SCOPRO CON ORRORE CHE NON È REATO!

Legislatore repubblicano della Georgia: “La transizione di genere dei minori è un crimine”

Un legislatore della Contea di Cobb vuole rendere reato, per i medici, effettuare operazioni su un minore per il cambio di sesso.

“La transizione di genere dei minori è un crimine!” Un legislatore della Contea di Cobb vuole rendere reato, per i medici, effettuare operazioni su un minore per il cambio di sesso.

Un legislatore della Contea di Cobb vuole rendere reato, per i medici, effettuare operazioni su un minore per il cambio di sesso. La rappresentante Ginny Ehrhart, (R) di Powder Springs, ha affermato che la legislazione mira a proteggere i bambini dall’esecuzione di procedure irreversibili quando sono giovani

La legge attuale prevede che un genitore acconsenta ad un intervento chirurgico o che un medico prescriva un farmaco ad un minore. 

Nonostante il disegno di legge sia ancora in fase di redazione, Ehrhart ha dichiarato che chi esegue interventi chirurgici, amministra o prescrive farmaci per effettuare una transizione di genere sui minori potrebbe venire incriminato. La legislazione non pregiudicherebbe i medici che lavorano con adulti che cercano di sottoporsi a una transizione di genere. 

Stiamo parlando di bambini che nello Stato della Georgia non possono farsi un tatuaggio, fumare un sigaro od una sigaretta, ma possono essere castrati e sterilizzati.

Non a caso Ehrhart (R) ha sconfitto lo scorso anno l’avversario democratico, Jen Slipakoff, il quale ha spesso parlato della figlia transgender durante gli eventi della campagna. 

Le critiche alla proposta di legge

Jeff Graham, direttore esecutivo dell’organizzazione per i diritti LGBTQ Georgia Equality, ha definito la proposta di Ehrhart “vergognosa”. 

Si parla di decisioni che vengono prese attentamente all’interno delle famiglie in consultazione con medici professionisti ed esperti della salute mentale

ha affermato.

Supportare i bambini nel riconoscere la loro identità di genere non è solo umano, salva vite e rafforza le famiglie.

Graham ritiene “preoccupante” il divieto ai bambini di allinearsi, anche nell’aspetto fisico esteriore, alla loro identità di genere.

L’affermazione di Ehrhart secondo cui ciò è dannoso per i bambini o la società, è senza merito ed è il risultato della pericolosa tendenza delle forze più conservatrici a demonizzare e a spogliare gli individui transgender della loro umanità.

ha affermato.

Anche il dottor Izzy Lowell, che gestisce la pratica di transizione di genere ha attaccato la legislazione. Lowell ha affermato che i minori rappresentano circa il 25% della pratica di Queer Med.

I principali artefici delle linee guida mediche che comprendono gran parte dei medici nel paese supportano l’affermazione di genere e la terapia chirurgica […] Criminalizzare ciò significherebbe criminalizzare le cure mediche sostenute da tutte le principali associazioni mediche.

Che cosa vieterà la proposta di legge

Le procedure vietate includeranno “mastectomia, vasectomia, castrazione e altre forme di mutilazione genitale” ai fini della transizione di genere.

Tra i farmaci vietati per i minori ci saranno quelli “che fermano, ritardano o addirittura bloccano la pubertà la terapia ormonale incrociata“.

Anche la rimozione di parti del corpo altrimenti sane o non malate da minori sarebbe vietata.

afferma il suo comunicato stampa. 

Il motivo della proposta di legge

Il disegno di legge in corso è in linea con la legislazione sostenuta dal marito di Ehrhart, Earl Ehrhart. Il quale ha prestato servizio nello stesso distretto della Contea di Cobb per 30 anni fino all’anno scorso, quando ha scelto di non chiedere la rielezione.

Infatti Earl Ehrhart ha fatto notizia nel 2016 quando si è opposto all’inclusione della parola “sesso” in una legge sui diritti civili. La ragione era non far diventare le persone transgender una classe protetta. 

Ginny Ehrhart ha dichiarato che il disegno di legge è una risposta alla battaglia tra due genitori divorziati in Texas per il figlio di 7 anni, la cui madre lo considera come una ragazza.

Il padre del bambino stava cercando di ottenere l’affidamento esclusivo affermando che il bambino “si comporti come un ragazzo” in sua presenza. Inoltre ha raccontato di come la sua ex moglie stia costringendo il bambino a diventare una ragazza

La settimana scorsa un giudice ha stabilito che i genitori avrebbero continuato a prendere decisioni congiunte sul bambino. Il caso è stato ampiamente condiviso nelle ultime settimane sui social media e sui siti di notizie conservatori.

Ehrhart ha affermato che potrebbe includere un emendamento per punire i genitori per aver permesso ad un bambino di subire una transizione di genere.

Ci possono essere alcune implicazioni per la scelta del genitore di sottoporre il bambino a queste forme pericolose di interventi medici.

ha detto.

Il sostegno alla legislazione

Nel suo comunicato stampa Ehrhart ha incluso citazioni di un endocrinologo pediatrico con sede ad Atlanta, il dottor Quentin Van Meter.

Questi ha sottolineato la necessità della proposta per proteggere i bambini da una

… sperimentazione medica basata su una teoria sociale bramosa.

Questi bambini soffrono di una condizione psicologica senza basi biologiche.

ha detto Van Meter:

L’uso del rancore del suicidio minacciato come giustificazione è prima di tutto crudele e, in secondo luogo, non supportato da validi studi pubblicati. (qui)

Come si suol dire, quando credi di avere toccato il fondo, quelli hanno già cominciato a scavare.

barbara

NON MI RICORDO SE VI HO GIÀ DETTO

che mi sono rotta il menisco. La cosa più fastidiosa è che l’ortopedica mi ha categoricamente proibito di fare tutti questi giochini qui

che mi piacevano così tanto

e che mi riuscivano tanto bene.

barbara

LA SIGNORA MARAINI E L’EBRAISMO

(In incolpevole ritardo, a causa dei dieci micidiali quanto interminabili giorni di black-out internettiano)

La signora Maraini, di nobil casa sortita – la madre è la principessa Topazia (no, dico, ma si può?!) Alliata – è una mia antica passione, fin da quando le scrivevo lettere che si concludevano con un perentorio “Si vergogni” a cui lei, nel suo sconfinato candore, rispondeva stupita che davvero non capiva di che cosa si dovesse vergognare. Fra i molti articoli usciti in merito sulla stampa soprattutto ebraica, ho scelto questi due, in un certo senso complementari. Il primo è di Dario Calimani.

Dannose banalità sull’ebraismo

Oggi Dacia Maraini discetta di sardine per farne discendere il movimento dalla rivoluzione di Gesù, “Un giovane uomo che ha riformato la severa e vendicativa religione dei padri, introducendo per la prima volta nella cultura monoteista il concetto del perdono, del rispetto per le donne, il rifiuto della schiavitù e della guerra”. Insistendo, poi, che “molti, proprio dentro la Chiesa, hanno rifiutato i principi del vecchio Testamento, il suo concetto di giustizia come vendetta (occhio per occhio, dente per dente), la sua profonda misoginia, l’intolleranza, la sua passione per la guerra”.
Nel tempo, mi sono trovato a rispondere in dettaglio a superficialità del genere, esposte di volta in volta da Sergio Romano o dal Cardinale Gianfranco Ravasi. Non è dato sapere se si tratti di pregiudizi più che non di ignoranza della storia, del contesto ideologico e dell’interpretazione biblica. E poiché di queste superficialità non si conosce l’origine, conviene non sprecare tempo e spazio per spiegare per l’ennesima volta.
A Dacia Maraini, comunque, visto che lei stessa riconosce come premessa che “in nome di Cristo sono state fatte delle orribili nefandezze” merita chiedere, proprio a seguito delle sue osservazioni, come sia stato possibile che da una religione di “vendetta e di guerra” sia discesa una religione di amore. Forse Gesù aveva capito dell’ebraismo più di quanto non abbiano capito Dacia Maraini e compagni. E come mai, poi, la religione dell’amore si sia trasformata in religione di storiche e incancellabili “nefandezze”, come lei stessa riconosce. A meno che non si voglia affermare che la vendetta cristiana è caduta come una mazza per colpire lo spirito vendicativo degli ebrei. Il che tuttavia andrebbe contro la tesi, in quanto dimostrerebbe lo spirito vendicativo del cristianesimo. Sono questi, quesiti che hanno lacerato la coscienza della civiltà occidentale per duemila anni e che Dacia Maraini e compagni farebbero bene a considerare prima di sparare dannosissime banalità da Bignami delle religioni. E chiedo scusa a Bignami. Banalità che, però, contribuiscono a diffondere e perpetuare odio storico contro gli ebrei.
Poiché sappiamo leggere nella mente di chi legge con lo spirito del pregiudizio, mi permetto di specificare che solo un antisemita inveterato, di destra o di sinistra, potrebbe dire – decontestualizzando una volta di più – che gli israeliani di oggi sono la prova del desiderio di guerra degli ebrei.
Dacia Maraini è una riconosciuta Maîtresse à penser, quindi sorprende molto che si stia anche lei adeguando allo spirito della superficialità che caratterizza disastrosamente, e colpevolmente, il nostro tempo. Ai Maestri del pensiero è lecito chiedere che scrivano dopo aver studiato e approfondito i loro argomenti. Altrimenti rischiano di aggiungersi allo stuolo di scrittori improvvisati che sui social, con verità improvvisate, amareggiano le nostre giornate e contaminano i nostri pensieri.

Dario Calimani, Università di Venezia, ‍‍24/12/2019, qui.

Maîtresse à penser: basterebbe già da solo questo micidiale colpo di fioretto a meritare al pezzo almeno una mezza dozzina di stelle.
E dopo l’elegante e raffinato Dario Calimani, un più sanguigno e diretto Alex Zarfati.

Il Corriere della Sera regala agli stereotipi antisemiti la dignità della Prima pagina. Ed è subito Medio Evo.

Grazie a Dacia Maraini per averci riproposto un bel carico di stereotipi antisemiti di matrice religiosa alle soglie del Natale. Eravamo così impegnati a difenderci dalle accuse di barbarie verso i palestinesi, di essere i detentori del capitalismo, di propugnare il meticciato, di farci scudo della Shoah per ricattare il mondo, che quasi ci eravamo dimenticati delle buone, vecchie radici cristiane dell’antisemitismo politico.

A nulla vale la verità vera nell’epoca in cui la post-verità si salda alla tradizionale giudeofobia. Non è semplicemente desolante doversi ancora una volta difendere dall’accusa di “popolo vendicativo” quando l’“occhio per occhio dente per dente” piuttosto fu quello che introdusse un principio giuridico fondamentale che ancora guida ogni sistema legale della società civile, ovvero che la sanzione debba essere commisurata al danno e non moltiplicata. [E non solo: una lettura attenta delle Scritture mostra inconfutabilmente che non di ritorsione si tratta – tu mi hai tagliato un dito e io adesso ho il diritto di tagliare un dito a te – bensì di risarcimento. Ma certo, per potersene accorgere bisognerebbe togliere i paraocchi prima di affrontare la lettura, e non tutti hanno in dote questa capacità, ndb]. Ma è semplicemente disgustoso, così come a nulla varrebbe anche ricordare il ruolo della donna nell’ebraismo, che Dacia Maraini riduce a ‘misoginia’. La donna piuttosto è così centrale da determinare l’appartenenza all’ebraismo, trasmesso per via matrilineare. E la donna, perno della famiglia ebraica, si esprime prima di tutto nelle figure femminili della Torah – oggi nuovamente vilipesa e derubricata a testo primitivo, schiavista e intollerante -. Le donne con la loro sapienza, sensibilità, senso pratico e saggezza, nell’Antico Testamento vengono indicate come un esempio per tutte le generazioni. Servirebbe ricordarlo?

Che dire poi dell’accusa rivolta agli israeliti di avere “una passione per la guerra”? Quando se c’è stato un popolo bandito, scacciato, umiliato e convertito a forza sono stati proprio i giudei, costretti a difendersi da quando il primo ebreo ha calcato le orme in Mesopotamia. Rivolgere al popolo ebraico la calunnia di indulgere nelle arti della guerra fa il paio con le moderne accuse israelofobe verso il moderno Stato, al centro di una campagna di diffamazione teso a dipingerlo come armato fino ai denti e responsabile dei conflitti che infiammano il mondo.

Ma grazie anche al Corriere della Sera (qui l’intervento del Rabbino Capo di Roma, Rav Riccardo di Segni) per averci scosso dall’illusione che una certa visione fosse morta e sepolta scaraventandola in prima pagina e regalandogli la dignità di una riflessione “normale”. Ce ne ricorderemo quando altri intellettuali del cazzo ci propugneranno le loro arrampicate sugli specchi per spiegarci il perché, nel XXI secolo ancora si abbiano croci uncinate nei cimiteri ebraici, sinagoghe profanate, sfregi ai reduci della Shoah, stelle gialle sui negozi, aggressioni verbali e fisiche e “schizzi di letame ideologico” da parte di gilet gialli, populisti, sovranisti, sardine e altri idioti dei miei coglioni.

Alex Zarfati, 25/12/2019, qui.

Una cosa, fra le tante, che ho apprezzato in entrambi gli articoli, è la scelta di evitare l’ipocrisia dello stupore di trovare tanta ignoranza e tanto pregiudizio in “una nota intellettuale, una scrittrice di fama“, “un’intellettuale di valore come Dacia Maraini”, “importanti intellettuali come Dacia Maraini” ecc. E quanto all’ignoranza, direi che quella della signora Maraini è proprio a tutto tondo: se avesse qualche vaga conoscenza del cristianesimo, saprebbe che Gesù era seguito nei suoi spostamenti anche da alcune donne: donne ebree libere di scegliere dove andare e cosa fare, di lasciare la propria casa, di decidere della propria vita, e non si trova traccia, nella narrazione evangelica, di riprovazione sociale nei loro confronti. Sia ben chiaro, ignorare tutto dell’ebraismo, del cristianesimo o di qualunque altra materia, non è certo un crimine, ma le persone intelligenti, di solito, evitano di addentrarsi in materie in cui sono totalmente ignoranti, disquisendo per giunta e sparando giudizi.

Vorrei poi aggiungere qualche nota sulla signora in questione. Ricordo, quando aveva una rubrica su “Sette” (se ricordo bene), supplemento settimanale del Corriere della Sera, una lettera di un ragazzo che parlava di “migliaia di ebrei uccisi dai nazisti” e lei, nella risposta, non ha avuto nulla da ridire. E ricordo un pezzo a proposito degli animali trasportati al macello, in cui vedeva una perfetta identità con gli ebrei deportati e portati alle camere a gas (è stato in quell’occasione che le ho intimato di vergognarsi). E ricordo anche un pezzo – che chiunque, se non si sapesse chi l’ha scritto, prenderebbe per un pezzo comico – in cui raccontava della drammatica esperienza vissuta in Israele, dove aveva sperimentato sulla propria pelle la brutalità con cui i soldati israeliani avevano gestito una manifestazione di protesta messa in atto da lei e dalle famigerate “donne in nero” di cui fa parte: loro si sono sedute in mezzo alla strada e i soldati sono andati lì, le hanno prese per le ascelle, sollevate e portate di peso sul marciapiede, e loro sono tornate in mezzo alla strada e si sono sedute, e i soldati sono andati lì, le hanno prese per le ascelle, sollevate e portate di peso sul marciapiede, e loro sono tornate in mezzo alla strada e si sono sedute, e i soldati sono andati lì, le hanno prese per le ascelle, sollevate e portate di peso sul marciapiede, e loro sono tornate in mezzo alla strada e si sono sedute, e i soldati… Non vi sembra di vedere una comica di Stanlio e Ollio? Come diceva Mussolini di De Bono: è un vecchio rincoglionito. Non perché è vecchio, ma perché rincoglionito lo è sempre stato, e adesso in più è anche vecchio.

barbara

VODAFONE

Spettabile Vodafone,

desidero vivamente protestare per l’indecente disservizio verificatosi recentemente nella mia zona. Alle ore 4 di martedì 24 dicembre è venuto a mancare il collegamento a internet.  Volendo segnalarlo immediatamente, ho appreso che il servizio per la segnalazione dei guasti non è attivo 24 ore su 24, e già questo mi sembra vergognoso. Ho dunque aspettato le 8, e l’operatrice che mi ha risposto (Simona, dall’Italia, il codice non l’ho segnato), anziché verificare, come era stato fatto in una precedente occasione – pochi mesi fa, e anche questo non è un elemento a vostro favore – mi ha suggerito di provare a spegnere il modem e poi riaccenderlo, poi aspettare 30-40 minuti, e se il problema non si fosse risolto, rispondere “chiamami” al suo SMS. Naturalmente il problema non si è risolto, ho seguito la procedura, sono stata richiamata dopo altri 10 minuti (dalla Croazia), e l’operatrice ha finalmente controllato e verificato che il problema era alla cabina, come nel caso precedente, e che quindi doveva intervenire personalmente un tecnico, cosa che sarebbe avvenuta “entro tre giorni lavorativi”, e questa è un’altra cosa assolutamente intollerabile: avviene un disservizio che dipende da voi, e voi vi prendete tre giorni lavorativi per intervenire?! Nel caso in questione, poi, tre giorni lavorativi significa martedì 24 (in cui l’intervento non c’è stato), poi mercoledì 25 e giovedì 26 niente, poi di nuovo venerdì 27 (in cui l’intervento non c’è stato), poi ancora sabato 28 e domenica 29 niente, e poi arriva lunedì 30, terzo giorno lavorativo e… non succede niente, la linea non viene ripristinata e io resto senza internet per il settimo giorno consecutivo. Il 31 dicembre, ottavo giorno senza internet, mi chiama un tecnico. Dice che il problema non è alla centralina  (? quando ho chiamato mi è stato detto che dalla verifica risultava che il problema era alla centralina…) quindi bisogna effettuare una verifica nel condominio, e che lui è venuto mille volte, mille volte ha suonato il campanello e non c’era nessuno e mille volte ha provato a chiamare e il cellulare era spento, cosa assolutamente falsa: è possibile che sia venuto mentre non ero in casa, ma il cellulare, nei giorni lavorativi, è sempre rimasto acceso, anche quando andavo a dormire. In ogni caso stabiliamo un appuntamento per giovedì 2 gennaio (decimo giorno senza internet) alle 8 di mattina, [naturalmente, avendo orari sballati, per poter essere attiva a quell’ora non sono andata a letto, calcolando: arriva alle otto, mettiamo otto e un quarto, non ci metterà più di mezz’ora a sistemare la faccenda e poi vado a letto, un po’ più tardi del solito ma non sarà la fine del mondo, e mi faccio una bella dormita fino a metà pomeriggio] e alle otto di mattina mi sono piazzata sul divano, a due metri dalla porta e col cellulare vicino, per non rischiare di non sentire. Sono arrivate le nove, sono arrivate le dieci, sono arrivate le undici… È arrivato alle due e mezza del pomeriggio.

Poi durante la conversazione, la seconda operatrice mi ha informata che, dato che il disservizio dipende da voi, mi vengono messi a disposizione 15 giga di navigazione gratis al giorno per tutta la durata del disservizio; il fatto è che io non ho uno smartphone, e quindi la cosa non mi è di alcuna utilità, al che l’operatrice ha detto che si può utilizzare anche una chiavetta apposita con la SIM (in occasione del precedente disservizio questa ulteriore informazione non mi era stata data). Ripescata dunque tra un miliardo di scartoffie la SIM, il giorno dopo sono andata nel negozio Vodafone (Via X), ho spiegato la situazione alla commessa (D. La stessa che quando ho cambiato cellulare, per trasferire la rubrica nella nuova scheda mi ha fatta tornare il giorno dopo, quando ci sarebbe stata la sua collega, perché lei non era in grado di farlo). Spiego il problema e chiedo questa chiavetta e lei mi dice che no, non esiste assolutamente nessuna chiavetta (un amico con cui avevo parlato la sera prima mi aveva confermato che anche lui in occasione analoga, quando ancora non aveva lo smartphone, usava una chiavetta, un po’ diversa dalle normali chiavette in cui si inseriscono dati), quello che mi serve è una specie di mini modem del costo di €60, in cui inserisce la SIM e, dice, è pronto per funzionare. Come? Prima mi dice che quando accendo devo andare nelle impostazioni e inserire la pass, poi il collega dice che no, basta che lo accenda e il computer, appena lo accendo, lo riconosce e va automaticamente in internet. Il tizio in questione era precedentemente intervenuto per cercare di convincermi a sottoscrivere un abbonamento con quel mini-modem per dieci euro al mese che mi avrebbero fornito 40 giga, e io a spiegargli che non avevo motivo di fare quell’abbonamento perché io mi collego dal mio computer col mio modem e quello mi serviva solo per un’emergenza, e lui a insistere che “dieci euro al mese non sono niente”. Giusto per chiarire il tipo di personale che gestisce i vostri negozi. Comunque la ragazza tutta sorridente conferma che sì, devo solo accendere l’aggeggio e internet parte. Naturalmente internet non è partito, e nelle impostazioni c’era tutto tranne che uno spazio in cui inserire una password. Risultato, ho buttato via 60 euro per un aggeggio che la tizia mi ha rifilato senza essere in grado di dirmi come funziona, e io ho continuato a restare senza internet.

Un anno e mezzo fa, stanca di imbrogli e truffe e furti e abusi, ho abbandonato telecom e sono passata a voi: spero che non siate attivamente impegnati a dimostrarmi che sono caduta dalla padella alla brace.

Da inviare quanto prima. Comunque se doveste avere l’impressione di vedere un lanciafiamme in azione non preoccupatevi: sono solo io.

barbara

MA VOI LO SAPETE PERCHÉ BORIS JOHNSON HA VINTO?

Perché ha detto e fatto le cose giuste? Perché Corbyn ha detto e fatto le cose sbagliate? Ambecilli! Agnoranti! Non sapete niente e non avete capito niente! Allora ve lo dico io il perché: ha vinto perché Uri Geller gli ha dato il cucchiaio che era appartenuto a Golda Meir e che lui ha caricato di energia: come avrebbe potuto perdere con un simile potere tra le mani! Non ci credete? E allora andate qui e leggete con i vostri occhi, che così ci trovate anche la faccenda del tempo che si allunga (no, non c’entra Einstein), e se ancora, ancora vi rifiutate di crederci, ascoltatelo dalla viva voce di Uri Geller in persona, e vediamo se avrete ancora il coraggio di essere scettici e magari anche scherzarci sopra (e mi perdoneranno i più giovani, che non hanno avuto modo di conoscere le gesta di quel desso).

barbara

MORTE AI NAZISTI!

E il politically correct si abbatté sulla Marcia di Radetzky

Attenzione, attenzione! Avete presente la Marcia di Radetzky, quella che ogni anno fa battere le mani a grandi e piccini alla fine del concertone di Capodanno da Vienna? Ebbene, a vostra insaputa, per interi decenni siete stati sottoposti a un processo di nazificazione subliminale. Eh già, perché fino ad oggi gli insospettabili e paciosi professori d’orchestra della Filarmonica di Vienna ci hanno propinato la versione della Marcia arrangiata da Leopold Weninger, un compositore che era iscritto al Partito nazionalsocialista tedesco. Se confrontiamo il brano incriminato con la “Urfassung”, ovvero la versione originale di Johann Strauss senior, si può notare come quella di Weninger sia appena un filo più baldanzosa, fatta apposta per strappare un ritmico applauso da parte del pubblico.

Ma fortunatamente, a stroncare i rigurgiti d’odio prodotti dal Concerto di Capodanno ci ha pensato  il nuovo direttore della Wiener Philharmoniker, il lettone Andris Nelsons, classe 1978, che si è nobilmente rifiutato di dirigere la nefanda partitura. Il novello Stauffenberg in papillon e code di rondine ne ha quindi commissionata un’altra all’archivio musicale dell’orchestra. Possiamo finalmente tirare il fiato: l’Europa è salva. Magari inseriranno nella partitura assoli e interventi del flauto dolce, dell’arpa e dell’oboe d’amore.

Ci permettiamo di suggerire all’amministrazione del Musikverein, la magnifica sala dove si svolge il concerto, di bandire dalla buvette anche la somministrazione di Fanta. Eh sì, perché il marchio della bevanda nacque in Germania in pieno regime hitleriano, nel 1940, a guerra iniziata, dato che l’embargo Usa non consentiva l’approvvigionamento di sciroppo di Coca-Cola. Così il suo principale imbottigliatore tedesco, Max Keith, si inventò questa bevanda (da Phantasie) ottenuta dal siero del latte e dalle fibre di mela da sidro. Chissà quanti ragazzini della Hitler-Jugend si saranno dissetati con la malefica bevanda alla fine delle loro giornate sportive…

L’uscita politicamente corretta del nuovo direttore d’orchestra ha sortito furbamente il voluto effetto pubblicitario per se stesso. Ma in pochi sembrano capire che la notizia produrrà la nostalgia del pubblico verso la vecchia – oggettivamente gradevolissima – versione di Leopold Weninger (fino a ieri un Carneade) che oggi tutti sapranno essere l’autore di varie marce del Terzo Reich. E in molti andranno a curiosare su Youtube e assorbiranno le potenti forme di propaganda di 80 anni fa. Complimenti, come al solito il politicamente corretto centra in pieno i suoi obiettivi!

Specchio fedele di tali acutezze d’oltralpe, l’articolo entusiasta di Avvenire, testata ormai completamente imbibita ed ebbra dell’olio da conserva ittica: ”Un segno forte quello voluto dal direttore Nelsons”, (!) scrive sul quotidiano dei vescovi Pierachille Dolfini, e ancora: “La nuova edizione, realizzata grazie alla collaborazione di tutto lo staff dei Wiener, è finalmente libera dalle ombre brune del passato”.

A proposito di censure musicali, ci sentiamo di lanciare un ghiotto boccone ai colleghi di Avvenire e ai nostri Catoni all’amatriciana. In questi giorni sembra che l’Italia abbia scoperto per la prima volta la Tosca di Puccini. La diretta dalla Scala, alla presenza del presidente Sergio Mattarella e della senatrice Liliana Segre, ha avuto grande successo. Questo, nonostante l’opera fosse stata sconciata dalla insultante regìa di David Livermore che, oltre al resto, ha voluto che la devota, appassionata Floria strangolasse Scarpia con la stessa veemenza di un Thug, senza lasciare né candelabri né crocifisso sul suo corpo.

Ma a parte questi dettagli, che fareste se vi citassimo quanto scriveva Giacomo Puccini nella prima metà degli anni Venti? “Io sono per lo Stato forte. A me sono sempre andati a genio uomini come De Pretis, Crispi, Giolitti, perché comandavano e non si facevano comandare. Non credo nella democrazia, poiché non credo alla possibilità di educare le masse. È lo stesso che cavar l’acqua con un cesto! Se non c’è un governo forte, con a capo un uomo dal pugno di ferro, come Bismark una volta in Germania, come Mussolini, adesso in Italia, c’è sempre pericolo che il popolo, il quale non sa intendere la libertà se non sotto forma di licenza, rompa la disciplina e travolga tutto. Ecco perché sono fascista: perché spero che il fascismo realizzi in Italia, per il bene del Paese, il modello statale germanico dell’anteguerra”.

Vi abbiamo dato un bel compitino per le vacanze, eh?

Andrea Cionci, qui.

Ma perché fermarsi qui? Perché non metterci alla caccia di tutti gli antidemocratici del passato, di tutti gli antisemiti, di tutti gli sfruttatori di manodopera servile, a partire da tutti, senza eccezione, gli artisti del nostro meraviglioso rinascimento, di tutti i fallocrati convinti della superiorità dell’uomo sulla donna, e poi omofobi, cacciatori, possessori di schiavi… Avanti, fratelli, c’è lavoro per tutti!

barbara

UN SOLO PICCOLO DUBBIO

Il Comandante Dell’Accademia Militare Russa ha tenuto una conferenza sui “problemi potenziali della strategia militare”.
Alla fine della conferenza, chiede, “ci sono domande?”
Un ufficiale si alza e chiede: “pensa che ci potrà essere la terza guerra mondiale? E la Russia sarà coinvolta?”
Il generale risponde affermativamente ad ambedue le domande.
Un altro ufficiale si alza e chiede: “chi sarà il nemico?”
Il generale risponde: “tutte le indicazioni puntano verso la Cina.”
Il pubblico rimane in silenzio scioccato.
Un terzo ufficiale osserva, “Generale, siamo una nazione di soli 150 milioni, rispetto al 1,5 miliardo di cinesi. Ritiene si possa vincere, o perlomeno sopravvivere?”
Il generale risponde: “a questo proposito basta soffermarsi a pensare per un istante: nella guerra moderna, non è la quantità di soldati che conta, ma la qualità delle capacità dell’insieme dell’esercito. Per esempio, nel Medio Oriente, abbiamo avuto recentemente alcune guerre dove 5 milioni di ebrei si sono battuti contro 150 milioni di arabi, e Israele è sempre stata vittoriosa “.
Dopo una piccola pausa, un altro ufficiale dal fondo della sala chiede: “abbiamo un numero sufficiente di ebrei?”

E la risposta naturalmente è no. Li avrebbero, loro e tanti altri, se non avessero diligentemente provveduto prima a sterminarli, poi a opprimerli costringendoli alla fuga. E quindi, spiacente signori, un sufficiente numero di ebrei si trova in un posto solo, e non ne avrete lo scalpo.

(Con questo video voglio anche ricordare il carissimo amico Lorenzo Fuà, che da quasi tre anni non c’è più)

barbara