LETTURA AD ALTA VOCE DI UNA COMUNICAZIONE DEL PRESIDE POLITICAMENTE CORRETTO

Buon giorno. Comunicato delasterisco vostrasterisco presidasterisco.
Carasterisco studentasterisco che vi siete iscrittasterisco a questo liceo, per celebrare in allegria l’inizio dell’anno scolastico, siete tuttasterisco invitatasterisco alla rappresentazione che alcunasterisco vostrasterisco compagnasterisco daranno domani alle ore 16 in Aula Magna. Siete pregatasterisco di essere puntualasterisco. Potete portare asterisco vostrasterisco genitorasterisco e fratellasterisco e sorellasterisco. Se per caso avete qualche cuginasterisco in visita, portate pure anche laeiouyæäëïöüÿåâêîôûãõø.

Due piccole riflessioni personali. Prima: se questa manica di spostati non imparano a gestire le proprie frustrazioni, neanche un miliardo di fabbricazioni linguistiche saranno sufficienti a farli sentire a proprio agio, perché non è nella lingua che risiede il loro problema. Seconda: delle proprie seghe mentali devono farsi carico loro, non noi.

barbara

  1. Per un fugace attimo ho creduto che il post fosse la trascrizione cosciente dei residui di un tuo incubo notturno…
    Poi ho seguito il link.
    Adesso temo che gli incubi verranno a me.
    Va bene che l’ italiano è una lingua viva e come tale suscettibile di modifiche (per quanto astruse): posso arrivare a considerare financo “petaloso” (no, non è vero, non posso).
    Ma questo, per favore, no.

    "Mi piace"

    • Questo è particolarmente grave per il fatto che non è una mutazione spontanea, come il passaggio da cittade a città, o da giuoco a gioco, bensì una fabbricazione a tavolino che viene imposta, con tanto di sanzioni. Perché se io mi mettessi a scrivere della cittade in cui sono nata e in cui ho giuocato da bambina mi si riderebbe dietro, ma non rischierei il bando dalla società civile o addirittura, se fossi ancora in età da lavoro, il licenziamento.

      "Mi piace"

  2. Segnalo un video segnalato a sua volta da Ugo Volli. E’ impostato sull’ultima mezz’ora, vale la pena di guardarlo. O almeno, per avere una idea su questo genere di sciroccati, fino al primo intervento della tettona logorroica (sulla quale ho lasciato un commento un pelino irriverente)

    "Mi piace"

    • Sono fantastici. “Io rivendico il mio diritto di dire cose sbagliate perché mi fa sentire meglio” è bella, ma “io sento il bisogno di esprimermi usando la lingua (ma non conoscendola adeguatamente me la invento a piacere)” vince tutto.

      "Mi piace"

      • No, la migliore è quando spiega che lei non è una linguista, precisando che della linguistica non sa niente e non gliene frega niente (confermando così il sospetto – che era venuto immediatamente – che a una conferenza con dibattito sulla linguistica tenuta da una linguista ci è andata unicamente per provocare e fare polemica), bensì un’attivista, termine ripetuto infinite volte: evidentemente deve essere una professione piuttosto redditizia, visto che per vivere non fa nient’altro. Ma la cosa più fulminante secondo me è quando chiede alla linguista se lei è binaria: cioè l’inclusivista per antonomasia ha assolutamente bisogno di un’etichetta da appiccicare a ogni interlocutore per poterlo valutare e decidere come rapportarsi con lui (e richiesta del perché ha bisogno di saperlo, prima dice “veramente avevo domandato prima io, comunque rispondo lo stesso”, poi parla per un quarto d’ora di se stessa senza minimamente rispondere alla domanda. secondo me una bella scarica di schiaffoni sarebbe altamente salutare, se non altro per insegnarle un po’ di educazione e a non parlare sopra un’altra persona che sta parlando.

        "Mi piace"

        • mi chiedo come abbia fatto la linguista a mantenere la calma e a continuare ad esprimersi con meravigliosa chiarezza e padronanza del linguaggio e dell’argomento….

          il fatto che i due smandrappati non si siano manco accorti di essere stati presi a ceffoni per almeno un’ora filata è di per sé illuminante sul diverso spessore mentale delle due parti in causa

          "Mi piace"

        • Ho letto un po’ di commenti su YT e tutti dicono la stessa cosa, anche da parte di persone che si definiscono come bisex o fluid: indecente il comportamento della tettona, infinita ammirazione per l’autocontrollo della linguista oltre che per la competenza, la chiarezza di esposizione ecc., e questo bellissimo:
          “La linguistica non si occupa della tua esistenza”. BOOOOMM!! Che taglio ragazzi 😆 Grande Yasmina!

          "Mi piace"

        • Ma possono anche essere vaccinanti, come dimostrano i commenti su YT. Comunque no, di guardare tutto il malloppo non ci ho mai pensato: era programmato sull’ultima mezz’ora e l’ho guardato pensando di uscire dopo massimo 10 minuti e poi invece l’ho guardato tutto, ma solo relativamente a quella mezz’ora.

          "Mi piace"

  3. Interesse privato in atti d’ufficio. Il preside è probabilmente gay, ma non ha il coraggio di fare outing, forse per non mettere in imbarazzo le sciure mamme. Soluzione: lanciare un messaggio in codice.

    "Mi piace"

    • Io sono molto più pessimista di te: non è gay, bensì coglione. Comunque ho letto che il provvedimento è stato approvato dal consiglio d’istituto, formato peraltro, se ricordo bene, da non più di una decina di persone, metà insegnanti e metà genitori.

      "Mi piace"

  4. Io in definitiva mi trovo a considerare solo il tempo e le parole perse a discutere di questi temi. Che poi, finchè son chiacchiere da bar ci può anche stare, quando si elevano a questioni costituzionali stiamo veramente superando il limite. Non sai se ti senti maschio, femmina o altro ? Che ti devo fare, risolvitela da te (visto ? c’è il sistema per non specificare il genere, anche nella lingua italiana consolidata) e non mi rompere i coglioni.
    Sei quello che sei, e sei comunque un essere umano: come tale non sei immune da pregiudizi, prese di posizione, idee politiche… e quelle non ti piace quando sono messe in discussione. E allora, perchè pretendi di mettere in discussione il fatto che per me se hai il pisello sei un maschio e se hai la patata sei una femmina ? Poi sentiti come ti pare, ma io ti chiamerò sempre “coso” o “cosa” a seconda dei casi.
    Frequentavo anni fa una coppia di froci, gente abbastanza a modo, educata, assolutamente non volgare. Due ragazzi che si volevano bene. Una sera mi portarono a casa un’ altra coppia – amici loro – per una tavolata complessiva di una dozzina di persone. Subito l’altra coppia cominciò ad essere maleducata in maniera provocatoria (baci con la lingua a tavola, cosa che normalmente anche una coppia etero si astiene dal fare), ma io per “rispetto” feci finta di niente. In fondo non è che si stessero inchiappettando, ancora tollerabile. Qualche mezz’ora (e qualche bottiglia) dopo, il discorso cadde prima sulla politica e poi sulla religione (o meglio sull’ idolatria): sorvolando sulla politica (anche lì mi ero tenuto a freno), ad un certo punto mi sono permesso di esprimere la mia idea in merito a Padre Pio, da loro venerato ed ossequiato. Apriti cielo ! Qualcuno ha visto la tolleranza ? Io no. Appena mi sono ricordato che eravamo in casa mia, ho guardato platealmente l’orologio, ho cominciato a sparecchiare, ho fatto entrare i cani ed ho invitato i commensali tutti a rimettere il culo nelle loro auto e liberare il vialetto, grazie. Uno dei componenti della coppia maleducata alla fine ha anche tentato di far prevalere la sua componente maschile, cosa che mi è costata una querela per lesioni, fortunatamente archiviata.
    Ancora mi parlano di “genere” ?

    "Mi piace"

    • No, WP manda in moderazione o addirittura in spam chi gli pare secondo il ghiribizzo del momento, figurati che ogni tanto ci manda pure me. Quanto alla storia, è come con gli anti razzisti, che in America sono arrivati a mettere in piedi sette celebrazioni di laurea separate, una per ogni sfumatura di colore, e più sono anti razzisti, più netta è la separazione fra le diverse razze che riconoscono, e più forte è il dislivello di valore fra l’una e l’altra. Poi c’è la solita Oca Signorina, ovviamente antifa e antirazzista, oltre che asterischista dura e pura, che ha postato quattro facce, ricostruite al computer sui teschi trovati in una necropoli, di “romani”, ossia cittadini dell’impero, con colori e tratti somatici diversi – per dimostrar quanto loro erano multirazziali, multiculturali e inclusivi al 100% – fra cui uno nero come il carbone. Uno le chiede come si fa, da un teschio, a sapere il colore della pelle, e lei: “Dal DNA, ovviamente”. Cioè, ci hanno fatto per decenni una capa tanta per spiegarci che non esistono le razze e che la prova principale di questo sta nel fatto che abbiamo tutti lo stesso DNA (perché, fra le razze di cani, di gatti, di cavalli ci sono differenze di DNA?) e adesso viene fuori che possiamo sapere di che colore era quella persona dal DNA? No vabbè.

      "Mi piace"

      • Basandomi su cose lette qua e là, un esperto (scusi la volgarità) in anatomia può dire con relativa sicurezza a quale etnia apparteneva da vivo uno scheletro, grazie alle differenze del cranio e altre ossa, quindi, per sbaglio, la sua “amica” piumata non ha detto una totale castroneria, almeno su quel particolare punto, immagino si sia rifatta in seguito.

        "Mi piace"

        • Il punto è che la Signorina 24 ore prima avrebbe scannato con le proprie mani chiunque avesse parlato di razze e di differenze genetiche fra le stesse. Poi c’è che parlare di conformazione del cranio è una cosa e parlare di DNA un’altra. Cioè, il DNA c’entra se ammettiamo che esistono le razze e che fra l’una e l’altra, oltre ai caratteri somatici, ci sono differenze anche genetiche, ma non mi si può dire che le razze non esistono E che puoi determinare il colore di una persona di cui non possiedi la pelle in base al DNA. E che è il DNA a determinare la forma del cranio.

          "Mi piace"

        • Dipende molto da come definisci le razze. Quando i genetisti dicono che le razze non esistono intendono dire che non abbiamo uno strumento che possa determinare esattamente (in modo statisticamente significativo) l’esistenza di gruppi biologici UMANI definiti. Questo, invece, vale per i cani, i cavalli etc. Altro é dire, in base al DNA, quali caratteristiche fisiche potrebbe avere (probabilisticamente) un individuo (colore della pelle, quantità di pelo, forma dei capelli, altezza, zigomi etc). come metafora euristica poteri dire che in base a nome e cognome possiamo piazzare una persona nello spazio (probabilisticamente), ad esempio un Rossi Carmelo é quasi certamente in Italia del sud ma non possiamo fare dei gruppi che sono tutti certamente in Italia del Sud e quindi dire che esistono nomi e cognomi che identificano gli italiani del sud.

          "Mi piace"

        • Esempio sbagliato: il signor Rossi è altamente probabile che sia del nord, il signor Carmelo è altissimamente probabile che sia siciliano e alquanto probabile che sia lombardo, quindi il signor Carmelo Rossi è considerevolmente probabile che sia lombardo e scarsamente probabile che sia del sud. E sbagliato anche come metro di paragone: il nome viene deciso al momento, e non sempre in base alle tradizioni famigliari, il naso camuso, il prognatismo, i capelli crespi, la pelle color mozzarella, li erediti e li lasci in eredità.

          "Mi piace"

      • Altra curiosità ( può considerarmi la versione umana, o meglio felina, della settimana enigmistica) gli umani europei, nordafricani e mediorientali hanno, secondo l’opinione corrente dei genetisti, dal 3 al 6% di DNA Neanderthaliano, gli abitanti dell’Asia orientale hanno una equivalente quantità di DNA denisoviano, mentre gli africani subsahariani non avrebbero nulla del genere. Informazioni riportate dalle stesse testate che si affannano a ribadire che non c’è alcuna differenza significativa all’interno della razza umana.

        "Mi piace"

      • Articolo del Post di qualche tempo fa, otto pagine a ripetere che non esistono le razze umane, ma esistono invece le etnie, senza spiegare neppure lontanamente che differenza ci sia.
        Comunque OGNI caratteristica fisica del corpo umano è basata sul DNA, a cui poi si aggiungono gli effetti della vita trascorsa.

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...