RICEVO E PUBBLICO

Ciao,
un piccolo resoconto che, in un certo senso, si riallaccia al tuo post ..ieri sera mi trovavo in un bar con alcuni conoscenti e, cosa immaginabile, il parlottare ozioso è andato sulla questione degli sbarchi  ..dopo alcune considerazioni più o meno da fila alle poste (questi ci invadono ..vengono a fare i loro comodi ..lo stato dà a loro tutto e a noi ci massacra  ..sono tutti terroristi), uno se ne è venuto fuori con  “Io la soluzione ce l’avrei”. Silenzio  “Appena sono sbarcati dalle nostre motovedette li portiamo ..per fare loro un piacere ..s’intende .. a fare una bella doccia e lì (e qui ha fatto il gesto di aprire un rubinetto). Ho sbroccato.  Più o meno mi hanno dovuto spingere fuori dal locale sbraitante.
Quando poi sono rientrato mi hanno accusato che ero un esagerato e paranoico  ..che era una battuta divertente  e per dimostrarmelo hanno ripreso il discorso (secondo loro seriamente) infarcendolo di teorie e ragionamenti pericolosamente xenofobi e razzisti, privi di una qualsiasi parvenza di ragionamento politico.
Sempre con maggior frequenza mi capita di assistere a discorsi non di critica all’Islamismo con ipotesi (forse illusoria) di una soluzione ma puramente antiarabi e antizingari che mi spaventano non poco (non è che io ami gli arabi e gli zingari) ..dietro quei ragionamenti intravedo una china spaventosa.

Un po’ alla volta si sta sdoganando tutto, e la proposta di riaprire le camere a gas diventa una battuta divertente, e paranoico è chi divertente non la trova. E c’è da avere paura davvero.

barbara