L’AMORE PAZIENTE

Ogni autore ha un suo tratto caratteristico, una sua specialità: Gian Antonio Stella quella di aprirti ogni volta un mondo nuovo, Bat Ye’or di farti scoprire ciò che non avevi neppure sospettato, Carlos Ruiz Zafón di tenerti inchiodato finché non arrivi all’ultima pagina, Ida Magli di sproloquiare a vanvera su cose di cui non sa assolutamente niente, Silvana De Mari di incantarti… La specialità di Anne Tyler è quella di scrivere libri belli (il migliore di tutti, forse, Per puro caso), delicati e garbati, apparentemente semplici e tuttavia ricchi di vita osservata in tutti i suoi aspetti, e di saggezza, e di inventiva. Lo è anche questo (anche se non si capisce per quale strana perversione il più adeguato Celestial Navigation dell’originale si trasformi in questo amore paziente che è davvero molto ma molto tirato per i capelli. Vabbè). Anche questo, dicevo, è un libro bello, delicato e garbato, con le diverse vite che si snodano e avanzano e poi cambiano percorso e prendono strade strane e inaspettate e a volte vanno dove si vuol farle andare e a volte vanno dove davvero non avresti mai voluto, ma sempre narrando con delicatezza.
Poi arrivi all’ultima pagina e ti rendi conto che in realtà è un libro tremendo. Ma anche questo, effettivamente, succede nel mondo reale.

Anne Tyler, L’amore paziente, Guanda
l'amore paziente
barbara

MOLTO FORTE, INCREDIBILMENTE VICINO

Quando ho letto il suo primo libro, Ogni cosa è illuminata, non ho gridato al capolavoro. Libro indubbiamente pregevole, soprattutto per l’esilarante inglese maccheronico della guida-interprete, che traduce letteralmente, parola per parola, dall’ucraino (e magistralmente reso dal traduttore italiano Massimo Bocchiola), come il “ogni cosa è illuminata, che dà il titolo al libro, e che significa semplicemente “tutto chiaro”. Carino, simpatico, ma niente di eccezionale, a mio avviso. Quest’altro invece sì che lo è, eccezionale (e verrebbe da pensare che abbia anche preso qualche lezione dalla moglie), in questa storia che ruota intorno all’11 settembre e a una chiave. E poi anche al telefono. O meglio, a un telefono, ossia a quel telefono, per la precisione. E il bambino che batte sistematicamente tutta New York in cerca di un indizio e forse anche di un perdono. E la mamma che sembra che non c’entri ma poi invece forse sì che c’entra. E lettere, tante tante lettere, e fogli bianchi, e Dresda e Hiroshima e i campi di sterminio e il sesto distretto e un figlio che doveva nascere e non è nato e un figlio che non doveva nascere ed è nato e il nonno che non c’è ma invece c’è e la nonna che forse vede male ma forse no e la bara vuota e l’autista delle pompe funebri e il cimitero di notte… E tutto per via di un vaso azzurro che cade e va in pezzi. Sembrerebbe scritto da un uomo vissuto mille anni e passato attraverso la guerra e la fine della guerra e la gioia e il dolore e la speranza e la disperazione e l’amore e la fine dell’amore e la vita e la morte e la parola e il silenzio. Sapere che tutto questo è stato prodotto da un ragazzino di neanche trent’anni ha davvero del miracoloso.

Jonathan Safran Foer, Molto forte incredibilmente vicino, Guanda
molto forte
barbara