SPALLE AL MURO UN CAZZO

Non azzardatevi a provarci!

65 – 71

Vecchi speciali? Sì e no. Un paio di cosine dell’ultimo video riesco a farle anch’io (sì ok, ho una buona ventina d’anni meno di lei qui e non ho avuto tre figli, ma in compenso ho tutta la mia ricca collezione di infortuni e incidenti. E in questi ultimi giorni sono riuscita a recuperare, con l’esercizio, una cosa che non riuscivo più a fare da quasi vent’anni).
E anche quando proprio tutto sembra perduto

È un mondo pazzo, lo sappiamo,

ma finché ci siamo, il nostro posto ce lo teniamo stretto (vero “amica”, che sulla soglia dei 79 ti accingi a pubblicare il tuo ennesimo libro e a organizzare una mostra delle tue opere?) (Quanto a me, dovete solo provarci! – Corsi e ricorsi…)

barbara

CHI HA IL DIRITTO DI DIRE…?

francislam

Chi ha il diritto di dire che entro 30 o 40 anni la Francia non sarà un Paese musulmano? Chi ne ha il diritto? Nessuno ha il diritto di togliercelo. Nessuno ha il diritto di negarci questa speranza. Di negarci il diritto di sperare in una società globale fedele all’islam. Nessuno, in questo Paese, ha il diritto di stabilire per noi che cos’è l’identità francese.
MARWAN MUHAMMAD
Portavoce del Collettivo Contro l’islamofobia in Francia

Chiaro? A stabilire che cos’è l’identità francese (e italiana, immagino, e inglese, tedesca ecc.) hanno diritto unicamente degli estranei: estranei alla nostra storia, alla nostra cultura, alle nostre tradizioni, alla nostra religione prevalente. In una parola, alla nostra identità. E non semplicemente estranei come un ingegnere meccanico può essere estraneo alla poesia del Trecento, ma nemici giurati, nemici pronti ad annientarci se non ci arrenderemo. Perché noi – lo ha detto nel modo più chiaro possibile – di diritti non ne abbiamo. Nessuno di noi ne ha.
Quando ci decideremo a dissotterrare quelle armi che, per ogni evenienza, avevamo deciso di conservare?

barbara