idea sempre.

    "Mi piace"

    • Assolutamente d’accordo, ma io ce l’ho con la malafede. Chi sostiene una tesi ci dovrebbe anche credere. Non dimentichiamo che buona parte di quelli più vocali nell’isteria da riscaldamento, pardon cambiamenti climatici (hanno dovuto cambiare l’etichetta in corsa) sono quelli che, negli anni ’70, prevedevano l’avvento imminente di una catastrofica glaciazione, e sempre per colpa dell’uomo (in particolare per colpa di noi due, in effetti).

      "Mi piace"

  4. Pingback: E QUANDO CREDI CHE ABBIANO TOCCATO IL FONDO | ilblogdibarbara

  5. Pingback: Il Pene come Causa del Climate Change – Cavolate in liberta'

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...