HO INVENTATO UNA RICETTA

Nata dal mio orrore per ogni sorta di sprechi, ma soprattutto per quelli alimentari – non per il pensiero dei poveri bambini in India che muoiono di fame, ma perché ritengo lo spreco alimentare in sé, indipendentemente dall’esistenza o no di persone che non hanno cibo a sufficienza, un crimine contro l’umanità.  E dal dolore che provavo ogni volta a buttare via le codine verdi dei cipollotti. E dalla considerazione che se sono commestibili i cipollotti, lo saranno anche le loro code. Così ho tenuto le code, le ho lavate, lo ho asciugate , le ho tagliate a pezzetti di due tre centimetri, le ho messe in un tegamino col burro, prima quelle grosse, poi, dopo due minuti le medie e dopo altri due minuti le più sottili, e le ho cucinate con un po’ di sale e pepe. Sono un contorno fantastico: provare per credere.
cipollotti
barbara