E IN FRANCIA

(tanto per cambiare)
marcia di solidarietà con i tre ragazzi rapiti violentemente attaccata da antisemiti


(preso qui)

La cosa interessante è che proprio a causa di questi continui attacchi che da almeno una ventina d’anni vanno aumentando in maniera esponenziale, va aumentando di pari passo l’emigrazione degli ebrei francesi in Israele: quell’Israele a cui, quegli stessi soggetti che aggrediscono gli ebrei, negano ogni legittimità e diritto di esistenza. Vale a dire che gli ebrei non possono stare qui e non devono andare lì. Sembrerebbe volersi ripetere l’antico copione:
PRIMO PASSO: voi ebrei non avete il diritto di vivere tra di noi come ebrei.
SECONDO PASSO: voi ebrei non avete il diritto di vivere tra di noi.
TERZO PASSO: voi ebrei non avete il diritto di vivere.

barbara

NOTA: poiché il video non è più visibile, metto due immagini che possono almeno dare l’idea delle presenze, anche se non della violenza dell’attacco.
attacco parigi 1
attacco parigi 2
.

DAL LIBRO DI ZACCARIA

Sollevai gli occhi e mi apparvero quattro corni. Chiesi allora all’inviato divino che parlava a me: “Che cosa significano?” Ed egli mi rispose: “Questi sono i corni che hanno frantumato Giuda, Israele e Gerusalemme”. Il Signore mi fece quindi vedere quattro fabbri. Chiesi: “Che cosa vengono a fare?”. Ed Egli: “Vengono a gettare il terrore sui corni che hanno frantumato Giuda al punto che nessuno può più alzare il capo, e per abbattere le nazioni che sollevano il loro corno contro la terra di Giuda per annientarla”. (Zaccaria 2, 1-4)

barbara

DUE PAROLE ALLA SIGNORA MICHELLE

Cara Michelle, perché taci sui rapiti israeliani?

Nessuno in piazza per gli ebrei. Alla giusta mobilitazione della Obama per le ragazze rapite in Nigeria non ha fatto seguito quella per i tre ragazzi presi da Hamas. Michelle, ci spieghi: se sono israeliani si possono rapire?

di Maria Giovanna Maglie

Eyal Yifrah, Gil-Ad Shayer e Naftali Frenkel. Com’è che per tre ragazzini israeliani rapiti da terroristi arabi non vedo mobilitazioni speciali, indignazioni planetarie, campagne a colpi di tweet e vip? Non che cambi niente, le ragazze rapite in Nigeria restano in mano ai terroristi, ci vuol altro che un cartellino in mano a Michelle Obama, un bel tweet «Bring back (…) (…) our girls», e via di nuovo a fingere di coltivare pomodorini e zucchine rigorosamente organic nell’orto presidenziale; ci vuol altro che le telefonate propagandistiche di Matteo Renzi e le magliette della nazionale di calcio con i nomi dei due marò, esibite dal ministro Pinotti per far tornare a casa Latorre e Girone; ci vuol altro anche per i tre ragazzini israeliani rapiti da Hamas. Pure, disturba, e anche in questi tempi di disillusione un po’ indigna, il double standard, l’abitudine volgare di distinguere tra le cause politically correct sulle quali gettarsi in sfoggio di propaganda senza pudore, dalla first lady dell’ordine mondiale all’ultimo consiglio comunale, e quelle meno per bene, un po’ scomode, sulle quali far partire infami distinguo, richiami severi mascherati da solidarietà, richieste alle vittime che alla fine dei conti a dirla tutta assomigliano a quelle dei rapitori terroristi.
Funziona così quando viene intaccato il tabù dell’ipocrisia mondiale pacifista, funziona sempre così quando c’è di mezzo Israele. Non è tanto una questione di comune antisemitismo, so di dire una cosa scomoda, sul quale tra brutti libri, pessimi film, pellegrinaggi ai lager che furono, e abbastanza inutili Giornate della Memoria, il senso di colpa cambia forma, si acqueta e vince pure gli Oscar; è che l’antisemitismo quello profondo si è convertito in causa palestinese, ha preso le vesti di critica e pregiudizio verso lo Stato di Israele, comanda le organizzazioni internazionali e le commissioni europee, lambisce e anche penetra tanti ebrei d’occidente, ha caratterizzato la pessima presidenza di Barack Obama in uno strappo terribile con la tradizione degli Stati Uniti. Un alibi stantio, ché io posso anche non poterne più di sentir ricordare retoricamente l’Olocausto, figuriamoci la Resistenza, e vorrei non essere additata per questa saturazione a pubblico scandalo, ma mai dimentico che quello Stato piccolo e guerriero è l’avamposto d’Occidente in territorio nemico, che lo sterminio di ieri si riscatta oggi in Medio Oriente.
Invece che ci tocca leggere? Che, lancio Ansa del 18 giugno, «Amnesty chiede immediato rilascio 3 ragazzi rapiti», ma subito dopo che «Israele sospenda immediatamente le punizioni collettive». Che sono in realtà due misure indispensabili: la chiusura del distretto di Hebron e del valico di Erez tra Gaza e lo Stato israeliano, che serve a impedire il trasferimento dei tre ragazzi nella Striscia, e la detenzione dei membri dell’organizzazione terroristica Hamas, dai quali si possono ottenere informazioni vitali. Seguono articoli di quotidiani vari, ma vi raccomando di non perdervi le perle di Avvenire, informazioni che negano qualsiasi coinvolgimento di Abu Mazen e dell’Autorità Palestinese, peccato che il governo da lui messo in piedi di Fatah-Hamas qualche agevolazione di circolazione ai terroristi islamici l’ha certamente fornita; altre che sostengono che il nuovo ostacolo alla pace siano non il terrorismo o i sequestri, ma la costruzione di nuove case a Gerusalemme. Peccato anche che, l’ho visto ricordato solo su Repubblica, a Hebron circoli un manuale di Hamas di 18 pagine, titolo «Guida per il rapitore», con suggerimenti e consigli per rapire israeliani e ottenere in cambio la liberazione di detenuti palestinesi.
Quanto alla Nigeria, senza un adeguato pagamento o un’azione di forza, le 276 studentesse della scuola di Chi-bok rapite dai Boko Haram il 14 aprile scorso non saranno liberate, e la campagna di buonismo mondiale servirà soltanto ad alzare il prezzo del riscatto e a far diventare più famosi in Africa i talebani neri. Impazzano, va detto, da anni, nell’indifferenza dell’Occidente: hanno massacrato cristiani, bruciato le chiese in cui li hanno sorpresi a pregare, hanno ucciso migliaia di nigeriani, e due italiani, Franco Lamolinara e Silvano Trevisan, sono nelle loro mani Giampaolo Marta e Gianantonio Allegri, i due preti italiani rapiti il 4 aprile, con la suora canadese Gilberte Bussier. Il gruppo di fanatici islamici Boko Haram sconfina allegramente dalla Nigeria in Camerun. Sono terroristi in nome e per conto dell’islam, come quelli che hanno rapito i tre ragazzi israeliani, come quelli che Israele non rinuncia a combattere.

(Libero, 20 giugno 2014)
michelle

Nel frattempo anche il papa continua a tacere – ritenendo, evidentemente, di avere portato a termine la sua missione fermandosi in accorato silenzio accanto a quel muro che vergognosamente impedisce ai terroristi di fare carneficine di ebrei e accogliendo l’imam che ha pregato per la sconfitta degli infedeli – mentre l’inviato dell’Onu Robert Serry, coordinatore per il processo di pace in Medio Oriente, tenta di far trasferire a Hamas 20 milioni di dollari e critica i tentativi di Israele di trovare e liberare i tre ragazzi rapiti. Come già ho avuto occasione di dire, la prostituzione è davvero un mestiere redditizio, e quindi assai ambito.
(E Rachel Frenkel, mamma di Naftali, invoca: “Io credo che ritorneranno, ma se così non dovesse essere, per favore, siate uniti. Siate uniti”)

barbara

 

FINALMENTE INTERVIENE ANCHE LA CROCE ROSSA

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha invitato Israele a ripristinare le visite per terroristi palestinesi prigionieri, senza neppure menzionare il fatto che i gruppi palestinesi attualmente detengono tre ostaggi israeliani adolescenti.
Come la compagine politica palestinese, che stabilisce un rapporto di causa-effetto tra il rapimento e uno sciopero della fame attuato da 150 terroristi palestinesi nelle carceri israeliane, la Croce Rossa dice che medici ICRC stanno “conducendo regolari visite ai detenuti in sciopero della fame”. Il gruppo chiede anche “una rapida ripresa delle visite delle famiglie, richiesta dalla quarta Convenzione di Ginevra”.
Tuttavia, il gruppo non estende la stessa richiesta ai rapitori di Eyal Yifrah, Gil-Ad Shayer e Naftali Frenkel. In un comunicato pubblicato sul sito del ICRC, il gruppo osserva “aumento di tensione” e che “è in atto una vasta operazione militare per salvare tre persone rapite in Cisgiordania,” ma si guarda bene dal chiedere la liberazione degli ostaggi o il diritto di visitarli.
Dall’altro lato, la Croce Rossa descrive dettagliatamente gli aspetti militari dell’attuale incursione nelle città governate dall’autorità palestinese per rintracciare i ragazzi scomparsi.
“L’operazione attualmente in corso ha incluso perquisizioni casa per casa e incursioni notturne, oltre 200 arresti e requisizioni di alcune case private. Episodi di aggressioni e scontri che hanno causato un morto in Cisgiordania e feriti a Gaza stanno alimentando frustrazione e possono innescare ulteriore violenza. Nella striscia di Gaza nuovi attacchi aerei e lanci di razzi contribuiscono anch’essi a innalzare la tensione”, ha dichiarato.
L’attuale politica dell’organizzazione sembra coerente con la posizione che ha mantenuto durante la detenzione di Gilad Shalit. Allora, i funzionari della Croce Rossa non hanno mai preteso il diritto a fare visita all’ostaggio, accontentandosi di alcune cortesi richieste di “segni di vita” da Shalit.
Inoltre Jacques de Maio, capo della delegazione dell’ICRC in Israele e “territori occupati” ha detto che “i civili che vivono in Cisgiordania ora affrontano maggiori restrizioni nei loro movimenti, e diverse migliaia di familiari non possono visitare i loro cari in prigione in Israele questa settimana a causa di chiusure di sicurezza.”
Non è chiaro da questo testo se de Maio intende includere le tre famiglie ebree che non hanno potuto visitare i loro figli questa settimana, e che non sanno in che condizioni siano i ragazzi. (qui, traduzione mia)

Non c’è niente da fare: la Croce Rossa è la solita prostituta di sempre, quella che durante la guerra si è prestata alla farsa della visita a Theresienstadt; quella che dopo la guerra insieme al Vaticano ha collaborato al salvataggio di settantamila criminali nazisti; quella che quando, visto che era stata accettata la mezzaluna rossa, era stato chiesto di accettare anche la stella di David rossa (che, a differenza della mezzaluna, salva chiunque e non solo correligionari) il presidente ha seccamente risposto: “E perché non anche la svastica, già che ci siamo?” Eccetera. Quella. Clic 1, clic 2

barbara

MERCE FRESCA PER I BOICOTTATORI!

Venghino signori, venghino, che più gente entra più bestie si vedono! Prendi due paghi uno! Affrettatevi a boicottare! Non lasciatevi scappare questa occasione straordinaria!

Nel frattempo tre ragazzini israeliani vengono rapiti e i palestinesi, come al solito, festeggiano il lieto evento. Ma non preoccupatevi: adesso che il papa ha fatto il suo bell’incontro di preghiera finirà sicuramente tutto bene, non certo come per loro.

barbara