SECONDO DIALOGO CON RICCARDO COCCIANTE

Col sole bianco e disteso al sole e i miei pensieri senza parole verdi illusioni rosse passioni appeso a filo ad asciugare con quei calzini da rammendare e i fazzoletti da ripiegare ma le tue mani piene di sole fra le tue mani piene d’amore
Qua mi sa che devi esserti fumato un po’ di robe strane che ti hanno fatto male, quindi preferisco evitare di inerpicarmi su questa ammucchiata di parole.

Decisamente tu sei stata un angelo da quella volta che hai detto sì senza parlare mi hai detto sì senza un altare senza arrossire mi hai detto sì
Sì ragazzo, la passione è così: non fa arrossire. E non ha neanche bisogno di altari: è così che funziona. Ma tu di queste cose non sei tanto pratico, vero?

Analizzando la situazione a mente fredda senza passione
Ah ecco, appunto, perché la passione ero solo io ad averla, eh. Molto gentile da parte tua informarmene

scopro che forse questo non è il momento di portare via le lenzuola dal vento e quei calzini da rammendare restano lì ad aspettare i fazzoletti da ripiegare li metto in tasca senza stirare
Eh sì, avevo capito bene: io sono venuta con te per passione, tu mi hai portata a casa per farti rammendare calzini e piegare fazzoletti. A mente fredda, beninteso. Senza passione.

Decisamente tu non sei più l’angelo che quella volta mi ha detto sì senza parlare mi ha detto sì senza un altare senza arrossire mi hai detto sì
Vedi caro, adesso ti spiego: ancora non abbiamo deciso se gli angeli abbiano o non abbiano un sesso, ma credo che possiamo stabilire con sufficiente certezza che gli angeli non FANNO sesso. Quindi vai tranquillo: se incontri un essere che ha l’aspetto di donna e questo essere dall’aspetto di donna viene a letto con te, NON è un angelo. E se non sei arrivato a capirlo, credimi, la colpa non è mia: sei tu che non sei capace di riconoscere una donna quando ne hai una davanti, o magari anche nel letto.

E l’incoerenza dei tuoi pensieri mi fa capire che fino a ieri ho coltivato senza successo un fiore falso fatto di gesso
Senza successo? Perché, cosa ti proponevi? Avevi dei programmi su di me? Avevi deciso che cosa fare di me? Come utilizzarmi? Cosa farmi diventare?

e adesso scendi dal piedistallo
Sta’ un po’ a sentire, bimbo, e vedi di aprire bene le orecchie, perché non torno poi a ripetertelo: TU mi hai portata a casa tua senza preoccuparti prima di conoscere i miei pensieri, approfittando del fatto che io – IO SÌ! – ero piena di passione, TU hai fatto programmi su di me senza neanche prenderti la briga di condividerli, TU mi hai ficcata su quello stramaledetto piedistallo, pretendendo oltretutto che da là sopra ti rammendassi i calzini e contemporaneamente continuassi a dirti sì – a dartela, per chiamare le cose col loro nome -, e adesso mi ordini di scendere come se mi ci fossi messa io? Ma vaffanculo, va’

perché sei vetro non sei cristallo
eh, ha parlato mister diamante, ha parlato

e adesso basta col tuo veleno perché sei niente forse di meno
il primo della classe sale in cattedra e distribuisce le pagelle

Decisamente tu non sei mai stata un angelo neanche quella volta che hai detto sì
già detto, caro: gli angeli non scopano, fattene una ragione

senza parlare mi hai detto sì senza un altare mi hai detto sì senza arrossire mi hai detto sì
e questa è la tua riconoscenza per averti seguito per passione, per averti detto sì senza un altare, per averti rammendato i calzini, per essermi lasciata mettere dove volevi tu senza protestare… E rivaffanculo, va’.

È che io, in questo campo, non tendo a generalizzare, che se avessi questa tendenza – e magari anche quella di rendere pan per focaccia – sarebbero cazzi acidi per un bel po’ di gente. Non tendo a generalizzare, e quando incontro un uomo che è un sacco di merda [giusto per precisare, a scanso di equivoci: non ci sono stati sacchi di merda fra i miei uomini, perché quando incontro un sacco di merda so riconoscerlo, e mi tengo alla larga] non mi metto in testa che tutti gli uomini del pianeta siano dei sacchi di merda. Neanche quando cercano di farmi credere che le cose stiano proprio così. Perché è esattamente questo che sta succedendo: si sta tentando, da più parti, di convincermi che per voi uomini, tutti senza eccezione, noi, tutte senza eccezione, siamo sostanzialmente un buco con la donna intorno, tipo i cessi alla turca, il buco con la ceramica intorno per deporvi le proprie deiezioni, e che per trattare questo fastidioso ma purtroppo ineliminabile intorno ci sono due modi: mettergli un po’ di soldi in mano o contargli un sacco di balle. E che se per caso qualcuna di noi qualche volta ha avuto l’impressione di essere amata, o desiderata, o tenuta in una qualche considerazione, le possibilità sono due: o abbiamo incontrato qualcuno particolarmente bravo a mentire, o siamo particolarmente stupide. O tutte e due le cose insieme, che è meglio ancora. E quando uno è un tale zero da non essere capace di farsi amare, né desiderare, e per avere una donna non ha altro modo che pagarla o riempirla di menzogne, per non doversi suicidare dallo schifo ogni volta che si guarda allo specchio non trova di meglio che convincersi, e tentare di convincere, che tutto intero l’universo maschile sarebbe fatto a sua immagine e somiglianza. E cosa volete che vi dica? Che la merda torni alle sue fogne; io torno fra gli uomini. Che esistono, checché ne dica la merda.

Perché anche le melle, nel loro piccolo, ogni tanto si incazzano (altro che sindache e ministre e avvocate imboldrinate marce).

barbara

PRIMO DIALOGO CON RICCARDO COCCIANTE

E adesso siediti su quella seggiola,
ullallà, comandi signor padrone! E mi raccomando, lei resti bene in piedi, in modo da guardarmi dall’alto e mantenere la sua superiorità mentre parla dal pulpito

stavolta ascoltami senza interrompere, è tanto tempo che volevo dirtelo.
E perché non l’hai detto prima, allora, razza di imbecille?

Vivere insieme a te è stato inutile,
cioè, fammi capire: tu non ti sei messo con me perché ci stavi bene, non ti sei messo con me perché mi amavi, non ti sei messo con me perché ti piaceva stare con me ma per uno scopo? Carino, lui!

tutto senza allegria, senza una lacrima, niente da aggiungere ne da dividere, nella tua trappola ci son caduto anch’io, avanti il prossimo, gli lascio il posto mio.
? Mi stai dicendo che io ti ho teso un trappola, che tu sei stato tanto pollo da caderci dentro, che ci sei rimasto dentro, consapevole di essere in una trappola, per “tanto tempo” e adesso saresti tu quello che fa e decide e combina e lascia posti liberi?!

Povero diavolo, che pena mi fa e quando a letto lui ti chiederà di più glielo concederai perché tu fai così,
ora, famo a capisse, come dicono a Roma: che cosa io concedo o non concedo a letto, quando mi viene chiesto, tu lo sai perché TU me lo hai chiesto e TU lo hai ottenuto: com’è che non ti faceva così tanto schifo quando eri TU a ottenerlo? Com’è che non ti consideravi un povero diavolo? Com’è che non ti facevi pena? E com’è che io, nel concedertelo, non meritavo così tanto disprezzo, quando eri TU il destinatario?

come sai fingere se ti fa comodo.
Aha, io fingo, eh? E che cosa, esattamente? E te ne sei accorto adesso? O lo pensavi anche prima ma ti andava bene? E tu che per tutto questo tempo hai finto di stare con me perché ti piaceva e invece stavi perseguendo chissà quale losco scopo che non sei riuscito a raggiungere, eh? Ne vogliamo parlare?

E adesso so chi sei e non ci soffro più,
ah, perché prima mentre mi trombavi soffrivi tanto tanto tanto, eh? Mappoveropoverocaro!

e se verrai di là te lo dimostrerò,
ach, cosa non ci si inventa per rimediare una scopata in più!

e questa volta tu te lo ricorderai.
Ihhhhhh, che paura! E che cosa mi farai per farmelo ricordare? Mi leghi? Mi picchi? Mi sodomizzi? Mi balli sulla guallera?

E adesso spogliati come sai fare tu
Haha, ti piacerebbe, eh? (vero però che sono bravina a spogliarmi, eh? Dillo, che basta che cominci a muovermi che svalvoli che è un piacere!)

ma non illuderti io non ci casco più
Eh, come no, sei diventato furbo adesso!

tu mi rimpiangerai bella senz’anima.
E di nuovo, vorrei capire: io sono una zoccola, a letto sono una gran porca, sono senz’anima, senza cuore, senza sentimenti, mentitrice seriale, opportunista, tendo trappole e tu ci sei cascato perché sei un pollo, e un tale ammasso di acciaio disumano dovrebbe provare rimpianto, e per giunta di un simile coglione? Mapperpiacere!

barbara

TREMA LA TERRA

(Diario di un soldato)

Trema la terra, tremiamo noi: tremano gli italiani.
Guardano in alto, poi a destra, poi a sinistra.
Preparati da una stagione di stragi, cercano il responsabile della catastrofe, un nemico da condannare, un passante qualunque a cui indirizzare l’accusa.
Cercano disperatamente intorno a loro il colpevole spregiudicato; ignorano, tuttavia, che la risposta si trova sotto i lori piedi. E da nessun’altra parte.
Si trovano dunque faccia a faccia con un nemico molto più violento e spietato di quanto si aspettassero, molto più distruttivo di tutti i suoi predecessori.
Inermi, pietrificati di fronte a tanto orrore, cercano una risposta ai loro perché e cominciano a scavare senza tregua.
Nel dolore e nel momento del bisogno, fortunatamente, gli amici veri si fanno avanti.
Senza esitazioni il Primo Ministro israeliano offre supporti militari e aiuti umanitari al collega Renzi.
Le Comunità ebraiche italiane si stringono intorno alle famiglie delle vittime, raccolgono fondi e spediscono volontari.
L’organizzazione israeliana IsraAid, specializzata nella ricerca di dispersi sotto le macerie, si precipita ad Amatrice poche ore dopo la strage.
Naor Gilon, ambasciatore israeliano uscente, termina il suo mandato in Italia donando sangue da indirizzare ai feriti.
Mi torna il mente il ritornello di una vecchia canzone di Riccardo Cocciante, “Se un amico lo svegli di notte, lui esce in pigiama e prende anche le botte”.
Gli israeliani l’hanno fatto senza pensarci due volte, ma d’altronde si sa, loro sono abituati ad uscire di casa in pigiama.
David Zebuloni (26 agosto 2016)

E anche a prendere le botte, sono abituati. Ciononostante, la prossima volta che ci sarà bisogno, tu chiami, e loro si precipitano. Anche in pigiama. Non esce invece né in pigiama né vestito chi ritiene che

“Indubbiamente i terremoti che stanno accadendo in questi giorni sono tra i segni che Allah usa per spaventare i suoi servi. I terremoti e tutte le altre cose che accadono e che provocano danni e ferite alle persone sono a causa dello Shirk (l’idolatria, la falsa fede) e dei peccati” si legge sulla pagina Facebook ‘Sì all’Islam in Italia’, che ha oltre 43mila follower (Il Giornale).

Volendo resterebbe da capire come mai avvengano terremoti in Arabia Saudita, Iran e in tutti gli altri eccellenti Paesi in cui vivono i devoti servi di Allah, ma chi sta a badare a queste sciocchezze (bello quel “indubbiamente”, comunque).
Poi c’è anche chi si incazza, e ha sacrosantamente ragione.

NOTA: ho eliminato l’ultima parte in quanto priva di conferme da fonti indipendenti.

barbara