HAI PRESENTI I TUNNEL?

Quella cosa che gli abitanti di Gaza sono stati costretti a costruire per sopravvivere allo strangolamento economico provocato dal feroce embargo israeliano. Quella cosa che gli abitanti di Gaza sono stati costretti a costruire per procurarsi almeno il cibo necessario a non morire di fame in seguito al feroce assedio messo in atto da Israele. Quelli.

barbara

Annunci

LETTERA DI UNA STUDENTESSA NERA INCAZZATA

L’organizzazione studentesca Studenti per la giustizia in Palestina (SJP) è prominente in molti campus universitari, predicando il mantra “Palestina libera.” Si spaccia per un gruppo di diritti civili, ma non lo è. Anzi, in quanto afro-americana, sono profondamente offesa dal fatto che l’eredità del mio popolo venga scippata per un ordine del giorno così ripugnante. È dunque giunto il momento di esporre la sua agenda e mettere a nudo alcune delle falsità che queste persone diffondono.

• Se cercate di divulgare l’eredità dei primi colonialisti islamici che hanno stuprato e saccheggiato il Medio Oriente, soggiogato le popolazioni indigene che vivevano nella regione e imposto su di loro una vita di persecuzione e degrado — non potete rivendicare il titolo di “Combattenti per la libertà.”

• Se supportate una dottrina razzista di supremazia araba e desiderio (come corollario di tale dottrina) di distruggere lo stato ebraico, non potete sostenere che i pregiudizi che diffondete siano forme di legittima “resistenza”.

• Se i vostri eroi sono chierici che siedono in Gaza tramando il genocidio di un popolo; che piazzano i propri figli sui tetti, nella speranza che saltino in aria; che riempiono di lodi i membri della loro banda quando riescono a uccidere scolari ebrei e a bombardare i luoghi in cui si riuniscono gli ebrei, non potete atteggiarvi ad apollinei difensori della virtù umana. Non lo siete.

• Se vi dispiace che le prestazioni dei lanciatori di missili di Hamas siano tristemente incompetenti e di conseguenza milioni di ebrei siano ancora vivi – e i loro figli non siano stati assassinati dai loro razzi; le loro membra non siano state strappate; e non si possa godere del loro sventramento – non potete spacciarvi per difensori della giustizia. Fate mostra di essere irreprensibili. Assolutamente non lo siete.

• Se la vostra idea di una causa giusta comporta il prendere di mira e intimidire studenti ebrei nel campus, appropriarvi della loro storia di esilio e ritorno e modellarla a vostra somiglianza non potete raccontare che lo fate nome della libertà civile e della libertà di espressione.

• Non potete difendere regimi che uccidono, torturano, e perseguitano la propria gente, la tengono deliberatamente in miseria e le sottraggono miliardi di dollari – e pretendere di essere “pro-arabi”. Non lo siete.

• Non potete difendere un sistema in cui agli ebrei non è consentito acquistare terreni, viaggiare in determinate zone e vivere un’esistenza simile semplicemente perché sono ebrei — e sostenere di star promuovendo l’uguaglianza per tutti. Non potete promuovere boicottaggi di imprese, negozi ed entità di proprietà ebraica – e poi pretendere di essere “contro l’apartheid”. Ciò è male.

• Non potete giustificare calcolati e deliberati bombardamenti, percosse e linciaggi di uomini, donne e bambini ebrei trattando tali efferati episodi come parte di un nobile “rivolta” degli oppressi – questo è razzismo. È male.

• Non potete comportarvi come se voi e Rosa Parks foste stati grandi amici negli anni Sessanta. Rosa Parks era una vera combattente per la libertà. Rosa Parks era sionista.
Coretta Scott King era sionista.
A. Phillip Randolph era sionista.
Bayard Rustin era sionista.
Count Basie era sionista.
Il dr. Martin Luther King Sr. era sionista.
Infatti, essi e molti altri uomini e donne hanno firmato nel 1975 una lettera che dichiarava: “Noi condanniamo la lista nera anti-ebraica. Abbiamo combattuto troppo lungo e troppo duramente per sradicare la discriminazione dalla nostra terra per stare a guardare con le mani in mano mentre interessi stranieri importano l’intolleranza in America. Avendo tanto sofferto per tale pregiudizio, consideriamo estremamente ripugnante il tentativo degli Stati arabi di usare il potere economico delle loro recenti ricchezze petrolifere per boicottare imprese che trattano con Israele o che hanno proprietari, direttori o dirigenti ebrei e di imporre precondizioni antiebraiche per fare investimenti in questo paese.”
Vedete, la mia gente è sempre stata sionista perché il mio popolo si è sempre schierato per la libertà degli oppressi. Quindi una cosa è certa: non potete appropriarvi culturalmente della storia del mio popolo per i vostri scopi. Non avete il diritto di invocare la lotta del mio popolo per i vostri miserabili scopi e non potete fare le vittime in nostro nome. Non avete il diritto di infangare il buon nome della mia gente e collegare la vostra causa a quella del Dr. King. Le nostre due cause sono agli antipodi.
La vostra causa è l’antitesi della libertà. È costata centinaia di migliaia di vite di ebrei e arabi. Ha separato questi popoli e ha fomentato l’ostilità tra di loro. Ha creato angoscia, tormento, morte e distruzione.
Naturalmente potete di continuare a utilizzare frasi fatte per la vostra causa. Avete tutto il diritto di cantilenare parole come “uguaglianza”, “giustizia” e “combattente per la libertà.”
Potete continuare a utilizzare quelle parole quanto volete. Ma non penso che sappiate cosa significano.
Chloe Valdary, 28/07/2014 (qui, traduzione mia)

E poi ricordate sempre che Israele è uno stato di apartheid,
arabs in Israel
clic per ingrandire

che quello che a voi potrebbe sembrare volgare antisemitismo, in realtà è solo legittima critica alle criminali politiche del governo fascista di Israele, e soprattutto che i palestinesi sono tanto tanto tanto poveri.
aid per cap

barbara

MANTENERE GLI AIUTI UMANITARI A GAZA NONOSTANTE I RAZZI

Il sergente (riservista) Evan Pelz ha fatto parte dei soldati di Tsahal richiamati in servizio durante l’operazione Pilastro di difesa nel novembre 2012. Benché prestasse servizio in un’area colpita continuamente da razzi da Gaza, aiutava a trasferire a Gaza aiuti umanitari destinati ai palestinesi. Qui racconta la sua storia, la sua esperienza, i suoi valori e la missione che si è assunto nel corso dell’operazione.

Nel 2011, pochi mesi dopo essere immigrato in Israele dagli Stati Uniti, mi sono voluto impegnare ulteriormente per la mia nuova patria e mi sono arruolato in IDF, come soldato dell’unità di coordinamento e di collegamento con la striscia di Gaza, un’unità che permette il contatto tra l’esercito israeliano e la popolazione civile di Gaza per garantire la vita quotidiana dei palestinesi. Durante l’operazioe Pilastro di Difesa,, esattamente un anno fa, la missione della mia unità è stata più importante e significativa che mai.
Lo scorso novembre IDF lanciato l’operazione Pilastro di difesa in risposta ai razzi lanciati su Israele dai terroristi di Gaza. All’epoca la mia base era situata nei pressi di Gaza, a pochi chilometri dal confine con Israele, non lontano dalle comunità israeliane costantemente colpite dai razzi, tra cui il kibbutz Sa’ad dove ero stato adottato come “soldato solo”. Nonostante questi pericoli più che evidenti, la mia unità ha lavorato giorno e notte  per consentire l’ingresso degli aiuti umanitari e anche per individuare le aree sensibili quali ospedali, scuole e moschee allo scopo di minimizzare le perdite umane nella striscia di Gaza. Abbiamo utilizzato le risorse dell’esercito, e noi abbiamo rischiato letteralmente la vita prestando servizio in questa zona martellata dai razzi, al solo scopo  salvaguardare al meglio la vita quotidiana dei civili palestinesi.
Ho lavorato in un rifugio antimissile in costante contatto telefonico da un lato con la Croce Rossa e le agenzie delle Nazioni Unite e dall’altro con i corpi delle forze di difesa Israeliane, cioè rappresentavo quella cooperazione che non si vede e non si sente. Mentre il mondo vedeva l’operazione come una successione di lanci di razzi da Gaza e attacchi aerei israeliani, non aveva il minimo sentore delle nostre infinite discussioni con i palestinesi e la Croce Rossa. Cercavamo di fare una lista delle attrezzature mediche necessarie e di proteggere il percorso dell’ambulanza. Il mondo non ha visto i responsabili dell’Onu dormire nella nostra base, lavorando individualmente con soldati durante ogni minuto dell’operazione. Il mondo non ha visto i nostri ufficiali pronti ad entrare nella striscia di Gaza in caso di un intervento di terra per minimizzare le perdite civili e occuparsi dei bisogni della popolazione di Gaza.
Durante tutto il mio servizio militare, che razzi colpissero Israele o no, abbiamo lavorato ogni giorno con le nostre controparti palestinesi nella striscia di Gaza, con lo stesso obiettivo: far entrare quanto più materiale e persone possibili attraverso i valichi israeliani.
cagt-camions-daide-humanitaire2
Poiché la missione dell’unità è sempre focalizzata sull’umanità, una delle priorità, pur con tutte le precauzioni di sicurezza necessarie, era di garantire gli interessi dei palestinesi nella striscia di Gaza.
L’IDF investe molto nella formazione dei soldati, come quella che ho ricevuto io. La formazione ha lo scopo di inculcare nei nuovi soldati il valore della vita umana e spiegare la necessità dell’ingresso di aiuti umanitari nella striscia di Gaza per i civili, spesso vittime di violenze locali.
Squadre di elettricisti israeliani assicurano il corretto funzionamento delle linee elettriche che entrano nella striscia di Gaza. L’unità coordina il trasferimento dei palestinesi che hanno bisogno di cure mediche da Gaza ad ospedali israeliani,
erez_crossing
ma si occupa anche dell’esportazione da Gaza attraverso il confine con Israele e i suoi porti per rilanciare l’economia palestinese. L’unità è in contatto quotidiano con molti corpi all’interno della stessa Gaza, tra cui con organizzazioni internazionali come la Croce Rossa, il Ministero della sanità dell’autorità palestinese e i media palestinesi.
Ripeto: la missione primaria dell’unità è quella di mantenere la pace, collegare le forze dell’IDF ai nostri rappresentanti palestinesi per mantenere la calma su un confine ostile. Ma anche durante l’operazione Pilastro di difesa lo scorso novembre, quando i terroristi colpivano Israele da aree densamente popolate da civili, abbiamo continuato a far entrare a Gaza gli aiuti per i palestinesi. A mio parere, questa è la più grande forza dell’esercito israeliano: riuscire a combattere il terrorismo, garantendo nel contempo la salute e il benessere dei civili palestinesi.

Sergente (riservista) Evan Pelz, nuovo immigrato in Israele dagli Stati Uniti. Ha servito nell’IDF come soldato semplice dal 2011 al 2013. Oggi, vive a Gerusalemme e studia legge presso l’Università ebraica. (Qui, traduzione mia) (Sì, lo so, lo so, sono tutte balle mandate in giro dalla propaganda sionista, figuriamoci se non lo sappiamo).

E poi vai a leggere anche questa bellissima storia, che è un po’ anche nostra.

barbara

SASSI CONTRO CARRI ARMATI?

No: sassi contro le teste dei bambini.
auto-sassi
La bambina che stava dietro quel vetro, Avigail Ben Zion di due anni, è stata colpita alla testa e si trova ora in gravi condizioni all’ospedale.
Nel frattempo si è conclusa la missione umanitaria israeliana nelle Filippine

E questa è la mappa degli aiuti umanitari israeliani nel mondo
Tzahal senza frontiere
(cliccare sulla mappa per accedere alla mappa interattiva)

barbara

AGGIORNAMENTO: no, niente, sono bravi ragazzi, stavano solo tirando sassi alle pecore per gioco – e poi un sasso per caso è uscito dal campo, ha attraversato la strada, ha raggiunto l’auto, ha spaccato il vetro, è arrivato alla testa della bambina e le ha fratturato il cranio.

QUANDO LA VITA È PIÙ FORTE DELLA MORTE

Segna il traguardo della maratona di New York, la cicatrice sul lato sinistro della testa è appena percettibile. Aharon Karov, 27 anni, completa il giro in 4:14:31, un risultato impressionante per chiunque. Soprattutto qualcuno che cinque anni fa era stato gravemente ferito in guerra e dato per morto.
Aharon-Karov-maratona
Ma la sua storia inizia nel dicembre 2008, quando a 22 anni sposa l’amore della sua vita, Tzvia, di 19.
Aharon-Karov-wedding
Ballano, cantano e fanno tutte le cose felici come tutte le altre coppie. La mattina seguente intorno alle 7:00, Karov, tenente in un’unità di paracadutisti della IDF, riceve una telefonata dal suo superiore che lo informa che sta per iniziare una guerra a Gaza – l’Operazione Piombo Fuso – e che c’è bisogno di lui. Secondo la legge militare, come anche secondo la halachà (legge ebraica), uno sposo ha il dovere di andare in guerra il giorno del proprio matrimonio soltanto per una “milkhemet hova”, una guerra religiosamente obbligatoria (non ne esistono ai giorni d’oggi). “L’operazione a Gaza non era una di quelle” racconta Karov. Tuttavia, dopo lunghe trattative con sua moglie, decide di andare a Gaza.
“In Israele, se c’è una guerra, tutti vanno perché esiste il senso della collettività, della comunità” – spiega il ragazzo – Era chiaro per me, per noi due, che dovevo andare “. Karov era il comandante di un plotone di 30 soldati che aveva addestrato durante il loro servizio militare. “Non sarei mai riuscito a mandare i miei uomini senza di me”, confessa. “Certo che avrei voluto essere a casa con mia moglie e non a Gaza”, racconta ancora Karov, “Tu non sai quando vedrai di nuovo tua moglie, tu non sai quando potrai parlare con tua moglie di nuovo, ma è necessario mettere tutto il resto da parte – tua moglie, la tua famiglia e anche te stesso”.
Una decina di giorni dopo il suo matrimonio, a Karov e ai suoi uomini viene assegnato il compito di bonificare sei edifici dagli esplosivi. Salito al secondo piano di un palazzo, un ordigno viene fatto esplodere. Karov salta in aria e cade dalla tromba delle scale, mentre l’intero edificio crolla sopra di lui. I suoi uomini, nessuno dei quali viene gravemente ferito dall’esplosione, si precipitano in fretta per rimuovere le macerie e tirano fuori il corpo del comandate. Karov viene effettivamente dichiarato morto. Poco dopo, sentendo un debole impulso, un paramedico dell’esercito fa un’incisione sulla gola del ragazzo moribondo per assicurarsi che avrebbe continuare a respirare.
Ma con otto pezzi di granata nella testa, senza più denti, con l’occhio sinistro smembrato e il lato superiore sinistro del corpo completamente schiacciato, le prospettive di sopravvivenza sembrano pressoché nulle.
Aharon-Karov-ferito
Cinque anni più tardi Karov vince la maratona di New York, per di più con un tempo straordinario per chiunque, e orgoglioso di se stesso rivolge un pensiero al suo plotone: “E’ stata una fortuna che nessuno dei miei soldati è rimasto gravemente ferito dall’esplosione”.
Aharon-Karov-figlio
Il campione dalla scorza dura vince così i 40mila dollari della gara e li devolve al Fondo OneFamily,
maratona 1
un’associazione che sostiene le vittime del terrorismo e che ha sostenuto la sua famiglia durante questi lunghi anni di riabilitazione. (rubato qui)

Poi, volendo, tanto per restare in zona, ci sarebbe da andare a leggere questo.

barbara