CROLLO DI UN MITO?

Parliamo di medicina. Parliamo, specificamente, di ciarlatanerie, bufale, truffe, imbrogli, quelle tremende sabbie mobili in cui si muovono a proprio agio cinici delinquenti che sfruttano la disperazione di chi sta male per arricchirsi senza ritegno. In mezzo a questa melma, per nostra fortuna, c’è (c’era?) un faro luminosissimo, che con competenza professionale e infinita pazienza ci aiuta (aiutava?) a orientarci in mezzo a queste paludi, smontando leggende, smantellando bufale, facendo a pezzi ciarlatanerie. (Personalmente, a dirla tutta, non posso dire di avere avuto un’esperienza positiva con questo blog: due volte ho commentato, in tanti anni di lettura, entrambe per porre una domanda. La prima volta non ho ricevuto risposta, la seconda il mio commento è stato eliminato. Vabbè)
Tutto questo fino a ieri. Perché ieri è comparso questo articolo in cui la medicina israeliana, all’avanguardia in tutti i settori, presa a modello in tutto il mondo, viene trattata, né più né meno, da ciarlataneria. Il tema specifico del post è quello dei “viaggi della speranza”, e le destinazioni-truffa che il post denuncia sono due: Londra e, appunto, Israele, “soprattutto per le malattie neurodegenerative, in alcuni centri di Israele disporrebbero di una cura che ne migliorerebbe i sintomi. Peccato che di queste cure non c’è traccia in nessuna pubblicazione scientifica e peccato che molte affermazioni di alcuni centri ricordino quelle tipiche dei ciarlatani”. La fonte di questa incredibile denuncia? Un suo post di cinque anni fa (peraltro citato solo nei commenti, e solo perché qualcuno ha chiesto spiegazioni) in cui denuncia le pseudo guarigioni di un ciarlatano israeliano. Sì, avete letto bene: UNO. Che miracolosamente (giusto: non siamo nella Terra della moltiplicazione dei pani e dei pesci?) diventa “alcuni centri”, i quali alcuni centri trasformano a loro volta Israele in una meta da escludere fra quelle in cui cercare trattamenti medici utili. E, come se non bastasse, quando nei commenti qualcuno chiede conto di queste incredibili affermazioni su Israele, che cosa fa il Nostro? Svicola, spudoratamente quanto penosamente.
In base alla stessa logica, immagino che siccome in Italia abbiamo avuto Di Bella e Vannoni e un po’ di altra cianfrusaglietta varia mista, dietro ogni medico dobbiamo aspettarci una Vanna Marchi in camice bianco, dietro ogni centro medico un antro di fattucchiere, dietro ogni istituto di ricerca un Gotha della ciarlataneria. Per non parlare dell’Inghilterra che ha avuto addirittura Jack lo squartatore, cosa che deve giustamente renderci diffidenti nei confronti di qualunque inglese ci capiti a meno di due metri di distanza. Insomma, sarà stato solo un incidente di percorso, per carità, ma come continuare ad avere fiducia in chi, in un campo così delicato come quello della ricerca della salute, si fa guidare più dai propri pregiudizi che dalla realtà dei fatti?

barbara

IL BENE OSTINATO

Per la serie: una buona causa finita in pessime mani. La buona causa è quella a cui il libro è dedicato: il Cuamm, Collegio universitario aspiranti e medici missionari. Un’associazione di cui nessuno o quasi ha sentito parlare perché loro non si fanno pubblicità, non fanno comparsate televisive, non spendono tre quarti del loro budget in public relation: loro agiscono e basta, dove c’è bisogno prendono e vanno, senza tanti clamori, e fanno quello che c’è da fare.

Mi misero davanti cifre stupefacenti. Milletrecentotrenta uomini e donne, per un totale di quattromilatrecento anni di servizio, si sono mossi su duecentoundici ospedali tra il Sudan e il confine settentrionale del Sudafrica. Un esercito. Una bandiera. Millecentoventitré medici e altri operatori più duecentosette coniugi al loro seguito, la maggioranza del Centronord, molti veneti e lombardi, ma anche tanti meridionali; da diciannove regioni su venti e novantatré province su centodieci. Milletrecentotrenta storie che in silenzio hanno cambiato il mondo della sanità pubblica nel Continente nero. E poi una solidissima reputazione di affidabilità, costruita con i fatti e non con la comunicazione, perché sono convinti che non si devono strumentalizzare i malati per la pubblicità. C’era l’Africa, in mezzo a quella gente.
La scelta, nel 2008, di nominare direttore del Cuamm don Dante Carraro, veneto anche lui, lasciava trasparire l’idea di un’operatività ancora più spinta. Difatti viaggiava come un matto su e giù per l’Africa, da un Tropico all’altro, per verificare, controllare, incoraggiare, risolvere problemi in ciascuno dei sette paesi dove opera l’organizzazione. Diplomato in servizi sanitari e nella gestione delle risorse umane, mi fece capire che il Cuamm non è un pachiderma che sostenta se stesso, ma, nella massima trasparenza, riesce a contenere al 9,3 per cento i costi amministrativi e a dedicare il 90,7 per cento delle uscite del bilancio ai progetti in Africa. Solo nel 2009 sono state fatte 437.492 visite ambulatoriali, 50.497 visite pre e post natali, 108.442 ricoveri, 123.016 vaccinazioni, 19.491 parti.

Storia di un’organizzazione, di un ideale, di un impegno, e storie di uomini e donne che in questo impegno hanno creduto, e ancora storie di lotte contro una burocrazia ottusa, in mezzo al tiro incrociato dei giochi di potere, il tutto splendidamente narrato, col ritmo incalzante di un film d’azione.
Qual è dunque il neo? Sono i giudizi che Rumiz dissemina a piene mani, e per i quali non troverei inadeguato parlare di vero e proprio razzismo: gli africani sono belli e gli europei sono brutti, gli africani sono eleganti e gli europei sono goffi, gli africani sono intelligenti e gli europei sono stupidi, gli africani sono generosi e gli europei sono avidi, gli africani sono onesti e gli europei sono disonesti, gli africani sono sinceri e gli europei sono falsi, gli africani sono riconoscenti e gli europei sono ingrati, gli africani hanno dei valori in cui credono e gli europei si sono persi nel consumismo, gli africani sono aperti e gli europei sono gretti… Peccato, davvero. Vale comunque la pena di superare il pur non modesto fastidio, e leggere il libro.

Paolo Rumiz, Il bene ostinato, Feltrinelli
ilbeneostinato
POST SCRIPTUM: poi, volendo, di bene ostinato se ne trova anche qui.

barbara

STRAORDINARIO BODY PAINTING

Human-motorcycle-bodypainting.p
E poi vi do un suggerimento: se avete a che fare con la scuola, come studenti, come insegnanti, come genitori, e non avete grande simpatia per razzismo, pregiudizio, discriminazione, andate qui. Anche questo nuovo blog è opera del solito giovanissimo genio dal multiforme ingegno.
Noi ci vediamo fra qualche giorno.

barbara

E ANCORA DUE PAROLE SUL COMICO

L’antisemitismo chiaro e lampante di Beppe Grillo

Nel 2012 è stato il “suocero iraniano”, nel 1996 fu la marmitta di Cesare Romiti. Allora toccò a Enrico Deaglio sull’Unità denunciare le allucinazioni ideologiche di Beppe Grillo: “Fa parte dell’antisemitismo di base, quello da bar, da barzelletta, che è la base di quello politico, ridicolizzare l’Olocausto”, scrisse Deaglio. Il motivo? Il paragone del futuro fondatore del Movimento 5 stelle fra il regista dello sterminio degli ebrei, Adolf Eichmann, e il presidente della maggiore fabbrica italiana di automobili. “Chi è il serial killer”, arringò Grillo dal palcoscenico. “Eichmann ha gassato tre milioni di persone per un ideale distorto. C’è uno che gassa milioni di persone per un conto corrente…”. Sullo sfondo appare la foto dell’allora presidente della Fiat. “Paragonare i gas di scarico della propria marmitta al genocidio degli ebrei in Europa” è inaccettabile, scrisse Deaglio sul giornale fondato da Antonio Gramsci. “Il signor Grillo parla di tre milioni di persone, invece furono sei milioni di ebrei”. E ancora: “Nella sua scala di valori il comico preferisce Eichmann (che comunque aveva un ideale benché distorto) a Romiti che agisce solo per il proprio conto corrente”. Una volta le idee di Beppe Grillo circolavano soltanto nella piccola e petulante corporazione di pistaroli. Adesso il leader del Movimento 5 stelle quelle idee le ha sdoganate e ci ha costruito sopra il primo partito d’Italia. C’è dentro di tutto in questa visione complottistica della storia che proietta paranoicamente sui “nemici” una grande ossessione. C’è l’umanitarismo dei corifei del dottor Gino Strada, ci sono le bufale di “Loose Change”, il film sul complotto dell’11 settembre (le Torri non sono crollate per l’incendio, ma in seguito all’esplosione di cariche piazzate in precedenza, e il Pentagono non è mai stato centrato da un aereo), c’è la difesa amorosa del Mullah Omar scritta da Massimo Fini (“si tratta di una battaglia che, una volta tanto, è davvero lecito definire epocale, fra le ragioni della Modernità e quelle del Medioevo. E noi siamo contro la Modernità a favore delle ragioni del Medioevo”), c’è soprattutto l’odio nei confronti di Israele e degli Stati Uniti. Beppe Grillo è un geniale mistagogo della cospirazione. E tocca spesso vette inusitate. “Le Brigate rosse sono state finanziate e addestrate dai servizi segreti della Germania orientale, la Stasi, e anche i servizi segreti israeliani, il Mossad, offrirono il loro aiuto”, ha scritto il leader del Movimento 5 stelle. È questa paranoia il vero “inferno di Beppe”, per usare il titolo di un reportage del New Yorker sulle elezioni italiane. L’11 settembre? “La Cia è coinvolta negli attentati? Non è da escludere”, ha scritto Grillo. “L’Amministrazione americana sapeva molto di più di quanto ha ammesso? Sembra certo”. Le parole usate con strepito e scandalo sono sempre state per Grillo un privilegiato passe-partout per cancellare giusto e sbagliato, vero e falso, dicibile e indicibile. Ovunque verità nascoste, ovunque attori clandestini, ovunque ombre della scena visibile. Costernazione. Sospetto. Caccia al traditore. Eccitazione da vendetta. È la grande saga del cacciatore di trame internazionali. Nella fiumana ideologico-politica di Grillo la realtà sparisce, sopraffatta dagli agguati della dietrologia. In cima alla piramide vigila l’occhio massonico. Un fenomeno, non sempre direttamente riconducibile alla bocca di Grillo, ma ben descritto in una lettera al Corriere della Sera da Enrico Sassoon, l’ex della Casaleggio Associati demonizzato dalla rete grillina proprio per le sue origini ebraiche, che ha denunciato un ritorno ai toni della fosca teoria “del complotto pluto-giudaico-massonico di memoria zarista e hitleriana”. Per questo il Consiglio di rappresentanza delle istituzioni ebraiche di Francia (Crif) ha appena dichiarato che Grillo è “profondamente antisemita”. Secondo l’associazione ebraica francese, Grillo e il M5s godono di un considerevole sostegno da parte di gruppi “profondamente radicati nel tristemente celebre falso antisemita dei Protocolli dei savi di Sion” di fine Ottocento, che accusa gli ebrei di tutti i mali del mondo. Il leader 5 stelle “ha sempre rivendicato senza alcuna ambiguità il suo antisemitismo” sia nei suoi comizi che sul blog, sul quale “sono stati pubblicati centinaia di messaggi anti israeliani”. Secondo il Crif, Grillo difende la repubblica islamica degli ayatollah. “Per Beppe Grillo – ha denunciato il Crif – l’Iran degli ayatollah è un paese pacifico costantemente sotto attacco, che ha il diritto di difendersi perché aggredito; e il presidente iraniano Ahmadinejad” secondo l’ex comico genovese “non ha mai negato l’Olocausto e non ha mai sostenuto la distruzione dello stato ebraico”. In un documento pubblicato sul proprio sito, il Crif ha ricordato che in un’intervista concessa al quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth Grillo ha detto: “Tutto quel che in Europa sappiamo su Israele e Palestina è filtrato da un’agenzia internazionale che si chiama Memri. E dietro Memri c’è un ex agente del Mossad. Ho le prove”. Gli ebrei francesi citano anche le dichiarazioni ironiche di Grillo, “infarcite con i classici stereotipi antisemiti”, al giornalista ebreo Gad Lerner. “Né la classe politica né la cittadinanza italiana – ha concluso il Crif francese – hanno reagito alle sue posizioni antisemite o alla sua difesa del regime iraniano. Gli italiani sono in procinto di tornare a una parte oscura della loro storia”. Il Crif evoca anche i presunti legami fra la galassia grillina e il giornalista, ex Avvenire, Maurizio Blondet, che secondo Stefano Gatti, stimato ricercatore all’Osservatorio dell’antisemitismo di Milano, “è il più palese fra tutti i polemisti di stampo antisemitico”. Fra le molte macchinazioni, Blondet ha parlato di “Osama bin Mossad”, lo sceicco sarebbe in realtà un agente israeliano. I libri di Blondet, come 11 settembre: colpo di stato in Usa, vendono migliaia di copie. Non entrano nel circuito di distribuzione ufficiale, ma i fan li acquistano via Web sul sito di Effedieffe.com, l’editore che realizza il giornale online omonimo, dove il giornalista pubblica articoli fluviali. Tempo fa, Blondet aveva detto Beppe Grillo ha uno staff e so che spesso riprende le mie tesi”. Gli ebrei francesi paragonano Grillo al comico Dieudonné M’bala M’bala, l’esponente della Francia musulmana e militante nonché uno degli attori più popolari di Parigi, noto per essere andato in tv a dire: “Con la bandiera israeliana mi ci pulisco il culo”. Per Grillo era legale e legittima persino la dittatura dei talebani: “Perché siamo in Afghanistan? Sono passati dieci anni e non lo sappiamo ancora. Bin Laden era arabo, non afghano. Nel 2001 il Mullah Omar era il capo riconosciuto di uno stato legittimo”. Sempre sull’Afghanistan, Grillo nega i legami fra i talebani e al Qaida: “Non vi sono prove del coinvolgimento del governo afghano nell’attacco alle Torri gemelle. L’Afghanistan era uno stato sovrano a cui è stata dichiarata una guerra”. In un comizio del 2002, Grillo parla di Afghanistan e di kamikaze, a suo dire ritratti in maniera ingenerosa sulla stampa occidentale: “È la guerra dei grassi contro i magri (…) Dicono che i grassi che sganciano le bombe sono coraggiosi, mentre i magri che si fanno esplodere sono dei codardi”. E cosa pensare della strage di Nassiriya, in cui persero la vita venticinque fra civili e militari italiani vittime di un attentato suicida? “A trecento metri dalla caserma di Nassirya c’è un pozzo di petrolio e una sede dell’Eni. Ecco perché siamo lì”. Nel 2003 Grillo voleva processare l’Amministrazione Bush: “Saddam Hussein è sotto processo a Baghdad per delitti contro l’umanità e Bush è in libertà provvisoria nel suo ranch nel Texas. Perché non processarli insieme?”. Nel gennaio di quell’anno, al Sistina di Roma, Grillo consiglia a Saddam di puntare bene i suoi missili Cruise su un punto preciso della cartina italiana, della quale fornisce l’esatta latitudine e longitudine: la casa di Silvio Berlusconi ad Arcore. Due mesi dopo l’attentato alle Torri gemelle, Grillo definisce Bush “il più grande serial killer della storia”. Il Crif ha ragione, le parole di Grillo non indignano. Non lo hanno fatto quando ha umiliato Rita Levi Montalcini (“quella con lo zucchero filato in testa”) o quando ha detto di Gianfranco Fini di ritorno da Gerusalemme, nel 2004: “In Israele s’è messo la papalina, ha dato due testate al Muro del pianto, si è circonciso da solo tre volte”. Parole simili furono proferite sull’ex presidente della Camera dall’allora senatore del Pdl Giuseppe Ciarrapico (“Spero che Fini abbia già ordinato le kippah”), ma ebbero ben altre reazioni di indignazione. “Grillo e il suo Movimento 5 stelle godono di un grande sostegno di buona parte della sfaccettata galassia del complottismo nostrano, un vivace mondo trasversale con molti ‘follower’ e articolato in numerosi e attivissimi spazi online e da prolifiche case editrici, dove però, a fianco di temi ecologisti, esoterici e di controinformazione, trovano spazio anche stereotipi antisemiti che affondano le loro radici nel famigerato falso antisemita dei Protocolli dei savi di Sion”, dice l’esperto di antisemitismo italiano Stefano Gatti. I follower di Grillo indulgono nella polemica di marca anti israeliana e spesso antisemita ormai da anni, nei loro spazi online è consuetudine trovare migliaia di commenti simili: “Fosse per me prenderei a cannonate Israele da mattina a sera e gli farei rimpiangere i metodi usati dallo zio Adolf”, “The Shoà Must Go On”, “Sono il popolo maledetto da Dio”, “È brutto da dire non sono razzista o fascista, Hitler era sicuramente un pazzo malato, ma la sua idea di eliminare gli ebrei era per eliminare la loro dittatura finanziaria”, “Se il mondo avesse la palle, Israele sarebbe già scomparsa da due decenni, e poi trasferiteli in qualche atollo nel Pacifico, dove non possono rompere le palle a nessuno”. Il turpiloquio è come il prezzemolo. A favore di Grillo va detto che il leader non è responsabile di quanto lettori e fan lasciano scritto sul suo blog (i moderatori dei siti però sì) e lui stesso ha chiesto alla magistratura di eliminare commenti disdicevoli (che però continuano a campeggiare sul portale). Eppure che esista un problema serio nelle piattaforme di Grillo è un fatto riconosciuto da molti osservatori, come Pierluigi Battista sul Corriere della Sera. Inoltre il livore pervade non solo i fan, ma anche i responsabili del movimento Un post del 5 Stelle Veneto sul blog di Grillo accusa Israele di pianificare un genocidio: “I bambini di Gaza studiano. Studiano sotto le bombe d’Israele. Israele gestisce la loro vita come vivessero in una gabbia, centellinando anche gli aiuti che provengono dall’esterno. Vivono in una gabbia. E se osano alzare la testa, se qualcuno di loro, anche solo uno osa, tutti diventano bersaglio della rappresaglia, anzi, i più piccoli lo diventano per primi. Perché Israele sa. Sa che la disperazione e la guerra perpetua producono follia e odio e questo non porterà mai pace e convivenza. E allora meglio programmare scientemente l’eliminazione del popolo convivente che non si assoggetta a essere brutalmente recluso”. Sull’Iran, Grillo accusa l’occidente di bramare per la guerra: “Bomba o non bomba, arriveremo a Teheran. Lo scienziato nucleare iraniano Mostafa Ahamadi-Roshan è stato ucciso con un ordigno collegato alla sua auto. Non è il primo. La caccia agli scienziati nucleari iraniani è aperta sin dal 2007. È in atto lo strangolamento economico dell’Iran attraverso l’embargo. A Palazzo Chigi comanda Obama”. Grillo non soltanto nega che il nucleare iraniano abbia una origine bellica: “Nessuna delegazione internazionale ha dimostrato che Teheran abbia altri scopi per il nucleare che non siano civili”. Ma rivendica apertamente il diritto di Teheran a un programma atomico: “Mi sembra una barzelletta che i cinque paesi membri permanenti (Cina, Russia, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti) abbiano deciso di deferire l’Iran al Consiglio di sicurezza Onu per il suo programma nucleare. E che chiedano all’Iran di ‘ripristinare la sospensione delle attività collegate all’arricchimento dell’uranio’. Ma forse per entrare nel club delle atomiche bisogna avere alcune buone qualità che ancora mancano all’Iran. Come, ad esempio, essere membro permanente dell’Onu, o una superpotenza o, meglio ancora, alleato degli Stati Uniti”. Per Grillo non è l’Iran che minaccia di distruggere Israele, l’Iran è vittima del famelico Israele: “Perché scoppi una guerra è necessario un nemico da odiare. È indispensabile che la macchina dei media manovrata dai governi crei il mostro (…) L’ultimo chiodo nella bara sarà l’Iran, che è l’obiettivo principale di Israele”. E ancora: “La macchina della guerra non può fermarsi, il pil sprofonderebbe. Sotto a chi tocca, come nei saloon del Far West. In lista ci sono Siria e Iran. Quest’ultimo nel mirino di Israele”. E se non bastasse: “Qualunque stato, quando gli ammazzano gli scienziati nucleari o lo attaccano coi virus informatici, si sente sotto attacco”. La guerra d’Israele contro Hamas a Gaza nel 2009? “Una tonnara con i palestinesi chiusi tra mare e terra”. Oppure: “La Palestina è sotto il tallone di Israele, alleata degli Stati Uniti”. A Beppe Grillo è capitato persino di difendere Mel Gibson. Il regista e attore viene arrestato dalla polizia nei pressi di Los Angeles perché trovato al volante con un tasso di alcol elevato nel sangue. Una volta fermato, Gibson inizia a bestemmiare e a comportarsi in modo violento, lanciandosi in una violenta tirata antisemita. “F…ti ebrei, gli ebrei sono responsabili per tutte le guerre del mondo”, “Anche tu sei ebreo?”, chiede l’attore all’agente di polizia. Scrive Grillo: “Hollywood lo vuole mettere al bando. Alcuni opinionisti americani dicono che le scuse non bastano. Mel Gibson ha sbagliato e deve pagare. E i produttori di origine ebraica, e anche gli altri se ci sono, non devono dargli una seconda opportunità. Se avesse detto: ‘Israele è responsabile della guerra in Libano’, oppure: ‘Israele con il suo comportamento può fare scoppiare la terza guerra mondiale’ forse avrebbero riaperto Alcatraz solo per lui e buttato via le chiavi. Israele fa paura. Il suo comportamento è irresponsabile. Ecco, l’ho detto. E non sono neppure ubriaco”. Per questo il portavoce della sinagoga milanese Beth Shlomo, Davide Romano, ha detto che “Grillo è sicuramente in buona fede ed è anche un non violento, però forse ha un problema, non solo con Israele, ma anche con gli ebrei”. Persino nella guerra in Ossezia Grillo ha visto ovunque stelle di David: “La Georgia è armata da Israele e dagli Stati Uniti. (…) Dietro Israele ci sono gli Stati Uniti o dietro gli Stati Uniti c’è Israele, chi è la causa e chi l’effetto?”. Ancora su Israele: “Il regime cinese si dimostrò più umano”. Qui il paragone è con la strage di piazza Tiananmen. Dal novembre 2011: “Dopo Bin Laden e Gheddafi ora vogliono lo scalpo di Mahmoud Ahmadinejad. Aspettare per credere”. Oppure: “Gli Stati Uniti fanno le guerre a quegli stati che sono passati dal dollaro all’euro. L’Iraq vendeva in euro, la Corea del nord vende in euro, l’Iran vende in euro. Gli americani hanno capito che il mondo può fare a meno di loro, ma loro non possono fare a meno del mondo”. Fosse per Grillo, Israele sarebbe già in giudizio al tribunale dell’Aia: “Si può dire, gridare che chi uccide i bambini, in modo deliberato, ovunque nel mondo, è un assassino? E che va giudicato per crimini contro l’umanità da un tribunale internazionale?”. Israele ossessiona a tal punto Grillo che il comico la usa come metafora delle vicende italiane: “La Val di Susa è diventata la Striscia di Gaza dell’Europa. I suoi abitanti sono tenuti nella stessa considerazione dei palestinesi, la loro volontà è ignorata (…) I valsusini sono i palestinesi d’Italia”. Nel gennaio 2004, alla presentazione di un libro di Nicolò Scialfa, Grillo criticò “l’industria dell’Olocausto”. “Chi è che gridava ‘dopo di me non crescerà più l’erba’?”, diceva in uno show del 2000. “Chi? Ve lo ricordate? Attila. Oggi gli israeliani cosa dicono, ‘dopo di noi non cresceranno più palestinesi’?”. La migliore definizione di Grillo l’ha fornito Richard Hofstadter nel 1965, quando dissezionò lo “stile paranoico” in politica. La paranoia come “delirio di persecuzione o di grandezza”. La grandezza, perché chi ha la fissa del complotto finge di sentirsi perseguitato. In realtà lo cerca, lo brama. E’ un megalomane che non tollera anonimato. Pretende che il mondo si occupi di lui. Anche nella forma del complotto? Meglio di niente. Perché la paranoia, ci dicono gli psicoanalisti, è una forma molto accentuata di noia. (Giulio Meotti, Il Foglio)

E poi devi andare a leggere questo. E poi non riscrivo quello che penso di chi l’ha votato, perché tanto non ho cambiato idea: penso sempre quella cosa lì.

barbara