GLI EBREI E LA MUSICA

Con qualche grossa sorpresa, almeno per me.

barbara

Annunci

MA COM’È CHE VOI EBREI SUONATE TUTTI IL VIOLINO?

Eh, prova un po’ tu a scappare per mezza Europa tirandoti dietro un pianoforte.

Sì, sono ridicoli con quei vestiti da signorotti polacchi del Settecento. E con quei chilometrici riccioli davanti alle orecchie. E sono fanatici, con quella loro rigorosa separazione fra uomini e donne. Sono religiosi nel senso più integralista del termine. Ma non vanno in giro a farsi saltare in aria fra quelli che non condividono il loro modo di vivere e di pregare. E le energie in eccesso non le scaricano piantando coltelli nella schiena del primo che passa, ma ballando e suonando fino a rompere le corde dei violini. Qualcuno talmente intollerante da armarsi e colpire ogni tanto si trova, ma si contano, letteralmente, su una mano sola. E dopo che hanno colpito non si intitolano loro scuole e piazze, ma si sbattono in galera.
Siccome oggi è la mia personale giornata della bontà, non dirò che quelli che cianciano delle religioni causa di tutti i mali del mondo possono andare affanculo, ma meriterebbero che glielo dicessi, lo si sappia.
(No, della Turchia non parlo. Ma una cosa la voglio dire: per come si sono svolti i fatti, e per le conseguenze che Erdogan ha già cominciato a mettere in atto, per la prima volta in vita mia mi viene una gran voglia di cedere alla tentazione del complottismo)

barbara

CHANUKKAH 1943

Chanukkah 1943
Campo di transito di Westerbork, Olanda. Circa 100.000 ebrei furono deportati da Westerbork ai campi di concentramento e di sterminio. In attesa di essere sterminati, tuttavia, non mancavano di restare fedeli alle tradizioni; parecchi, addirittura, riuscivano persino a digiunare a Kippur. Di sicuro nessuno di loro rimpiangeva di non avere avuto un nonno che avesse fortunatamente rotto con la tradizione.
(Una scena molto simile a quella dell’immagine appare nel film Jona che visse nella balena, relativa proprio al campo di Westerbork in cui Jona Oberski visse per qualche tempo con i genitori prima di essere deportato a Bergen Belsen)

barbara

QUESTO È IL MOTIVO

Ne trovo comunque un’altra, più personale forse: il mio impegno è un’affermazione della mia fedeltà alla pratica religiosa dei miei genitori e dei loro. Per dirla ancora più semplicemente: se osservo le leggi della Torah mettendo i tefillin, è perché i miei genitori e i miei nonni, come i loro, lo hanno fatto. È semplice, rifiuto di essere l’ultimo di una catena che risale molto lontano nella mia memoria e in quella del mio popolo. (Elie Wiesel, A cuore aperto)

Tempo fa, in un blog che all’epoca frequentavo, ho letto un commento di un tale che raccontava che il trisnonno era rabbino, ma poi “il mio bisnonno, per fortuna, ha rotto con la tradizione” e quindi adesso, da quattro generazioni, non sono più ebrei. Migliaia di anni di persecuzioni, di oppressione, di massacri coraggiosamente affrontati, migliaia di anni di eroica resistenza contro ogni tentativo di annientamento, per non tradire tutti coloro che prima avevano affrontato ciò senza mai cedere, migliaia di anni di tutto questo e milioni di vite sacrificate, buttati nel cesso. E qualcuno ha il coraggio di considerare una simile infamia una fortuna. Non credo che la parola “orrore” sia sufficiente a descrivere ciò che ho provato leggendo quelle parole. Orrore e disgusto.

barbara

OGGI AVRESTI COMPIUTO 70 ANNI

 e invece è più di un quarto di secolo che te ne sei andato.

(se la vuoi leggere, vai qui)

Poi bisogna assolutamente leggere questa

NEW YORK 1987

Lettera aperta al Colonnello Gheddafi letta a New York in occasione del 10′ Convegno Internazionale degli Ebrei di Libia

Ci sono paesi disamati dalla storia. Incapaci di offrire ai loro popoli, contro un misero presente, la consolazione di un glorioso passato. Incapaci perfino di trarre profitto dalle loro disgrazie, di trasformare gli oltraggi subiti in leggende esportabili. Paesi che, privi di un fiume per benedire le loro terre, di un eroe per difenderle, di un poeta per cantarle, sono affetti da anonimato cronico.
Il paese in cui son nato è fra questi. Prima che il suo nome fosse propulso nel cielo dei media, dai capricci congiunti del petrolio e di un tiranno, quest’immenso territorio non è stato, per 2.000 anni, che una fabbrica di dune. Uno zero, un’amnesia, un sacco di sabbia sventrato e disperso su 1.759.000 chilometri quadrati di mancanza d’ispirazione del Creatore, una sala d’aspetto immemorabile dove non ha mai degnato fermarsi il treno di un’epopea, un vuoto, soffocante e torrido che separava, come una punizione, l’Egitto della Tunisia. Oggi ancora, benché l’afflusso di petrodollari gli abbia permesso di passare dall’oscurità all’oscurantismo, questo paese resta, agli occhi del mondo, l’anticamera delle Piramidi, il retrobottega dei gelsomini. Culturalmente parlando: il parente povero dell’Islam.
Il Colonnello lo sa. Anzi ne è così conscio che dopo aver importato i migliori architetti d’Occidente per tracciare audaci prospettive in questo gigantesco piatto di couscous spazzato dai venti e centinaia di artigiani dall’Oriente per ornarne i volumi ancora freschi di bassorilievi, rosoni, mosaici e vetrate – ha tentato di appropriarsi della storia dei suoi vicini, con proposte di matrimonio di un’insistenza patetica, generalmente rifiutate, o seguite da immediati divorzi.
Arrenditi all’evidenza, Colonnello. Né la tua bella faccia da antagonista, né il pennacchio dei tuoi pozzi, né le scie dei tuoi “mirage” in cieli non tuoi, né il tuo vivaio di terroristi riescono a trattenere a lungo l’attenzione del nostro mondo distratto. Una forza centrifuga maledetta fa svaporare il beneficio dei tuoi misfatti, come l’acqua dei tuoi “wadi”, impedendo alla tua periferia di trasformarsi in centro. Malgrado i tuoi sforzi, questo paese resta senza viso, come i tuoi sicari, e senza voce, come in passato.
A volte, quando il tuo sorriso gallonato mi sorprende, appeso ad un’edicola, mi congratulo con te, da lontano, per aver saputo una volta ancora risorgere dal sabbioso oblio al quale ti condanna il destino. E, forse per smussare il tuo perforante sguardo, o l’interminabile diga dei tuoi denti, mentre mi compro con 2.000 lire la tua testa da adulto, ti immagino bambino, sì, m’invento nostalgie da fratello maggiore e ti vedo, lupacchiotto di quattordici anni, disteso, la sera nella tua stanzetta, con l’orecchio al transistor, che ascolti esaltato la voce di Nasser, il cui carisma saturato ti arrivava dal Cairo, e ti sento esclamare, fra due incitazioni del Rais alla guerra santa “anch’io, un giorno, come lui!”
Il tuo sogno: aggiungere un nuovo capitolo, a tuo nome, nel Grande Libro dell’Islam. Ma Allah è grande, caro cugino, e nella sua immensa saggezza, deve aver deciso che era meglio riservare al tuo paese, che fu un tempo il mio, il ruolo esaltante di “antiporta”, cioè la pagina bianca che precede il testo, e che tale resta, se una dedica non viene ad abitarla
L’unico inconveniente è che tutte le popolazioni che vi hanno vissuto, nei secoli, hanno subito lo stesso destino di “cancellazione”. Cominciando dalle minoranze etniche o religiose, berbere, cristiane ed ebraiche, che chiamaste “dhimmi”, cioè cittadini “protetti”. Delicato eufemismo per dire ostaggi in attesa di conversione. Essere l’oppresso di un potente offre a volte vantaggi culturali: catene d’oro, tempo per piangere, ecc. Essere l’oppresso di un oppresso, nessuno. Ebrei di un paese senza luce, fummo gli ebrei più spenti del Mediterraneo.
Privi di quel prestigio di riflesso di cui godono, di solito, i domestici dei grandi Principi, e di cui godettero, almeno una volta durante il loro esilio, tutte le altre comunità. La nostra storia fu così negata, sepolta, per tanti secoli, che senza il libro dello storico Renzo De Felice, Ebrei in un paese arabo, un libro splendido, voluto con tenacia quasi mistica da un fratello della nostra comunità, di questa non resterebbe più, oggi, traccia, né, domani, ricordo. Infatti, dopo aver assaggiato come tutte le consorelle un menù di umiliazioni di una varietà squisita: massacro alla romana, alla mussulmana, alla spagnola, segregazione alla maltese, all’ottomana, leggi razziali nazi-fasciste, e per finire, pogrom post-bellici, compiuti dai nostri fratelli arabi sotto l’occhio dei nostri tanto attesi liberatori britannici, la mia comunità fu pregata di lasciare il paese l’indomani della Guerra dei sei giorni, meno i suoi morti, trattenuti per portare il loro contributo alla Rivoluzione, mediante ossa e lapidi le quali, debitamente frantumate dai bulldozer, sono servite da base a un’importantissima autostrada costruita d’urgenza per collegare il nulla al nulla, e a due giganteschi alberghi per un turismo tuttora inesistente. Così, io, Ebreo senza più radici né memoria, ho aperto il libro ed ho scoperto

  • che la nostra presenza in Libia risaliva a più di 2.170 anni;
  • che precedeva quindi non solo l’invasione araba, ma anche quella romana;
  • che, bellicosi e fedeli al nostro Dio, contro l’esercito romano ci eravamo sollevati, appena avuta notizia della caduta del tempio di Gerusalemme;
  • che quella sommossa ci era valsa decine di migliaia di vittime, ma anche una lapide in latino che riferisce il fatto, e senza la quale non sapremmo che fummo una così antica e coraggiosa comunità

Ma questa è storia, dicevo girando le pagine, storia che fonda la mia legittimità, ma non basta, io voglio di più, io… io non sapevo cosa volessi, ma lo trovai. A pagina 41.
Un censimento della popolazione ebraica di Tripoli.
Il primo della nostra storia. Effettuato da Giuseppe Toledano, capo della comunità, nel 1861, e miracolosamente scampato ai falò del Colonnello. E cominciarono a sfilare sotto i miei occhi, debitamente numerati:

  • 1 Rabbino capo
  • 17 Rabbini
  • 11 Studenti, e poi tornitori, droghieri, tavernieri, sterratori, sarti, macellai, scrivani, chiromanti, levatrici, facchini, donne e bambine, malati e mendicanti, in tutto: 4.500 abitanti.

Che il professar De Felice sia ringraziato per questo documento. Avevo finalmente sotto gli occhi la prova, inconfutabile che gente del mio sangue era effettivamente vissuta, lì, fra le dune e il mare, colmando, di generazione in generazione, la mitica voragine che separava nostro padre Abramo da mio nonno, Abramo anche lui. Certo non erano i poeti matematici filosofi e medici che fiorivano i giardini della Spagna mussulmana, e curavano i mal di testa dei califfi illuminati, ma era pur sempre la mia famiglia, o perlomeno il perimetro sociale entro il quale senza dubbio alcuno, si era mossa. Mi misi dunque a trascrivere questa lista a mano, sicuro che uno dei miei sarebbe passato, presto o tardi, sotto la mia penna. E questo modesto rito bastò a far sì che il vapore dei ricordi si condensasse dietro ai miei occhiali, che si mettesse a piovere, a distanza, su quella striscia di asfalto dove i miei morti giacevano prigionieri, che questa scoppiasse, che un albero ne uscisse, coronato di foglie, popolato di uccelli.
Il mio albero genealogico, per approssimazione.
Chi potrà più dire l’odore delle pelli e la loro lucentezza, ai tempi in cui il sapone si chiamava olio di mandorle? La magrezza indiana dei bambini, il carbone dei loro sguardi, quel modo così arabo di essere ebrei che avevano gli ebrei di Trablous. Donne prosperose o gracili, vestite di sete rigate, cangianti, la vita cinta in quadroni d’argento, le teste avvolte nei foulards i quali, scivolando cento volte al giorno sulle loro spalle, scoprivano capigliature corvine o rosso hanna, e ondulate come il mare visto dai terrazzi Odore di cammun, di felfel, di atar e gelsomino, fiori e febbri, spezie e sudori, correnti d’aria fritta o di orina nei cortiletti di quel dedalo scalcinato che era la Hara, il nostro ghetto [Hara, in arabo, significa merda, ndb]. E i turbini di mosche intorno agli occhi degli asini fatalisti, la polvere di loukhoum sul naso dei bambini buoni, e i capretti appesi nei giorni di mercato, le montagne di cipolle viola, di datteri lucenti, di peperoni dai colori fluorescenti; e i polli che venivano comprati vivi, e portati via tenuti dalle zampe, come mazzi di fiori, per essere uccisi in casa, secondo le regole, in fondo ai giardinetti miseri, – due gerani, un ramoscello di menta, un oleandro, la cui acida linfa, ad ogni fiore colto, vi si attaccava alle dita
Chi potrà più raccontare la severità, la misericordia, dei nostri vecchi barbuti, in turbante, Fez, Bertila o Arrakyia, secondo l’epoca, dottori della legge dalle mani nodose, dalle unghie di corno, dalla pelle scavata dal tempo, ceppi della fede giudaica ancorati, loro malgrado, in questa terra tanto più amata e tanto più esiliante che somigliava troppo alla patria perduta: come una lacrima a una goccia di pioggia.
Divina monotonia del cielo azzurro; stesse palme trionfali cariche di munizioni d’oro, stessi tramonti rapidi, che insanguinavano di sole morente i talleth dei nostri padri, riuniti a dieci per la preghiera della sera, sui balconi; stesse notti crivellate di stelle, stelle così vicine che il canto dei grilli sembrava la loro voce; notti di rugiada, che facevano gonfiare i cocomeri a scatti, imitando il gracidare dei ranocchi; albe di madreperla che li vedevano già in piedi, i nostri vecchi, con gli occhi di uva passa, a volte di uva verde, volti a Gerusalemme, per rendere grazie al Signore di questo nuovo giorno, che autorizzava loro a sperarne un altro e un altro ancora fino al giorno tanto atteso del ritorno alla Terra promessa; sposando, giudicando, benedicendo e morendo in quell’attesa, – mai completamente però, perché i loro figli, messi al mondo in quantità prodigiose (se non sono io, saranno loro, se sono tanti, uno vivrà, se sopravvive avrà dei figli e dagli occhi di uno di loro, finalmente, vedrò il muro. Paradossalmente, questa razza di individualisti non si considera come alberi di una foresta, ma come foglie di un medesimo albero, e, precisamente, la palma: ogni foglia è figlia e madre del tronco, ed è grazie a quelle che muoiono che l’albero cresce) perché i loro figli, dicevo, messi al mondo in quantità prodigiose, davano loro il cambio, prendevano cioè lo scialle e il Libro e si mettevano a vivere, pregare, procreare e morire a loro volta in attesa della partenza. Ma di cosa si lamenta? Dirà il Colonnello sotto la sua tenda. Voleva partire, l’abbiamo lasciato partire. Certo, ci hai perfino incoraggiati a farlo, spogliando i pochi pazzi, ancora attaccati alla loro terra, dei loro beni e dei loro diritti. Ma stai tranquillo, non è per nostalgia che ti scrivo. Non faccio parte di quei poveri infelici che per rivivere la loro infanzia tripolina vanno a passare le vacanze a Tunisi. Perché se c’è qualcosa che rifiuto di assumere, è proprio la catastrofica illusione della somiglianza, cioè, quella distanza, infima eppur vertiginosa, che separa la lacrima dalla goccia di pioggia, esattamente come quando, perduto in un souk, cerchi tua madre, la vedi, urli il suo nome, si gira e non è lei. lo, quando la chiamo, si gira ed è sempre lei: Gerusalemme, e quando voglio, ci vado.
Se ti scrivo, è per dirti che la nostra comunità è viva, che cresce e prospera, che si è rifatta, hamdullah. Perché avendo perso tutto non aveva altra scelta se non avanzare. Noi siamo come le api, Colonnello, se il padrone del campo ci ruba il miele a Settembre, lo rifacciamo in fretta, prima dell’inverno, e se continuiamo a punzecchiarti con le nostre richieste di risarcimenti è meno per interesse che per dignità, per ricordarti il tuo debito ma soprattutto la tua perdita. Siamo produttori di beni, materiali e morali, lo siamo sempre stati e tu lo sai, perché il lavoro non ci fa paura, perché il lavoro per noi non è mai stato punizione, bensì espressione, anzi, benedizione. La prova, dopo un mese nei campi-profughi di Latina e Capua, i nostri hanno abbandonato le baracche e sono partiti in cerca di lavoro, e l’Italia, che dandoci rifugio e cittadinanza ha creduto di farci la carità, si è ben presto accorta di aver fatto un investimento. Tu invece, come tutti i governanti del nuovo mondo arabo, hai voluto lavar via gli ebrei dal tuo tessuto sociale. Ne hai corroso le fibre: commercio, artigianato, agricoltura, professioni liberali, tutto si è dissolto, è volato via come sabbia nel Ghibli e tutta l’esperienza che comprate all’Occidente non potrà sostituire l’esperienza antica che avevamo noi di voi, noi, la cui vocazione è stata, da sempre, la comunicazione: fra gli esseri, i gruppi, le etnie, le discipline, i principi, gli stati, le civiltà. Vocazione che fu indispensabile alla grandezza dell’islam, dell’impero russo, di quello ottomano, della Germania prenazista, e che avrebbe potuto fare la tua, se tu l’avessi voluto. Pensa, cugino, era nato perfino un trovatore su questo pezzo d’inferno che governi. Con l’amore inspiegabile, quasi perverso degli ebrei per le terre matrigne che li hanno adottati, avrebbe potuto fabbricare ali ai tuoi re, ai tuoi eroi, ai tuoi santi e martiri per mandarli a dire al mondo che il tuo paese esiste. Avrebbe potuto cantarlo, il tuo deserto, con parole che avrebbero fatto cadere in petali questa rosa delle sabbie che hai al posto del cuore.
Ma Allah, che è grande e vede lontano, ha voluto, per tua mano, farci partire, affinché io andassi a cantare i miei canti sotto altri cieli, e che la tua nazione potesse proseguire, come in passato, il suo esaltante compito: essere la pagina vuota del Grande Libro dell’Islam.

Shalom ve Salam

Herbert Avraham Haggiag Pagani

E infine la Lettera ai fratelli, ultimo suo atto pubblico prima della morte.

barbara

IL LAMENTO DEL PREPUZIO

Quando ero ragazzino, mi dicevano che quando fossi morto e andato in Cielo, gli angeli mi avrebbero portato in un grande museo pieno di quadri che non avevo mai visto prima, i quadri che sarebbero stati creati con tutto lo sperma artistico che avevo sprecato in vita mia. Poi gli angeli mi avrebbero portato in un’immensa biblioteca piena di libri che non avevo mai letto, i libri che sarebbero stati scritti con tutto il prolifico sperma che avevo sprecato in vita mia. Poi gli angeli mi avrebbero portato in un’enorme casa di preghiera con centinaia di migliaia di ebrei che pregavano e studiavano, gli ebrei che sarebbero nati se io non li avessi uccisi, sprecati, asciugati con un calzino sporco nel corso del ripugnante disastro della mia spregevole esistenza (ci sono grosso modo cinquanta milioni di spermatozoi in ogni eiaculazione. Fa più o meno nove Olocausti a ogni sega. Quando mi dissero questa cosa, stavo per entrare nella pubertà, o la pubertà stava per entrare in me, e commettevo genocidio, in media, tre o quattro volte al giorno). Mi dissero che quando fossi morto e andato in Cielo, sarei stato bollito vivo in gigantesche tinozze riempite con tutto il seme che avevo sprecato in vita mia. Mi dissero che quando fossi morto e andato in Cielo, tutte le anime di tutto lo sperma che avevo sprecato in vita mia mi avrebbero dato la caccia per l’eternità attraverso il firmamento. Non è necessario essere rabbini, per giocare a questo gioco – forza, provateci! – tutto quello che vi serve è terrore, istinto sanguinario e una vena ironica macabra e violenta. Ecco la mia: temo che Dio metta tutti gli spermatozoi sani, perfetti e di talento nelle prime eiaculazioni della vita di un uomo – futuro premio per chi ha esercitato il controllo sulle sue rivoltanti intenzioni – e che poi, man mano che gli anni passano e lui eiacula ancora e ancora (e ancora, e ancora, e ancora), la qualità dello sperma crolli. Quando è il momento, ormai restano solo gli scarti: quelli con gli occhi storti, quelli coi denti sporgenti, quelli con la mandibola in fuori, oppure in dentro, quelli coi piedi piatti, quelli con le dita palmate, gli idioti, gli infingardi, i criminali, i ritardati, i fessi, i deficienti, i bastardi. Sarebbe proprio da Lui.

Secondo il sito NoVeal.org, “i vitellini vengono tolti alle madri e con una catena al collo vengono stipati in casse larghe appena sessanta centimetri. Non possono girarsi, distendere le zampe e nemmeno sdraiarsi comodamente». Come in una yeshiva, o in una madrasa, o in una scuola cattolica. Tranne per la parte “tolti alle loro madri», beati quei vitellini.

Ecco la parte migliore:
«Cosa c’è?» chiede Orli.
«Niente.»
«Non ti va?»
«Figurati.»
Imbarazzo.
«Ti dispiace se ci provo?» chiede lei.
Finisce rapidamente.
«Sei dotata» dico io.
Lei ride e si stacca da me.
lo faccio dondolare le gambe giù dal letto. Le persiane sono aperte e posso vedere la luna, le stelle, e dietro il buio cielo notturno, dove Dio siede sulla Sua veranda, ridendo di me. Ride e ride e continua a ridere. «Tutti questi anni di sperma sprecato senza una donna» dice ai Suoi compari che Lo circondano, «e adesso che ne ha una non riesce a venire!» Abramo ride e dà una pacca sulla spalla a Dio.
Bel colpo, Dio.
Scuoto la testa.
«Io non capisco» dico.» Si direbbe che sono stato abusato sessualmente.»
«Sei stato abusato teologicamente» dice Orli. «È molto peggio.»

Ecco, questo è Shalom Auslander, ebreo cresciuto in una famiglia rigidamente ortodossa (col padre che nasconde le riviste porno sotto il materasso e la madre con una intera collezione di vibratori, vabbè, nessuno è perfetto), che vorrebbe tanto non credere, perché non è logico, perché non è sensato, perché, soprattutto, non è per niente comodo, e tuttavia non può farne a meno; anzi, non solo crede: lui è assolutamente sicuro che Dio esiste. E ce l’ha con lui. Personalmente. Il risultato è una quotidiana battaglia per difendersi da questo Dio così insopportabilmente invadente – senza mai riuscire a vincerla, beninteso. In compenso ne fa una delle cose più esilaranti che vi capiterà mai di leggere.

Shalom Auslander, Il lamento del prepuzio, le fenici
il-lamento-del-prepuzio
barbara

SI PUÒ DIRE “BALDRACCA EBREA”?

Si può dire “baldracca ebrea” senza essere antisemiti? Io direi di sì: se una signora si trova ad essere contemporaneamente ebrea e baldracca, ed esercita la propria baldracchitudine proprio in qualità di ebrea, direi che è pienamente legittimo dirlo. Se poi della suddetta signora si pretende anche di fare un santino, una donna “coraggiosamente controcorrente”, un’intellettuale dal pensiero profondo da citare a destra e a manca, allora dimostrarne e documentarne la baldracchitudine e farla il più possibile conoscere è un vero e proprio dovere morale e io, credo che questo sia noto, ai miei doveri non mi sottraggo mai. E per documentare quanto sopra detto, nessuno – come spesso accade – meglio di Ugo Volli in una sua recente cartolina pubblicata su Informazione Corretta.

Il santino della Arendt, no!

Cari amici,
lo sfruttamento della memoria della Shoà contro Israele è ormai un classico, ci hanno provato con Primo Levi attribuendogli parole che non aveva mai scritto, l’hanno rifatto con infiniti assurdi paragoni fra Auschwitz e Gaza, fra la stella di Davide che campeggia nella bandiera ebraica e la svastica, parodiando la celebre fotografia che ritrae un bambino ebreo minacciato con un fucile da un soldato nazista, mettendo elmetti e divise naziste ai leader di Israele, magari disegnando una vignetta in cui la faccia di una nota ebrea appaia deformata come un mostro con tratti razzisti e sull’abito compaiano appaiati una stella di Davide e un fascio littorio… insomma questo paragone insultante viene propagandato  in mille modi.
Se riescono nell’impresa paradossale e violentissima di saldare l’immagine di Israele a quella del nazismo, gli antisemiti ottengono almeno due vantaggi evidenti: da un lato dirottano la solidarietà per le vittime della Shoà agli arabi nemici di Israele  (e l’operazione non è danneggiata dal fatto ben noto che questi abbiano avuto complicità con la Shoà stessa settant’anni fa e oggi esibiscano spesso e volentieri simboli nazisti, inneggino a Hitler e diffondano “Mein Kampf”). Dall’altro scusano la Shoà stessa e diminuiscono la responsabilità dei popoli europei che in larga maggioranza la realizzarono la favorirono, o almeno non vi si opposero.
Naturalmente non occorre pensare che vi sia una centrale propagandistica e una strategia precisa; basta pensare a un luogo comune che si diffonde, un umore anti-israeliano e dunque antisemita che vi si esprime; una di quelle forme espressive che passano quasi inavvertite e tradiscono però un modo di pensare, come quando si fa uso di stereotipi razzisti.  Ora questo gesto comunicativo ha trovato la sua realizzazione più sofisticata in un film – tanto sofisticata da riuscire nell’impresa che il film fosse proiettato in occasione della Giornata della Memoria e fosse accolto bene da un pubblico che non vuole certo considerarsi antisemita. Alludo naturalmente al film su Hannah Arendt della von Trotta.
Non intendo discutere qui del film come opera, dei suoi meriti estetici e della sua semplificazione contenutistica. Per evitare di fare una polemica personale, mi limito a citare un brano dalla critica di una delle più accreditate riviste ebraiche americane online: “Nella sequenza più strana, quasi surreale, del film, Arendt viene fermata su un vicolo deserto da un trio di agenti del Mossad. Essi cercano di intimidirla riguardo alla pubblicazione del suo libro “La banalità del male”, insistendo sulla sua potenziale nocività. “Volete bruciare i libri,” Arendt li canzona “e mi fate lezione.” Il riferimento è chiaro e voluto: gli israeliani sono i nuovi nazisti, capaci di chiedere acquiescenza dai loro nemici con la forza. La sequenza fa eco alla prima scena di “Hannah Arendt”, in cui Eichmann viene rapito da una simile strada deserta in Argentina. Sono Arendt e Eichmann entrambi vittime della stessa spinta alla violenza? Come Arendt, il film sembra confondere nazisti ed ebrei, assassini e vittime, così a fondo che non sa su quale lato situarsi. Questo è, a dir poco, profondamente inquietante. Il trionfo intellettuale della Arendt sembra richiedere l’immolazione retorica di tutti i rivali, compreso lo Stato di Israele.” (http://mosaicmagazine.com/picks/2013/06/idolizing-hannah-arendt/) La confusione fra vittime e assassini del resto è una specialità della Von Trotta, per esempio nel suo film più fortunato (“Anni di piombo”), in cui la simpatia per i terroristi era travolgente…
Ma, ripeto, non voglio parlare qui del film; meglio affrontare direttamente Hannah Arendt, perché la confusione qui viene direttamente da lei. Dopo un amore clandestino con Heidegger, che non smetterà mai di ammirare, e dopo una tesi di dottorato con Jaspers, Arendt scappa in Francia, dove lavora un po’ come segretaria in organizzazioni di soccorso sioniste. Questa vicinanza al sionismo viene meno dopo una fuga tutto sommato abbastanza facile in America. A partire dai primi anni Quaranta, Arendt si costruisce una carriera giornalistica a New York sulla base del suo antisionismo. Accusa i sionisti di essere troppo morbidi con gli inglesi, di fare compromessi coi nazisti per tirar fuori gli ebrei dalla Germania, di volere uno stato ebraico. Nella polemica trascende spesso e scrive cose che oggi troviamo solo in bocca ai nemici più violenti del popolo ebraico. Sostiene che la rivolta del Ghetto di Varsavia inizia contro la polizia ebraica, che i sionisti imbrogliano il popolo ebraico, che per certi versi sono come i nazisti. Tratta da fascisti i comitati del sionismo revisionista per la costituzione di quella che poi sarà la Brigata Ebraica, e afferma che i “sionisti generali” come li chiama, non sono affatto diversi da loro. Li accusa in particolare di prendersela inutilmente con gli arabi, di non volere la pace, di aspirare per una sorta di follia al suicidio collettivo del popolo ebraico. Le sue previsioni politiche sono tutte sbagliate, ma affermate con un’alterigia e una violenza che spaventano e indignano tutti i suoi amici. Si schiera pubblicamente contro la fondazione dello stato di Israele, fa propaganda in questo senso appoggia i tentativi di sostituirlo con un protettorato dell’Onu. Afferma trionfante che gli americani hanno capito che in verità non c’è stata colpa della Germania o del popolo tedesco, ma solo di Hitler. Nel ’48 se la prende con Ben Gurion affermando che abbia scelto l’Urss contro l’America, il che è assai bizzarro; ma altrove dice che l’Unione Sovietica è la sola ad aver abolito l’antisemitismo senza perseguitare gli ebrei, naturalmente alla vigilia delle epurazioni antisemite di Stalin. Insomma le sue tesi sul processo Eichmann sono semplicemente la conseguenza di un punto di vista anti-israeliano e antisionista molto estremo, che ha già ripetutamente espresso per tutto il corso degli anni Quaranta e Cinquanta.
Le tesi principali sul processo, che sono illustrate dal film, sono due, entrambe insostenibili. La prima è quella che si usa chiamare “banalità del male”, che non è altro se non l’accettazione alla lettera della difesa standard dei criminali nazisti (e di tutti i genocidi dopo di loro, in Ruanda, in Bosnia, dappertutto): non siamo colpevoli perché abbiamo ubbidito agli ordini. Questo palesemente non è vero. Eichmann faceva parte di un’élite che fece con competenza, entusiasmo e ferocia la sua parte. Il loro odio contro gli ebrei era antico e si era indurito in mille azioni squadristiche: nessuno li obbligava ad essere dov’erano e a comportarsi come fecero. Essi erano entusiasti e spesso andarono ben oltre il loro dovere sindacale. Ci sono parecchi testi in cui questi assassini parlano senza il contesto di un processo: interviste, conversazioni in carcere e così via. In tutti si vantano della loro azione, come le loro vittime lamentano la ferocia barbara del loro comportamento. Definire “banale” questi boia è un  insulto non solo alle vittime, ma anche alla verità e all’intelligenza, e non è comunque una tesi innocente. Infatti essa viene sviluppata nell’idea che i colpevoli della Shoà fossero tali (o in fondo fossero innocenti in quanto incapaci di intendere e di volere), perché “non pensavano”. Ora questa tesi lascia fuori dall’ambito della responsabilità non solo tali pretesi automi, ma anche gli intellettuali del nazismo, giuristi come Carl Schmitt, scrittori come Céline, poeti come Pound e mille altri fra cui in prima fila Heidegger, che era stato l’amante di Arendt e lei sempre difese. Al di là degli aspetti personali, la tesi rappresenta il nazismo come qualcosa di estraneo alle dinamiche storiche e di pensiero della Germania e dell’Europa, ne fa un’eccezione, lo rende inspiegabile. Del resto era ciò che la stessa Arendt aveva sostenuto nel brano che ho già citato: solo Hitler era il colpevole. O, aggiungo io, neppure lui, prontamente coperto dall’attenuante di una comoda follia.
Nessun colpevole, dunque? No, qui interviene la seconda tesi di Arendt, la più ignobile. Colpevoli sono stati gli ebrei. Già, perché invece di dissolversi in una totale disorganizzazione, seguirono la loro antica esperienza storica, accettarono di costituire delle dirigenze anche sotto l’assalto nazista (che peraltro le richiedeva o se non c’erano, le costituiva d’autorità). Come ha spiegato in un libro breve ma importante lo storico Yerushalmi, gli ebrei nei secoli hanno sempre cercato di reggere le persecuzioni negoziando col potere, accettando i suoi ricatti di denaro, piegandosi ben oltre la dignità fino al limite della propria identità, rifiutando solo di tradire la propria identità religiosa e collettiva. Si comportarono così anche le persone che nell’immane tragedia della Shoà si trovarono a reggere delle comunità. Alcuni impazzirono fino a fare i piccoli tiranni, altri cercarono dei profitti personali, non c’è dubbio. Ma erano una minoranza. I più cercarono di fare il possibile per salvare delle vite, per protrarre la sopravvivenza, talvolta per ribellarsi. Molti si uccisero, prima o poi. Arendt, che assolve Eichmann, per mancanza di pensiero, se la prende con le sue vittime, che invece secondo lei che pensava comodamente nel suo studio dalle parti di New York, avevano il torto di voler fare dei compromessi con lo stesso Eichmann. Come i sionisti, altra bestia nera della Arendt. Mi è difficile stare calmo pensando a questa signora presuntuosa, che non capisce nulla di politica e di umanità ma pretende di insegnarla, resta amica per tutto la vita di Heidegger e condanna sdegnosa le vittime dei campi, i membri dei consigli ebraici e anche gli altri che li accettavano. Quando qualcuno le chiese se non sentiva un minimo di solidarietà coi suoi fratelli, diede una risposta di agghiacciante altezzosità: io non amo in particolare nessun popolo (o proprio nessuno, la parola è people), non vedo perché dovrei trovare simpatia per il popolo ebraico (o per gli ebrei: Jewish people).
La Arendt è una giornalista confusa e pasticciona, sommamente ideologica, ma di un’ideologia bizzarra e fumosa, che non è né comunista né liberale, né socialista né democratica, ma vagamente cooperativa e federale. E’ diventata famosa per via di un paio di libri (quello sul totalitarismo e quello sulla “condizione umana”) che riprendevano tesi altrui, per esempio di Strauss, con infinita arroganza. Non si è detta filosofa ma teorica della politica; in verità non è stata una cosa né l’altra. Tutto ciò è scusabile, la sua carriera non ha né più né meno valore di quella di tanti intellettuali di successo. Ma per favore non facciamone un santino, non presentiamola come una che resiste a chissà quali pressioni. I suoi amici che le tolsero il saluto in seguito all’operazione pubblicitaria di presentare il processo ad Eichmann come un processo di stato staliniano (fra l’altro, mi dicono, avendo seguito assai poco le udienze), non le fecero del male, lo subirono. Se oggi c’è la Giornata della Memoria e se si ricorda la Shoà come quell’abominio che fu, il merito non è degli storici o del processo di Norimberga, che non si incentrava su questo, ma della grande analisi, del lavoro di liberazione della memoria voluto da Ben Gurion. Contro cui Arendt esercitò liberamente tutta la sua opposizione  e il suo sarcasmo. Farne oggi un’icona della memoria ebraica è veramente troppo.

Ecco: un’ebrea che si fa sbattere da un nazista e poi col culo al caldo si permette di giudicare chi del nazismo fu vittima, va chiamata con nome e cognome: baldracca ebrea.

barbara

LE IDEE CONFUSE DI EUGENIO SCALFARI

La ‘Legge mosaica’ e le cantonate

Questo blog non si occupa di questioni teologiche; non lo hai mai fatto finora e dubito fortemente che potrà farlo in futuro. Accade tuttavia, occasionalmente, che si occupi di imbecilli, e accade, occasionalmente, che qualche imbecille si occupi di questioni teologiche. Ed è così che oggi mi ritrovo ad occuparmi del signor Eugenio Scalfari, ateo convinto e militante da una vita, che improvvisamente ha preso a impancarsi a maestro di questioni religiose. E succede ciò che è inevitabile succeda quando qualcuno si addentra in un campo che gli è totalmente sconosciuto e pretende di dare lezioni su argomenti nei quali è ignorante come una capra – con tutto il rispetto per le dolci caprette, tanto utili all’umanità.
Per documentare l’ampiezza dell’ignoranza e dell’imbecillità del signor Scalfari, lascio la parola al rabbino capo di Roma, rav Riccardo Di Segni.

I ripetuti riferimenti di Eugenio Scalfari alla “legge mosaica” nei suoi articoli di questi giorni mostrano evidenti errori e distorsioni che non possono essere lasciati senza risposta. Qui di seguito un’analisi delle sue parole (riportate in neretto).

La legge mosaica condensata nei dieci comandamenti ordina e impone divieti. Non contempla diritti, non prevede libertà. Il Dio mosaico descrive anzitutto se stesso: “Onora il tuo Dio, non nominare il nome di Dio invano, non avrai altro Dio fuori di me”. Poi, per analogia, ordina di onorare il padre e la madre.
Bisogna prima di tutto precisare che l’uso corrente del termine “legge” deriva dalla versione greca della parola Torà, tradotta come nomos, e di qui “legge”. Ma Torah significa “insegnamento” ed è un concetto ben più vasto della legge, anche se la Torah contiene la legge.
I dieci comandamenti (che nell’originale ebraico non sono “comandamenti” ma “parole”) sono un condensato della “legge” solo in un certo senso. Per gli ebrei tutta la Torah è sacra e condensarla nelle dieci parole è riduttivo e selettivo. La selezione l’ha fatta la tradizione cristiana in coerenza con le sue scelte, non quella ebraica.
Le dieci parole iniziano con la frase “Io sono il Signore tuo Dio che ti ha fatto uscire dalla terra d’Egitto, dalla casa degli schiavi”. È con queste parole e non con altre (inventate) che il “Dio mosaico” descrive anzitutto sé stesso, e non è un condensato della “legge” ma una proclamazione di libertà.
“Onora il tuo Dio” infatti non è scritto nelle dieci parole. È invece ordinato di onorare i genitori. E non è certo un difetto, è un fondamento della civiltà; e fa parte della visione religiosa dell’ebraismo trasportare il divino nell’umano.
Nella legge mosaica non compare la parola “diritto”, ma solo i doveri, di fare e di non fare. È una scelta sorprendente per chi è abituato a parlare solo dei diritti come fondamento della legge. Ma tutto questo non vuol dire affatto che la legge non contempli diritti. Il diritto è implicito nel dovere. Garantire i diritti con la forza dei divieti. Il diritto alla vita è implicito nel divieto di uccidere (perché l’uomo è immagine divina, Gen. 9:6), il diritto alla proprietà nel divieto di rubare, il diritto al riposo settimanale è implicito nella legge del Sabato, il diritto del lavoratore al compenso tempestivo è implicito nel divieto di trattenere la paga (Lev. 19:13) e avanti con tanti altri esempi. La storia dell’umanità alla ricerca dei diritti è profondamente debitrice alla “legge mosaica”, anche se se lo dimentica o esprime i diritti con un linguaggio differente. Rav Sacks ha scritto che le dichiarazioni fondamentali che sanciscono i diritti degli uomini parlano “con accento ebraico”.

Infine si apre il capitolo dei divieti, dei peccati e delle colpe che quelle trasgressioni comportano: “Non rubare, non commettere atti impuri, non desiderare la donna d’altri (attenzione: il divieto è imposto al maschio non alla femmina perché la femmina è più vicina alla natura animale e perciò la legge mosaica riguarda gli uomini)”.
Non si può giudicare la religione ebraica con il semplice confronto con il cristianesimo. Il fatto di essere religione non significa che le religioni siano uguali. L’esperienza religiosa ebraica si occupa anche di organizzare la società con la legge, così come ogni società si fonda sulla legge.
È vero che il testo parla al maschile. Ma questo non vuol dire che le leggi riguardino solo gli uomini e che alle donne sia lecito uccidere, rubare, mancare di rispetto ai genitori (tra cui c’è anche la madre, di sesso femminile) e così via. Nell’adulterio la pena è esplicitamente per adultero e adultera (Lev. 20:20).
Il linguaggio biblico è “sessista”; ma la critica al linguaggio sessista è una novità recentissima. Persino nelle opere aggiornate degli antropologi culturali che dovrebbero essere i più egualitari si usa un linguaggio sessista; per esempio nella descrizione degli incesti, partendo da quanto è proibito ad un uomo e non a una donna.
Veramente ardua la conclusione che la femmina sia più vicina alla natura animale (ammesso che l’animalità sia un difetto). Sembra più un’invasione di cultura greca o comunque di cultura non ebraica, che un concetto biblico. La prima donna, Eva, viene creata dalla “costola” di Adamo, che invece era stato creato dalla terra. Difficile pensare che sia considerata vicina all’animale la matriarca Sara, alle cui istruzioni il marito Abramo è obbligato ad attenersi (Gen. 21:12), e vicine agli animali le levatrici che disobbediscono al Faraone o la misericordiosa figlia del Faraone che salva Mosè e così via per tanti esempi.

Il Dio mosaico è un giudice e al tempo stesso un esecutore della giustizia. Almeno da questo punto di vista non somiglia affatto all’ebreo Gesù di Nazareth, figlio di Maria e di Giuseppe della stirpe di David. Non contempla alcun Figlio il Dio mosaico; non esiste neppure il più vago accenno alla Trinità. Il Messia – che ancora non è arrivato per gli ebrei – non è il Figlio ma un Messaggero che verrà a preannunciare il regno dei giusti. Né esistono sacramenti né i sacerdoti che li amministrano. Quel Dio è unico, è giudice, è vendicatore ed è anche, ma assai raramente, misericordioso, ammesso che si possa definire chi premia l’uomo suo servo se e quando ha eseguito la sua legge.
In questo brano esplode con tutta la sua forza l’antica dottrina oppositoria che è stata la bandiera dell’antigiudaismo cristiano per secoli. Il Dio vendicatore opposto a Gesù di Nazareth. Questa dottrina ha un nome preciso, marcionismo, dall’eretico Marcione che ne fece uno dei cardini del suo insegnamento. Marcione fu condannato dalla Chiesa, ma l’opposizione da lui drammatizzata tra due divinità fu recepita e trasmessa. Solo da pochi decenni la Chiesa se ne distacca ufficialmente, riconoscendola non solo come errore, ma anche come strumento illecito di predicazione di antagonismo e di odio.  Ma chi ha studiato o forse solo ascoltato certi concetti in una lontana età giovanile, e non ha avuto l’interesse a rimetterli in discussione, ripropone in forma volgare e trita le antiche idee.
Che sono sbagliate perché il Dio della Bibbia ebraica (per non parlare di quello della tradizione rabbinica) è giustizia e amore, come possono attestare numerose fonti che non c’è spazio qui per citare. È il Dio misericordioso (Es. 34:6) che perdona i suoi servi (sì, servi suoi, ma solo di lui e per questo liberi, servi di nessun uomo!) proprio quando non hanno eseguito la sua legge. Nulla avrebbe senso nell’ebraismo senza il perdono. Il Signore della legge mosaica non ricorda i peccati di gioventù (Salmo 25:7) e di questo anche chi ha scritto evocando fantasmi antigiudaici dovrebbe essere grato.
Che poi Gesù di Nazareth sia solo amore e non giustizia, in una melensa rappresentazione di comodo buonismo imperante, è tutto da dimostrare.
Il marcionismo qui rispolverato in un’affrettata esposizione parateologica è in altri contesti ancora più pericoloso. È stato ed è la chiave di interpretazione della politica israeliana, che è cattiva e vendicatrice per definizione, appunto perché viziata dalla macchia ancestrale della religione che la esprime. Quando il giudizio va oltre la politica partendo da un pregiudizio religioso introiettato anche da chi si dichiara laico, i risultati sono disastrosi. Proprio nel giornale diretto da Scalfari non sono mancati testi e titoli (“la vendetta di Israele”) ispirati a questi concetti.

Nei secoli che seguirono, fino all’editto di Costantino che riconobbe l’ufficialità del culto cristiano, il popolo che aveva seguito Gesù offrì martiri alla verità della fede, fondò comunità, predicò amore verso Dio e soprattutto verso Cristo che trasferì quell’amore alle creature umane affinché lo scambiassero con il loro prossimo. Nacquero così l’agape, la carità e l’esortazione evangelica “ama il tuo prossimo come te stesso”.
Questo è il Dio che predicò Gesù e che troviamo nei Vangeli e negli Atti degli apostoli. Un Dio estremamente misericordioso che si manifestò con l’amore e il perdono.
Il popolo ebraico non ricorda in verità molti esempi di amore e perdono nei suoi confronti da parte delle comunità che in Gesù si riconoscevano.
L’esortazione evangelica “ama il tuo prossimo come te stesso” è anche evangelica ma viene dalla legge mosaica, Levitico 19:18.
In conclusione: gli errori citati non sono la simpatica confusione di una rispettabile tarda età, ma vengono da molto lontano, nella biografia dell’autore e in una lunga storia di opposizione e disinformazione teologica.
Riccardo Di Segni, rabbino capo di Roma 

Ora, se non fosse che sono stata ripetutamente richiamata per il mio troppo frequente ricorso al turpiloquio, mi verrebbe una gran voglia di scrivere che il signor Scalfari è abituato da sempre a dire delle grandissime coglionate, ma poiché non voglio scontentare ulteriormente i miei lettori, eviterò eroicamente di scrivere che il signor Scalfari è abituato da sempre a dire delle grandissime coglionate, e mi accontenterò di dire che è una grandissima testa di calamaretto marinato. E concludo questa mia brevissima nota alle puntualizzazioni di rav Di Segni con una canzone del grande Guccini, che sembra proprio confezionata su misura (cioè, proprio proprio su misura no: diciamo che ne è un significativo, anche se non esaustivo, riassunto) per il signor Scalfari.

barbara

MANTENERE GLI AIUTI UMANITARI A GAZA NONOSTANTE I RAZZI

Il sergente (riservista) Evan Pelz ha fatto parte dei soldati di Tsahal richiamati in servizio durante l’operazione Pilastro di difesa nel novembre 2012. Benché prestasse servizio in un’area colpita continuamente da razzi da Gaza, aiutava a trasferire a Gaza aiuti umanitari destinati ai palestinesi. Qui racconta la sua storia, la sua esperienza, i suoi valori e la missione che si è assunto nel corso dell’operazione.

Nel 2011, pochi mesi dopo essere immigrato in Israele dagli Stati Uniti, mi sono voluto impegnare ulteriormente per la mia nuova patria e mi sono arruolato in IDF, come soldato dell’unità di coordinamento e di collegamento con la striscia di Gaza, un’unità che permette il contatto tra l’esercito israeliano e la popolazione civile di Gaza per garantire la vita quotidiana dei palestinesi. Durante l’operazioe Pilastro di Difesa,, esattamente un anno fa, la missione della mia unità è stata più importante e significativa che mai.
Lo scorso novembre IDF lanciato l’operazione Pilastro di difesa in risposta ai razzi lanciati su Israele dai terroristi di Gaza. All’epoca la mia base era situata nei pressi di Gaza, a pochi chilometri dal confine con Israele, non lontano dalle comunità israeliane costantemente colpite dai razzi, tra cui il kibbutz Sa’ad dove ero stato adottato come “soldato solo”. Nonostante questi pericoli più che evidenti, la mia unità ha lavorato giorno e notte  per consentire l’ingresso degli aiuti umanitari e anche per individuare le aree sensibili quali ospedali, scuole e moschee allo scopo di minimizzare le perdite umane nella striscia di Gaza. Abbiamo utilizzato le risorse dell’esercito, e noi abbiamo rischiato letteralmente la vita prestando servizio in questa zona martellata dai razzi, al solo scopo  salvaguardare al meglio la vita quotidiana dei civili palestinesi.
Ho lavorato in un rifugio antimissile in costante contatto telefonico da un lato con la Croce Rossa e le agenzie delle Nazioni Unite e dall’altro con i corpi delle forze di difesa Israeliane, cioè rappresentavo quella cooperazione che non si vede e non si sente. Mentre il mondo vedeva l’operazione come una successione di lanci di razzi da Gaza e attacchi aerei israeliani, non aveva il minimo sentore delle nostre infinite discussioni con i palestinesi e la Croce Rossa. Cercavamo di fare una lista delle attrezzature mediche necessarie e di proteggere il percorso dell’ambulanza. Il mondo non ha visto i responsabili dell’Onu dormire nella nostra base, lavorando individualmente con soldati durante ogni minuto dell’operazione. Il mondo non ha visto i nostri ufficiali pronti ad entrare nella striscia di Gaza in caso di un intervento di terra per minimizzare le perdite civili e occuparsi dei bisogni della popolazione di Gaza.
Durante tutto il mio servizio militare, che razzi colpissero Israele o no, abbiamo lavorato ogni giorno con le nostre controparti palestinesi nella striscia di Gaza, con lo stesso obiettivo: far entrare quanto più materiale e persone possibili attraverso i valichi israeliani.
cagt-camions-daide-humanitaire2
Poiché la missione dell’unità è sempre focalizzata sull’umanità, una delle priorità, pur con tutte le precauzioni di sicurezza necessarie, era di garantire gli interessi dei palestinesi nella striscia di Gaza.
L’IDF investe molto nella formazione dei soldati, come quella che ho ricevuto io. La formazione ha lo scopo di inculcare nei nuovi soldati il valore della vita umana e spiegare la necessità dell’ingresso di aiuti umanitari nella striscia di Gaza per i civili, spesso vittime di violenze locali.
Squadre di elettricisti israeliani assicurano il corretto funzionamento delle linee elettriche che entrano nella striscia di Gaza. L’unità coordina il trasferimento dei palestinesi che hanno bisogno di cure mediche da Gaza ad ospedali israeliani,
erez_crossing
ma si occupa anche dell’esportazione da Gaza attraverso il confine con Israele e i suoi porti per rilanciare l’economia palestinese. L’unità è in contatto quotidiano con molti corpi all’interno della stessa Gaza, tra cui con organizzazioni internazionali come la Croce Rossa, il Ministero della sanità dell’autorità palestinese e i media palestinesi.
Ripeto: la missione primaria dell’unità è quella di mantenere la pace, collegare le forze dell’IDF ai nostri rappresentanti palestinesi per mantenere la calma su un confine ostile. Ma anche durante l’operazione Pilastro di difesa lo scorso novembre, quando i terroristi colpivano Israele da aree densamente popolate da civili, abbiamo continuato a far entrare a Gaza gli aiuti per i palestinesi. A mio parere, questa è la più grande forza dell’esercito israeliano: riuscire a combattere il terrorismo, garantendo nel contempo la salute e il benessere dei civili palestinesi.

Sergente (riservista) Evan Pelz, nuovo immigrato in Israele dagli Stati Uniti. Ha servito nell’IDF come soldato semplice dal 2011 al 2013. Oggi, vive a Gerusalemme e studia legge presso l’Università ebraica. (Qui, traduzione mia) (Sì, lo so, lo so, sono tutte balle mandate in giro dalla propaganda sionista, figuriamoci se non lo sappiamo).

E poi vai a leggere anche questa bellissima storia, che è un po’ anche nostra.

barbara