COSE VARIE

I paragoni
Vanno molto di moda, di questi tempi: Putin come Hitler, Putin come Stalin, Zelensky come Churchill (scusate, mi scappa da ridere), Zelensky come Pericle (ebbene sì, è stato detto anche questo), Ucraina come la Palestina (cioè con un bordello di terroristi? Beh, questo effettivamente…), Israele uguale alla Cina comunista, ucraini che lasciano il Paese per andare a fare per un po’ i rifugiati uguali agli ebrei deportati nei campi di sterminio… Quindi, visto che è di moda, ne voglio fare qualcuno anch’io. Del Vietnam ho già parlato: l’America ha cominciato inviando soldi, poi armi, poi soldati. È andata a finire così

In Afghanistan l’America ha cominciato inviando soldi, poi armi, poi soldati. È andata a finire così

In Ucraina l’America ha cominciato inviando soldi, poi armi, adesso pare che voglia mandare anche soldati. Ho un fiume a 500 metri giusti da casa: io mi siedo e aspetto.
Sempre in tema di confronti

E a proposito di rifugiati ucraini, guardate un po’ questa:

Ma tornartene a casina tua, bella, visto che qua siamo così cattivi?

Quelli che smontano le bufale
L’articolo è questo, e non essendo copiabile, se il tema vi interessa dovrete andare a leggerlo lì. Si tratta di “Open”, il sito di Mentana che ha il sublime compito di informarci su che cosa è vero e che cosa è falso tra le cose che vengono pubblicate, e che ha pubblicato quattro cose false in tre giorni.

Le schedature
Ieri ho parlato delle proscrizioni, oggi invece vi parlo delle schedature; guardate per esempio qui

e, per chi ha un po’ di tempo in più, anche qui

Dedicato agli amanti dei martiri ucraini belli buoni bravi santi
Questo video è dell’aprile 2021

E ricordiamo, ricordiamo sempre: in Donbass, in questi ultimi otto anni, non è successo niente. Se sentite dire che è successo qualcosa, è tutta e solo volgare propaganda russa: non dovete credere una sola parola.

Un uomo saggio tutto da ascoltare

Mariupol e la modella incinta

Michele Ferretti

Chi odia davvero l’occidente? 300 morti al teatro di Mariupol’, poi in realtà no (forse uno solo); sempre a Mariupol’, distrutta la moschea, solo che poi non era vero; annientato il Babi Yar di Kiev, poi un giornalista israeliano si reca sul posto e lo trova intatto; parla la ragazza evacuata dall’ospedale di Mariupol’ e smentisce la versione diffusa dai media ucraini e rilanciata dai nostri giornali [come ha dichiarato in un video che ho precedentemente postato, dell’ospedale era agibile solo una piccolissima parte perché tutto il resto era stato occupato dai miliziani ucraini; quel giorno nessuno ha sentito aerei arrivare, non c’è stato nessun bombardamento, solo uno (o forse due, adesso non sono sicura di ricordare bene) colpi sparati da terra – e lì NON c’erano russi ma unicamente le milizie ucraine]: reagiscono subito le maggiori testate italiane, deducendone il rapimento per mano dei russi. Poi succede che un giornalista vero, Giorgio Bianchi, attualmente in Donbass e che segue sul posto le vicende da otto anni, prova a intervistarla. Tranquillamente, lei, col figlio neonato e il marito, lo raggiunge in taxi e spiega inequivocabilmente come stanno le cose.

Con gli elementi che abbiamo, è sensato continuare a credere ciecamente a quelli del massacro di Timisoara, della testimonianza di Nayirah, delle provette all’ONU e dei forni di Saydnaya, oppure vale la pena porsi qualche domanda? Odia di più l’occidente chi si pone qualche domanda o chi arma i nazisti col rischio incombente di un’escalation nucleare?

E ancora Orsini e le sue frasi incriminate

Ma naturalmente chi ha deciso che Orsini è il male assoluto, un servo di Putin, un assassino del popolo ucraino, continuerà a tirare fuori dal discorso tre parole utili alla propria narrativa e inchiodare Orsini a queste perché si sa: quando mai potrebbe essere Francesca?

E concludiamo, ancora una volta, con qualcosa di bello. E russo.

barbara

  1. i miei tre centesimi (vedi che non son tirchio come credi)
    1) Un modo per eliminare le notizie scomode è di attacar loro una comoda etichetta fake news e andar già di uomini di paglia. Vedi i debunker di stato che poi hanno dimostrato evidente strabismo nel notare le bufale. O meglio notavano tanto le bufale scomode mentre quelle comode erano “verità abbellite”. Open non è ne il primo e neppure l’ultimo che cerca di sopperire all’autorevolezza con la spillina “ministero della verità approved”.

    2) Orsini, sinceramente il suoi interventi mi sembrano a livello “Massimo Catalano”, l’isteria nei suoi confronti è che non partecipa ai due minuti di odio contro Vladimir Putinstain e questo lo fa iscrivere d’ufficio la partito nazipedosatanista omofobo dei figli di Putin.

    3) Green pass, vaccini& co. Qui ci sarebbe da fare un articolo perché spunti ce ne sono molti; il primo è che se le leggi rigidissime verso gli italiani diventano di plastilina dietro le proteste degi stranieri, la prossima volta ti che la gente le rispetterà solo se vede il poliziotto perché le considera solo vessazioni inutili. Fare figli e figliastri è sempre un danno.
    Secondo spunto interessante: i profughi ucraini son per lo più donne e bambini, invece per gli altri profughi sono una minoranza. E qualcuno sta iniziando a chiedere perché in ucraina rimangono gli uomini a combattere mentre in nigeria, senegal, etc. etc. donne e bambini..,

    "Mi piace"

    • 1. Se hai visto un articolo che mi è stato linkato in un post precedente, gli zelenkiani accusano la controparte di fare esattamente questo, cioè che “noi” attacchiamo le etichette, seminiamo sospetti per screditare le “notizie vere” eccetera eccetera. Un buon psicanalista avrebbe molto da dire su questo ribaltamento di frittate. Che è qualcosa che davvero non arrivo a capire: essendo noto da sempre che in guerra tutti, senza eccezione, mentono, tutti senza eccezione disinformano, tutti minimizzano o massimizzano secondo il comodo, la cosa più ovvia non dico per sapere la verità, ma per farsi almeno un’idea non troppo falsata, sarebbe di ascoltare entrambe le parti e poi fare la tara a entrambe, ascoltare terzi estranei al conflitto parteggianti sia per l’una che per l’altra parte, e anche a loro fare la tara, e bene o male una mezza idea te la fai. Invece no, si è scelto dal primo giorno di silenziare totalmente una parte ed estromettere, sbeffeggiare, criminalizzare chi non dico parteggia per la controparte, ma semplicemente si azzarda a dire “ma siamo proprio sicuri che…?” e dare credito al 100% di verità assoluta all’altra parte. Le veline dell’Istituto Luce gli fanno un baffo a questi.
      2. Orsini dice cose banali, ossia quelle che sono sotto gli occhi di tutti e che tutti possono vedere. Il suo merito è di avere il coraggio di dirle. Di fronte a lui vedo un branco di checche isteriche che starnazzano.
      3. Sul GP mi basta l’assunzione – PER UN ANNO! Cioè abbiamo la certezza che la guerra non durerà di meno – dei medici ucraini non vaccinati al posto dei nostri medici sospesi perché non vaccinati.
      PS: nel video di Paolo Liguori mi ha enormemente sorpreso vedere una intervistatrice che fa la domanda e poi permette all’intervistato di rispondere: da quant’è che non capitava di vedere una roba del genere?

      "Mi piace"

      • 1) è la stessa tecnica adottata durante la pandemia; siccome fra i contestatori ad Arcuri, tanto per fare un esempio, c’erano anche degli sbroccati che dicevano cazzate sesquipedali allora tutti i contestatori dicono cazzate sesquipedali e vanno cacciati in malo modo. Stessa cosa. A margine, come al solito le più sfegatate bimbe di conte son state le prime a traformarsi nelle “draghette” e dare tutte le colpe a Gonde.
        Aggiungo, alle tue osservazioni, che molti son partiti a voler essere più zelenkiani di zelenki, vedi le censure sul corso di letteratura o le censure dei balletti, azioni imbecilli che paradossalmente rafforzano Putin e fanno coagulare il consenso attorno a lui.

        "Mi piace"

  2. A proposito dell’inizio del post, se avessi scelto questa foto (sotto) la somiglianza sarebbe stata ancora più impressionante, ma c’è un’atra ricorrenza: in Vietnam, poi in Afghanistan, e da ultimo in Ucraina gli Americani hanno, per prima cosa, rovesciato il governo locale e vi hanno installato un loro fantoccio, ottimo per i media occidentali (Karzai era vestito benissimno, Poroshenko parlava un ottimo inglese) ma del tutto impopolare in patria e ultracorrotto.
    Quanto all’epilogo, ancora non si può dire, ma non è stato un bello spettacolo, prima dell’invasione, vedere il Dipartimento di Stato raccomandare i cittadini Americani di salvarsi per i fatti loro, con i voli commericiali che però erano già stati cancellati o sul punto di esserlo, in quanto il Governo USA non avrebbe potuto fare nulla.
    E ancora non sappiamo quanti cittadini Americani siano intrappolati in Afghanistan, quasi un anno dopo.
    Posso portarmi un seggiolino pieghevole e una canna da pesca?

    "Mi piace"

    • Foto: fatto, grazie. In effetti avevo in mente un’immagine di questo genere ma non l’ho trovata.
      La cosa dei governi fantoccio l’avevo scritta nel post che avevo intitolato Vietnam.
      Se poi mi lasci il seggiolino come ricordo va bene. Risalendo ci sono punti molto belli.

      "Mi piace"

  3. Questo però è interessante: https://www.termometropolitico.it/1600615_sondaggi-tp-massacri-bucha-per-quasi-un-italiano-su-due-ci-sono-stati-e-i-responsabili-sono-russi.html. Sotto la foglia di fico del titolo, i numeri sono quasi incoraggianti sull’intelligenza degli italiani (in realtà dicono anche che più un italiano su due qualche dubbio ce l’ha). La sezione “I sondaggi del termometro” dello stesso sito, mi è sembrata una miniera di informazioni del genere, basta chiudere un occhio sui titoli fuorvianti. Anzi quei titoli sono la ciliegina sulla torta, perchè confermano che la fonte è non schierata (i.e. non filo-russa). Molti dei grafici meritano una diffusione più ampia, secondo me.

    "Mi piace"

    • Infatti, la cosa che mi preoccupa non è che tanta gente non la pensi come me: quello che mi preoccupa e mi fa paura che in una situazione come quella della guerra, dove è scontato che tutti mentono, disinformano eccetera, così tanta gente abbia deciso di non avere dubbi e abbia la certezza assoluta che da una parte ci siano solo menzogne e dall’altra solo verità senza che ci sia bisogno di dimostrarlo.
      Grazie per la segnalazione.

      "Mi piace"

        • Mah, dire “vorrei che finisse la guerra”, anche se lo dici in modo meno ingenuo non mi sembra che abbia molto senso, è come dire vorrei che cessasse la fame, che tutti i bambini fossero felici eccetera. Recentemente ho letto che qualcuno all’Onu ha detto che se Elon Musk donasse sei trilioni di dollari si potrebbe far finire la fame nel mondo, e lui ha risposto “Ok, ditemi come e domani vi porto i soldi”. E adesso indovina: gli è arrivata qualche risposta?

          "Mi piace"

  4. Pingback: QUANDO GLI OSTAGGI POSSONO PARLARE | ilblogdibarbara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...