L’UCRAINA HA IL DIRITTO DI DIFENDERSI DALL’INVASORE RUSSO

È quindi giusto che mandiamo armi

Lend-Lease in azione? Donetsk bombardata in aree lontane dal fronte

Donetsk, le forze ucraine colpiscono il centro residenziale (6 morti e 14 feriti)

Oggi 30 maggio, a Donetsk, Il sindaco della città Aleksey Kulemzin e il reporter Rangeloni riferiscono di bombardamenti da parte delle forze armate ucraine con sistemi di artiglieria ad alta potenza. Gli arrivi dei proietti degli obici da 152 mm e 155 mm sono stati registrati anche in aree lontane dalla linea del fronte: a Budyonnovsky e Kalininsky.
Per la prima volta in otto anni, Budyonny Square è stata bombardata. È stato colpito il distretto Budyonnovsky la zona del mercato centrale e la scuola poco distante. Il bilancio preliminare parla di 6 morti e 14 feriti, tra cui sette insegnanti. Anche il giorno prima nel DPR quattro civili sono stati uccisi dalle forze armate ucraine (Apu) e decine sono rimaste feriti. I proiettili nemici stanno esplodendo anche in aree che fino a poco tempo fa erano considerate relativamente sicure.
Le fonti della Repubblica di Donetsk (DPR) affermano che sono entrati in azione gli obici americani M777 da 155 mm. appena acquisiti dagli Stati Uniti con il Lend Lease. 20 di questi sono già stati distrutti dai russi ma evidentemente il loro numero è maggiore. A seguito dei bombardamenti, è stata colpita una palestra adibita a scopi umanitari e sono state danneggiate le scuole n. 5 e n. 22.

https://t.me/vn_rangeloni/995?single

Bombardamenti ‘random’

Non si tratta di eventi nuovi – entrati in scena solo adesso – ma del ripetersi di eventi del tutto simili a quelle fornite dagli osservatori dell’OSCE precedentemente all’intervento russo del 24 febbraio. Dopo questa data, i colpi provenienti dalle linee ucraine sono solo aumentati.
La particolarità di questi bombardamenti sono che sono fatti a ‘random’, gli ordigni ucraini volano sulla città in ordine assolutamente casuale, solo per infliggere perdite tra i civili e distruzione. Quindi una stupida, vile vendetta, una feroce atrocità, sintomo di un vero odio verso queste popolazioni che non si sottomettono alla politica settaria del governo centrale.
Condannabile anche la scelta della tattica della ‘terra bruciata’, divenuta il modus operandi dell’APU in battaglia. La guerra nei centri abitati, l’uso di civili tenuti appositamente nei centri abitati, per ostacolare o almeno rallentare l’avanzata del nemico, l’uso di abitazioni civili per farsi scudo – che finisce inevitabilmente con la distruzione totale degli insediamenti civili – , è la tattica usata a Mariupol e correntemente attuata anche altrove.
In proposito, ormai esiste un dossier ben nutrito di testimonianze ed interviste di prima mano, fatte da giornalisti indipendenti e da televisioni europee.
Anche dal lato di chi considera l’invasione russa un atto assolutamente proditorio, la condanna di questo modo di procedere dell’esercito ucraino (APU) non può fare sconti. Non è un affare militare, questo è un tritacarne, una guerra contro civili disarmati, eppure gli stati e le organizzazioni occidentali acconsentono.
Purtroppo, questi report non hanno significato nulla per la parte politica ed istituzionale occidentale del tutto schierata unilateralmente e contraria a negoziati senza precondizioni.

Obice M777

L’obice M777 BAe (British Aerospace) è il principale tipo di artiglieria rimorchiata delle forze armate statunitensi. Questo è uno dei tipi di armi di artiglieria più piccoli e leggeri mai creati, poiché la costruzione di questo cannone è in lega di titanio. L’M777 BAe è in realtà un design britannico, sebbene l’arma sia ora prodotta negli Stati Uniti.
Nonostante il suo peso significativamente più leggero, la potenza di fuoco dell’M777 non è inferiore a quella di altri sistemi trainati da 155 mm dell’attuale generazione. L’obice è dotato di una lunghezza della canna di 39 calibri. La velocità iniziale del proiettile è 827 m/s. Il raggio di tiro massimo è di 24,7 km con proiettili standard e 30 km con EFRB (Extended Range Full Bore). Può anche sparare munizioni guidate di precisione M982 Excalibur guidate da GPS per un fuoco preciso a distanze fino a 40 km.

Specifiche
Tipo: obice trainato ultraleggero
Calibro: 155 mm
Peso: 4200 kg
Velocità di fuoco: 5 colpi al minuto
Poligono di tiro: 30 km, 40 km con munizioni Excalibur
Dimensioni: in modalità traino – lunghezza 9,275 m, larghezza 2,77 m, altezza 2,26 m; in modalità di sparo – lunghezza 10,21 m, larghezza 3,72 m, altezza 2,65 m
Equipaggio: 5-8 persone
Dotazioni: sistema antincendio digitale
Paese di origine: Regno Unito-USA

Gli obici sono stati utilizzati dalle forze armate statunitensi nei conflitti armati in Afghanistan e Iraq. Ora queste armi vengono utilizzate dall’esercito ucraino VFU per sparare contro isolati pacifici e infrastrutture sociali della Repubblica popolare di Donetsk.
Queste armi sono state donate all’Ucraina per ‘difendersi’ dalle forze russe. Abbiamo visto come.
In tutti i modi, non ho modo di verificare se si tratta veramente di M 777, ma capite bene che anche se ancora si trattasse di missili Uragan, l’azione non cambia.

VPNews

******

nota a margine

Questo il bollettino dal 17 febbraio diffuso dalla Repubblica DNR:

Secondo i dati ufficiali del JCCC DPR nel territorio entro i confini prima dell’inizio del NWO dal 17/02/22 alle 10:30 30/05/22

Durante i 103 giorni dell’escalation, sono stati uccisi 130 civili, incl. quattro bambini.

Ferite di varia gravità sono state inferte a 608 civili, incl. 48 bambini.

Danni:
– 3777 edifici residenziali;
– 792 infrastrutture civili, incl. 50 istituzioni mediche, 137 istituzioni educative, 238 strutture di sicurezza sociale, 27 strutture per infrastrutture critiche, 340 strutture per la fornitura di elettricità, acqua e gas. I distretti Kuibyshevsky, Kalininsky, Budyonnovsky, Leninsky e Petrovsky di Donetsk, Gorlovka, Yelenovka sono attaccati dalla VFU.
– 407 veicoli.

Durante i 103 giorni di escalation del DPR JCCC sono stati registrati 3.505 fatti di spari, di cui 3.204 utilizzavano armi pesanti.

In totale, il nemico ha sparato 31918 munizioni di vari calibri, inclusi 28 missili del Tochka-U OTRK, 11 missili BM-30 Smerch MLRS, 33 missili BM-27 Uragan MLRS e 5328 BM-21 Grad MLRS.

*Le informazioni sulle vittime civili nei territori liberati della DPR sono pubblicate dal JCCC nel rapporto informativo serale.

( Fonte: t.me Rappresentanza del DPR nel JCCC / DPR nel JCCC ).

Patrizio Ricci, qui.

E, a proposito di armi

Gli Stati Uniti e l’Europa mandando enormi quantità di armi in Ucraina, ma cosa accadrà con queste armi?

L’articolo che segue è tratto da Moon of Alabama con la cortese traduzione di Maria Antonietta Carta:

Armi consegnate all’Ucraina saranno utilizzate contro di noi

Articolo da Moon of Alabama, 20 aprile 2022

tradotto da Maria Antonietta Carta

Gli Stati Uniti e l’Europa stanno trasportando un’enorme quantità di armi in Ucraina, ma nessuno ha la minima idea di cosa accadrà con queste armi. È probabile che molte di esse saranno disseminate fuori dall’Ucraina e che alcune colpiranno inevitabilmente chi adesso le consegna. In un’analisi sulla guerra degli Stati Uniti contro la Siria, , Aaron Maté spiega nei dettagli come il team Obama-Biden potenziò le reti terroristiche in Siria:

Basata su documenti declassificati, notizie e confessioni sparse di funzionari statunitensi, questa storia dimenticata degli sforzi del team Obama-Biden per spodestare il regime di Assad – insieme ad alleati come Arabia Saudita, Qatar e Turchia – descrive in dettaglio la serie di decisioni di basso profilo che alla fine portò gli Stati Uniti a potenziare le reti terroristiche orientate alla loro distruzione.
Gli Stati Uniti hanno introdotto un’enorme quantità di armi in Siria. Queste armi non sono andate ai “ribelli moderati” che la propaganda americana aveva promosso, ma agli attori più ideologicamente impegnati e ai più brutali sul campo:

Sebbene l’amministrazione Obama abbia affermato che le armi che fluivano in Siria erano destinate a “ribelli moderati”, alla fine sono cadute nelle mani di un’insurrezione dominata dai jihadisti. Appena un mese dopo l’attacco di Bengasi, il New York Times riferiva che I jihadisti islamici irriducibili, compresi i gruppi con legami o affiliazioni con al-Qaeda, avevano ricevuto la parte più cospicua di armi spedite all’opposizione siriana.
Ripetendo questa “strategia”, gli Stati Uniti stanno attualmente inviando un’enorme quantità di armi e mercenari in Ucraina. Le armi pesanti offerte non sono una grande preoccupazione, ma l’enorme quantità di armi leggere e munizioni, armi anticarro e sistemi antiaerei portatili rappresentano un pericolo serio a lungo termine. Queste armi spossono stare nel bagagliaio di un’auto ed essere facilmente introdotte di contrabbando attraverso i confini. Come ho spiegato in precedenza, l’ideologia di destra che si sta alimentando in Ucraina diventerà soprattutto un pericolo per i Paesi europei, ma anche oltre:

Whitney Webb scrive che la CIA  sta creando una nuova al-Qaida sotto forma di una milizia suprematista bianca di destra. Alcuni sono mercenari reclutati attualmente da compagnie di “sicurezza” occidentali.  Queste milizie utilizzeranno tutte le armi “leggere” che i Paesi della NATO stanno consegnando all’Ucraina per attaccare le truppe russe e i loro sostenitori.
Ciò avrà gravi ripercussioni in Polonia e Romania, dove queste truppe sono dispiegate, e a lungo termine porterà a un ritorno del terrore di destra nei Paesi che supportano queste forze. Contribuirà anche a una progressiva avanzata dei partiti di destra.
La devastazione economica che le sanzioni statunitensi ed europee contro la Russia stanno causando nelle loro stesse economie comporterà un cambio di regime in diversi Paesi europei. Naturalmente, gli Stati Uniti si proteggono il più possibile a spese degli altri.

Se c’è una lezione da imparare dalla Siria, è che le persone più impegnate ideologicamente e quelle più brutali sul campo non solo diffondono la loro ideologia in altri Paesi, ma finendo inevitabilmente per possedere le armi più pericolose le consegneranno a gruppi di altri Paesi che hanno la stessa ideologia.
I gruppi fascisti in Ucraina non sono un’invenzione della propaganda russa o semplicemente dei “nazionalisti”. Nel 2018, anche i lobbisti pro-NATO al Consiglio Atlantico li definirono una pericolosa minaccia:

La settimana scorsa, Radio Hromadske ha rivelato che il Ministero della Gioventù e dello Sport ucraino sta finanziando il gruppo neonazista C14 per promuovere “progetti nazionali di educazione patriottica” nel Paese. L’8 giugno, il Ministero ha annunciato che avrebbe assegnato a C14 poco meno di 17.000 dollari per un campo per bambini. Ha anche fornito fondi a Holosiyiv Hideout e Educational Assembly, che hanno entrambi legami con l’estrema destra. Questa rivelazione rappresenta un pericoloso esempio di applicazione della legge che condona tacitamente o addirittura incoraggia la crescente illegalità di gruppi di estrema destra disposti a usare la violenza contro coloro che non amano.
Dall’inizio del 2018, il C14 e altri gruppi di estrema destra, come National Militia, Right Sector, Karpatska Sich e altri affiliati ad Azov, hanno attaccato ripetutamente gruppi Rom, manifestazioni antifasciste, riunioni del consiglio comunale, un evento organizzato da Amnesty International, mostre d’arte, eventi LGBT  e attivisti ambientali. L’8 marzo, gruppi violenti hanno lanciato attacchi contro i manifestanti della Giornata internazionale della donna in diverse città dell’Ucraina. Solo in pochi casi la polizia ha fatto qualcosa per prevenire questi attacchi, mentre in altri casi ha persino arrestato manifestanti pacifici al posto dei veri autori di questi attacchi. 
I gruppi internazionali per i Diritti umani hanno lanciato l’allarme. Dopo gli attacchi dell’8 marzo, Amnesty International ha avvertito che l’Ucraina sta precipitando nel caos della violenza incontrollata dei gruppi radicali nella totale impunità. Quasi nessuno nel Paese può sentirsi al sicuro in queste condizioni. Amnesty International, Human Rights Watch, Freedom House e Front Line Defenders hanno avvertito in una lettera che i gruppi radicali che operano sotto una patina di patriottismo e valori tradizionali possono agire in un’atmosfera di quasi totale impunità, che incoraggerà questi gruppi a commettere ulteriori attacchi.

In Ucraina, durante gli ultimi otto anni, questi gruppi hanno avuto molti contatti con gruppi simili di altri Paesi e hanno invitato gli stranieri a combattere con loro in prima linea contro le Repubbliche del Donbass. Sono potenziali acquirenti delle armi che ora si consegnano all’Ucraina. Gli Stati Uniti non hanno idea di dove finiranno le diecimila armi che attualmente forniscono:
Gli Stati Uniti hanno pochi modi per tracciare la grande quantità di armi anticarro, antiaeree e di altro tipo inviate in Ucraina, hanno riferito fonti alla CNN. Questa cecità è in gran parte dovuta all’assenza di truppe statunitensi sul terreno e alla facilità di trasporto di molti piccoli sistemi che attualmente attraversano il confine. È un rischio consapevole che l’amministrazione Biden è disposta a correre.
A breve termine, gli Stati Uniti considerano che il trasferimento di centinaia di milioni di dollari di attrezzature sia vitale per gli Ucraini che respingono l’invasione di Mosca. Martedì, un alto funzionario della Difesa ha affermato che si trattava Certamente della più grande fornitura recente a un Paese partner in un conflitto. Ma il rischio, secondo gli attuali funzionari e analisti della Difesa statunitensi, è che a lungo termine alcune di queste armi finiscano nelle mani di altri eserciti e milizie che gli Stati Uniti non intendevano armare.
Transparency International classifica l’Ucraina al 122° posto su 180 Paesi.  Più basso è il grado in questo elenco, maggiore è la corruzione. È probabile che la persona che riceve ufficialmente le armi in Ucraina ne trattenga una parte per poi rivenderla a chiunque fosse interessato. Sarà facile:

“Non saprei dirvi dove si trovano in Ucraina e se gli Ucraini le stanno usando” ha detto ai giornalisti la scorsa settimana un alto funzionario della Difesa. “Non ci dicono quante munizioni usano o chi e quando spara. Potremmo non sapere mai esattamente quanti Switchblades (droni inviati da Biden in Ucraina) stiano usando”.
Secondo il portavoce del Pentagono John Kirby, il Dipartimento della Difesa non assegna le armi che invia a particolari unità.
I camion carichi di pallet di armi fornite dal Ministero della Difesa sono prelevati dalle forze armate ucraine, principalmente in Polonia, e portati in Ucraina ha dichiarato Kirby. poi spetta agli Ucraini determinare dove andare e come distribuirli nel loro Paese.”
Non ci si può fidare dei funzionari ucraini che affermano che queste armi saranno solo utilizzate al meglio.
In privato, i funzionari riconoscono che l’Ucraina ha interesse a fornire solo informazioni che rafforzeranno la loro tesi per avere ulteriori aiuti, più armi e più assistenza diplomatica.

È una guerra. Tutto ciò che fanno e dicono pubblicamente è studiato per aiutarli a vincere la guerra. Ogni dichiarazione pubblica è un’operazione di informazione, ogni intervista, ogni trasmissione con l’apparizione di Zelensky è un’operazione di informazione” ha affermato un’altra fonte che ha familiarità con l’intelligence occidentale.

Zelensky chiede costantemente armi e nessuno ha la più pallida idea di dove vadano. Quante ne metterà da parte per venderle più tardi e chi le comprerà? L’esperienza della guerra in Siria ci insegna che le armi “che cadono dal camion” in Ucraina finiranno per arrivare nelle mani di persone ideologicamente più impegnate e di quelle più brutali. In Ucraina sono i fascisti. Potrebbero interessare anche alcune bande criminali internazionali che vogliono eliminare i loro rivali.
Quanto tempo passerà prima che un drone suicida Switchblade si schianti contro un’auto della polizia in Polonia?
Quanto tempo prima che un’arma anticarro venga usata in una rissa tra bande a Parigi? Quanto tempo prima che un missile antiaereo Stinger abbatta un aereo civile a Roma?
Uno, tre o cinque anni?
È un pericolo con cui tutti dovremo convivere d’ora in poi.

Moon of Alabama

Patrizio Ricci, VPNews, qui.

Anche se qui vengono date notizie dettagliate, il fatto che quelle armi possono finire in mano a chiunque dovrebbe essere alla portata anche dell’ultimo imbecille, ma in giro, governo compreso, c’è evidentemente gente al di sotto, molto molto molto al di sotto, dell’ultimo imbecille. Biden e soci hanno spalancato le porte dell’inferno, e in governanti europei quasi al gran completo hanno versato sulla soglia un paio di bottiglioni d’olio affinché possiamo meglio scivolarci dentro. Ma forse qualcosa sta cominciando a muoversi:

A tutti i nostri governanti comunque dedico questa

e a tutti coloro che stanno dalla parte giusta della storia dedico il meraviglioso coro dell’Armata Rossa

barbara