E RITORNO SULLA DIETA VEGANA

Abbastanza in tema con gli ultimi post (uno, due, tre, quattro, cinque, sei) perché molti vegani sono antivaccinisti e molti antivaccinisti sono vegani – sì, lo so, ci sono eccezioni, e ne conosco anche personalmente alcune, ma sono appunto eccezioni e non la regola, e neanche la confermano (giuro, ogni volta che di fronte alla parola “eccezione” sento partire tipo cane di Pavlov il fatidico “che conferma la regola” – il novantanove virgola nove periodico percento delle volte a sproposito – mi corre la mano alla pistola. Che vorrebbe dire che c’è una regola che obbliga ogni donna a sbavare di fronte a Roberto Bolle e io che gli trovo il sex appeal di una fetta di polenta la confermerei, ma vi rendete conto?! Ma torniamo alle cose serie). Due follie, dicevo, non di rado condivise dalle stesse persone, ed entrambe estremamente pericolose. Come conferma, per quanto riguarda il veganesimo, questo articolo.

Con la dieta vegana rischio danni neurologici al feto

Allarme esperti Bambino Gesù e Meyer, triplicati casi in due anni

Redazione ANSA ROMA

02 marzo 2018

Triplicati in due anni i casi di deficit di vitamina B12 in gravidanza con il rischio di danni neurologici permanenti per il neonato: dieta vegana e vegetariana tra le cause. L’allarme arriva dagli esperti dell’ ospedale Bambino Gesù di Roma e dell’ospedale Meyer di Firenze che hanno individuato, attraverso lo screening neonatale esteso, negli errati regimi alimentari della madri uno dei motivi del deficit dell’importante vitamina. Si è passati, spiegano gli esperti, dai 42 casi del 2015 ai 126 del 2016.
I numeri in assoluto sono bassi, spiegano gli specialisti, perché siamo di fronte a una malattia rara, ma “è la crescita a destare allarme”. I dati dei rapporti tecnici Simmesn (Società Italiana per lo studio delle Malattie Metaboliche Ereditarie e lo Screening Neonatale) sono inquietanti. “La vitamina B12, o cobalamina, è contenuta negli alimenti di origine animale, ha un importante ruolo nello sviluppo del sistema nervoso centrale e il suo fabbisogno aumenta in gravidanza. Se la madre non ne assume abbastanza, o peggio non ne assume affatto, può creare al neonato danni neurologici già in utero, che proseguono e peggiorano nei mesi successivi, con l’allattamento”, spiega Carlo Dionisi Vici, responsabile dell’Unità Operativa Complessa di Patologia Metabolica dell’ospedale Bambino Gesù di Roma.
“Il deficit materno di vitamina B12 oggi colpisce circa 1 neonato su 4.000, conta quindi più di 100 casi l’anno in Italia, che non sono affatto pochi – aggiunge – questa condizione si riscontra nei figli degli immigrati provenienti da Paesi come il Pakistan, il Bangladesh o l’India, che per tradizione hanno una dieta prevalentemente vegetariana. Quello che sempre più frequentemente stiamo osservando è la scelta di molte donne italiane di seguire la dieta vegana anche in gravidanza, senza mettere in conto i pericoli che fanno correre ai loro bambini”.
Sull’argomento interviene anche Giancarlo la Marca, presidente Simmesn e direttore del Laboratorio Screening Neonatale Allargato dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Meyer di Firenze: “I mezzi di comunicazione e quelli istituzionali dovrebbero segnalare subito e con forza la pericolosità di una dieta vegetariana o vegana in gravidanza. Le madri carenti di questa vitamina nella loro alimentazione, devono assumere degli integratori durante la gravidanza e l’allattamento, perché i loro figli sono gravemente a rischio di malattia”. Il direttore dell’Osservatorio Malattie Rare, Ilaria Ciancaleoni Bartoli commenta che “trattandosi di una malattia molto grave, ma in molti casi anche facilmente evitabile, fare corretta informazione diventa un dovere etico che spetta a medici, media e istituzioni: una campagna di informazione seria e condivisa potrebbe salvare molte vite”. (qui)
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Poi, restando in tema, viene fuori la militante vegana che esulta per l’uccisione del macellaio nel supermercato di Trèbes ad opera del terrorista islamico Radouane Lakdim: “Vi chocca che un assassino si faccia uccidere da un terrorista? Io ho zero compassione per lui. Alla fine esiste pure una giustizia”.

E ricordate sempre: Gesù era onnivoro, Hitler e Beria vegetariani.

barbara

PICCOLO INTERMEZZO MONDANO

Leggo che la signora Kate Middleton, principessa di Cambridge, scipitissima moglie dello scipitissimo figlio dell’erede al trono d’Inghilterra – e risparmiamo, per spirito di umana carità, gli aggettivi adatti ai suoceri della signora in questione – essendo incinta, si è fatta ricoverare a causa delle nausee. Ora, non essendo mai stata incinta, sono dell’opinione che sarebbe scorretto mettermi in cattedra e sentenziare in proposito, perciò mi rivolgo ai miei lettori: care amiche madri di famiglia, voi quando avevate le nausee vi facevate ricoverare? Cari amici padri di famiglia, quando le vostre mogli avevano le nausee si facevano ricoverare? Grazie (no, così, giusto per).

barbara

C’È QUALCUNO CHE SI INTENDE DI GRAVIDANZE?

No, perché mi è arrivato un messaggio all’account del blog. Premesso che non conosco né la signora né gli altri della banda, premesso che non ho mai avuto a che fare con loro per cui non è molto chiaro quale interesse dovrei avere ad essere messa al corrente delle personali vicende della signora Lunati, premesso tutto questo, c’è qualcosa nelle date che mi lascia un pelino perplessa…

Da: Lunati@diegodallapalma.it  
Date: 29 marzo 2012 13:15
Oggetto:
A:
ilblogdibarbara@gmail.com

Sarò assente dall’ufficio per maternità a partire dal 22/12/2012, per qualsiasi informazione contattare le mie colleghe Simona De Filippo e/o Giorgia De Filippo.
Grazie
Simona Lunati

Product Manager

_____________________________

AGGF Cosmetic Group S.p.a.
Divisione diego dalla palma
Via Madonnina, 13 – 20121 Milano
Tel. (+39) 02.91.19.84.11   Fax (+39) 02.91.19.84.12

Io, come noto, non ho esperienze in materia: qualche amica di passaggio con maggiori cognizioni mi potrebbe cortesemente illuminare? Grazie.

barbara