ABORTO: LE PAROLE PER DIRLO

E per cominciare uso quelle di Giulio Meotti. L’aborto come “concetto”.

“Abbiate il coraggio di soffrire il disprezzo dell’opinione dominante”

L’America che abbatte il totem dell’aborto è la vittoria postuma di Antonin Scalia, il super giurista rispettato anche dagli avversari che diceva: “I giudici che elargiscono diritti sono pericolosi”

Se c’è una cosa che Antonin Scalia detestava sono i magistrati militanti, i magistrati che vogliono cambiare il mondo, i magistrati attivisti giudiziari, i magistrati che fanno le leggi anziché servirle. Non a caso, in piena Tangentopoli definì il sistema giudiziario italiano “una ricetta per l’ingiustizia”. Secondo Scalia, il fatto che in Italia il pubblico ministero risponda del suo operato all’ordine dei magistrati e non al governo o agli elettori, come avviene negli Stati Uniti, è in contrasto con il principio democratico della separazione dei poteri. “Un magistrato non deve diventare una celebrità” diceva. “Una volta sola, all’aeroporto, il mio nome ha attirato l’attenzione di un impiegato: mi aveva scambiato per l’attore Jack Scalia”. O per dirla con Frank Easterbrook, docente alla University of Chicago Law School, “Scalia è uno dei pochi che è voluto diventare giudice per diminuire il potere dei giudici”. 
Una volta un collega della Corte gli chiese di condividere l’opinione che aveva scritto. Scalia gliela rimandò indietro con un appunto: “Lo faccio se la modifichi in questi diciannove punti”. Durante una conferenza, mentre i suoi colleghi magistrati dovevano decidere se vi fosse un “diritto di morire”, Scalia, facendo il verso a un annunciatore tv, disse al pubblico: “Restate sintonizzati! Una corte magnanima darà alle persone anche questo nuovo diritto”.
“Io dissento” era diventato il motto di questo super magistrato. Quando dissentí sul matrimonio gay disse: “La Corte suprema degli Stati Uniti è retrocessa dal ragionamento legale accorto di John Marshall e Joseph Story agli aforismi mistici dei dolcetti della fortuna”. E ancora: “Abbiamo trasformato una istituzione sociale che è stata la base della società umana nei millenni per i Boscimani dell’Africa meridionale come per gli Han della Cina, per i Cartaginesi e gli Aztechi. Mi domando: ma chi ci crediamo di essere?”. 
Scalia, scomparso sei anni fa, ha appena visto la sua vittoria postuma piú grande: l’abbattimento da parte della Corte Suprema del diritto federale all’aborto, la sentenza Roe del 1972. L’aborto, da diritto costituzionale alla privacy, torna di competenza dei singoli stati, come Scalia voleva che fosse.
Scalia era infatti il pioniere del “testualismo”: ovvero anziché interpretare la legge, i giudici devono andare direttamente alla fonte, al linguaggio della Costituzione del 1791 che Scalia aveva definito inamovibile come “una statua”. La Costituzione non è viva, il suo significato è fissato nel momento in cui è stata scritta. O, per usare le sue parole, la Costituzione “è morta, morta, morta”. Una corrente giuridica, diceva Scalia, “così piccola che se prendi un cannone  e spari contro qualsiasi scuola di legge importante non colpiresti un ‘testualista’”. Oggi quattro magistrati della Corte Suprema (Clarence Thomas, Neil Gorsuch, Samuel Alito e Amy Barrett) sono allievi di Scalia.
Scalia disprezzava il pensiero utopico. “La Costituzione non è una bottiglia vuota in cui versiamo qualsiasi valore”, diceva. “Perché si vuole lasciare questioni sociali enormemente importanti nelle mani di nove avvocati senza vincoli, non riesco a capirlo”. Secondo il giurista Joshua Hawley, “dal 1980 Scalia è stato l’unico giudice che ha costantemente invocato testo e significato originario per decidere di questioni costituzionali. Tre decenni più tardi, la sua analisi è un pilastro dei pareri del tribunale, tra i conservatori come fra i liberal. Lo stesso vale nell’accademia. Le idee di giustizia di Scalia hanno penetrato anche il dibattito popolare”.  
Qualche anno fa il New Yorker gli aveva dedicato un ritratto monstre dal titolo “Fiducia suprema”. Scalia era nato nel 1936 a Trenton, nel New Jersey, allevato in una famiglia cattolica, patriottica e intellettuale. Il padre, Eugene, emigrato dalla Sicilia da adolescente, era un traduttore letterario e professore di Lingue romanze al Brooklyn College, nonché un esperto di Dante. La madre, Catherine Panaro, figlia di immigrati italiani, faceva l’insegnante di scuola elementare. Antonin era il loro unico figlio (lui, invece, ne avrà addirittura nove). Il professor Scalia era un accanito sostenitore del perfetto uso della grammatica e avrebbe sempre ricordato al figlio di “usare il congiuntivo” nell’atto di scrivere le sue opinioni per la Corte suprema. “Abbiate il coraggio di soffrire il disprezzo del mondo sofisticato”, disse Scalia a un’aula gremita di studenti. “Non rincorrete l’opinione pubblica dominante”. Lui non lo fece mai e ormai le sue furon sempre opinioni di minoranza che fecero giurisprudenza. In un articolo sul Yale Law Journal del 1990, “Il catechismo costituzionale di Antonin Scalia”, il giurista George Kannar ha scritto che l’educazione cattolica di Scalia e la sua esposizione alle passioni esegetiche del padre hanno profondamente influenzato il suo approccio alla giurisprudenza.
Scalia aveva frequentato la Xavier High School di Manhattan, un’accademia militare gesuita sulla 16esima strada (dove il futuro giudice era solito esercitarsi con una carabina calibro 22). Si era laureato nel 1957, primo della classe con una dissertazione sulla verità: “I nostri giorni sono stati spesi nella caccia; ma la nostra preda era più sfuggente e più preziosa di qualsiasi orso di montagna. Eravamo cercatori della verità. La verità non ha ossa, non ha carne, nessuna forma solida. Per coloro che la cercano, è ovunque; per coloro che non la amano, non è da nessuna parte”. Scalia sarebbe diventato l’unico giurista conservatore dei venticinque studenti del suo anno. Ma un giudice anche capace di sorprendere i democratici, come quando stabilì che “bruciare la bandiera americana può essere libertà d’espressione”. Nel 1974 Nixon lo nominò all’ufficio di Legal Counsel del dipartimento di Giustizia (e da allora ha continuato a spostarsi tra il governo e l’accademia, all’Università di Chicago, a Stanford, a Georgetown). Fu durante quell’incarico, nel 1982, che definì il Freedom of Information Act, vacca sacra dei liberal, come “il Taj Mahal della dottrina delle conseguenze impreviste”. Ronald Reagan in quel periodo cercava dei giudici “che non fossero troppo buoni con i criminali e troppo duri per gli affari”. Scalia faceva al caso suo.  
Il giudice aveva una scrittura inconfondibile, condita di analogie (i cosacchi, Nietzsche), riferimenti storici (Pace di Westfalia) e attacchi al vetriolo al parere di maggioranza (“ridicolo”, “assurdo”, “terribile”). Le “buone società – scriveva il giudice – non vengono costruite da buone leggi, ma dall’effetto di una persona buona su un’altra”. In un saggio del 1987 aveva indicato gli esempi di “buona società”: l’Atene di Pericle, la Roma di Cicerone, la Firenze di Dante, l’Inghilterra di Elisabetta I e l’America di George Washington. 
Scalia andava a messa nella chiesa Santa Caterina da Siena a Great Falls, in Virginia, una delle ultime chiese cattoliche della zona di Washington dove si celebra una messa in latino. Un figlio, Paul, è sacerdote ad Arlington.  
Scalia era a favore della commistione di governo e religione. Le istituzioni americane – aveva spiegato – “presuppongono l’esistenza di un Essere supremo”.  Secondo Scalia, non c’è una costituzione che preveda il diritto ad abortire, semmai ce ne sono molte che tutelano il diritto contrario: il diritto alla vita. Da qui tutti i suoi pareri di minoranza nei casi in cui la Corte suprema aveva rinnovato la validità della sentenza Roe vs. Wade. “Abbiamo leggi contro la bigamia, l’incesto e la prostituzione”, disse una volta a un pubblico liberal: “Se siete in grado di persuadere i cittadini del contrario, abolite tutte le leggi sessuali. Ma non venite a dirmi che sono state loro imposte. Non è questione se mi piaccia o meno, ma chi decide. Il popolo! E’ questo il motivo per cui aborto e sodomia sono stati proibiti per duecento anni e non si trovano nel Bill of Rights”. Non esattamente un paladino dell’Lgbt.
Era contrario a contaminare la legge americana con il diritto internazionale. “I giudici in molte parti del mondo sono arrivati a credere che hanno il mandato di decidere le più grandi questioni morali. Se ci credi ovviamente citi la Corte di Strasburgo perché quei giudici indossano toghe tanto quanto voi”, aveva argomentato con i colleghi. “Ma i giudici non sono gli arbitri morali del mondo”. Quest’antimoralista di rango una volta disse a un pubblico di studenti di legge che pendevano dalle labbra dei nove giudici togati: “Chi pensa che i giudici riflettano le idee del popolo ha bisogno di farsi visitare”.

E l’aborto come pratica.

63 milioni di aborti in America e il modello dei “paradisi comunisti”

I dieci paesi dove si abortisce di più al mondo tutti ex comunisti, ma in Occidente non va meglio. È un problema culturale, non legale. Se la vita non è neanche un po’ sacra, allora non è niente

Historia magistra vitae verrebbe da ricordare…

primi dieci paesi con i più alti tassi di aborto secondo le Nazioni Unite sono Russia, Vietnam, Kazakistan, Estonia, Bielorussia, Romania, Ucraina, Lettonia, Cuba e Cina. Cosa hanno in comune tutti questi paesi? Sono o sono state dittature comuniste.
In Unione Sovietica, il primo stato al mondo a legalizzare l’aborto nel 1920, si arriverà a una distopia tale che nel 1991 al crollo dell’Urss c’erano 201 aborti ogni 100 nati. Due gravidanze su tre venivano abortite. Una fonte autorevole della fine degli anni 60, il professor H. Kent Geiger, nel suo lavoro sulla Harvard University Press, riferì: “Si possono trovare donne sovietiche che hanno avuto venti aborti”. Negli anni ‘70, quando in America si scelse la stessa strada, l’Unione Sovietica registrava in media 7-8 milioni di aborti all’anno, annientando intere generazioni future.
Il numero di bambine in Cina cui il regime maoista ha impedito di nascere quando era in vigore la “politica del figlio unico” si aggira attorno ai 30 milioni e il numero di aborti realizzati finora è di 336 milioni. “E’ il più grande crimine contro l’umanità attualmente in atto, lo sventramento segreto e inumano di madri e figli”. Con queste parole la dissidente Chai Ling, leader del movimento di Tiananmen (dove era celebre per i discorsi al megafono, in cui incoraggiava gli studenti a continuare lo sciopero della fame), ha denunciato gli aborti in Cina.
Nella Romania di Ceausescu l’aborto era arrivato a livelli tali che il dittatore comunista si vide costretto di metterlo al bando. E quando cadde il comunismo, nel 1991, l’aborto venne nuovamente depenalizzato e si arriverà a tre aborti ogni nascita, più che in Unione Sovietica.
Come scrive il Wall Street Journal, dal 1980 a oggi un terzo di tutte le gravidanze a Cuba sono finite in un aborto. Nel paese della Revolución castrista le interruzioni di gravidanza sono quattro volte di più di quelle negli Stati Uniti.
Perché in Occidente alle donne, alle famiglie e ai bambini non si è offerto un modello sociale, economico, educativo e morale migliore? Possibile che in Inghilterra ci sia ancora un aborto ogni tre minuti, 10 milioni di aborti in poco più di cinquant’anni? Nell’illuminata Inghilterra si è arrivati a incenerire 15.000 bambini dopo gli aborti per riscaldarci gli ospedali. Il saggista inglese Douglas Murray, che è ateo, sullo Spectator ha posto così la questione: “Qual è stata la vostra reazione alla notizia che migliaia di feti erano stati immessi negli inceneritori di ‘termovalorizzazione’ e utilizzati per riscaldare gli ospedali? Repulsione, immagino. Ma perché? Oserei che sia perché siete religiosi o perché le vostre convinzioni sono ancora a valle della fede, anche se la rifiuti. Perché se si ammette che un feto non ancora nato non è una vita e che una volta abortito non potrebbe più avere utilità, c’è almeno un argomento sul fatto che questi corpi potrebbero essere utilizzati. Perché non usare i bambini indesiderati per mantenere un ospedale al caldo? Come ha scritto Jonathan Sacks quando era rabbino capo, l’etica è evidentemente non evidente. Varia enormemente da un’era all’altra e l’etica giudaico-cristiane potrebbe benissimo, come T.S. Eliot ha detto, ‘sopravvivere a malapena alla Fede a cui deve il suo significato’. Il concetto di santità della vita umana è una nozione giudaico-cristiana che potrebbe facilmente non sopravvivere alla civiltà giudaico-cristiana”.
Durante il dibattito parlamentare sull’introduzione dell’aborto in Francia nel 1975, Michel Debré, che fu il primo ministro di De Gaulle, disse: “Si produrranno più bare che culle”. Lo disse con intransigenza gollista, ma vide giusto. Oggi in Francia un quarto delle nascite finisce in un aborto. Un francese su quattro. A fronte di 800.000 nascite ogni anno ci sono 220.000 interruzioni di gravidanza. 8 milioni di aborti dal 1975 (in Italia sono 6 milioni dal 1978). Fu una discussione concitata quella che accolse l’approvazione della legge Veil. “Il bambino, questo capolavoro in pericolo, merita ben altro che la morte”, esclamò uno degli oratori, e non poteva essere che vandeano.
La Spagna è oggi “il paradiso degli aborti”. L’interruzione di gravidanza è la prima causa di morte nel paese. Nel 1998 gli aborti erano 54.000. Oggi sono 100.000 all’anno. Così Madrid è diventato il terzo paese europeo per numero di aborti, dopo Francia e Inghilterra, ma il primo in relazione al numero di abitanti. Un paese in cui “una lince è più protetta di una vita umana”, come recitava un vecchio manifesto pro life.
Nessuno ha soluzioni ideali al vecchio dilemma abortista (per me dovrebbe essere illegale salvo pericolo di vita per la madre e depenalizzato). Ma so per certo che l’aborto è il simbolo di una spaventosa perdita di fiducia nel futuro e che quando raggiunge livelli simili a Stati Uniti, Francia, Spagna, Inghilterra e altrove in Occidente, significa che una civiltà sta morendo. L’America aveva imposto costituzionalmente l’assolutismo dell’aborto per un terzo di secolo dalla sentenza Roe (63 milioni di aborti da allora), ma era sempre stata più lontana che mai da una sua accettazione sociale (adesso la decisione tornerà ai singoli stati e ai rispettivi parlamenti) e a sinistra della vecchia posizione di Bill Clinton sull’aborto “sicuro, legale e raro” non resta niente. La società occidentale sul tema è a dir poco polarizzata. Ci sono quelli di noi che si oppongono all’aborto – io fra di loro in nome del giudeo-cristianesimo per cui se la vita non è sacra non è niente, del giuramento di Ippocrate e del fatto che da padre ogni volta che tengo in braccio un neonato mi commuovo – e quelli che sono addirittura favorevoli a uccidere bambini “parzialmente partoriti” (partial birth abortion) sani e a termine. Ma nel mezzo c’è anche una grande fascia di persone la cui posizione è più sfumata e il problema per gli assolutisti dell’aborto è che, grazie ai progressi della scienza medica e al fatto che l’aborto resta un problema morale molto più di altri temi divisivi come le nozze gay, tutte le sfumature si stanno muovendo nella direzione pro-vita.
So anche che il problema vero è morale e culturale, prima che legale come si discute in America, e che l’Occidente dovrebbe fare un esame di coscienza se non ha saputo produrre un modello superiore a quello che per un secolo ha dominato e distrutto le società governate dai regimi comunisti. Un anno dopo la sentenza Roe vs. Wade, il padre della fantascienza contemporanea Philip Dick pubblicò un racconto, Le pre-persone, immaginò una società in cui i genitori ottengono una deroga alla legge sull’aborto: si potranno eliminare i bambini fino ai 12 anni, prima dei quali non sono “persone”. Lascio le conclusioni a Philip Dick, ricordando che queste parole risalgono a quasi quarant’anni fa: “Guardate a cosa si è arrivati. Se un bambino non ancora nato può essere ucciso senza processo, perché non fare lo stesso con un bambino già nato?”. Per questo in America lo chiamano “aborto a nascita parziale[qui un vecchio articolo di Meotti sul tema]: perché legalmente il bambino deve rimanere con la testa all’interno del corpo della madre, o sarebbe omicidio. Ma moralmente? Temo che l’Occidente non sappia più rispondere a questa domanda.

Proseguo con quelle di un commentatore di questo articolo.

Daniel Mansour

Caro Giulio, sì l’aborto dovrebbe essere illegale e depenalizzato. Anche io sono padre e ho imparato che la vita è sacra da mia madre, una donna senza troppa istruzione, che mi ha insegnato molto con la sua vita più che con le parole. Ha lottato con un marito mussulmano (mio padre) e ha impedito con tutte le sue forze che io e mio fratello maggiore venissimo portati al suo paese per ricevere un’educazione islamica. Grazie a lei abbiamo potuto frequentare scuole ed amici tedeschi. Poi con mia madre siamo scappati da lui e siamo venuti in Italia, paese di mia madre. Qui ha conosciuto un uomo italiano, si è innamorata e finalmente si è sentita amata. Poi è rimasta incinta (due gemelli) e lui non ne voleva sapere, diceva “o me o loro.” Mia madre ha scelto i suoi bambini, nonostante parenti e amiche le dicevano di abortire. Io avevo 14 anni e mia zia mi disse: “vai da tua madre e dille che deve abortire. Non ha più un lavoro (il ristorante dove lavorava in nero l’aveva licenziata) e tu devi continuare a studiare.” Andai da lei, ma non riuscii a dirle niente. Lei capì, mi abbracciò e mi disse: “ce la faremo!” Trovai un lavoro 10 ore al giorno a lavare macchinari per il marmo). Mia madre mi disse: “basta, fai le scuole superiori, ci penso io a lavorare.” Nacquero i miei fratellini, incontrammo il Movimento per la Vita che ci diede una mano e io a scuola incontrai quelli di CL. È stato tutto un susseguirsi di incontri e miracoli. Davvero non posso pensare a come avremmo vissuto fino ad oggi, con quale dolore, se mia madre avesse dato retta alla mentalità che non accetta più la parola sacrificio.

E concludo con le mie. Voi lo sapete come si svolge un aborto? Nelle primissime settimane, quando è un grumetto di cellule, viene aspirato; in quelle successive, quando il corpo ha cominciato a prendere forma e sono presenti le ossa, il bambino deve essere fatto a pezzi, letteralmente: si taglia una gamba e si tira fuori, si taglia l’altra gamba e si tira fuori, poi le braccia, la schiena, e infine si frantuma il cranio e si tira fuori anche quello. Naturalmente la povera mamma è anestetizzata. Naturalmente il bambino no.

Diritto. Mi raccomando, chiamiamolo diritto. Rivendichiamolo come diritto, perché l’utero è mio e me lo gestisco io. E ora, se non siete troppo delicati di stomaco, guardatevi questo filmato

barbara

QUELLE ORRENDE STRAGI IN AMERICA

per colpa del libero commercio delle armi.

La California: al primo posto nel porre limiti alle armi, sempre al primo posto nelle sparatorie di massa – Breitbart News

Un rapporto dell’FBI sugli “incidenti con le sparatorie” nel 2021 mostra che la California è lo Stato al primo posto per tali incidenti, 6 in totale

La California è al primo posto per quanto riguarda le restrizioni sulle armi, come ha osservato Everytown for Gun Safety, un’organizzazione affiliata a Mike Bloomberg.
Secondo l’FBI, nel 2021 si sono verificate 61 sparatorie con “tiratori attivi” in tutti gli Stati Uniti (un aumento di oltre il 50% rispetto all’anno precedente) e 12 di esse rispondevano alla definizione di “omicidi di massa“.
L’FBI definisce un “tiratore attivo” come uno o più individui attivamente impegnati ad uccidere o a tentare di uccidere persone in un’area popolata. La definizione implica l’uso di un’arma da fuoco da parte del tiratore. L’aspetto “attivo” della definizione implica intrinsecamente la natura continua di un incidente, e quindi la possibilità che la risposta influisca sull’esito, mentre un “omicidio di massa” viene definito come tre o più uccisioni in un singolo incidente.
La California ha guidato la classifica della nazione con 6 sparatorie di massa su 12. Sin dal 1982, la California ha registrato il maggior numero di sparatorie di massa, 20, rispetto al secondo posto della lista, la Florida, con 12.
La California però dispone di controlli universali sui precedenti, di un divieto sulle c.d. “armi d’assalto”, di un divieto sui caricatori ad alta capacità di proiettili, di un periodo di attesa di 10 giorni per l’acquisto di armi, di una una legge c.d. “Red Flag” che prevede il sequestro temporaneo delle armi da fuoco di una persona che si ritiene possa rappresentare un pericolo per gli altri o per se stessa, di requisiti per la registrazione delle armi, di un requisito di “giusta causa” per il rilascio di un permesso per il porto d’armi, di un divieto di portare un’arma in un campus universitario anche per autodifesa, di un divieto per gli insegnanti di introdurre armi da fuco nei campus per la difesa propria personale e della classe, di un requisito di controllo sui precedenti anche per l’acquisto delle munizioni e di un limite al numero di armi che un cittadino rispettoso della legge possa acquistare mensilmente, tra gli altri controlli. Inoltre, l’acquisto di munizioni è consentito solo se effettuato tramite un fornitore approvato dallo Stato.
Per confronto, in Wyoming, che dispone di un “Constitutional Carry” che consente di portare liberamente con sé le proprie armi, non c’è alcuna violenza con le armi da fuoco.

BreitbartNews.com, qui.

Sarebbe quindi ora di smetterla di scambiare leggende e utopie con la realtà: non fa bene a nessuno.
Aggiungo questo articolo di Giulio Meotti, che condivido totalmente.

Contro il male c’è solo un uomo buono con un fucile

L’unica notizia positiva nella strage di Uvalde è un padre di famiglia che si stava tagliando i capelli e quando ha saputo dell’attacco ha preso l’arma del barbiere ed è corso a salvare i bambini

Jacob Albarado al centro in camicia e con il fucile davanti alla scuola di Uvalde

“Uvalde è uno dei più grandi scandali delle forze dell’ordine nella storia degli Stati Uniti”. Così la veterana del giornalismo americano Peggy Noonan sul Wall Street Journal racconta quanto è successo nella scuola elementare in Texas teatro dell’ultima strage. “I bambini, alcuni già uccisi, altri no, erano rimasti intrappolati nelle aule e 19 poliziotti si erano radunati appena fuori. L’attacco è durato così a lungo, hanno detto i testimoni, che l’uomo armato ha avuto il tempo di schernire le vittime prima di ucciderle. Gli studenti chiamavano i servizi di emergenza e chiedevano aiuto. Gli agenti non si sono mossi per un’ora. Un popolo che ama parlare all’infinito di sensibilità, ma non è abbastanza sensibile da salvare i bambini dall’altra parte della porta. Mio Dio, non ho mai visto un paese così bisognoso di un eroe”.
Gli attacchi politici e ideologici alla polizia in questi due anni (“razzismo sistemico”, “uso brutale della forza” etc..) dal caso George Floyd l’hanno forse paralizzata? Una domanda che molti si stanno facendo.
Alla scuola di Uvalde, in Texas, la polizia era paralizzata mentre l’assassino Salvador Ramos era dentro la scuola. L’unica notizia positiva quella mattina è arrivata da un agente della polizia di frontiera in pensione, Jacob Albarado, che in quel momento si trovava dal barbiere. “C’è un tiratore attivo. Aiuto. Ti amo”, gli ha scritto la moglie insegnante dentro la scuola. “Ho chiesto al mio barbiere se avesse un’arma”, ha raccontato Jacob alla CBS News. “Mi sono comportato come un marito e un padre”. Sua moglie gli ha fatto sapere che era uscita, ma la loro figlia era ancora rinchiusa nel bagno. “Non sapevo quale bagno”, ha detto Albarado. “Dobbiamo portare i bambini fuori di qui”, ha detto Albarado agli agenti appena accorso sul posto. “Questo è il nostro momento”.
“La sola cosa necessaria per il trionfo del male è che le brave persone non facciano niente”, disse già Edmund Burke, che a differenza di Jean-Jacques Rousseau non pensava affatto che fossimo tutti buoni e che la società ci corrompe.
“La migliore difesa contro un assassino con una pistola è un difensore con una pistola”, ha scritto il Wall Street Journal, raccontando come anche nella strage alla sinagoga di Poway, in California, fu uno dei “buoni” armato a fermare lo stragista. “Una scena terrificante si è svolta in un Walmart a Springfield” racconta ancora la National Review. “Un uomo con un fucile tattico, una pistola e più di 100 cartucce è entrato. La polizia si è precipitata, ma quando sono arrivati ​​la crisi era finita. Un ex pompiere aveva estratto la sua arma e teneva l’uomo sotto tiro. Un bravo ragazzo con una pistola ha evitato una potenziale crisi”.
Lo stesso avvenne la mattina dell’11 settembre 2001, quando tutto il sistema americano collassò e le sole buone notizie arrivarono dal volo 93. Todd Beamer era un venditore di software per la Oracle con una casetta a Cranbury, nel New Jersey. L’11 settembre uscì alle cinque del mattino diretto all’aeroporto di Newark, facendo piano per non svegliare i bambini e la moglie incinta del terzo figlio. Quando gli attentatori dirottarono il suo volo, Todd chiese all’operatrice telefonica di recitare il 23esimo salmo: “Se dovessi camminare in una valle oscura…”. Poi quella frase: Let’s roll, alla carica. Todd disse let’s roll, riappese il telefono e insieme ad altri altri si avventò sui kamikaze, impedendo che l’aereo fosse lanciato sulla Casa Bianca (si schiantarono in Pennsylvania). Todd sapeva che quel giorno non ci sarebbe stato happy end. Ma nel loro sacrificio, lui e gli altri passeggeri diedero all’America un messaggio di speranza.
Akash Bashir è il primo “Servo di Dio” nella storia della Chiesa in Pakistan. Il giovane laico ha offerto la sua vita in sacrificio per salvare la vita di centinaia di cristiani all’interno della chiesa cattolica di San Giovanni nel distretto di Youhanabad a Lahore il 15 marzo 2015, bloccando un attentatore suicida e morendo con lui. Prestava servizio volontariamente nella sicurezza fuori dalla chiesa. Era in servizio al cancello della chiesa quando ha notato un uomo che cercava di entrare con una cintura esplosiva sul corpo. Akash abbracciò l’uomo, inchiodandolo a terra e tenendolo alla porta d’ingresso, vanificando il piano del terrorista di compiere un massacro di cristiani dentro la chiesa. L’attentatore suicida si è così fatto esplodere e Akash Bashir è morto con lui. Le sue ultime parole furono: “Sto per morire, ma non ti lascerò entrare”.
Sulle porte dei supermercati, dei teatri, dei cinema, dei grandi magazzini, delle scuole, delle sinagoghe e dei centri commerciali di Israele una guardia durante la Seconda Intifada fu l’ultima linea per proteggere i civili. Duecento persone che si trovavano in un supermercato a Gerusalemme devono la loro vita a Haim Smadar. Un ebreo tunisino emigrato in Israele quando aveva due anni. “Tu non entri, noi due moriremo qui”, disse Haim fermando una donna imbottita di esplosivo. Alla moglie Shoshana aveva detto: “Se un attentatore suicida volesse entrare nella mia scuola, io lo fermerei con il mio corpo”. Smadar faceva la guardia anche in una scuola. La moglie lo ricorda così: “Il suo nome era Haim ed è esattamente ciò che ha donato a così tante persone… la vita”.
Arnaud Beltrame è il tenente colonnello della gendarmeria francese che cercò di disarmare il terrorista islamico negli attacchi a Trebes e Carcassone, offrendosi come ostaggio al posto di una donna in un supermercato. Padre Jean-Baptiste, che lo conosceva, ricorda “l’importanza che Beltrame dava alla guerra spirituale che stava attraversando la Francia. La fede del jihadista gli ha ordinato di uccidere. La fede di Arnaud di salvare vite umane”. Racconta la moglie: “Ho trovato una frase scritta da lui, in cui dice che è pronto, che l’ora di Dio sarà la sua”. Beltrame ora riposa nel cimitero di Ferrals-les-Corbières, dove c’è sempre qualcuno che va a deporre fiori sotto una croce e una frase: “Chi osa vince”.
Lo scorso 27 ottobre in aula a Parigi, dove si svolgeva il processo ai terroristi che gli avevano ucciso la figlia Nathalie al teatro Bataclan di Parigi, Patrick Jardin ha detto: “C’è stato l’intervento di questo coraggioso poliziotto che a rischio della sua vita è entrato nel Bataclan e con le sole armi di servizio ha ucciso questa feccia di Samy Amimour. Colgo l’occasione per ringraziare questo poliziotto, questo eroe e condividere con lui tutta la mia ammirazione. A sei anni da questa tragedia ancora non riesco a capire come i soldati in servizio davanti al Bataclan abbiano potuto rimanere inerti alle grida di terrore e agli appelli disperati delle vittime”.
17 famiglie delle vittime hanno fatto causa allo stato francese perché otto soldati delle pattuglie antiterrorismo “Sentinelle” armati di fucili d’assalto e che si trovavano proprio fuori al Bataclan mentre all’interno si svolgeva la strage sono stati avvertiti dai superiori di non intervenire. Il fatto che questi soldati non siano intervenuti è già stato oggetto di molte discussioni, racconta Le Monde. Un brigadiere di polizia chiamato sul posto quella sera ha detto di aver chiesto ai soldati di entrare. Ma la questura ha risposto: “Negativo, non siamo in zona di guerra”. Il portavoce del governatore militare di Parigi, Guillaume Trohel, ha detto: “Quella sera la situazione era molto confusa. Prima di dare una missione a qualcuno, devi sapere cosa sta succedendo! Non puoi inviare un’unità alla cieca”. Il generale Le Ray ha invece detto: “Non è pensabile mettere in pericolo i soldati nell’ipotetica speranza di salvare altre persone. Non sono destinati a gettarsi nella bocca del lupo”.
Insomma, quella sera anche il sistema francese è collassato.
La rock band americana Eagles of Death Metal si esibiva sul palco del Bataclan quando i terroristi dell’Isis hanno sterminato 89 persone in un tiro al piccione. Per settimane, la Francia si è stretta attorno a questo gruppo di anarcoidi californiani di Palm Desert dalla barba folta, la voce arrochita dal fumo, i capelli a spazzola, i tatuaggi e la cultura da middle America, quella della frontiera, dove si gioca a testa o croce con l’esistenza. Poi, intervistato dalla tv francese iTélé, il frontman Jesse Hughes ha scioccato il pubblico di europei: “Non posso permettere che i cattivi l’abbiano vinta. La legge francese che limita le armi ha forse fermato la morte di una sola f…a persona al Bataclan? So che molte persone non saranno d’accordo con me, ma le armi possono rendere le persone uguali, o almeno così avrebbe potuto essere quella notte. Finché rimarrà anche solo una persona con una pistola, tutti dovrebbero averne una. Perché non ho mai visto morire una persona che aveva una pistola. Ho visto invece morire persone che forse avrebbero potuto vivere”. Hughes è tornato a scuotere la Francia con una intervista apparsa sul magazine Taki. “A una ragazza davanti a me hanno sparato e la testa le è esplosa”, racconta il musicista. “Avevo suoi pezzi di ossa e denti in faccia. Quando hanno sparato i primi proiettili, la gente mi ha guardato. Non avevano mai sentito un colpo di pistola in vita loro”.
In un mondo ideale nessuno dovrebbe andare in giro armato e soltanto lo stato dovrebbe gestire una crisi simile. Ma nel mondo reale, come a Uvalde, mentre venti poliziotti stavano con le mani in mano e la politica aveva fallito, un uomo buono con un’arma ha fatto la differenza. Dentro al Bataclan erano armati solo gli assassini dell’Isis e fuori l’esercito non intervenne.
La società occidentale ha bisogno di tanti Jacob Albarado, Arnaud Beltrame, Todd Beamer, Akash Bashir e Haim Smadar. Perché la civiltà è separata dall’abisso da una crosta molto sottile e ci sono uomini chiamati a proteggerla. Come in un detto del Talmud Babilonese: “Ci sono malvagi che da vivi sono come morti. Ci sono giusti che da morti sono sempre vivi”.
Giulio Meotti

Il Salmo 23, per chi non lo conoscesse, è questo

E non c’è niente da fare, quando le armi stanno da una parte sola, va sempre a finire male. Quando invece anche i buoni riescono ad averne un po’, qualcosa cambia di sicuro.

barbara

APPELLO

Faccio mio l’accorato appello di Giulio Meotti, nella speranza che venga condiviso e diffuso il più possibile.

L’Italia chieda all’Onu di creare la “Giornata internazionale contro la cristianofobia”

50 morti in una chiesa in Nigeria. Ho così deciso di lanciare una petizione a Mattarella, Draghi e Di Maio affinché portino alle Nazioni Unite il riconoscimento della persecuzione anticristiana

Dopo una nuova strage di cristiani in Nigeria (50 morti), oggi ho lanciato una petizione alle autorità italiane affinché portino alle Nazioni Unite la richiesta di riconoscimento della persecuzione anticristiana.


Al presidente della Repubblica Sergio Mattarella,

Al presidente del Consiglio Mario Draghi,

Al ministro degli Esteri Luigi Di Maio,

oggi in Nigeria decine di cristiani sono stati assassinati in un attacco a una chiesa durante la messa domenicale. Alcuni giorni prima, l’Isis aveva ucciso un gruppo di cristiani dopo averli fatti inginocchiare come in un ormai noto macabro rituale del sangue. Poi una ragazza cristiana, Deborah Samuel, è stata lapidata e il suo corpo dato alle fiamme per l’accusa di “blasfemia”. Ogni giorno nel più grande paese d’Africa si registra, infatti, una strage di cristiani in una media di 13 ogni giorno. 

Il 15 marzo, dopo la strage nelle moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda, l’Onu ha istituito la “Giornata internazionale per combattere l’islamofobia”. Non possiamo accettare – come cristiani, come laici e come uomini liberi – che il massacro quotidiano di cristiani in quanto cristiani, la distruzione delle loro chiese, scuole e comunità in odium fidei, non sia riconosciuto come un crimine specifico dalla comunità internazionale. 

Consideriamo soltanto alcuni attacchi alle chiese:

Sri Lanka (21 aprile 2019): domenica di Pasqua, terroristi attaccano tre chiese e hotel; 359 persone sono uccise e più di 500 ferite.

Nigeria (20 aprile 2014): domenica di Pasqua, terroristi danno alle fiamme una chiesa gremita, 150 morti.

Pakistan (27 marzo 2016): dopo le funzioni religiose della domenica di Pasqua, terroristi colpiscono un parco dove si erano ritrovati i cristiani; più di 70 morti, per lo più donne e bambini. 

Iraq (31 ottobre 2011): terroristi assaltano una chiesa a Baghdad durante il culto. 60 cristiani, tra cui donne, bambini e neonati, sono uccisi.

Nigeria (8 aprile 2012): domenica di Pasqua, bombe contro due chiese gremite; più di 50 cristiani uccisi.

Egitto (9 aprile 2017): domenica delle Palme, attacco a due chiese gremite; 45 morti.

Nigeria (25 dicembre 2011): durante le funzioni di Natale, terroristi sparano  contro tre chiese; 37 morti. 

Egitto (11 dicembre 2016): un attentato suicida in due chiese provoca la morte di 29 cristiani.

Indonesia (13 maggio 2018): attacco a tre chiese; 13 morti.

Egitto (1 gennaio 2011): terroristi colpiscono una chiesa ad Alessandria durante la messa di Capodanno; 21 cristiani uccisi. 

Filippine (27 gennaio 2019): terroristi attaccano una cattedrale; 20 morti.

Indonesia (24 dicembre 2000): durante la vigilia di Natale, terroristi sparano a diverse chiese; 18 morti.

Pakistan (15 marzo 2015): attentatori suicidi uccidono 14 cristiani in attacchi a due chiese.

Egitto (29 dicembre 2017): uomini armati musulmani sparano a una chiesa al Cairo; 9 morti.

Egitto (6 gennaio 2010): dopo la messa del Natale ortodosso, 6 cristiani sono uccisi mentre uscivano dalla chiesa.

Russia (18 febbraio 2018): attacco a una chiesa, 5 morti. 

Francia (26 luglio 2016): attacco dell’Isis a una chiesa, dove viene ucciso il sacerdote Jacques Hamel.

Soltanto in Nigeria parliamo di 60.000 cristiani uccisi tra il 2009 e il 2021,  17.500 chiese e 2.000 scuole cristiane distrutte. Numerose ong sono arrivate a denunciare apertamente un “genocidio” dei cristiani. 

Se un solo orrendo attacco a una moschea, che ha causato la morte di 51 musulmani, è stato sufficiente perché le Nazioni Unite istituissero una “giornata internazionale per combattere l’islamofobia”, perché così tanti attacchi alle chiese, che hanno spezzato migliaia di vite cristiane, non sono bastate all’Onu per istituire una “Giornata internazionale per combattere la cristianofobia”?

Le autorità italiane devono subito farsi carico alle Nazioni Uniti di riconoscere la “Giornata internazionale per combattere la cristianofobia”. Per combattere un crimine, devi prima dargli un nome. 

Ne va del nostro onore come cristiani, come laici e come uomini liberi. Ne va dell’Occidente, della sua civiltà e delle sue libertà. 

Giulio Meotti 

https://www.change.org/p/l-italia-chieda-all-onu-la-giornata-internazionale-contro-la-cristianofobia

Io il mio dovere l’ho fatto: adesso tocca a voi. Anche se, devo dire, le “giornate mondiali” non mi entusiasmano per niente e le abolirei volentieri tutte dalla prima all’ultima; d’altra parte se c’è una cosa oscena come la giornata contro l’islamofobia, ossia contro la sana diffidenza nei confronti di una religione che ordina di uccidere gli infedeli e che di fatto li uccide indiscriminatamente – ed è l’unica, da quasi quattrocento anni, che uccide per motivi religiosi – ossia di qualcuno che tutto è tranne che vittima, mi sembra giusto che almeno abbia qualcosa di analogo anche chi è vittima davvero.

barbara

ANCHE QUESTE, A MODO LORO, SONO GUERRE

Solo che nessuno (quasi) ne parla.

Gli emiri si sono comprati il calcio europeo e lo usano per far vincere l’Islam

Un rapporto rivela: i regimi arabi sfruttano gli acquisti faraonici (grazie al gas e petrolio che implora l’Europa) per la causa musulmana. Ci stanno riuscendo (chiedere a Macron e Sarkozy sul Qatar)

Il Newcastle è di proprietà dell’Arabia Saudita. Il Paris Saint Germain è del Qatar. Il Manchester City è degli Emirati Arabi, come il Girona spagnolo, la francese Troyes e la belga Lommel. Il Wigan inglese è del Bahrain. Lo Sheffield United è sempre dell’Arabia Saudita, come la belga Beerschot, l’Almeria spagnola e il francese Chateauroux. Gli Emirati Arabi ora vogliono comprarsi anche il Milan attraverso la InvestCorp.
A cosa servono tutte queste squadre di calcio agli sceicchi e agli emiri? Lo racconta un dossier dell’Atlantic Council. Non è una banale storia di calcio, ma una straordinaria operazione politica, economica e religiosa.
Le dittature arabe hanno capito che il linguaggio sportivo è il più potente mezzo per sedurre il pubblico occidentale. E così l’Arabia Saudita, che è il più grande finanziatore di estremismo islamico in Inghilterra secondo un rapporto, ha visto bene di comprare il Newcastle, il cui presidente è anche il capo della Saudi Aramco, che con 2.430 miliardi di dollari è appena diventata l’azienda pubblica di maggior valore al mondo (la guerra in Ucraina e la crisi energetica è stata una manna per i regimi islamici), Yasir Othman Al-Rumayyan. Il Newcastle è la squadra di calcio più ricca del mondo, ma l’ultima volta che ha vinto il campionato di calcio fu nel 1927. Perché degli sceicchi sauditi dovrebbero spendere 300 milioni di sterline per una squadra di livello così basso?
Emirates, Etihad Airways e Qatar Airways hanno tutte importanti accordi con le squadre di calcio europee del valore di centinaia di milioni di dollari. Gli investimenti mirano a rafforzare i legami dei regimi arabi con le reti commerciali in Occidente. Qatar Airways ha molte partnership con tante squadre di calcio, in particolare il Barcellona, mentre l’affare di Emirates con l’Arsenal dimostra i vantaggi delle partnership tra club di calcio e la compagnia araba, che ha visto il valore triplicare in dieci anni. Il Qatar ospiterà la Coppa del Mondo del 2022, che dovrebbe veder arrivare 1,2 milioni di turisti.
A parte i vantaggi economici, il calcio è un veicolo senza uguali per attuare il “cambiamento sociale”, come la popolarità del calciatore egiziano Mo Salah del Liverpool contro l’“islamofobia” e le immagini di Karim Benzema che promuove i pellegrinaggi alla Mecca.
Il Paris Saint Germain è stata appena travolta da un caso imbarazzante: Idrissa Gana Gueye, centrocampista di nazionalità senegalese, si è rifiutato di scendere in campo per la Giornata mondiale contro l’omofobia. Ma la stampa si è guardata bene dal ricordare la fede islamica del giocatore. Come si è guardato bene David Beckham, ambasciatore dei mondiali del Qatar e icona Lgbt, dal criticare il fatto che nell’emirato è illegale essere gay. Da poco è uscita la notizia che Beckham ha firmato un contratto di 178 milioni con il Qatar.
El Mundo ha denunciato l’operazione con cui la famiglia reale del Bahrain ha acquistato la squadra di Cordoba. E Der Spiegel ha appena dimostrato che Khaaldoon Al Mubarak, presidente del Manchester City e primo ministro di Abu Dhabi, ha spostato ingenti somme di denaro controllate dal governo direttamente sui conti del club inglese.
Migliaia di fan del Newcastle hanno celebrato l’acquisizione saudita, sventolando bandiere saudite e indossando abiti arabi. Se non bastasse, la nuova maglia ufficiale della squadra inglese è praticamente identica a quella della nazionale saudita.
L’entusiasmo dei fan è presto spiegato: il Manchester City degli Emirati Arabi e il Paris Saint Germain del Qatar hanno vinto dodici scudetti sotto la loro proprietà nell’ultimo decennio. L’Arabia Saudita spende senza ritegno per ospitare partite come la Super Coppa spagnola fra Real Madrid e Barcellona. “In dieci anni il Qatar ha investito più di 1,5 miliardi di euro nel Paris Saint Germain”, racconta una inchiesta di L’Express. “La squadra aveva vinto solo due titoli di campioni di Francia in quarant’anni, ora ne ha otto”. E dopo l’acquisizione del Paris Saint Germain, il Qatar ha annunciato 50 milioni di euro destinati a “progetti educativi” (leggi, islamici) nelle banlieue parigine (Mbappé è l’“eroe della banlieue”). L’obiettivo del Qatar, ha detto Georges Malbrunot, autore del libro Nos très chers émirs, è “prendere il controllo dell’Islam francese”. I nostri cari emiri…
Intanto, questi club arabizzati tessono le relazioni politiche. Per evitare che la stella del calcio francese Kylian Mbappé traslocasse al Real Madrid sono appena intervenuti il presidente francese Emmanuel Macron e l’ex presidente Nicholas Sarkozy. “Macron d’Arabia”, che a Doha ha firmato contratti per 12 miliardi di euro con il Qatar.
“Senza l’intervento dell’ultim’ora di Sarkozy su Michel Platini, il Qatar non avrebbe mai avuto i Mondiali, Turchia,Grecia,è la prima volta che un intervento politico cambia una grande decisione nel mondo del calcio“. Queste sono le dichiarazioni di Sepp Blatter, rilasciate a Le Monde. L’elvetico, ex presidente della Fifa, ha lanciato un durissimo attacco alla gestione di Platini relativamente all’assegnazione dei Mondiali 2022 e al ruolo di Sarkozy e del Qatar.
Ma andiamo per ordine.
Nel 2011 il Qatar acquista la squadra di calcio francese grazie all’intervento dell’allora presidente Sarkozy. L’acquisizione, da parte del Qatar, di proprietà statale, è seguita a un pranzo all’Eliseo fra Sarkozy, Platini e la famiglia reale del Qatar. Platini ha rivelato che Sarkozy voleva che i qatarioti acquistassero il Paris Saint Germain. Al figlio di Platini, Laurent, è stato offerto il lavoro come amministratore delegato di Burrda, la società di abbigliamento sportivo del Qatar.
Il 2011 è anche l’anno delle “primavere arabe”. La Francia di Sarkozy, per interessi petroliferi e politici, dichiara guerra alla Libia di Gheddafi. Il Qatar – attraverso Al-Jazeera – si vedrà riconoscere il ruolo nella “creazione di un ambiente propizio alla Primavera araba”, appoggiando gli islamisti per rimpiazzare i regimi laici in Tunisia, in Libia e in Egitto. Sarkozy avrebbe poi lavorato a favore dei Mondiali del Qatar. Calcio, politica, Islam…Non è tutto abbastanza chiaro?
Ora ne emerge un’altra. L’ufficio a Downing Street del premier inglese Boris Johnson sta impedendo al quotidiano The Mail on Sunday di vedere la corrispondenza relativa alla vendita per 305 milioni di sterline del Newcastle al fondo sovrano saudita. “La divulgazione di informazioni potrebbe minare il ruolo del Regno Unito in Medio Oriente. Se vogliamo continuare a svolgere un ruolo di influenza, allora le nostre relazioni bilaterali devono essere protette”. Il principe saudita Mohammed Bin Salman ha contattato personalmente Johnson nel giugno 2020, avvertendolo che le relazioni anglo-saudite sarebbero state danneggiate se non fosse stata approvata la vendita della squadra di calcio. Guarda caso, nel pieno della guerra in Ucraina Boris Johnson è volato in Arabia Saudita per firmare nuovi contratti petroliferi. E non soltanto petrolio.
L’emiro di Dubai che possiede il Manchester City è stato a lungo uno dei maggiori azionisti della mega banca inglese Barclays con quattro miliardi di sterline, la banca più grande del Regno Unito. L’emiro, Mansour bin Zayed al-Nahyan, nel 2008 salvò la Barclays dalla crisi finanziaria. La stessa banca che da anni spinge per gli “sharia bond”, la finanza islamica? Fu il premier David Cameron a lanciare la candidatura di Londra a “capitale della finanza islamica in Occidente”, con l’annuncio del primo bond islamico, o sukuk, emesso da un paese non musulmano. “Voglio Londra al fianco di Dubai e Kuala Lumpur come una delle grandi capitali della finanza islamica in tutto il mondo”, disse Cameron. O come ha detto l’ex sindaco della City, Roger Gifford, “la finanza islamica dovrebbe essere britannica come il fish and chips, o come il cielo grigio di Londra”. Il governo britannico ha di recente emesso obbligazioni sovrane conformi alla sharia (la legge islamica) per un valore di 500 milioni di sterline, sette anni da quando è entrato nella storia come il primo paese al di fuori del mondo musulmano a emettere un sukuk sovrano.
Calcio, politica, Islam, affari…Non è tutto abbastanza chiaro?
Dopo la cerimonia del dodicesimo Dubai Globe Soccer Awards, che si è svolto il 27 dicembre 2021, stelle del calcio come Robert Lewandowski, Kylian Mbappé e Cristiano Ronaldo hanno pubblicato foto al Burj Khalifa sui social ed espresso la loro gratitudine nei confronti di Dubai (Ronaldo, che ha l’account Instagram più seguito al mondo con 419 milioni di follower, ha ringraziato Dubai in un post e ha scattato una foto con il principe ereditario).
Lo si è visto alla cerimonia di premiazione del Mondiale per club in Qatar. Hamad bin Khalifa Al Thani, fratello dello sceicco regnante e presidente del comitato olimpico, ignora completamente le assistenti brasiliane Edina Alves Batista e Neuza Back. Nel video si vede il presidente della Fifa, Gianni Infantino, istruire la squadra arbitrale femminile a non dare fastidio allo sceicco ed evitare contatti. Tre arbitri uomini avanzano verso Infantino, che dà loro una medaglia e scambia una stretta di mano. Poi vanno dallo sceicco, che li saluta. Arriva il turno delle due donne. Mentre ricevono le medaglie, Infantino sosta a parlare con loro e poi sfilano davanti allo sceicco senza alcuno scambio. 

Quando il Real Madrid è stato acquistato dagli sceicchi di Abu Dhabi si è piegato alla richiesta della Banca nazionale degli emirati affinché rimuovesse la croce posta in cima al suo storico stemma. Gli sceicchi non gradivano. Sui campi da gioco è sempre più comune vedere giocatori che ringraziano Allah. E la serie A tedesca ha appena permesso ai giocatori musulmani di interrompere il digiuno per il Ramadan e dissetarsi al tramonto durante una partita, interrompendola.
La polizia inglese ha deciso di indagare uno striscione dei fan del Newcastle che protestava contro la recente acquisizione del club da parte dei sauditi. Mostra un uomo vestito alla saudita che brandisce una spada insanguinata e che sta per decapitare una gazza, mentre i tifosi in sottofondo cantano: “Abbiamo riavuto il nostro club”. Lo striscione poi elenca i reati di cui il regime saudita è accusato da tutti i gruppi per i diritti umani: terrorismo, decapitazioni, violazioni dei diritti civili, omicidio, censura e persecuzione.
Le Figaro ha raccontato una straordinaria serata: “Decine di ospiti si sono affollati in Place de l’Étoile, all’hotel Landolfo Carcano, sede dell’ambasciata del Qatar. Nelle sale dai pannelli dorati con mosaici e affreschi, Sua Eccellenza Mohamed al-Kuwari ha insignito il vignettista Jean Plantu e Amirouche Laïdi, presidente del club Averroes, del premio ‘Doha Arab Cultural Capital’. L’ambasciatore ha premiato André Miquel (famoso arabista del Collège de France), Dominique Baudis (scrittore), Bernard Noël (famoso critico d’arte) e il poeta Adonis. Dall’ex ministro della Cultura Jack Lang al fondatore del Nouvel Observateur Jean Daniel, tutti se ne sono andati con un assegno di 10.000 euro…”.
Ma non sono tutti come gli intellettuali francesi. “Bastano 225.000 euro per comprare un famoso intellettuale e mostrarne il nome come un trofeo?”, si è chiesto lo Spiegel dopo che il più importante filosofo tedesco, Jürgen Habermas, avrebbe dovuto ricevere lo “Sheikh Zayed Book Award”, uno dei premi per autori più ricchi al mondo. Il patrono è Mohamed bin Zayed, principe ereditario di Abu Dhabi e sovrano degli Emirati. Alla fine, Habermas ha rifiutato. Ma nessuno oggi legge quasi più, mentre tutti guardano il calcio in tv.
E così, questi orrendi regimi basati sulla sharia comprano i migliori club a prezzi che soltanto loro possono permettersi grazie al gas e al petrolio di cui l’Europa ha bisogno, si ripuliscono l’immagine all’interno e promuovono l’immagine dell’Islam in Europa. E dovrebbe preoccuparci. Perché se la palla da calcio è notoriamente tonda, la terra secondo molti predicatori islamici è piatta e non gira intorno al sole.
Giulio Meotti

E quando saranno arrivati a comprarsi un numero sufficiente di squadre (oltre a immobili, grandi magazzini eccetera in tutte le capitali e grandi città europee, arriverà la sharia obbligatoria per tutti, come lo è già di fatto in moltissimi quartieri di tante città.
Nel frattempo la Turchia sta diventando (o dovrei dire RIdiventando?) sempre più aggressiva nei confronti della Grecia, che in teoria sarebbe un Paese NATO ma non gliene frega niente a nessuno, oltre che dell’Unione Europea, e già si è visto quanto bene le ha fatto.
E già che ci siamo parliamo un momento anche della giornalista di Al Jazeera della cui morte viene come sempre data la colpa a Israele, e peccato che i palestinesi abbiano rifiutato la proposta di un’indagine congiunta, abbiano rifiutato di consegnare il proiettile perché si potesse determinare senza possibilità di dubbio a quale parte appartenesse, abbiano rifiutato l’autopsia che avrebbe permesso di stabilire da dove provenisse il proiettile.

barbara

E TORNIAMO A PARLARE DELLA GUERRA

Tv e giornali e politici e Vaticano e umanitaristi: gli Armeni sono decapitati dai vostri nuovi “amici”

L’Italia a Baku per il gas. Al governo nessuno fiata sulla “Bucha armena”, civili e soldati Armeni fatti a pezzi dai soldati Azeri, tutto ripreso in video che nessuno ha avuto il coraggio di mostrare

“Sono lieto di annunciare che oggi gettiamo le basi per un ulteriore rafforzamento della cooperazione fra Italia e Azerbaijan, che auspico conduca a un ulteriore consolidamento del nostro partenariato economico e commerciale”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in visita a Baku (l’Azerbaijan ha anche annunciato l’apertura di “centri culturali azeri” in Italia). 10 miliardi: tanto vale l’interscambio fra Azerbaijan e Italia. Di Maio ha anche siglato la nascita di una università italo-azera a Baku. Poi il nostro capo della diplomazia è intervenuto su Bucha: “Crimini di guerra, la Corte penale internazionale li punirà”. In attesa che si faccia luce su quanto successo in questa piccola città dell’Ucraina, l’indignazione è d’obbligo. Ma gli Armeni decapitati non hanno meritato un secondo e una riga sulle nostre tv e giornali per aver subito lo stesso. Paolo Mieli sul Corriere della Sera di oggi critica il presidente ucraino Zelensky per aver evocato un “genocidio”. Non so se sia un termine adatto, ma so che c’è un popolo, quello Armeno, che un genocidio lo ha davvero subito, il primo del Novecento, e che continua a subire nell’indifferenza europea. Ma se ad esempio il presidente francese Emmanuel Macron il 9 marzo annunciava un “sostegno incrollabile all’Armenia”, nessuna alta carica italiana ha mai fatto menzione del piccolo stato cristiano nel Caucaso.
Anche senza evocare la sproporzione di perdite militari (1.300 soldati ucraini caduti su 40 milioni di abitanti contro 3.800 soldati armeni caduti su 2.9 milioni di abitanti), restiamo all’orrore per i civili. Mentre l’Italia negoziava a Baku, l’Armenia diffondeva un rapporto: “Ci sono ancora 187 soldati armeni e 21 civili armeni dispersi, mentre l’Azerbaigian tiene ancora 38 armeni prigionieri di guerra, tre dei quali civili”. Sappiamo anche che i soldati azeri hanno ucciso 19 soldati e civili armeni dopo la fine delle ostilità, quando erano loro prigionieri, protetti dalla Convenzione di Ginevra. Abbiamo anche i nomi dei morti ammazzati.
Eppure, tv e giornali potevano vedere tutti i video degli anziani armeni decapitati dalle forze azere nel Nagorno-Karabakh. Decapitati da uomini in uniforme delle forze azere, non bande o miliziani no, ma dall’esercito regolare. “È così che ci vendichiamo, tagliando le teste”, dice un soldato azero fuori campo. Genadi Petrosyan, 69 anni, non voleva lasciare il villaggio mentre le forze azere si avvicinavano. Come Yuri Asryan, 82enne che si era rifiutato di lasciare il villaggio. Nessuno conosce il nome di Victoria Gevorkyan, una bambina armena di 9 anni prima vittima della seconda guerra lanciata dall’Azerbaijan.
Abbiamo orrore dei mercenari usati da Vladimir Putin nella guerra in Ucraina, ma non dei mercenari di Recep Tayip Erdogan nella stessa guerra. Gli stessi mercenari che turchi e azeri avevano chiamato per uccidere gli armeni nel Karabakh, come ha appena raccontato Armenpress: “La Turchia ha inviato 2.000 militanti siriani rimasti nel Nagorno Karabakh dopo aver combattuto per l’Azerbaigian contro le forze armene in Ucraina per combattere contro la Russia”.
In una pagina sono raccolti video atroci realizzati dagli stessi soldati azeri contro gli armeni, civili e militari: un giovane armeno decapitato e i soldati azeri che ridono, esultano e celebrano mentre uno di loro usa un coltellaccio da cucina per tagliargli la gola; un anziano armeno che implora per la vita, mentre un soldato azero lo tiene e gli taglia la gola; soldati azeri che trascinano civili armeni fuori dalle case sul marciapiede e poi li uccidono; soldati azeri che mutilano i soldati armeni, tagliando loro parti del corpo; soldati azeri che bruciano il corpo di un armeno. E così via, di orrore in orrore.
Impossibile dimenticare che quando nel 1988 in Armenia un terremoto fece 25.000 morti, in Azerbaijan ci furono feste e danze di giubilo per ringraziare Allah di aver colpito i vicini “infedeli”.
Una delle vittime armene dei soldati azeri si chiamava Alvard Tovmasyan, disabile che soffriva di malattie mentali. I parenti hanno identificato il suo corpo nel cortile della sua casa a Karin Tak, un villaggio dell’Artsakh. Suo fratello Samvel l’ha riconosciuta dai vestiti. Piedi, mani e orecchie di Tomasyan erano stati tagliati.

Il presidente azero decora Ramil Safarov, l’ufficiale azero che a Budapest a un corso di inglese della Nato ha decapitato Gurgen Margaryan, un altro partecipante, mentre dormiva. Il movente? “Margaryan era armeno”. (NOTA: sotto la pecetta bianca c’è la testa mozzata dell’armeno tenuta per le orecchie)

Le Monde rivela di un’altra dozzina di video che mostrano scene che vanno da calci in faccia a civili armeni coscienti ad accoltellamenti in faccia a cadaveri con l’uniforme armena. La BBC ha il video di altri due civili armeni uccisi a sangue freddo. Come Valera Khalapyan e sua moglie Razmela, assassinati nella loro casa dai soldati azeri, che poi hanno tagliato loro le orecchie. Uccisi come “cani” (il dittatore azero Alyev così chiama gli armeni) dai soldati azeri non in tempo di guerra, ma di “pace”.
Eppure, il presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, Cardinale Gianfranco Ravasi, ha stretto un accordo con la Fondazione Aliev. Il Segretario di Stato della Santa Sede, Cardinale Pietro Parolin, aveva già consegnato al primo Vicepresidente della Repubblica dell’Azerbaigian, Mehriban Alieva, che è anche la moglie del dittatore azero, il nastro con la Gran Croce dell’Ordine di Pio IX, la più alta onorificenza ecclesiastica a un non cattolico. Nel 2013, Ravasi era andato a Baku per organizzare una mostra di arte aver nei Musei Vaticani.
Ieri il ministro degli Esteri dell’Ucraina ha chiesto all’Unesco di espellere la Russia perché in questa guerra una ventina di chiese sono state colpite e danneggiate. Richiesta che è molto facile che venga accolta. Peccato, ancora una volta, per il doppio standard. “Conoscete la chiesa di Santa Maria a Jibrail? È improbabile che l’abbiate visitata in passato, ma non potrete più farlo: è stata completamente rasa al suolo dagli azeri”, scrive su La Croix Nathalie Loiseau, ex ministro degli Affari europei francese. “Siete mai stati a Shushi? Se i vostri passi vi portano lì, non troverete più la Chiesa Verde, profanata e distrutta, come la Cattedrale di San Salvatore che è stata bombardata. A Mataghis, la chiesa di San Yeghishe è stata vandalizzata. Ogni giorno, lapidi, statue e cimiteri armeni vengono demoliti”. Loiseau ha lanciato un appello: “Faccio appello ai presidenti del ‘gruppo di Minsk’, Francia, Stati Uniti e Russia, affinché intervengano con l’Azerbaigian. Faccio appello all’Unione europea affinché ottenga da Baku chiare assicurazioni che il patrimonio culturale armeno sarà preservato. Faccio appello all’Unesco…Non lasciamo che le chiese armene siano distrutte”. Se non fosse che l’Azerbaigian ha ipotecato l’Unesco. Nel 2004 alla vicepresidente dell’Azerbaigian Mehriban Aliyeva (e moglie del presidente Ilham Aliyev) è stato dato il titolo di Ambasciatore di buona volontà dell’Unesco, una posizione che organizzazioni come il Centro europeo per la libertà di stampa e dei media hanno chiesto l’Unesco di ritirare. L’Unesco, a corto di denaro, quando ha perso il 22 per cento del suo budget l’Azerbaigian gli ha dato un contributo di 5 milioni di dollari. Nessun paese europeo, mentre gli Azeri distruggevano le chiese armene, si sono mai sognati di chiedere di cacciarli dall’Unesco.
E la pulizia etnica degli Armeni, la distruzione delle loro chiese e cimiteri quindi della loro memoria, le stragi di civili inermi, hanno avuto il risultato sperato: l’Armenia potrebbe essere sul punto di cedere quel che resta del Karabakh, incapace di difenderlo dall’Azerbaijan.
Non una sola trasmissione televisiva in 44 giorni di guerra contro gli armeni. Non un solo fotogramma apparso sui grandi quotidiani. Non un solo appello della società civile, degli scrittori, dei politici, degli intellettuali, di tutti quelli che si abbeverano ai report di Amnesty International. Eppure ce ne erano. “Ci sono voluti quattro giorni per bandire la Russia dalle principali competizioni sportive, mentre i leader occidentali hanno assistito con gioia al campionato europeo a Baku, quando centinaia di prigionieri di guerra armeni erano ancora detenuti illegalmente e spesso torturati”, scrive questa settimana l’Armenian Spectator. Un doppio standard che si spiega forse con il fatto che “l’Armenia è un paese di 3 milioni di abitanti e ha un Pil simile al Madagascar, di contro l’Azerbaijan è uno dei principali fornitori di idrocarburi in Europa”.
Da qui la totale impunità denunciata da Simon Maghakyan su Time Magazine sempre di questa settimana: “Aliyev ha completato la cancellazione di 28.000 monumenti armeni medievali a Nakhichevan, che avrebbero dovuto essere protetti dall’Unesco ma che secondo Aliyev non sono mai esistiti. Ha promosso un ufficiale azero che aveva ucciso il suo compagno di classe armeno addormentato durante un addestramento della Nato in Ungheria. Akram Aylisli, un tempo l’autore più venerato dell’Azerbaigian, ora vive agli arresti domiciliari per aver scritto un romanzo che commemora l’antichità armena del suo luogo di nascita. I cimiteri armeni recentemente occupati dall’Azerbaigian sono demoliti. Lo scorso marzo, quando il giornalista italiano Claudio Locatelli ha intervistato un soldato azero volontario in Ucraina, quello che Aliyev chiama ‘il modello azero di multiculturalismo’ è stato in piena mostra. ‘Siamo tutti fratelli: musulmani, ebrei, cristiani’, si vantava il soldato. Ma quando gli è stato chiesto degli armeni, ha detto ‘sono peggio degli animali’. Ma tale politica richiede una tacita approvazione internazionale sotto forma di un silenzio quasi universale”.
E quel silenzio glielo abbiamo garantito a dovere. Io invece non sono disposto, in nome della guerra politica, morale ed economica alla Russia, a lasciare che il nostro silenzio, le nostre complicità e le nostre collusioni morali ed economiche ci facciano accettare la guerra di annientamento e di logoramento di 100 milioni di turchi e azeri con cui stanno cancellando uno dei due piccoli paesi che mi stanno a cuore (oltre a Israele): la piccola Armenia. Un paese, come l’Ucraina, che è stato terra di confine tra civiltà diverse, fra alterne vicende e aspri conflitti e che dovettero spesso protettorati, invasioni e devastazioni.
I “massacri hamidiani” contro gli armeni iniziarono alla fine del 1894 e si protrassero fino all’estate del 1896. Il sultano Abdul Hamid decise di dare al problema armeno una “soluzione finale”. Un testimone oculare, l’ambasciatore Alberto Pansa, ci ha lasciato una descrizione terrificante: “Gli armeni non si difendono: per le strade quando si trovano davanti al turco si buttano in ginocchio: queste bande armate di un grosso bastone con una punta ferrata con la quale colpiscono alla testa l’armeno che cade insanguinato, passano delle carrette che raccolgono cadaveri, li buttano accatastati su tali carri, il sangue cola ed i cani seguono questo lugubre carro leccando il sangue. Arrivano al Bosforo e ve li buttano. Questo barbaro massacro continua per tre giorni per ordine del sultano che vuol sterminare gli armeni”. Solo in quell’occasione furono trucidati a Costantinopoli migliaia di armeni. Grande fu il lavoro della Conferenza degli ambasciatori per cercare, inutilmente, di far cessare i massacri. L’Italia vi era rappresentata da Pansa, piemontese. Ospitò nell’ambasciata e nei consolati moltissimi armeni, si aggirò per le strade allo scopo di salvarne altri, tanto che per il suo coraggio venne decorato al valor civile. Saverio Fera, presidente del Comitato “Pro Armenia”, disse che occorreva cacciare il “turco dall’Europa” e sostituire l’impero ottomano con una confederazione di popoli liberi. Al tempo l’Italia aveva ancora coraggio. Il presidente del Consiglio Crispi spedì ai Dardanelli due corazzate, la “Umberto I” e la “Andrea Doria”. Crispi ordinò di mettersi a disposizione del comandante inglese, che venne informato che l’Italia aveva pronto un corpo di 50.000 soldati per l’attacco ai Turchi. Ma gli Armeni alla fine vennero abbandonati a se stessi.
Oggi non saremmo neanche più in grado di pronunciare le parole di Francesco Crispi alla notizia dei primi massacri di armeni: “L’Italia ha dei doveri speciali verso gli armeni, la cui cultura intellettuale e religiosa ha in Italia radici più estese e più profonde che in qualsiasi altro Paese d’Europa”.
Oggi la nostra pusillanimità non è neanche più celata.
Giulio Meotti

E sempre più appare evidente che i filo ucraini – o, per meglio dire, filozelenskiani, talmente affascinati dal guitto (che compare unicamente con l’abito di scena, ossia la maglietta verde militare: deve averne ordinato uno stock di 180 capi per fronteggiare i primi sei mesi di guerra) da avere cominciato a chiamarlo eroe fin dal primo giorno di guerra, esattamente come a suo tempo veniva dai suoi fans chiamato eroe il terrorista Arafat, e non a caso qualche mente geniale ha pensato bene di proporre anche lui per il Nobel per la pace – sono esattamente come i filo palestinesi: del popolo “invaso”, del popolo “oppresso”, del popolo “martire” non gliene frega una cippa, il loro unico motore è l’odio: odio per Israele gli uni, odio per la Russia gli altri. L’importante, per avere sostenitori, è scegliersi il nemico giusto: tirare missili su Israele, rapire israeliani, massacrare israeliani, guardandosi bene dal rispettare gli accordi firmati, e appena Israele reagisce ecco scatenarsi il latrato dei cani rabbiosi e la pioggia di miliardi ai poveri palestinesi vittime dell’oppressore; bombardare massacrare bruciare vivi i russi, guardandosi bene dal rispettare gli accordi firmati, e appena la Russia reagisce ecco scatenarsi il latrato dei cani rabbiosi e la pioggia di miliardi e di armi (oltre a tutti i miliardi e a tutte le armi piovute negli ultimi anni) ai poveri ucraini vittime dell’invasore. E tutte le altre vittime del mondo che si sono scelte i nemici sbagliati, si fottano.

barbara

IN ARMENIA, NEL FRATTEMPO

“Noi Armeni abbiamo il terrore che la Turchia vinca la guerra in Ucraina”

Dai droni di Erdogan all'”invasione strisciante” dei villaggi armeni, intervista al giornalista armeno Tigrane Yegavian. “L’Europa pietisce il gas degli azeri che ci radono al suolo chiese e cimiteri”

La mappa della Turchia che vorrebbe Erdogan

“Un nuovo cucciolo di lemure nato allo zoo di Kiev è stato chiamato ‘Bayraktar’. Il lemure prende il nome dal drone turco sotto i riflettori globali per il suo successo nel campo di battaglia”. Il Financial Times racconta un aspetto decisivo della guerra in corso. Bayraktar è il nome della famiglia che produce il micidiale drone turco in dotazione dell’esercito ucraino. Il capo, Selcuk Bayraktar, è il genero del presidente turco Recep Tayyip Erdogan (ha spostato la figlia Sumeyye). “Sebbene il drone abbia spazzato via i carri armati armeni nel 2020, gli esperti avevano dubbi sul fatto che il drone potesse avere successo anche contro un esercito moderno come quello russo”.
La Turchia, scrive il quotidiano israeliano Haaretz, “uscirà come una vincitrice da questa guerra ucraina”. Lo si è visto nei giorni scorsi nel caso della “Convenzione di Montreux” del 1936 che consente ad Ankara, in tempo di guerra, di impedire a tutte le navi da guerra di attraversare i Dardanelli e il Bosforo. Invocare la convenzione compromette la mobilità delle navi da guerra russe tra il Mar Nero e la sua struttura navale sulla costa siriana. Due giorni fa, Erdogan ha aperto un gigantesco ponte sospeso (il più lungo al mondo) sui Dardanelli e che unisce Europa e Asia.

Erdogan presenta la mappa della Turchia con i territori della Russia meridionale

Per la Russia il “panturchismo” – l’ideologia volta all’unità dei popoli turchi è una minaccia all’unità della Federazione Russa. Di etnia turca sono, infatti, le popolazioni che abitano diverse cruciali repubbliche della Russia centrale, dal Tatarstan alla Jacuzia, passando per Tuva e l’Altaj. Il “bacino turco” secondo Erdogan si estenderebbe dal mare Adriatico all’Asia centrale. Nelle scuole, durante il mandato di Erdogan, sono apparse mappe che mostrano il potere turco. Si fa riferimento al “Patrimonio turco dal mare Adriatico alla Grande Muraglia cinese”: “I manufatti culturali turchi sono visibili in una vasta regione, a cominciare dai paesi dell’Asia centrale e orientale, come Cina e Mongolia, e si estende in Erzegovina e in Ungheria…”. “Siamo una grande famiglia di 300 milioni di persone dall’Adriatico alla Grande Muraglia cinese”, ha detto Erdogan in un discorso in Moldavia.
A differenza della Russia, la cui popolazione in una generazione crollerà a 113 milioni, la Turchia si avvia a diventare una potenza da 100 milioni di abitanti.
Approfittando della guerra ucraina, da una settimana l’intero Nagorno Karabakh armeno è stato lasciato senza gas dagli azeri, perché la condotta che arriva dall’Armenia è stata interrotta in un tratto sotto controllo azero e i soldati del regime azero impediscono ai tecnici di ripararlo. Ci sono nuovi scontri militari fra Armeni e Azeri, sostenuti dalla Turchia. “Alla fine dell’ultimo conflitto, che ha causato 5.000 morti da parte armena, l’autoproclamata repubblica dell’Artsakh si è trovata amputata per due terzi del suo territorio e circondata dall’Azerbaigian al 95 per cento” scrive su Le Figaro di questa settimana Jean-Christophe Buisson. “Lungo decine di chilometri, molti borghi e villaggi armeni sono bersaglio quotidiano di vessazioni e attacchi armati. L’obiettivo degli azeri? Svuotarli dei loro abitanti, stanchi di una minaccia costante. I contadini sono minacciati durante il lavoro agricolo, le strade e le comunicazioni sono regolarmente tagliate, i fiumi, che ora hanno la sorgente in territorio azero, sono prosciugati. Una vera tortura cinese nel mezzo del Caucaso. Dall’inizio della guerra in Ucraina, la situazione degli armeni è peggiorata. Dopo aver approfittato della tumultuosa campagna elettorale americana nell’autunno 2020 per lanciare il suo attacco militare su larga scala, Baku ora sembra volerlo rifare: chi si preoccuperà in questo momento degli armeni protetti da un esercito russo emarginato dalla comunità internazionale? La scorsa settimana, postazioni militari e villaggi armeni sono stati presi di mira da granate e colpi di mortaio, provocando diverse vittime (soldati e civili). Ai margini di villaggi come Taghavard, gli azeri trasmettono messaggi tramite altoparlanti esortando i residenti ad andarsene prima di essere costretti a farlo. L’Alto rappresentante europeo Josep Borrell e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel hanno incontrato intanto i ministri e il presidente azero per negoziare ulteriori importazioni di gas. Un gesto visto da Stepanakert, capitale dell’Artsakh, come un incoraggiamento rivolto al dittatore Ilham Aliev nella sua politica di ‘invasione strisciante’ del territorio armeno”.
Già, l’energia… Lo stop al grande gasdotto russo Nord Stream 2 va a vantaggio del famoso “Corridoio meridionale del gas” (conosciuto come Tap Tanap) che attraversa tutto il territorio della Turchia per concludere il suo flusso nel Salento.
Anche Grecia e Cipro (che nella mappa di Erdogan deve diventare tutta turca) sono preoccupate che la Turchia approfitterà del caos ucraino per farà avanzare le sue pedine nel Mediterraneo. E nei Balcani, dove l’Impero Ottomano ha dominato a lungo, la Turchia di Erdogan svolge adesso il ruolo che un tempo aveva la Russia.
Un appello su Le Figaro, a firma dell’etnologo Stéphane Breton, dello storico Hamit Bozarslan, del filosofo Pascal Bruckner e dello storico Jean-François Colosimo, ha denunciato: “Ankara vuole estendere la sua influenza affidandosi a un islamismo conquistatore. Chi ha seminato il caos in Siria, Iraq, Libia? Chi è intervenuto nel Caucaso? Chi cerca di destabilizzare il Libano, l’Egeo, Cipro? Chi punterà domani a sconvolgere i Balcani, l’Asia centrale? La storia ci insegna dolorosamente che una pacificazione non ha mai placato l’appetito di un regime espansionista né fermato la marcia di un’ideologia mortale”. 
La sconfitta della Russia in Ucraina metterebbe sicuramente un freno al violento espansionismo di Mosca, ma sarebbe una manna per l’espansionismo turco che ha l’Europa nel mirino. “Cui bono?”, si domanda l’analista Srda Trifkovic su Chronicles Magazine. Chi vincerebbe in Ucraina? “Certamente la Cina e il mondo musulmano e in particolare Erdogan, per il quale gli infedeli che litigano tra loro creano nuovi e significativi spazi di manovra”.
Intanto, al Parlamento Europeo lo svedese Charlie Weimers denunciava il 10 marzo: “Ho assistito ai risultati del genocidio culturale dello Stato islamico contro cristiani, caldei, assiri e siriaci quando ho visitato l’Iraq e la Siria. Chiese sconsacrate millenarie, statue di Maria decapitate, icone distrutte, pagine carbonizzate di Bibbie sparse per le strade. Distruggere il patrimonio culturale è cancellare un’identità, una storia, una nazione. Il presidente dell’Azerbaigian Aliyev sta seguendo le orme dello Stato islamico. I rapporti nelle immagini satellitari hanno meticolosamente tracciato la distruzione sistematica di 100 chiese armene medievali, migliaia di croci e decine di migliaia di lapidi. Signor Commissario, colleghi, l’UE deve condannare il genocidio culturale commesso dal presidente Aliyev contro i siti del patrimonio cristiano armeno. Lo riterrà responsabile del continuo genocidio culturale contro gli armeni?”.
La risposta non è difficile…

(ma sarà poco figo?!)

Ne parlo per la newsletter con Tigrane Yegavian, giornalista e saggista armeno fra i migliori in Europa.

Gli azeri stanno attaccando di nuovo voi armeni…
Gli azeri stanno cercando di avanzare le loro pedine e di ottenere il massimo dalla debolezza strutturale armena e dalla situazione internazionale. Gli armeni hanno molto da perdere da questa guerra in Ucraina. Se i Russi perdessero, dovrebbero abbandonare il Karabakh, dove l’autoproclamata Repubblica dell’Artsakh, ridotta al minimo indispensabile, sopravvive grazie alla protezione delle forze russe il cui mandato scade nel 2025. Gli azeri e i turchi puntano ora a conquistare la fascia di terra armena che le unirebbe.

Perché l’Europa è così fredda con i cristiani armeni?
Ipocrita Europa, che ha bisogno del gas azero, specie ora che deve fare a meno di quello russo. L’Europa è debole, divisa, è succube della diplomazia del caviale e del gas. L’Europa è in una crisi morale profonda.

Cosa rappresenta l’Armenia per noi occidentali?
Noi armeni siamo vittime del rullo compressore della mondializzazione. E se scomparissimo, saremmo la sentinella dell’Occidente.

Come avete preso voi armeni la guerra in Ucraina?
Questa guerra in Ucraina offre all’Azerbaigian l’opportunità di gonfiare il petto e negoziare le consegne di gas agli europei come alternativa alla Russia. L’Ucraina ha scelto il suo campo, quello della Nato e della Turchia, ma anche quello dell’Azerbaigian. Gli armeni, dal canto loro, non dimenticano che durante la guerra dell’autunno 2020, erano state le bombe al fosforo fabbricate in Ucraina a causare scompiglio tra i soldati e le foreste dell’Artsakh… Non contenti di attaccare i vivi, moltiplicando il fuoco dei cecchini sui contadini e sulle abitazioni isolate, rubando il bestiame, avvelenando le fonti d’acqua, esercitano ogni tipo di abuso e tortura sui prigionieri armeni e sui civili rapiti. Gli azeri perseguono un vero e proprio etnocidio nei territori che hanno conquistato eliminando sistematicamente ogni traccia dell’eredità cristiana armena, radendo al suolo cimiteri, chiese, distruggendo musei, biblioteche….Il futuro del Karabakh armeno è quindi strettamente legato a quello della Russia in quanto l’Armenia, troppo debole, non può più garantirne l’integrità.

Quali sono gli interessi comuni di Turchia e Ucraina?
I turchi hanno interessi in Ucraina, in particolare in Crimea per la minoranza di lingua turca. L’Armenia ha riconosciuto l’annessione della Crimea alla Russia mentre l’Ucraina riconosce l’integrità territoriale dell’Azerbaigian, il caos è stato importato dall’Ucraina. Turchi e ucraini hanno entrambi interesse a unirsi per affrontare l’espansionismo russo nel Mar Nero. Kiev e Ankara sono ora legati da una partnership geostrategica che ha senso, in quanto Erdogan, che vende i suoi droni bayraktar agli ucraini, ha ulteriore influenza sui russi con i quali mantiene una rivalità nel Mediterraneo orientale, nel Caucaso e in Africa. Non dimentichiamo che i russi temono il tentativo di destabilizzazione attraverso la strumentalizzazione delle decine di milioni di musulmani in Russia, oggetto di tutta l’attenzione di Ankara.
Giulio Meotti

Come sempre, guerre di serie A e guerre di serie B, vittime di serie A e vittime di serie B, indignazioni a comando e a corrente alternata, ma se li chiami ipocriti (sepolcri imbiancati, li chiamava un ebreo di una certa notorietà) strillano come vergini violate.
All’Ucraina, visto che avete già avuto abbastanza da leggere, oggi dedicherò solo un po’ di immagini, e per la precisione, a un po’ di sbufalamenti. Il primo riguarda la cosiddetta strage di Mariupol, che finalmente si sono dovuti arrendere e riconoscere che era inventata, ma a qualcuno, a quanto pare, il fatto che quei mille morti non ci sono stati dispiace parecchio

Per i bambini greci, qui per chi non ricordasse.

Poi ci sono i pompieri australiani spacciati per pompieri ucraini, con tanto di photoshop della bandiera ucraina sulla manica

Poi c’è quella che non è mica vero che in Ucraina c’è un po’ di nazismo

E poi c’è questo spettacolare grafico a torta

Notate niente? A parte i contrari in un verde un po’ smorto, che già di per sé sfugge all’occhio e sembra rimpicciolirsi, mentre il settore dei favorevoli è di un rosso brillante e squillante, che si impone all’occhio, anche a riuscire a guardarlo con obiettività, il settore del 55% dei contrari è meno della metà, mentre quello dei favorevoli appare decisamente maggiore di 1/3 del totale. Ora, per fare un grafico si devono solo inserire i dati, e il sistema fa tutto da solo. Io non ne avevo mai fatti, ma ho voluto provare per l’occasione: ho selezionato inserisci grafico, ho selezionato quello a torta, ho inserito le percentuali e il sistema, senza che io dovessi fare nient’altro, mi ha dato questa immagine

Quindi quella pubblicata è stata alterata a mano per dare l’impressione che i contrari non siano la maggioranza assoluta. E questi sono i nostri mass media, a cui quelli intelligenti hanno scelto di credere a occhi chiusi.
Ma la più strepitosa di tutte è questa

in uno stato governato da un fantoccio messo su dalla NATO+Obama+Biden+Soros (dichiaratamente) dopo un colpo di stato piuttosto sanguinoso per il quale sono stati spesi 5 miliardi di dollari, che ha dichiarato fuorilegge tutti i partiti dell’opposizione e imbavagliato le televisioni: servono commenti? E, a parte questo, che cosa significa l’immagine? Quali sarebbero le democrazie supportate con le invasioni elencate a sinistra?
E poi c’è Cicciobello nostro, che parla ai parlamenti e commuove tutti. Convince tutti. Ma, scusate, cosa ci sarebbe di strano? Quale attore, anche non eccelso, non è capace di far piangere? L’attore fa sempre e solo quello che regista e produttore gli ordinano di fare, e diventa ciò che i suddetti padroni gli ordinano di essere. Per dire, questa è Helen Mirren

e questa è sempre Helen Mirren.

E questo è Zelenzky

e questo è sempre Zelensky, la stessa identica persona.

Col parlamento Israeliano, però, che doveva rappresentare l’apoteosi, ha decisamente pisciato fuori dal vaso (dopo avere, per la verità, già pisciato fuori dal vaso rimproverando fortemente Israele per la sua neutralità, ossia per non essersi accodata alla costruzione della terza guerra mondiale). Dopo avere evocato Churchill con gli inglesi, l’11 settembre e Pearl Harbour con gli americani, il muro di Berlino coi tedeschi eccetera, con la Knesset non ha trovato di meglio che paragonarsi alle vittime della Shoah. Dalle mie parti si dice “l’osèo ingordo ghe crepa el gosso”, all’uccello ingordo si rompe il gozzo. E anche agli attori stupidi che obbediscono ai propri padroni senza poter usare un cervello che non hanno. E io sono fiduciosa che prima o poi tutti i nodi verranno al pettine.

barbara

SGOMENTA

Ho trovato in giro diversi commenti che, senza nominarmi esplicitamente, parlano di me: con stupore, con delusione, con incredulità, incapaci di capire come una persona solitamente così lucida possa avere preso una simile deriva. Ebbene: la cosa è assolutamente reciproca. Anch’io non riesco a capacitarmi che persone fino a ieri così lucide si siano lasciate prendere dal pensiero unico del nemico comune, che abbiano sostituito gli orwelliani due minuti di odio con ventiquattr’ore di odio ininterrotto, pronti a bersi la più becera propaganda distribuita a piene mani, si siano accodati al terrorismo mediatico che imperversa ovunque e che ha affiancato quello sanitario (calano fortemente i ricoveri ordinari, calano fortemente le intensive, calano i morti MA i contagi sono aumentati dell’ 0,7%, guai abbassare la guardia!), e soprattutto stiano facendo di tutto per estendere il conflitto a livello globale, e pazienza se poi diventerà nucleare e farà qualche miliardo di morti e ridurrà il pianeta all’età della pietra. Non riesco a capacitarmene e sono sgomenta. Atterrita. Pietrificata.

Vogliamo parlare del terrorismo mediatico? Uno dei temi grossi del momento è Chernobyl: il bombardamento dei russi su Chernobyl, l’incendio della centrale nucleare di Chernobyl, il rischio di olocausto nucleare da Chernobyl: TUTTE le notizie in questione sono clamorosamente false, documentatamente false, e anche se fossero vere il rischio sarebbe comunque pari a zero (e magari se non avete fretta leggete anche questo). Ma voi continuate a diffondere terrorismo.

Quanto alla campagna di odio abbiamo la notizia che campeggia ovunque: BOMBE SUI BAMBINI! con tutto il corollario di indignazione, raccapriccio, odio, maledizioni, anatemi, grida di vendetta. Ma il fatto, puro e semplice, è che in quell’ospedale non c’erano né bambini né puerpere: c’erano i miliziani nazisti del battaglione Azov, che ne avevano cacciato dieci giorni prima i legittimi occupanti per installarvi il proprio covo (identici ancora una volta ai palestinesi), cosa che, in base alle Convenzioni di Ginevra e dell’Aja ha automaticamente reso l’edificio legittimo obiettivo militare, essendo stato trasformato in edificio militare (chi volesse saperne di più sul battaglione Azov può documentarsi qui). Dite che avete visto le immagini di quella povera donna incinta, col bellissimo viso ferito,

evacuata con mezzi di fortuna?

Sì, l’ho vista anch’io:

Tra l’altro, non è curioso che prima scende le scale e attraversa a piedi, da sola, lo spiazzo antistante l’ospedale, con tutte le sue cose tra le braccia, e poi (o era prima?) la devono trasportare con quella specie di barella improvvisata? E comunque già in precedenza la Russia aveva informato l’Onu che l’ospedale era stato trasformato in base militare

– non che alle menzogne e alle vigliacche partigianerie dell’Onu non siamo più che abituati.

Poi ci sarebbe quella bazzecolina dei laboratori di armi biologiche che l’America ha impiantato in Ucraina, che la Russia ha denunciato,

ma ci hanno assicurato che non era vero niente, era la solita disinformazione da parte della Russia E se lo ha detto la Russia è chiaro che deve per forza essere una menzogna, no?

E io vi chiedo, anime belle: chi ha portato la guerra a casa di chi?

Ho visto poi, su più profili FB, un video sull’Holodomor, lo sterminio perpetrato novant’anni fa da Stalin, per mezzo di una carestia fabbricata a tavolino, sul ceto contadino in generale e su quello dell’Ucraina in particolare (tema di cui questo blog si è più di una volta occupato), affinché non si dimentichi chi sono i russi, che cosa sono capaci di fare, e quali sono i loro sentimenti nei confronti degli ucraini. Quindi nessuno si stupirà se per spiegare che razza di feccia immonda sono gli italiani e di come dobbiamo guardarcene vi ricorderò di quando, ottant’anni fa, requisivano agli ebrei (notoriamente tutti ricchissimi) vecchi zoccoli di legno, stracci usati, uncinetti termometri schiaccianoci calze rammendate pettini bicchieri portasapone lampadine rotte mestoli scolapasta pantofole gomitoli di lana… Spero che a nessuno al mondo venga mai in mente di fidarsi di questa gentaglia e di credere a quello che dice. Adesso, per inciso, tramite l’invio di armi all’Ucraina abbiamo di fatto dichiarato guerra alla Russia, che non aveva portato la guerra a noi, ed è la seconda volta che lo facciamo. Spero che stavolta ci costi un po’ meno di 77.000 morti e dispersi (ma secondo altre fonti oltre 90.000 ) e 40.000 feriti e congelati, lo spero davvero, però ce lo meriteremmo – o almeno lo meriterebbe chi lo ha deciso, chi lo ha fatto e chi ha caldamente approvato. Il problema è che noi – non solo nel senso di noi italiani – non siamo molto bravi a vedere la realtà che ci sta davanti, e preferiamo crogiolarci in qualche sogno di pace universale, siamo tutti fratelli, il mondo non ha confini – tranne quando vengono violati dal nemico che ci è stato ordinato di odiare –, se qualcuno ti odia tu dagli amore e anche lui ti amerà.

“L’Occidente viveva in un paradiso. Non ha avuto realismo nei rapporti con la Russia”

Intervista-podcast per la newsletter con Efraim Inbar, uno dei maggiori strateghi in Israele. “Tutti sapevano che avvicinare l’Ucraina alla Nato avrebbe innescato una reazione dell’orso russo”

La terribile guerra in Ucraina ha due settimane. Ma in questo breve lasso di tempo lo spazio del dibattito si è già fortemente ristretto. Nessun punto di vista è stato stigmatizzato così rapidamente come la teoria secondo cui l’espansione sempre più a est della Nato ha svolto un ruolo significativo nell’infiammare le tensioni tra la Russia e le potenze occidentali e nel far precipitare la guerra. Chi lo dice è “pagato dal Cremlino” o è il “sicofante di Putin”.
La Federazione Russa ha spiegato cosa vuole dall’Ucraina: no all’ingresso nella Nato, indipendenza del Donbass e riconoscimento della Crimea nella Russia (il presidente ucraino Zelensky ha aperto al compromesso). Donbass e Crimea erano da anni già di fatto indipendenti, il primo come repubbliche non riconosciute e la seconda come parte della Russia dopo un referendum. Perché Vladimir Putin insisteva tanto per tenere l’Ucraina fuori dalla Nato?
“I tanti esperti russi nei ‘think tank’ pensavano davvero che Putin avrebbe piazzato un esercito al confine con l’Ucraina perché si stancava di rievocare la battaglia di Borodino con i soldatini di latta?”, si domanda Henryk Broder su Die Welt.
Già nel 1997 Joe Biden, allora senatore del Delaware, diceva che “l’unica cosa che potrebbe provocare una risposta russa ‘vigorosa e ostile’ sarebbe se la Nato si espandesse oltre gli stati baltici”.
Sempre nel 1997 Jack F. Matlock Jr., ambasciatore degli Stati Uniti in Unione Sovietica dal 1987 al 1991, avvertì che l’espansione della Nato “incoraggia una catena di eventi che potrebbe produrre la più grave minaccia alla sicurezza dal crollo dell’Unione Sovietica”. Anche nei giorni scorsi, Matlock è tornato a spiegare perché l’apertura della Nato all’Ucraina è stato un errore strategico.
Il segretario alla Difesa di Bill Clinton, William Perry, nelle sue memorie scrive che per lui l’allargamento della Nato è la causa della “rottura dei rapporti con la Russia” e che era così contrario che “forte della mia convinzione, ho pensato di dimettermi”.
Stephen Cohen, uno dei più famosi studiosi americani di Russia, avvertiva nel 2014 che “se spostiamo le forze della Nato verso i confini della Russia questo militarizzerà la situazione e la Russia non si tirerà indietro, è esistenziale per loro”.
Il direttore della CIA di Biden, William J. Burns, ha messo in guardia sull’effetto provocatorio dell’espansione della NATO dal 1995. Fu allora che Burns, ufficiale dell’ambasciata americana a Mosca, riferì a Washington che “l’ostilità nei confronti dell’espansione della Nato è quasi universalmente avvertita in tutto lo spettro politico”.
Nel 1997, 50 diplomatici americani scrissero una lettera in cui spiegavano che “l’espansione della Nato sarebbe un errore di proporzioni storiche”.
Cosa sapevano tutti questi dirigenti americani?
Che in gioco nella mentalità russa c’è il “divario di Volgograd”, la fascia di terra fra il Mar Caspio e il Mar Nero. Durante la Seconda guerra mondiale, i nazisti la conquistarono, arrivando al Caspio e fermati soltanto a Stalingrado (al costo di 1.1 milioni di vite russe). Un anno fa, nell’aprile 2021, Caspian Report ha pubblicato un dossier dal titolo “Russia e Ucraina preparano una nuova guerra”, in cui si spiegava l’importanza della regione per tutti.
Ora si aprono due scenari.
Se la Russia assumerà il controllo totale dell’Ucraina, creerà una nuova minaccia alla sicurezza dell’Occidente e assisteremo alla nascita di un nuovo ordine mondiale, con la creazione di una nuova cortina di ferro che andrà dai confini orientali della Finlandia ai confini sudorientali della Romania.
Se l’Ucraina si unisse alla Nato, i Russi dovrebbero difendere 1.500 chilometri di pianura. In questo scenario, la Nato si troverebbe a 200 chilometri da Volgograd (ex Stalingrado). Questo è il motivo per cui, nella “logica” della Russia, Mosca deve assicurare la neutralità dell’Ucraina, anche a costo di questa guerra spaventosa. Anche il generale Marco Bertoliniex comandante del Comando Operativo di Vertice Interforze, ha spiegato che l’Ucraina nella Nato avrebbe “privato la Russia dell’accesso al Mar Nero”.
Chiunque, fino al 20 febbraio, credeva che non sarebbe successo niente facendo dell’Ucraina il grande terreno di scontro fra due super potenze atomiche e che ora pensa che tutto “tornerà alla normalità” vive in un pericoloso paradiso per stolti.
C’è una parte del discorso di Putin che avrebbe dovuto allarmarci: “Non ho più spazio per arretrare”. E un impero, perché è così che si sente ancora la Russia, quando non arretra, attacca…

Ne parlo per la newsletter con Efraim Inbar, uno dei maggiori strateghi in Israele, presidente del Jerusalem Institute for Strategic Studies e prima del Begin-Sadat Center, consigliere dell’ex premier Benjamin Netanyahu.

Lei ha scritto un articolo a ottobre sul Jerusalem Post in cui invitava al realismo nei rapporti con la Russia…
Ho proposto la realpolitik, sì. Nei media, che sono tutti di sinistra, dicono che dobbiamo essere più idealisti sull’Ucraina, ma questo non riflette la popolazione israeliana. Abbiamo un interesse diretto nel rapporto con l’orso russo. Gli ucraini non dovevano parlare di entrare nella Nato. Per i Russi sarebbe stato come per noi la Giordania che diventa un satellite dell’Iran.

Ok, ma le risponderebbero che la Nato non minaccia i propri vicini, a differenza della Russia…
Non importa, i Russi hanno paura della Nato. ‘Non è razionale’, dice l’Occidente, ma i Russi non ragionano così. Il governo israeliano per questo ora cerca di navigare fra considerazioni morali e strategiche. L’Occidente ha una posizione non realistica.

Molti ufficiali americani in passato hanno detto che sarebbe stato un errore strategico espandersi sempre più a est…
Sono d’accordo con loro. Ne ho scritto. Fu un errore strategico incorporare i paesi baltici. E ora abbiamo una crisi. E se l’Occidente non è disposto a combattere, perderà. Se uno viene con un fucile e l’altro con le parole, chi ha un fucile ha un vantaggio.

Lei sta dicendo, ‘se non sei disposto a vincere la guerra, devi fare un compromesso’…
La finlandizzazione dell’Ucraina era il compromesso. Consentire che l’Ucraina fosse una democrazia, ma nell’orbita di sicurezza russa. Realismo.

Cosa pensa del fatto che si dice che Putin sia irrazionale, folle e senza sostegno popolare….
Nessuno sa quello cosa pensi l’opinione pubblica russa. C’è una opposizione, ma è in galera. Putin è stato molto popolare, la sua idea ‘Make Russia great again’ ha un appeal nella popolazione.

La debacle americana in Afghanistan ha giocato un ruolo nella percezione della debolezza e della naiveté?
Certo. Ma da prima. Putin ha preso un pezzo di Georgia. E non è successo niente. Putin ha preso la Crimea. E non è successo niente. Putin ha stabilito due repubbliche in un pezzo di Ucraina. E non è successo niente. E ora l’Occidente si sveglia.

Cosa potrebbe succedere se ci fosse una disintegrazione russa? C’è un grande shock economico al momento…
Le sanzioni non funzionano. Cuba è sotto sanzioni e non è successo niente. L’Iran è sotto sanzioni e non è successo niente. La Corea del Nord è sotto sanzioni e non è successo niente. Non sono sicuro che la pressione economica avrà risultati tangibili. L’Occidente dovrebbe togliere la Russia alla Cina, la loro alleanza è il vero pericolo. Avremmo dovuto fare un accordo come Kissinger negli anni ’70.

L’Occidente non prende sul serio la storia come fanno i Russi o Israele…Perché?
L’Occidente è consumato dal presente. Vive bene. Non vuole sacrifici. E questo ha portato a una amnesia. E ora paga. Forse ci sarà un risveglio da quello che pensavate fosse il paradiso.
Giulio Meotti

Aggiungo ancora una riflessione pacata e sensata.

Debrief

Ciò che il Generale Marco Bertolini, già capo del Comando Cperativo interforze (COI) e presidente dell’Anpdi, che alla Verità e al Messaggero dice:
1. Le armi all’Ucraina sono “un atto di ostilità che rischia di coinvolgerci” nella guerra, mai visto prima: “Bastavano le sanzioni, anche inasprite”.
2. Putin non è un pazzo né il nuovo Hitler: “Voleva interrompere il percorso che avrebbe dovuto portare l’Ucraina nella Nato” per non perdere “l’agibilità nel Mar Nero”.
3. Il governo italiano non conta nulla e Di Maio che dà dell’ “animale” a Putin “ci taglia fuori da ogni trattativa”, diversamente dalla Francia di Macron.
4. Guai a seguire Zelensky sulla no fly zone, che “significherebbe avere aerei Nato sull’Ucraina e l’incidente inevitabile”.
5. I negoziati non sono un bluff, ma una “dimostrazione di buona volontà delle due parti”.
6. La sconfitta di Putin esiste solo nei nostri sogni e nella propaganda occidentale: la Russia s’è già presa l’Est, collegando Crimea e Donbass; “le grandi città al momento sono state risparmiate e non è partita la caccia a Zelensky” per “precisa volontà” di Mosca, che finora ha limitato al minimo “i bombardamenti dall’alto” per non moltiplicare le stragi e non provocare un “intervento della Nato”.
7. Putin non ha bombardato la centrale di Zaporizhzhia: “Non ho visto missili, ma bengala per illuminare gli obiettivi” degli scontri con gli ucraini lì vicino: le radiazioni avrebbero colpito pure il Donbass e la Russia, che le centrali vuole controllarle, non farle esplodere.
8. Putin non vuole conquistare l’Europa, né rifare l’Urss né “governare l’intera Ucraina”, ma “trattare una ricomposizione”: un regime fantoccio sull’intero Paese scatenerebbe anni di guerriglia antirussa.
9. “La Russia vuol essere europea e noi non facciamo che schiacciarla verso Asia e Cina”.
10. Un successo ucraino è, purtroppo, fuori discussione. I possibili esiti sono due: una vittoria russa dopo “una lunga guerra”; o un negoziato che i soli mediatori credibili – Israele, Francia, Cina e Turchia – possono favorire se aiutano le due parti a trattare con reciproche concessioni anziché “istigarle a proseguire” nella guerra.
Molti di noi avevano sollevato le stesse osservazioni giungendo alle medesime conclusioni.
Dire queste cose con pacatezza e realismo non significa prendere le parti di nessuno ma capire il perché del precipitare degli eventi.
Significa conoscere per deliberare e scongiurare altre inutili vittime.

POST SCRIPTUM, che ieri mi sono dimenticata di aggiungerlo: Hava Nagila suonata col cazzo – in realtà col playback, ma ai fini del discorso la cosa non cambia – è la dimostrazione di quanto questo pseudo ebreo sia disposto a prostituire il proprio ebraismo, esattamente come il nostro saltimbanco buffone ebreo di casa nostra, che mi rifiuto di nominare. Dedicato a chi si fida di lui “perché è ebreo”.
E per concludere, al posto dei soliti pattinatori russi, oggi vi regalo questa spettacolare intervista di una giornalista americana mandata, un anno e mezzo fa, a “demolire” Putin.

barbara

GUERRA: DISTRUZIONI, PROFUGHI, MORTI

di cui il mondo intero si fotte.
“Hanno ucciso 5.000 ragazzi, preso le nostre chiese e terre, ma noi armeni non ci arrendiamo”

Intervista per la newsletter a Davit Babayan, ministro degli Esteri dell’Artsakh. “Siamo i primi cristiani della storia. Ma l’Europa che ha perso i suoi valori è stata indifferente alla guerra turca”

Davit Babayan è un ministro degli Esteri molto speciale. Rappresenta nel mondo una repubblica che ha perso l’80 per cento del suo territorio in una guerra terribile. La Repubblica dell’Artsakh, enclave che i sovietici arbitrariamente attribuirono all’Azerbaijan nonostante fosse la culla della storia armena, indipendente dal 1992 dopo la guerra fra armeni e azeri, infine al centro di un’altra guerra terribile nell’autunno 2020. Secondo un rapporto del Caucasus Heritage Watch – composto da accademici americani – dozzine fra chiese armene, pietre sacre, cimiteri e altri beni culturali sono stati distrutti dall’Azerbaigian. 5.000 i morti da parte armena, l’80 per cento dei quali di appena 20 anni, prefigurazione di un disastro demografico. Due terzi del territorio, compresa la storica città di Shushi che sovrasta la capitale Stepanakert, passato nelle mani degli azeri. Forze di interposizione russe schierate lungo il confine e a protezione di antichissime chiese come Dadivank, fondata da un allievo dell’apostolo Taddeo. Quasi 100.000 dei 150.000 abitanti armeni fuggiti dai combattimenti.

Davit Babayan è a colloquio in esclusiva con la mia newsletter.

Quale trauma avete vissuto voi armeni nella guerra dell’Artsakh? Demograficamente, religiosamente, storicamente… Per far capire la tragedia e i rischi che vi attendono…

La guerra del 2020 contro l’Artsakh è stata la terza scatenata dall’Azerbaigian. La prima ha avuto luogo nel 1991-1994, la seconda nel 2016. Prima di allora l’Azerbaigian ha scatenato una semi-guerra contro l’Artsakh e il popolo armeno dell’ex Repubblica socialista sovietica azerbaigiana a seguito della quale circa 700.000 armeni furono deportati dalle loro terre storiche, migliaia di persone furono uccise, le loro proprietà saccheggiate e distrutte, il patrimonio culturale armeno annientato. La guerra del 2020 ha avuto le sue particolarità, è stata un’aggressione lanciata contro l’Artsakh da Azerbaigian, Turchia e terroristi internazionali, un’alleanza molto pericolosa di elementi statali e terroristici, che rappresenta una seria minaccia per il mondo civile in generale. Se il mondo non reagisce a tali minacce e non mette in atto misure adeguate, altri paesi dovranno affrontare le stesse sfide. Sarà solo questione di tempo. Noi siamo stati i primi, voi sarete i prossimi. Quando sarà, tra uno, cinque o dieci anni, è secondario. A causa dell’attacco azerbaigiano-turco-terrorista, l’Artsakh ha sofferto molto. La perdita più irreversibile è stata la vita di 5.000 giovani. Abbiamo perso l’80 per cento del nostro territorio, la maggior parte delle infrastrutture economiche e delle risorse naturali. Abbiamo decine di migliaia di rifugiati. L’Azerbaigian, insieme alla Turchia e ai terroristi, stanno portando avanti la politica di genocidio culturale nei territori occupati distruggendo il patrimonio culturale armeno. E questo sta accadendo nel XXI secolo. Sì, il nostro corpo è gravemente ferito, ma la nostra volontà e la nostra fede sono incrollabili. Questo è il motivo per cui il nostro popolo è deciso a vivere sul suo suolo storico, lottare per i propri diritti e libertà. Non faremo mai parte dell’Azerbaigian. Questa è la linea rossa per noi.

Nella “guerra dei 44 giorni” contro gli armeni diplomatici americani ed europei si sono distinti per assenza o pusillanimità, troppo impegnati nella lotta al Covid, alle elezioni presidenziali negli Stati Uniti e alla Brexit, poco o per nulla interessati a una regione a geostrategicità limitata (niente petrolio, niente gas, niente accesso al mare e qualche rara miniera)… Soltanto un popolo con la sua fede millenaria.

Ci sono molte ragioni. Geopolitica, interessi economici, attività di lobbying (o meglio corruttrici) dell’Azerbaigian e della Turchia. Tuttavia, tutti questi sono fattori derivati da un fenomeno molto pericoloso: il degrado dei valori. Sfortunatamente, i valori sono stati ampiamente sostituiti dai prezzi. Questo erode il sistema immunitario delle società e degli stati. Molte civiltà sono scomparse proprio per questo.

Cosa rappresenta l’Armenia per la coscienza e la civiltà occidentale? Per me è un’isola di antichissima fede e cultura sopravvissuta per duemila anni a invasioni, genocidi, assimilazione…E che ancora resiste. Un esempio bellissimo per l’Occidente che va nella direzione opposta.

L’Armenia è una delle civiltà più antiche del mondo. Sì, è il primo stato cristiano della storia. Abbiamo affrontato, ha assolutamente ragione, genocidi, deportazioni, massacri, distruzioni e altre prove per millenni. Ma questo destino non ha cambiato lo spirito e l’anima del nostro popolo, non c’è odio verso nessuna nazione, religione o razza tra gli armeni. E questa è la base più importante per il recupero.
Giulio Meotti

Tutt’altro discorso, tutt’altra sensibilità, tutt’altra partecipazione invece per le vittime di moda del momento, che sembrano – solo per il momento, non illudiamoci – avere addirittura superato i palestinesi. Onorare quei morti lì è un’autentica passione, un piacere, una gioia, al punto che se i russi non ne ammazzano abbastanza, se ne inventa qualcuno in più, giusto per non rovinare il divertimento

come i palestinesi – ve li ricordate? – che durante il trasporto verso il cimitero cascano dalla barella, si rialzano e ci risalgono sopra, o che proprio nel momento preciso in cui il fotografo scatta si stufano di fare il morto e si tirano su a sedere. Come ho detto fin dall’inizio, dai palestinesi hanno imparato tutto.

barbara

A MARGINE DELLA GUERRA

“La guerra ci mostra il folle opportunismo commerciale dell’utero in affitto”

“Make babies not war”. L’industria della surrogata in Ucraina (a maggio sarà a Milano) seduce il nichilismo occidentale. “La selezione del sesso è offerta dalla casa”. Intervista a Céline Revel-Dumas

Come non commuoversi, non puntare riflettori e non raccontare la storia di una donna ucraina che, al nono mese di gravidanza, fugge dalla guerra e partorisce in Italia? Nessuna commozione, riflettore o storia invece sugli altri figli della guerra in Ucraina. Quelli commissionati dall’Occidente.
“La guerra è così mostruosa da gettare in faccia agli uomini ciò che meno sostengono al mondo: la verità. Contro ogni previsione, la maternità surrogata ha rivelato il suo vero volto. Quella di un folle opportunismo commerciale soddisfatto da un cieco egoismo”. Così scrive su Le Figaro Céline Revel-Dumas, la saggista francese autrice del bel libro GPA. Le Grand Bluff.
Mentre Kiev è assediata dai carri armati, i civili fuggono o si nascondono in rifugi improvvisati, le cliniche della fertilità sono determinate a continuare la loro attività. “Make babies, not war”, annuncia il colosso della surrogata BioTexCom, che assicura di continuare la sua attività nonostante il conflitto. “Siamo immensamente grati ai pazienti che rimangono con noi e vengono a Kiev per le loro consultazioni, quelli che confermano il trasferimento di embrioni e quelli che incoraggiano i nostri manager”. Un’altra clinica, Feskov, offre “madri surrogate” in paesi limitrofi e assicura ai clienti la continuità dei “programmi”, uno dei quali prevede: “La scelta del sesso è offerta dalla casa”. Monica Ricci Sargentini sul Corriere della Sera racconta di tante coppie italiane in attesa che da Kiev gli consegnino il loro bebé scelto da catalogo. Il Guardian dei genitori occidentali “disperati nel cercare di portare fuori dall’Ucraina i loro embrioni”.
La maternità surrogata schiavizza donne indigenti, ridotte alle loro capacità riproduttive, trattate come subumane, rimaste bloccate a Kiev in attesa di partorire i figli dei loro impazienti “sponsor” occidentali.
Al settimanale francese Marianne Inna Yefimovych, dell’ufficio marketing della Biotexcom, dice: “A febbraio, la clinica ha inseminato venti donne a settimana. Nei prossimi tre mesi nasceranno 200 bambini”. La cifra è confermata dall’Atlantic. Molte di queste madri surrogate proverrebbero dalla regione del Donbass, al centro del conflitto in Ucraina dal 2014, secondo il Collettivo per il rispetto della persona che si batte per l’abolizione della maternità surrogata.
La scorsa settimana, la stessa Biotexcom ha pubblicato il video di un attacco. Sotto l’ululato delle sirene, i bambini giuridicamente figli di nessuno, senza madre, vengono coccolati dalle infermiere. Un dipendente mostra le maschere antigas e i sacchi a pelo. “Siamo sopraffatti dalle domande. I nostri pazienti sono entusiasti. Volevamo mostrare loro cosa faremo in caso di attacco. Il bunker è suddiviso in diverse aree: aree per neonati, adulti, deposito per alimenti, aborti ecc. Terremo gli embrioni nel rifugio antiatomico e vi nasconderemo anche le madri”.
Secondo la rivista online Quartz, ci sono 33 cliniche private della surrogata e 5 cliniche governative in Ucraina. Si tratta dell’unico paese europeo che lo consente. Ogni anno possono nascere tra 2.000 e 2.500 bambini da madri surrogate in Ucraina. Cosa succederà ora agli embrioni congelati se la corrente elettrica dovesse interrompersi?
In Ucraina, la maternità surrogata appare nella sua oscurità più sporca. “Ci sono due tipi di barbarie”, scrive Revel-Dumas. “Quella che strappa l’individuo a un’identità collettiva e disfa la sua appartenenza a una comunità scolpita da uno spirito, da una storia, da ricordi e da questa ‘voglia di continuare insieme’ cara a Ernest Renan. L’Ucraina sta lottando per questo. L’altra barbarie è privare l’essere umano della sua integrità. E questo fa la maternità surrogata”.
Eppure, l’opinione pubblica europea fa orecchie da mercante. Perché la meccanica di fondo della surrogata, di un cinismo implacabile, appare ora in piena luce: un mercato spietato, senza fede né legge, su cui l’Occidente dei diritti e dei desideri si è compromesso.
Ne parlo in esclusiva per la newsletter con l’autrice del libro GPA. Le Grand Bluff, Céline Revel-Dumas.

Perché l’Occidente non vede l’orrore di questo supermercato per bambini sotto le bombe?

Le coppie occidentali non vogliono considerare i lati più oscuri della maternità surrogata perché ciò metterebbe a repentaglio il progetto del bambino a cui non vogliono rinunciare. L’Ucraina è una destinazione che offre alcuni delle surrogate più economiche sul mercato mondiale. L’opportunità economica che rappresenta incoraggia queste coppie a informarsi e a contattare le cliniche locali che privilegiano un discorso confortante e meraviglioso. Vengono accolte in appartamenti confortevoli, ascoltate, accompagnate in tutte le fasi della maternità surrogata e presentate alle donne – che vendono i loro ovuli o il loro grembo – che si dice siano molto felici di essere madri surrogate. È essenziale rendersi conto che le cliniche in tutto il mondo, e ancor di più in Ucraina, sono pienamente consapevoli dell’indignazione che la pratica sta provocando a livello internazionale. Raddoppiano quindi il loro ingegno per nascondere ciò che potrebbe risuonare con i discorsi indignati. Per questo, mettono puramente e semplicemente la museruola alla parola delle donne. Nessuna “madre surrogata” può esprimere le sue vere motivazioni, che sono sempre finanziarie in un paese come l’Ucraina dove il tenore di vita è drammaticamente basso. Indagini giornalistiche o sociologiche rivelano che queste donne sono molto spesso maltrattate dalle cliniche, che limitano i costi del monitoraggio delle gravidanze, e non chiedono il loro parere prima di procedere alla riduzione dell’embrione, operazione mediante la quale uno degli embrioni viene rimosso dall’utero. Eppure queste giovani donne devono tacere, altrimenti ricevono una multa che verrà detratta dal salario. Questo stratagemma del tutto machiavellico incoraggia i genitori a pensare che queste donne abbiano un approccio “altruistico”. Sono mantenuti nell’illusione in cui vogliono credere. Alcuni, più cinici di altri, ritengono di partecipare a uno scambio di cortesie. Ottengono il figlio che vogliono e in cambio partecipano al “miglioramento” delle condizioni di vita di queste donne in condizioni di povertà. La maternità surrogata assume così i contorni del “lavoro sociale”. È così che cercano di preservare la loro coscienza morale. Ma questo “win-win” consumistico esclude una parte essenziale della maternità surrogata: i rischi medici e psicologici sostenuti da queste “madri surrogate”. Quanto alla questione dei bisogni del bambino, in particolare quello, fondamentale, per non essere separato da chi lo ha portato, viene completamente evacuato. Questo rivela fino a che punto i valori consumistici hanno invaso il campo della procreazione. Le rivoluzioni morali degli anni Sessanta e Settanta hanno lasciato il campo aperto a un liberalismo economico che si è insinuato nel regno del corpo. Con la copertura della rivoluzione sessuale, che vuole che si abbia il proprio corpo, il capitalismo ha investito il processo procreativo. Uova e “grembi” rispondono ora alla logica della domanda e dell’offerta. È questa mentalità che agisce – consapevolmente o meno – quando gli occidentali acquistano i servizi di “madri surrogate”.

L’Ucraina e altri paesi sfruttano il nichilismo occidentale a scopo di lucro?

Il profitto è l’unica ragione d’essere della maternità surrogata. Pensare che il dramma dell’infertilità possa suscitare una preoccupazione importante e disinteressata che porterebbe Stati e industrie a mobilitarsi per rendere più felice l’umanità è un’illusione. Molte altre situazioni o altre patologie meritano un’attenzione simile. Ma l’infertilità è una miniera d’oro. Il mercato è stimato a 6 miliardi all’anno e molto probabilmente sottovalutato. Le coppie benestanti sono disposte a spendere generosamente per ottenere il figlio che desiderano. Perché questo mercato sia l’incontro tra un desiderio insormontabile e illimitato di bambini con il desiderio di benefici miracolosi, e questo in un contesto in cui i difensori del “progresso” hanno cristallizzato le loro ambizioni politiche sull’uguaglianza per tutti, e in particolare sul “uguaglianza di procreazione”. Inoltre, il contesto di molteplici crisi – ecologica, economica, politica e ora internazionale – provoca il ritiro in se stessi, un bisogno immediato di vivere. La famiglia, resa possibile dall’arrivo di un figlio, diventa più che mai essenziale per sfuggire a una realtà sempre meno sopportabile. Con la maternità surrogata, l’eliminazione immediata della sofferenza è accessibile. Non è una fatalità contro la quale non potremmo combattere. Di fronte a un Occidente in piena decadenza, la maternità surrogata offre l’idea della possibilità di una vita migliore, immediatamente. In un mondo sconvolto, la ritirata nelle battaglie sociali è un salvacondotto per i progressisti e una notevole opportunità per una crescita sempre più bulimica.
Giulio Meotti

POST SCRIPTUM: è stato bandito anche lui, infame criminale putiniano. Ascoltiamolo, prima che venga bannato anche da youtube.

barbara

OGGI COMINCIO PORTANDOVI AL CINEMA

a vedere un po’ di cose che avrete qualche difficoltà a trovare sui mass media venduti, e ancora di più sui social isterici. Tappatevi le orecchie nei trenta secondi in cui Vauro straparla di Gaza (no, non c’entra niente, ma lui lo sapete com’è), ma guardate e ascoltate anche lui: ovviamente è filo russo ad oltranza in quanto comunista, però le cose che è andato a vedere e documentare prescindono da qualunque ideologia, e vanno viste, perché tutti noi abbiamo un buco di otto anni su quanto successo da quelle parti, e che è alla base di quanto sta succedendo adesso, ed è ora che cominciamo a riempire qualche lacuna.

Poi c’è anche quest’altra giornalista, da vedere e ascoltare in questo spezzone del 2015 (chi ha tempo e interesse può vedere il video lungo attuale qui – ne vale la pena – e magari leggere anche il suo libro, Donbass, la guerra fantasma nel cuore d’Europa).

Vi raccontano invece, i nostri ineffabili mass media, del devastante bombardamento del memoriale del massacro di Babij Jar con titoli urlati su tutti i giornali e drammatica denuncia del comico presidente fantoccio della NATO, ma era una balla. A essere colpita, come del resto mostrano inequivocabilmente le immagini, è stata la torre della televisione

(come quella ripetutamente colpita dalle forze buone della NATO in Serbia: e dato che in mezzo mondo è zittita la voce della Russia, non vedo perché la Russia non dovrebbe zittire quella del nemico). Vi raccontano anche che quel pazzo scatenato e pericoloso di Putin ha addirittura fatto bombardare una centrale nucleare, e questa non è solo una balla, ma è anche una colossale stronzata: la centrale è in mano ai russi, perché diavolo dovrebbero andarsela a bombardare? Ma chi è che può essere così ritardato da bersi una scemenza come questa? E propongo, in merito, una breve ma interessante riflessione:

Maja Mann
Il presunto bombardamento alla centrale nucleare di Zaporizhzhia era di nuovo infowar, non è la prima volta. Gli Ucraini sperano che ci spaventiamo abbastanza da far entrare la Nato nel conflitto. Adesso c’è nervosismo anche negli USA perché Putin non è caduto e hanno messo sul piatto le vite di 45 milioni di Ucraini per ottenere questo obiettivo. Chiamiamo Putin nei peggiori modi. Perfetto e corretto, anzi forse è pure peggio di come noi lo immaginiamo. Ma i c.d. buoni che usano 45 milioni di persone per far cadere Putin e mettono a repentaglio la sicurezza e la sopravvivenza di centinaia di milioni di Europei come dovremmo definirli? cominciamo a guardare le cose sul piano della razionalità anziché del tifo!

Tornano invece a tacere sul Matteotti ucraino

e sui sobri festeggiamenti (in stile palestinese, oserei dire) per l’uccisione di 9000 soldati russi:

certo, il sangue non è acqua, come si suol dire (ma li avranno contati uno per uno?).

E ora torniamo un momento indietro, per esaminare un altro dei passi che hanno reso inevitabile la guerra.

“Un’altra conferenza di Monaco che ci ha dato la guerra”

Così l’ex presidente dell’Assemblea parlamentare della Nato: “Gli Americani volevano solo umiliare i Russi. Hanno ottenuto la guerra all’Ucraina, lasciata sola, e la fine dell’allargamento della Nato”

 Joe Biden era così deciso a evitare la possibilità di un scontro militare tra Stati Uniti e Russia che ha ritirato dall’Ucraina le truppe americane che avevano addestrato il suo esercito. Ha poi avvertito che non avrebbe inviato truppe a evacuare gli americani bloccati in Ucraina. “È una guerra mondiale quando gli americani e la Russia iniziano a spararsi l’un l’altro”, ha spiegato Biden. “Non abbiamo intenzione di combattere la Russia”. Allora perché far precipitare l’Europa orientale nel caos? In queste ore il presidente di Taiwan, Tsai Ing-wen, ha ordinato alle forze armate dell’isola di rafforzare le difese. “Il risultato dell’Ucraina è davanti ai nostri occhi”, ha detto Chao Chien-min, ex viceministro di Taiwan. La Cina nelle stesse ore minacciava l’isola. Dopo il ritorno dei Talebani al potere e la guerra in Ucraina, sotto Joe Biden vedremo anche un Iran nuclearizzato e una Taiwan cinesizzata?

Pierre Lellouche è stato il presidente dell’Assemblea Parlamentare della Nato. Questo è il suo intervento pubblicato oggi su Le Figaro che ben descrive il fallimento occidentale.

***

Nubi oscure della storia europea sono scese ancora una volta sul destino dell’Ucraina.
Il 29 settembre 1938, Adolf Hitler annunciò l’intenzione di “liberare” le popolazioni tedesche dei Sudeti dall'”oppressione cecoslovacca”. Pochi giorni dopo, quei territori, concessi 20 anni prima alla Cecoslovacchia dal Trattato di Saint-Germain-en-Laye, furono annessi al Reich, con il fatale consenso di Édouard Daladier e Neville Chamberlain, alla conferenza a Monaco.
Il 21 febbraio 2022, Vladimir Putin, dopo tre mesi di braccio di ferro con gli occidentali, ha deciso di porre fine alle “leggi discriminatorie contro i russofoni in Ucraina”. Le enclave separatiste del Donbass, controllate dal Cremlino dalla prima guerra del 2014, sono ora ufficialmente riconosciute come “Repubbliche Popolari” indipendenti, e la sera stessa l’esercito russo vi è entrato per una cosiddetta missione di “mantenere la pace”. In caso di reazione delle autorità di Kiev si troverà il pretesto per un’invasione dell’intera Ucraina.
Ironia della sorte, proprio alla vigilia del colpo di forza di Vladimir Putin, i capi della Nato con il vicepresidente degli Stati Uniti si erano incontrati a Monaco per proclamare solennemente la loro unità di fronte a una Russia accusata di invadere la giovane democrazia ucraina.
L’Ucraina, si affermava, conservava pienamente il suo diritto di aderire alla Nato. Ma, con una strana gesticolazione, gli americani, mentre isterizzavano l’imminenza della guerra, annunciavano in anticipo che non vi avrebbero preso parte – se non con possibili sanzioni economiche… Nonostante l’appassionata supplica del presidente ucraino Zelensky, presente a Monaco, e salutato con una standing ovation, la cruda verità è che al suo paese è stato chiesto dall’augusta udienza di combattere da solo e di prepararsi a morire per un principio, quello della “porta aperta”.
Un principio peraltro notoriamente impraticabile, visto il rischio della guerra e questo da molto tempo. Nel 2008, a Bucarest, Nicolas Sarkozy e Angela Merkel si erano opposti, per questo motivo, all’adesione di Ucraina e Georgia alla Nato, che Barack Obama all’epoca spingeva. Ma il principio è rimasto.
Una via d’uscita diplomatica era possibile: unire una moratoria sui futuri allargamenti della Nato ai negoziati sugli armamenti convenzionali e nucleari in Europa. Ma Joe Biden e il suo Congresso uniti contro la Russia non volevano sentirne parlare.
Alla fine “Monaco II” avrà quindi prodotto il peggior risultato possibile. Ogni successivo allargamento della Nato è morto e sepolto. Nel 2014, durante la fase precedente di questa guerra durata otto anni, Barack Obama aveva reagito con disprezzo all’annessione della Crimea, definendo la Russia una “potenza regionale”. Vladimir Putin non ha mai digerito l’insulto [A parti invertite, Obama l’avrebbe digerito?].
Potevano scegliere tra trattare la Russia con disprezzo o coesistere pacificamente con essa, rispettando i suoi interessi di sicurezza. Ma non abbiamo voluto imparare le lezioni della storia: che non costruiamo la pace umiliando, né stabilendoci militarmente ai confini altrui, se rifiutiamo ogni confronto, e gli occidentali, e in primis gli americani, alla fine avranno consentito a Vladimir Putin di iniziare a realizzare il suo sogno più caro: ricostruire l’Impero.
Per favore, Sir Winston Churchill, torna!
Giulio Meotti

Ma dato che Churchill non c’è e la perfidissima Russia ha fatto scoppiare la guerra, che cosa si fa? Semplice: si castiga l’infame!

L’ipocrita mondo della cultura che vieta la Russia ma stende tappeti rossi a Iran e Turchia

Da Torino a Francoforte a Bologna si bandiscono libri e film russi (Andrej Tarkovskij oggi sarebbe persona non grata in Italia). Una demenza culturale che alimenta, anziché placare, la guerra

“Non ci sono più Russi ‘innocenti’ e ‘neutrali’”, ha scritto l’ex ambasciatore americano a Mosca, Michael McFaul, prima di cancellare il tweet. Qualcuno deve avergli detto che non era un gesto di grande distensione fra due potenze nucleari nel mezzo di una guerra in Europa.
Ma se le cose stanno come scrive McFaul, niente della cultura russa deve restare in piedi in Europa.
Il Festival del cinema di Glasgow ha cancellato la proiezione di due film russi. Russi, non “putiniani”, anche se ormai non fa differenza. Lo stesso ha fatto il Festival del cinema di Stoccolma. La Biennale di Venezia ha messo al bando i Russi, a meno che non siano oppositori politici. Nel mondo dei libri, Penguin Random House e Simon & Schuster (che hanno in mano praticamente tutta l’editoria mondiale) stanno interrompendo i rapporti con la Russia. La Fiera del Libro di Torino ha deciso di boicottare la Russia, nonostante nel 2020 abbia scelto l’Iran come paese ospite d’onore. Lo stesso ha fatto la Fiera del Libro di Francoforte, che ha messo al bando la Russia ma lascia che il Mein Kampf di Hitler campeggi allo stand ufficiale dell’Arabia Saudita. E poi la Fiera del libro per ragazzi di Bologna ha vietato la presenza dei Russi (l’Associazione Italiana Editori sostiene i boicottaggi delle fiere italiane).
Tutte le famose chiacchiere sulla “cultura che apre i confini”…Il presidente del Salone del Libro di Torino, Massimo Braj, ex ministro e poi direttore generale della Treccani, è volato a Teheran per incontrare il viceministro della Cultura iraniano Abbas Salehi, che ha detto che “la fatwa dell’imam Khomeini contro Salman Rushdie è un decreto religioso, non perderà mai il suo potere né si abrogherà mai”. Ma a nessuno a Torino, non al furbissimo scrittore Nicola Lagioia che oggi dirige la Fiera, è venuto in mente di interdire l’Iran. In un hangar a Teheran è stato scoperto un deposito di mezzo milione di libri. C’erano La fattoria degli animali di George Orwell, testi di George Bernard Shaw, l’Iliade di Omero e alcuni romanzi di Albert Camus. Questa specie di sepolcro della cultura era uno dei lasciti più terribili della rivoluzione islamica iraniana. Come scrive Censorship: A World Encyclopedia a cura di Derek Jones, il cui database è fermo al 2001, “la rivoluzione islamica dell’Iran ha comportato la distruzione di 5 milioni di libri”. Ma non c’erano motivi per non farne l’ospite d’onore a Torino…Fra i “libri dannosi”, l’ayatollah Khamenei ha inserito il Simposio di Platone, Viaggio al termine della notte di Louis-Ferdinand Céline, le opere di James Joyce e Kurt Vonnegut, e tanti altri. Ed è impossibile tenere il conto degli scrittori iraniani che si sono suicidati. Come Siamak Pourzand, collaboratore della prestigiosa rivista francese Cahiers du Cinéma, decano del giornalismo iraniano, intellettuale dissidente, che si è buttato dalla finestra. Una volta fu costretto a confessare in tv. Quando un funzionario gli fece una domanda non concordata, Pourzand si rivolse al suo avvocato: “Questa non è nell’elenco, che devo dire?”.
Anche la Turchia è presente alla Fiera del Libro di Francoforte e Torino, nonostante il presidente turco Erdogan abbia definito il premio Nobel Orhan Pamuk “un terrorista”, nonostante abbia fatto arrestare “il dizionario vivente della lingua turca” Necmiye Alpay, nonostante abbia chiuso in carcere per quattro anni lo scrittore Ahmet Altan, nonostante la celebre romanziera turca Asli Erdogan fosse in carcere quando in Germania le hanno assegnato il “Premio per la pace” che porta il nome di Erich Maria Remarque, nonostante sia finito sotto processo il pianista di fama mondiale Fazil Say reo di aver postato poesie di Omar Khayyam e nonostante i procedimenti contro l’editore Irfan Sanci per aver tradotto Guillaume Apollinaire. Erdogan è uno dei principali persecutori al mondo della cultura. I numeri turchi fanno impressione: 29 case editrici chiuse, 135.000 libri banditi dalle biblioteche pubbliche, 300.000 libri eliminati dalle scuole e più di 5.800 accademici licenziati dai loro incarichi per dissenso. Il PEN International, un’associazione mondiale di scrittori, ha denunciato: “Nei quasi 100 anni di storia del PEN non abbiamo mai ha registrato così tanti scrittori in prigione in un paese alla volta come in Turchia…”.
Ah quanti nonostante si dovrebbero scrivere nel mondo della morale culturale…
E c’è a chi non basta. “Boicottaggio totale dei libri russi nel mondo!”, si intitola un appello lanciato dallo Ukrainian Book Institute, dal Lviv International Book Forum e da PEN Ucraina. Così la Federazione internazionale dei gatti ha bandito le esibizioni dei felini russi, anche loro “complici” della terribile guerra in Ucraina.
Organizzeremo roghi di classici russi? Perché non del Maestro e Margherita di Michail Bulgakov, originario di Kiev? Perché non di Anime morte di Gogol, anche lui nato a Poltava, nell’attuale Ucraina?
“Per coloro che si oppongono all’attuale regime russo ci sarà sempre posto nelle mostre della Biennale”, ha detto il presidente della Biennale dell’arte di Venezia Roberto Cicutto. Dunque se non firmi una dichiarazione politica in cui prendi le distanze dal tuo paese, sei finito. Ma non tutti avranno la forza e il potere della soprano Anna Netrebko, che ha dato forfait alla Scala di Milano per il caso Gerviev: “Costringere a denunciare la terra d’origine non è giusto…”.
Se negli anni Ottanta ci fosse stato questo clima culturalmente suicida Andrej Tarkovskij, uno dei grandi maestri del cinema mondiale e il maggiore regista sovietico contemporaneo, morto nel 1986 Parigi, non avrebbe mai potuto girare alcuni suoi film in Italia. La rottura si era consumata con Nostalghia, il film realizzato in Italia (a Bagno Vignoni nella Val D’Orcia) che al Festival di Cannes del 1983 fu stroncato dal componente sovietico della giuria. Era famoso per il suo misticismo, Tarkovskij, per la sua profonda fede cristiana (“per me fare un film è come pregare in un altro luogo anziché in chiesa”), il suo amore per la poesia e il suo impegno. Fu durante una conferenza al Circolo della stampa di Milano di fronte a giornalisti e televisioni italiane e straniere, accompagnato dal violoncellista e direttore d’orchestra Mstlslav Rostropovich, che Tarkovskij chiese l’asilo in Occidente.
Chissà cosa penserebbe oggi quel grande regista e poeta di questo Occidente che non rispetta più niente.
Dopo l’insolubile dicotomia che opponeva pro e no vax, distruggendo amicizie, separando famiglie e designando ogni campo opposto campo come responsabile della fine del mondo, politica e media ci propongono una nuova linea Maginot culturale che esclude ogni sfumatura ed elimina ogni controversia… Diventa persino sospetto affermare che San Pietroburgo è una città straordinaria o apprezzare Alexander Solzenicyn.
La causa del Bene ha così pochi avversari che un giorno bisognerà pagare qualcuno perché incarni l’opinione contraria su tv e giornali. Non sto parlando dell’orrore naturale per la guerra in Ucraina e la sua condanna, di Rubens a Palazzo Pitti a Firenze dove Venere cerca di impedire a Marte, il dio della guerra, di entrare in battaglia. Sto parlando della guerra immaginaria che abbiamo dichiarato alle nostre società e che gode di una presunzione di evidenza (come tante altre cose, l’antirazzismo, la lotta all’“esclusione”, il rifiuto della “discriminazione”). In queste condizioni, metterlo in discussione, “problematizzarlo”, è una bestemmia. Un’oscenità. Fioccano le accuse di “putinismo” come un tempo di fascismo. Si bandiscono libri.
Ha ragione sul Telegraph la scrittrice, commentatrice e storica britannica Zoe Strimpel quando infilza questo ventre molle occidentale. Il woke per due anni ha normalizzato le accuse di “imperialismo”, “violenza” e “appropriazione culturale”. E la cultura occidentale che ha impiegato due anni a dare la caccia a scrittori e accademici che credono nel sesso biologico, come JK Rowling, o la filosofa Kathleen Stock, perché creavano uno spazio “pericoloso” per studenti e giovani, risponde mettendo al bando la cultura russa.
C’è stata una grande bugia per molto tempo sul fatto che la vita in Occidente fosse soltanto un gigantesco campo minato di “fobie” e che avremmo dovuto avvicinarci a noi stessi come a fiori delicati in un bisogno incessante di coccole “auto-calmanti”. Ora anche una guerra terribile a tremila chilometri di distanza è un segnale per uno svenimento culturale collettivo. E questa follia culturale ecciterà, anziché placare, la guerra.

Tempi difficili creano uomini forti. Uomini forti creano momenti buoni. Tempi buoni creano uomini deboli. Uomini deboli creano tempi difficili.
Giulio Meotti

Meotti ha dimenticato di dire – o forse non era ancora arrivata la notizia quando ha steso questo articolo – che il Comitato paralimpico internazionale ha bannato gli atleti disabili russi e bielorussi: bravi, così si fa!

A quelli che esultano perché “Putin sta perdendo la guerra” offro invece questa considerazione

E ora, visto che non li fanno più gareggiare, li ospito io

E questa la dedico a tutti i “pacifisti” del pianeta

barbara