ANCORA SUI VACCINI 3

Le migliori in rete

Perché loro sono furrrrbi, mica come noi pecore che ci beviamo tutto quello che ci propinano.

Perugia
21 Agosto 2021 22:40
Caro Porro, sul sito di Maurizio Blondet è stato pubblicata una dichiarazione del Prof Meluzzi il quale dichiara che ai potenti, ai politici, ai ricchi, vengono vaccinati con della semplice Soluzione Fisiologica. Dunque le nostre Istituzioni, i nostri politici, i vari Presidenti di Confindustria e Federmeccanica, che adottano il green pass alla mensa, e addirittura AUSPICANO L’OBBLIGO VACCINALE, SI SONO VACCINATI CON ACQUA FRESCA. Il Prof. Meluzzi aggiunge che la proposta e’ stata fatta anche lui. ALLORA CHI CI GOVERNA E I VARI PRESIDENTI DI CONFINDUSTRIA ecc. NON SI FIDANO DI VACCINI SPERIMENTALI!

Pig – Perugia
22 Agosto 2021 7:29
Credibilissimo, ci avevo pensato anche io.
Cosa ci vuole a prelevare la dose dall’acqua anziché dal flacone con il vaccino? E gettare il vaccino nel cesso?
L’inoculazione non avviene in presenza di un pubblico ufficiale e non viene registrata con una webcam.
Quindi l’inoculazione non ha prove che sia veramente avvenuta, se non la parola di chi la fa e chi la riceve.
A me certe improvvise conversioni da parte di certi politici puzzano lontano un chilometro,

Prisco – Perugia
22 Agosto 2021 10:00
Era già nel credo che ci fossero cittadini di seria A e serie B ed era già nel credo la possibilità di avere un finto siero . Vi immaginate un Draghi o un Mattarella che dopo la punturina si sentono male ???? diventerebbe una CAPORETTO e tutto il marcio creato fino ad ora verrebbe spazzato via. Ad ogni modo punterei l attenzione sul fatto che probabilmente Mattarello abbia già messo le mani avanti avvallando l ipotesi di prorogare per altri 4 anni lo stato di emergenza in gran segreto , se cosi fosse la tanto amata COSTITUZIONE italiana varrebbe quanto la carta igienica.

Quindi essenzialmente quello che fai è usare iniezioni per iniettare materiale nel corpo e creare l’equivalente di un sistema operativo. Tutti conoscono il concetto di Microsoft che ti fa scaricare un sistema operativo nel tuo computer, che dà a Microsoft e a una varietà di altri concorrenti una porta di accesso nel tuo computer, e ogni mese o due o tre devi aggiornarlo perché ci sono i virus, tornando al virus magico, e possono risolvere tutti i problemi. E quindi questo è un sistema simile per il tuo corpo… che diventa un ricevitore e può letteralmente agganciare tutto al cloud… Questo sistema arriva al controllo completo non solo della tua capacità di effettuare transazioni finanziarie… ma a un controllo mentale tecnologico… In pratica stiamo parlando di collegamento ad un cyborg, se vuoi. E quindi transumanesimo e tecnocrazia vanno di pari passo… Stiamo parlando di togliere le libertà dove ne abbiamo, la libertà di girare e la libertà di dire quello che vogliamo…
Dario Gallinaro che riassume Catherine Austin Fitts, citato da Pepa Vezzo sulla bacheca di Deborah Fait

Maya Larissa – Deborah Fait (Deborah Fait è ebrea israeliana e sostenitrice del vaccino come strumento utile per liberarsi dal virus)
ah ah ah da che pulpito, i discendenti degli avvelenatori di pozzi adesso vogliono salvarci ah ah ah, stiamo vivendo proprio la fine dei Tempi se gente come la Fait ci tiene alla nostra salute, mi aspetto la discesa dell’anticristo da un momento all’altro, ci mancano solo i 2 suprematisti nirenstein e fiano ah ah ah che triade di raccattacicche ah ah ah

Fabio Bertoncelli
23 Agosto 2021 18:41
Ci stiamo avvicinando alla “SOLUZIONE FINALE”.
IL VACCINO RENDE LIBERI.

Armando
[…] Io, come sapete, auguro la morte veloce per malattia, incidente stradale o di altro tipo a questi banditi di Stato che impongono restrizioni e vaccini e minacciano 24 ore al giorno.

Andreia Alexandra Machado
[…] il vaccinato (se non muore prima o non rimane menomato tutta la vita a causa di questi pseudo-vaccini transgenici e sperimentali) […]

Pigi
Ma no. Il vaccino manda direttamente i cittadini al camposanto, per cui non intasa le strutture ospedaliere e, soprattutto, non fa correre rischi agli operatori.
E’ per questo che i nostri addetti ospedalieri ne sono entusiasti.

max
23 Agosto 2021 23:41
Nel 1933 Adolf Hitler, diede vita al “Der Ahnenpaß”, ossia un ”passaporto genealogico”, certificava che il possessore era ariano. Dava accesso ai musei, agli edifici pubblici, ai teatri, allo studio e al lavoro, al matrimonio.
Inizialmente usato per discriminare gli ebrei, poi esteso ad altri territori come l’Alto Adige. [copia-incolla da wikipedia, tranne il passaggio relativo a musei ecc. che si è inventato lui]
Oggi in Italia nel 2021, dopo 88 anni, è richiesto il certificato genealogico di vaccinazione, detto “greenpass”, per lo stesso identico uso discriminatorio ai danni di chi non si è sottoposto al siero salvifico.
[il fascismo ormai non basta più, e bisogna ricorrere al nazismo, e pazienza se genetica e scelte non sono esattamente la stessa cosa]

Stefano Bisogni – Luciano Braga
ti hanno usato come ratto da esperimento. Ci vogliono 5 anni per avere la sicurezza che non ci siano controindicazioni. E’ facile che finirai sulla sedia a rotelle metà paralizzato, come i dati inglesi di questi giorni dimostrano (dati ufficiali).

Stefano Bisogni – Giovanni Cattazzo
più che eletto, a letto per le consegue della vaccinazioni che ormai sono tremende

Isa Bi
Che immensa pena per tutte queste persone che sono morte così giovani. Mi chiedo quando finirà tutto questo, un incubo, una persecuzioni che ci sta avvelenando la vita. Quante vite si dovranno ancora sacrificare prima che qualcuno dica basta?

Boscu Maria Paola
Fossero anche 500 i morti in Italia post vaccino non è che siano pochi!!!!

Emilio Tarantino – Boscu Maria Paola
sono molti di più. Personalmente ne conosco due, altri due scampati per miracolo e tante reazioni avverse gravi

Gianni
26 Agosto 2021 21:57
se i politici e vipponi non avessero fatto un placebo ma un vaccino come i comuni mortali si starebbe parlando di altro.ma tantè che i dubbiosi vengono additati come criminali da scovare ……….la gatta frettolosa fa i gattini ciechi si dice dalle nostre parte………

erman67 – Stefano
27 Agosto 2021 0:31
Non ha senso nemmeno per i sanitari se il vaccino non garantisce l’immunità sterilizzante.

Stefano – Erman67
27 Agosto 2021 0:33
Allora se va all’ospedale con l’appendicite, e sono tutti in malattia, faccia il self-service. [vabbè, qualcuno capace di ragionare c’è, e la proporzione è più o meno quella che ho riprodotto qui]

Assomigliano terribilmente agli antisionisti (che ci tengono a precisare ogni tre secondi che loro NON sono antisemiti), che passano metà del loro tempo a vomitare veleno e menzogne su Israele, e l’altra metà a frignare che grazie alla potentissima lobby ebraica che controlla tutti i mass media Israele è intoccabile e nessuno può dire mezza parola di educatissima critica. Questi per metà del loro tempo riempiono i social di esternazioni di questo genere e l’altra metà a inveire – sempre pubblicamente – contro la censura che impedisce di criticare i vaccini. E FB, che censura di tutto di più, ha bloccato per un mese Deborah Fait per avere invitato una persona che ha scritto cose come quella che ho riportato a sputarsi addosso – e che, essendo bloccata, non può cancellare – mentre per le cose sui vaccini si accontenta di mettere il bannerino e per il resto si può scrivere tutto quello che si vuole. Ma loro sono i covintelligenti, come già detto.
Certo che recitare la parte delle vittime per qualcuno deve essere proprio una libidine.

barbara

QUESTE MI FANNO MORIRE

Qui.
Ma quelli che invecchiano sono gli stessi a cui si attaccano le forchette o sono due vaccini diversi?
Verità sacrosanta inoppugnabile. Oltre alle sistematiche frenate in curva.
Sempre un passo avanti, i napoletani.

“Io non godo proprio mai/se qualcuno sta nei guai/ma se lui da sempre dice/che l’avviso fa felice/perché è come una malia/a tutela e garanzia/io aderisco al sentimento/e anch’io sono contento”.

“Ora deve (e gli fa orrore)/nominare un difensore/tra lo stuolo di avvocati/che da lui son tanto amati. Se costui trova un cavillo in favor di Piercamillo/per un fatto di coerenza/lui gli oppone resistenza/perché vuol esser prosciolto/(ed a questo tiene molto)/non perché l’ha fatta franca/o perché la prova manca/ma perché la sua innocenza/venga a galla in trasparenza/mica come gli altri rei/brutti, sporchi e farisei/che per colpa del sistema/hanno eluso l’anatema”.

“Ma pensando a quel vicino/ che ti ruba il cucchiaino/e che eviti già adesso/senza attendere il processo/Io vi chiedo: affidereste/per il ruolo che riveste/un segreto o un grosso intrigo/ nelle mani di Davigo? O attendete il risultato/del passaggio in giudicato/per saper se nelle more/è o non è un divulgatore?”.
Jacopo Pensa

E poi c’è questa, che non c’entra con le precedenti ma ci sta bene lo stesso.

Qui.

barbara

PER CHI AVESSE INTENZIONE DI ANDARE ALL’ESTERO

e avesse poi la malaugurata idea di volere anche rientrare in Italia: preparatevi.

Moduli e privacy   

Trovandomi in Svizzera, ho dovuto compilare il dPLF – digital passenger locator form – il nuovo documento digitale richiesto da oggi per entrare in Italia dall’estero.
Ci ho messo una buona mezz’ora per la mole delle informazioni richieste e alcune incongruenze. Per esempio è necessario indicare il secondo numero di telefono, campo obbligatorio. E chi non ce l’ha? Dopo vari tentativi, ho inserito per due volte lo stesso numero, ed è stato accettato.
Ma al di là dell’incombenza in sé, mi è parsa una misura preoccupante per la nostra libertà, una forma di controllo alla “1984”, il profetico “Big Brother is watching you” di George Orwell. Mi sono vaccinata con entusiasmo, non sono una cospirazionista, non credo alle potenze occulte che ci manipolano, ai complotti di entità oscure che vogliono prendere il controllo del mondo. E sono convinta che sia necessaria qualche forma di tracciamento per evitare un nuovo picco del Covid, soprattutto in periodo di vacanze estive e di rinato turismo internazionale. Infatti ho scaricato, appena sono uscite, l’app Immuni e anche la corrispondente SwissCovid, per i periodi in cui soggiorno in Svizzera. Ma queste app, che sono state studiate bene, garantiscono l’anonimato, e le informazioni rimangono sul telefono dell’utente, salvo nel caso in cui non sia necessario tracciare le persone con cui ha avuto contatti, se si dovesse palesare la malattia.
Il dPLF invece, che forse andrebbe definito dPCL – passenger control form – va compilato online, fornendo il numero di targa, se si viaggia in macchina, l’indirizzo di residenza e quello di destinazione, l’orario di partenza e di arrivo previsto e anche eventuali tappe intermedie – e se si cambia itinerario o si è vittime di qualche contrattempo che provoca un cambiamento di programma? – il numero della carta di identità, i membri del proprio nucleo famigliare, se ci accompagnano, il proprio indirizzo email e il numero di telefono e un contatto telefonico in caso di emergenza… Tutte queste informazioni vengono poi spedite a un cervellone, non si sa dove, che ci restituisce il formulario compilato da stampare e portarsi dietro, con il codice QR, senza il quale teoricamente almeno non è possibile varcare la frontiera, imbarcarsi su un treno, su un autobus, su un aereo o su una nave. L’autocertificazione precedentemente richiesta era un modulo che si scaricava da Internet e si compilava, con l’obbligo di tenerlo con sé ed esibirlo in caso di controllo – la mia esperienza e quella di parecchi amici è che i controlli fossero sporadici. E comunque, come per tutti i documenti cartacei, si suppone che dopo un po’ finissero nel cestino… Stavolta invece è evidente che tutto finisce nell’insaziabile bocca di un supercomputer, che potrà verificare, anche a distanza di anni, i nostri movimenti, i nostri soggiorni, le nostre scappatelle amorose, i nostri viaggi di piacere o di lavoro. È una necessità sanitaria, o uno strumento – potenzialmente pericoloso – di controllo della popolazione, che in futuro potrebbe cadere in mano di parti politiche estremiste, di investigatori privati, dei servizi segreti, di tecnici capaci di hackerare il sistema, o più semplicemente di qualcuno che fa ricerche su di noi?
Basta alzare lo sguardo per vedere il numero di telecamere che ci spiano in ogni momento. I nostri telefoni cellulari, grazie al sistema di localizzazione, di pagamento digitale, dei cookies di navigazione, sono diventati una fonte di informazioni accessibile a chiunque sulla nostra vita privata, i nostri gusti, i nostri acquisti, le nostre ricerche. Ora arriva anche il Big Brother che ingoia tutte le informazioni sui nostri spostamenti da e per l’estero. Si tratta, va chiarito subito, di un formulario richiesto dalla Comunità Europea al quale l’Italia ha aderito con grande sollecitudine. Mi chiedo se, prima di farlo entrare in vigore, non sarebbe stato giusto aprire un pubblico dibattito, come si sta facendo in Svizzera, che non ha ancora aderito. Comprendere qual è la “corazza” normativa che garantirà la riservatezza dei nostri dati. A chi andranno in mano? Che cosa succederà nel futuro? Con che criteri saranno catalogati? Quali pericoli presentano per la nostra privacy?
Sì è molto discusso sul cosiddetto “passaporto vaccinale” che garantirebbe libertà di movimento ai vaccinati. Pare non sia stato ancora approvato per le proteste di chi rifiuta il vaccino ma si ritiene discriminato dal fatto di non poter godere della libera circolazione concessa agli altri. Ma il passaporto, magari unito al tampone, mi sembra darebbe maggiori garanzie sanitarie del dPLF senza comportarne i rischi di violazione della privacy.
Forse dovremmo chiederci seriamente a quanta libertà siamo disposti a rinunciare per i benefici della sicurezza, sia essa sanitaria o di altro tipo. Per chi come me ha vissuto una lunga vita sentendosi libera, il dPFL è una seccatura a livello psicologico. Ma i nostri figli e i nostri nipoti, in che mondo vivranno? E non c’è il rischio che, come nel bellissimo film “Truman show”, un giorno scopriranno di non vivere la realtà, ma un mondo fasullo come un set televisivo, manipolati, fin dalla nascita, da un deus ex-machina di cui nemmeno sospettano l’esistenza?

Viviana Kasam, ‍‍24/05/2021, qui.

Mi sto sempre più chiedendo se non arriverà il giorno in cui dovremo concludere che Orwell era un ingenuo dilettante.

barbara