GRANDANGOLO

È bellissimo! E lo so che non è questo il modo di recensire un libro, ma il fatto è che questo è veramente bellissimo, e non ci posso fare niente. Ve ne avevo parlato quando è uscito e avevo detto che, conoscendo l’autore, conoscendo il suo stile di scrittura, ero sicura che si trattasse di un libro bellissimo. Bene, adesso l’ho letto e con piena cognizione di causa posso confermare: è davvero bellissimo (dite che sono un po’ ripetitiva? Forse è vero, ma non è colpa mia se questo libro è così incredibilmente bello). Quello che soprattutto colpisce, in questo romanzo scritto da un ragazzo poco più che ventenne,
somekh
è la straordinaria maturità, sia personale che espressiva nel narrare una storia parzialmente autobiografica, non nel dettaglio delle vicende ma nelle ambientazioni, nei sentimenti, nella maturazione della scelta di un proprio percorso di vita che si distacca da quello del proprio ambiente d’origine. Maturità anche espressiva, dicevo, ossia la capacità di reggere tutti i fili che compongono il romanzo, di gestire con mano salda tutti i personaggi che via via entrano nella storia; e la sobrietà dei dialoghi, mai una parola di troppo, mai una sbavatura; e le descrizioni, mai carenti né ridondanti. E l’approfondimento dei sentimenti, della psicologia dei personaggi, dai genitori dalla rigida religiosità alla zia dalla calda umanità, dall’amico “diverso” e perciò fatto a pezzi dalla oppressiva comunità, al rabbino capace, almeno in parte, di capire, ma incapace di opporsi al moralismo ottuso degli altri; senza mai indulgere alle caratterizzazioni di maniera, agli stereotipi, ai luoghi comuni. È un libro che attraversa molti mondi, e riesce a farceli conoscere e comprendere tutti. Se non lo leggete, vi sarete persi qualcosa.

Simone Somekh, Grandangolo, Giuntina
Grandangolo
barbara

Annunci

ANCORA UN PO’ DI SIMONE SOMEKH

Perché merita davvero di essere conosciuto un po’ di più. Inizio con un video che dovrebbe essere tragico per la colossale ignoranza che evidenzia, ma lui – con notevoli doti di attore, oltre a tutto il resto – riesce a renderlo spassoso.

Qui lo vediamo e ascoltiamo in una recensione di un libro che non ho ancora letto ma che, avendone letto altre recensioni molto positive, leggerò sicuramente. Aggiungo: parole sante quelle sulle frasi. Già da qualche anno è invalsa la moda – non saprei come altro chiamarla – dei testi costituiti da soggetto verbo complemento punto, soggetto verbo complemento punto. Io non riesco a leggerli, alla seconda, massimo terza frase sono costretta a fermarmi. Magari il contenuto potrebbe anche essere interessante, ma la forma mi impedisce di raggiungerlo.

Col terzo, infine, ci mostra un pezzetto del suo mondo.

Se poi il personaggio vi incuriosisce e volete saperne di più, andate sul suo canale youtube e potrete sbizzarrirvi.

barbara

GRANDANGOLO

Ho conosciuto virtualmente Simone Somekh alcuni anni fa. Era un ragazzino di liceo, ma il genio si vedeva già tutto. Aveva un blog molto bello, e molto variegato, con riflessioni, racconti, foto delle sue variopinte creazioni culinarie (ed è stato lì che ho scoperto il suo unico ma gigantesco difetto: non gli piace l’aglio!), e scriveva articoli per varie testate: scriveva di musica, di moda, di attualità e tanto altro ancora. Poi quattro anni fa ho avuto il piacere di incontrarlo anche di persona, a Gerusalemme: all’epoca viveva a Tel Aviv dove studiava, scriveva articoli, lavorava in una radio. È stato un incontro molto bello, con un ragazzo intelligente, aperto, profondo, e dolcissimo. Adesso, a ventun anni, vive a New York, lavora, scrive articoli soprattutto in inglese, e ha pubblicato il suo primo romanzo; non l’ho ancora letto, ma sapendo come scrive sono sicura che varrà la pena di leggerlo. È una storia – credo in parte autobiografica – di crescita, di ribellione all’ambiente dell’ortodossia ebraica in cui è nato e cresciuto, di ricerca dei propri valori e delle proprie regole. Credo siano emblematiche queste parole che il protagonista rivolge alla madre:

Vi siete preoccupati così tanto di far combaciare tutti i pezzi che avete perso di vista quelli più importanti. Volevate una comunità e vi siete lasciati scappare la famiglia. Volevate Dio e vi siete dimenticati degli uomini. A volte penso che abbiate guardato alla realtà attraverso un grandangolo: pur di allargare gli orizzonti, avete permesso che la vista degli oggetti in primo piano venisse deformata.

E questo è lui, Simone, che ve lo racconta:

Adesso corro a prendermelo su Amazon, e guai a voi se non mi imitate.

Simone Somekh, Grandangolo, Giuntina

barbara

A MARGINE DELL’ATTENTATO DI BOSTON

Bruce Mendelsohn ha 44 anni, vive a Boston e si occupa di pubbliche relazioni. Nel primo pomeriggio di quel fatidico 15 aprile si trova nel suo ufficio, che affaccia su Boylston Street, a due passi dalla centralissima Copley Square, dove i maratoneti stanno raggiungendo uno dopo l’altro il traguardo. Sta festeggiando insieme a suo fratello, che ha appena corso la maratona, e a diversi amici e colleghi, quando sente una forte esplosione provenire dalla strada. Tutto si ferma.
Bruce grida a suo fratello: “Fai allontanare tutti dalla finestra. Potrebbe essercene un’altra.” Non ha idea di cosa sia accaduto, ma le sue parole sono provvidenziali, perché nel giro di quei venti secondi in cui tutti i presenti si ammassano verso l’interno del locale, ecco una seconda esplosione. Le persone hanno paura, nessuno sa che fare. Ma Bruce, agendo quasi d’impulso, scende precipitosamente le scale e corre in strada. In mezzo a grida, disordine e un’enorme quantità di fumo, si avvicina ai numerosi feriti.
Nel giro di pochi minuti, prima che nuovi rinforzi di soccorritori arrivino, Bruce è già in azione. Aiuta una madre sconvolta a ritrovare suo figlio, soccorre alcuni feriti caduti che si sono ammassati gli uni sugli altri. Ma soprattutto, lega una maglietta intorno alla gamba di una studentessa universitaria bloccandone l’emorragia – gesto che, stando a quanto hanno riferito i medici, le ha probabilmente salvato la vita.
A pochi giorni dall’attentato, Bruce è diventato uno dei numerosi eroi della tragedia. Attivissimo su Twitter – non a caso fa proprio il PR di lavoro – ha descritto la scena dell’attentato “come una scena da Tel Aviv, o dal Pakistan, o da Baghdad… non da Boston”. Tutti però gli chiedono cosa lo abbia spinto a scendere in strada e a soccorrere i feriti in un momento altamente rischioso per tutti i presenti. “Non so cosa io abbia pensato, dev’essere stata una reazione legata al modo in cui sono stato cresciuto”, risponde lui.
Bruce è ebreo, ma non è particolarmente osservante. Eppure in una situazione così grave come l’attentato terroristico di Boston, ha agito anche in funzione delle sue radici. L’uomo ha infatti dichiarato che, in quei dodici minuti trascorsi in Boylston Street (prima che un poliziotto lo invitasse ad allontanarsi), ha pensato anche alla sua identità religiosa. “Non l’ho fatto perché sono ebreo, ma quando ci penso so che c’era qualcosa di implicito nella mia fede che mi ha spinto ad aiutare le persone”.
Ora si gode il suo momento di gloria. È stato recentemente invitato al Today Show insieme al pompiere Jimmy Plourde, con cui ha salvato Victoria McGrath, la giovane studentessa della Northeastern University. Ma non è solo la fama ad aver cambiato la vita di Bruce. Adesso vive ogni emozione – che sia tristezza, rabbia o gioia – in modo più forte e amplificato. “Noi ebrei studiamo molto sul pikuach nefesh”, ha dichiarato, riferendosi al permesso di violare quasi ogni legge ebraica pur di salvare una vita. “C’è una differenza tra l’ebraismo teorico e l’ebraismo pratico”.
Bruce Mendelsohn oggi ha una maggiore conoscenza di se stesso – non solo come uomo, ma anche come ebreo. E cambiando la vita di altri, ha cambiato anche la propria.
Simone Somekh (che se già è un tale genio ancora prima della maturità, chissà che cosa diventerà)

Questa piccola-grande storia a margine della tragedia dell’attentato alla maratona di Boston mi è piaciuta, e la offro anche a quelli di voi che ancora non la conoscono.
bruce-mendelsohn
Bruce Mendelsohn, a sinistra, con il pompiere Jimmi Plourde

barbara